Hallyu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hallyu
Nome cinese
Cinese tradizionale韓流
Cinese semplificato韩流
PinyinHánliú
Nome giapponese
Kanji韓流
RōmajiKanryū/Hanryū
Nome coreano
Hangŭl한류
Hanja韓流
Latinizzazione rivedutaHallyu
McCune-ReischauerHannyu

Hallyu (한류?, ascolta[?·info], lett. "flusso/onda della Corea", anche nota come Korean Wave, "onda coreana") è un neologismo che indica l'incremento della popolarità globale della cultura sudcoreana verificatosi a partire dagli Anni Novanta.[1][2][3] Sebbene un ricercatore dell'Università di Vienna ritenga che la hallyu sia iniziata nel 1997 con il drama Byeor-eun nae gaseum-e,[4] il termine fu usato per la prima volta dal Ministero della Cultura e del Turismo sudcoreano nel 1999, quando l'istituzione produsse un CD musicale intitolato, in cinese, "Hallyu - Canzoni della Corea"; fu poi adottato dai media cinesi per descrivere il successo della cultura popolare coreana in Cina,[5] e introdotto in Giappone come hanryu o kanryu dall'Asahi Shinbun nel 2001.[6]

Il successo della cultura popolare coreana non è stato voluto né pianificato, ma, una volta diventato tangibile, ha dato vita ad una serie di strategie per alimentarlo.[7] La crescente popolarità in molte aree del mondo della sua cultura ha indotto il governo sudcoreano a sostenere le industrie creative tramite sussidi e finanziamenti alle startup come forma di soft power, con l'intento di trasformarsi in uno dei principali esportatori mondiali di cultura insieme al Giappone e al Regno Unito in una nicchia dominata per quasi un secolo dagli Stati Uniti,[8][9] mentre il livello di sviluppo della società coreana ha iniziato ad essere ritenuto pari a quello del mondo occidentale.[10]

Inizialmente spinta dalla diffusione dei drama coreani e del K-pop in Asia orientale e meridionale e nel sud-est asiatico, la hallyu si è evoluta da evento regionale a fenomeno globale, trasportata da Internet, dai social media e dalla proliferazione dei video musicali K-pop sulle piattaforme di condivisione video online,[11][12][13][14][15] che hanno permesso all'industria coreana dello spettacolo di raggiungere un consistente pubblico all'estero. L'uso di questi media per facilitare la promozione, la distribuzione e il consumo di varie forme di intrattenimento coreano (in particolare del K-pop) ha contribuito all'impennata della loro popolarità mondiale riscontrata dalla metà degli Anni Duemila.[9][16]

La hallyu è diventata un fenomeno globale influente dagli inizi del XXI secolo, con un pesante impatto sulle culture contemporanee, la musica, il cinema, la televisione e gli aspetti comportamentali di varie persone in tutto il mondo.[17][1][18][19][20] Secondo un professore dell'Università di Notre Dame in Indiana, il suo successo è da ricercarsi nel fatto che sia "esteticamente fresca, economicamente redditizia, culturalmente avvincente, tecnologicamente sofisticata e ideologicamente introspettiva";[21] ciononostante, è andata incontro anche a critiche negative.

Panoramica[modifica | modifica wikitesto]

Il termine "hallyu" è composto da due radici: han (?, ?), che significa "Corea", e ryu (?, ?) che significa "flusso" o "onda".[20] Mentre all'estero viene utilizzato per descrivere generalmente qualcosa di coreano, all'interno della Corea ha un significato leggermente diverso: per esempio, nel caso delle serie televisive, i "drama hallyu" si distinguono dagli altri "drama coreani" perché hanno ottenuto un notevole successo all'estero, o vi recitano attori di fama internazionale.[22]

La hallyu abbraccia la consapevolezza globale nei confronti dei differenti aspetti della cultura sudcoreana, inclusi film e programmi televisivi (in particolare i drama coreani), K-pop, manhwa, lingua coreana e cucina coreana. Alcuni commentatori includono anche la cultura tradizionale.[23] Il politologo statunitense Joseph Nye interpreta la hallyu come "la crescente popolarità di tutto ciò che è coreano, dalla moda e dai film alla musica e alla cucina".[24]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Contesto[modