Maschera chirurgica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Una mascherina chirurgica

Una maschera (o mascherina) chirurgica, nota anche come maschera medica o maschera facciale per uso medico,[1] è un dispositivo destinato a essere indossato dagli operatori sanitari durante un intervento chirurgico o altre attività in ambito sanitario al fine di evitare la dispersione di agenti patogeni (quali ad esempio batteri o virus) dispersi in goccioline respiratorie e aerosol che possono fuoriuscire dalla bocca e dal naso di chi la indossa.

Le mascherine chirurgiche sono comunemente indossate dalla popolazione tutto l'anno nei paesi dell'Asia orientale come Cina, Giappone e Corea del Sud per ridurre la possibilità di diffondere altre malattie sospese nell'aria e per impedire l'inspirazione di particelle di polvere create dall'inquinamento atmosferico,[2] sebbene le maschere progettate appositamente per quest'ultimo scopo sono più propriamente dette "maschere antipolvere". Sono poi diventate una questione di moda, in particolare nella cultura contemporanea dell'Asia orientale, rafforzata dalla sua popolarità nella cultura pop giapponese e coreana che ha un grande impatto sulla cultura giovanile dell'Asia orientale.[3][4]

Persone che indossano maschere chirurgiche a Hong Kong durante la pandemia di coronavirus 2019-2020

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Le moderne maschere chirurgiche sono realizzate in carta o altro materiale non tessuto e devono essere eliminate dopo ogni utilizzo.[5]

Il design dipende dalla modalità di utilizzo; di solito sono a tre strati. La maschera a tre strati è costituita da un materiale soffiato a fusione posizionato tra un tessuto non tessuto. Tale materiale funge da filtro che impedisce ai microbi di entrare o uscire dalla maschera. La maggior parte presenta delle pieghe: tre pieghe sono utilizzate per consentire all'utente di espandere la maschera in modo che copra l'area dal naso al mento.

Esistono tre modi diversi per reggere le maschere: il più comune è il passante per le orecchie, in cui una cordicella è attaccata alla maschera e viene posizionata dietro le orecchie. L'altro è il tie-on, che consiste in quattro cinturini non tessuti che devono essere legati dietro la testa. Il terzo è con una cinghia elastica che è fissata dietro la testa.

Normativa[modifica | modifica wikitesto]

Negli Stati Uniti, le maschere chirurgiche vengono autorizzate per la commercializzazione dalla Food and Drug Administration. A partire dal 2009, i produttori di maschere chirurgiche devono dimostrare che il loro prodotto è almeno efficace quanto altre maschere già presenti sul mercato per ottenere il "nulla osta" per la commercializzazione. I produttori possono scegliere tra i test del filtro usando un aerosol per organismi biologici o un aerosol di sfere in lattice da 0,1 µm.[6]

Funzione[modifica | modifica wikitesto]

Senza maschere facciali, le malattie infettive hanno maggiori probabilità di essere trasmesse tramite goccioline respiratorie.
Video con che mostra il flusso d'aria esterno durante uno starnuto, confrontando uno starnuto non mascherato con diversi metodi per coprire la bocca e il naso[7]

Una maschera chirurgica è un dispositivo usa e getta che crea una barriera fisica tra la bocca e il naso di chi la indossa e potenziali contaminanti nell'ambiente immediato. Se indossata correttamente, serve a bloccare goccioline di particelle di grandi dimensioni, spruzzi o schizzi che possono contenere virus e batteri, impedendo che raggiungano la bocca e il naso di chi la indossa. Possono anche aiutare a ridurre la trasmissione ad altri della saliva e delle secrezioni respiratorie di chi le indossa.[8]

La mascherina chirurgica ricorda inoltre ai portatori di non toccarsi la bocca o il naso, ad evitare di trasferire virus e batteri dopo aver toccato una superficie contaminata.[7]

Una maschera facciale per uso medico non filtra o blocca particelle molto piccole nell'aria che possono essere trasmesse da tosse, starnuti o determinate procedure mediche. Non forniscono inoltre una protezione completa da germi e altri contaminanti a causa della non perfetta aderenza tra la superficie della maschera facciale e il viso.[8] Non deve essere confusa con una maschera respiratoria e non è certificata come tale. Non sono progettate per proteggere chi le indossa dall'inalazione di batteri trasportati dall'aria o particelle di virus e sono meno efficaci dei respiratori, progettati per questo scopo.[9] L'efficienza dei filtri per maschere facciali per uso medico può variare da meno del 10% a quasi il 90% per maschere di produttori diversi se misurata utilizzando i parametri di prova per la certificazione NIOSH. Tuttavia, uno studio ha scoperto che anche per le maschere facciali per uso medico con "buoni" filtri, l'80-100% dei campioni ha fallito un test di adattamento qualitativo accettato dall'OSHA e un test quantitativo ha mostrato una perdita del 12-25%.[6]

Storia ed utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Mascherina in tessuto.
Durante la pandemia di influenza del 1918, un conducente di un tram a Seattle, negli Stati Uniti, rifiuta di far salire una persona che non indossa una mascherina.

Il suo primo utilizzo registrato fu da parte del chirurgo francese Paul Berger, durante un'operazione del 1897 a Parigi.

Una maschera chirurgica deve essere indossata dagli operatori sanitari durante l'intervento chirurgico e alcune altre procedure sanitarie per catturare i microrganismi presenti in goccioline liquide e aerosol dalla bocca e dal naso di chi la indossa.[10][5]

Le prove supportano l'efficacia delle maschere chirurgiche nel ridurre il rischio di infezione tra gli altri operatori sanitari e nella comunità.[11] Tuttavia, una recensione di Cochrane ha rilevato che non vi è alcuna chiara evidenza che maschere facciali usa e getta indossate dai membri del team chirurgico ridurrebbero il rischio di infezioni della ferita dopo procedure chirurgiche pulite.[12]

Per gli operatori sanitari, le linee guida sulla sicurezza raccomandano di indossare una maschera respiratoria N95 o FFP3 testata per il viso invece di una maschera facciale per uso medico in prossimità di pazienti affetti da influenza, per ridurre l'esposizione di chi la indossa ad aerosol potenzialmente infettivi e goccioline di liquidi trasportate dall'aria.[13][14][15]

Un professionista sanitario che indossa una maschera chirurgica durante un'operazione.

Anti-contagio[modifica | modifica wikitesto]

In ambienti domestici, l'uso di maschere e respiratori non è generalmente raccomandato, preferendo altre misure come evitare il contatto ravvicinato e mantenere una buona igiene delle mani.[5] Le maschere facciali per uso medico offrono una certa protezione contro la diffusione delle malattie mentre le maschere improvvisate ne offrono circa la metà.[16]

In Giappone e Taiwan, è comune vedere queste maschere indossate durante la stagione influenzale, come dimostrazione di considerazione per gli altri e senso di responsabilità sociale.[17][18] Alcuni paesi come la Slovacchia hanno introdotto maschere obbligatorie nei trasporti pubblici e negli spazi pubblici durante la pandemia di coronavirus nel 2020.[19]

Moda e altri utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

Più di recente, a causa del crescente problema dello smog nel sud e nel sud-est asiatico, le maschere facciali per uso medico e le maschere per il filtraggio dell'aria vengono spesso utilizzate nelle principali città dell'India, del Nepal e della Thailandia quando la qualità dell'aria si riduce a livelli tossici.[20][21][22] Inoltre, le maschere per il viso vengono utilizzate in Indonesia, Malaysia e Singapore.[23][24]

Con disegni decorativi sono popolari nei paesi in cui sono indossate in pubblico: sono diventate una dichiarazione di moda, in particolare nella cultura contemporanea dell'Asia orientale, rafforzata dalla sua popolarità nella cultura pop giapponese e coreana, che ha un grande impatto sulla cultura giovanile dell'Asia orientale..[3][4]

Con filtro dell'aria sono piuttosto popolari in tutta l'Asia e, di conseguenza, molte aziende hanno messo in commercio maschere che non solo impediscono l'inspirazione di particelle di polvere nell'aria, ma sono anche alla moda.[25][26]

Possono anche essere indossate per nascondere l'identità. Nelle banche degli Stati Uniti, negozi di alimentari, ecc., è stato vietato il loro uso a causa di ripetuti reati commessi da parte di criminali. Nelle proteste di Hong Kong del 2019-2020, alcuni manifestanti hanno indossato maschere facciali per uso medico, fra gli altri tipi di maschera, per evitare il riconoscimento e il governo ha cercato di vietarne tale uso.[27]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ORDINANZA n.11/2020 (PDF), Presidenza del Consiglio dei ministri (archiviato dall'url originale il 27 aprile 2020).
  2. ^ (EN) Jeff Yang, A quick history of why Asians wear surgical masks in public, su Quartz. URL consultato il 28 marzo 2020.
  3. ^ a b (EN) Dazed, How surgical masks became a fashion statement, su Dazed, 24 dicembre 2015. URL consultato il 28 marzo 2020.
  4. ^ a b How K-Pop Revived Black Sickness Masks In Japan | Kotaku Australia
  5. ^ a b c Interim Recommendations for Facemask and Respirator Use to Reduce Novel Influenza A (H1N1) Virus Transmission, Centers for Disease Control and Prevention, May 27, 2009.
    «Unless otherwise specified, the term "facemasks" refers to disposable facemasks cleared by the U.S. Food and Drug Administration (FDA) for use as medical devices. This includes facemasks labeled as surgical, dental, medical procedure, isolation, or laser masks... Facemasks should be used once and then thrown away in the trash.».
  6. ^ a b (EN) Lisa Brosseau, N95 Respirators and Surgical Masks, su NIOSH Science Blog, 14 ottobre 2009. URL consultato il 28 marzo 2020. Template:PD-inline
  7. ^ a b (EN) Julian W. Tang, Andre D. G. Nicolle e Jovan Pantelic, Qualitative Real-Time Schlieren and Shadowgraph Imaging of Human Exhaled Airflows: An Aid to Aerosol Infection Control, in PLOS ONE, vol. 6, n. 6, 22 giugno 2011, pp. e21392, DOI:10.1371/journal.pone.0021392, ISSN 1932-6203 (WC · ACNP), PMID 21731730.
  8. ^ a b (EN) N95 Respirators and Surgical Masks (Face Masks), su U.S. Food and Drug Administration, 11 marzo 2020. URL consultato il 28 marzo 2020. Template:PD-inline
  9. ^ Respiratory Protection Against Airborne Infectious Agents for Health Care Workers: Do surgical masks protect workers? (OSH Answers Fact Sheets), Canadian Centre for Occupational Health and Safety, 28 febbraio 2017. URL consultato il 28 febbraio 2017.
  10. ^ Procedure mask. nursingcenter.com
  11. ^ CR MacIntyre e AA Chughtai, Facemasks for the prevention of infection in healthcare and community settings., in BMJ (Clinical Research Ed.), vol. 350, 9 April 2015, pp. h694, DOI:10.1136/bmj.h694, PMID 25858901.
  12. ^ (EN) Marina Vincent e Peggy Edwards, Disposable surgical face masks for preventing surgical wound infection in clean surgery (PDF) [collegamento interrotto], in Cochrane Database of Systematic Reviews, vol. 4, 26 April 2016, p. CD002929, DOI:10.1002/14651858.cd002929.pub3, PMID 27115326.
  13. ^ Interim guidance on planning for the use of surgical masks and respirators in health care settings during an influenza pandemic (PDF), U.S. Department of Health & Human Services, October 2006 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  14. ^ Working with highly pathogenic avian influenza virus, UK Health and Safety Executive. URL consultato il August 2, 2014.
  15. ^ N95 Factsheet, Centers for Disease Control and Prevention (archiviato dall'url originale il November 11, 2009).
  16. ^ (EN) Anna Davies, Katy-Anne Thompson e Karthika Giri, Testing the Efficacy of Homemade Masks: Would They Protect in an Influenza Pandemic?, in Disaster Medicine and Public Health Preparedness, vol. 7, n. 4, August 2013, pp. 413–418, DOI:10.1017/dmp.2013.43, ISSN 1935-7893 (WC · ACNP).
  17. ^ Juliet Hindell, Japan's war on germs and smells, BBC Online, May 30, 1999.
  18. ^ Matt Negrin, For allergy and flu season, the Japanese turn to surgical masks, Winnipeg Free Press, 26 aprile 2009. URL consultato il 29 settembre 2017.
  19. ^ Masks will be obligatory, new measures mainly aimed at the elderly, in The Slovak Spectator, Bratislava, Petit Press, 24 March 2020.
  20. ^ (EN) Why are face masks selling out in Bangkok?, su BBC News. URL consultato il 28 marzo 2020.
  21. ^ (EN) Maria Thomas, Itika Sharma Punit, Delhi’s rich and beautiful are breathing clean air stylishly, with help from the Nevada desert, su Quartz India. URL consultato il 28 marzo 2020.
  22. ^ (EN) Keeping Kathmandu Out, su kathmandupost.com. URL consultato il 28 marzo 2020.
  23. ^ (EN) How to choose the right mask to protect yourself from the haze, in AsiaOne. URL consultato il 28 marzo 2020.
  24. ^ Katie Holliday, Face Masks, Anyone? Singapore Struggles With Haze, su www.cnbc.com, 20 giugno 2013. URL consultato il 28 marzo 2020.
  25. ^ Delhi residents brave the smog in style
  26. ^ Hongkongers could benefit from new air pollution mask that’s six times more effective than rivals
  27. ^ Hong Kong protesters defy face mask ban — with humor | News | DW | 18.10.2019

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]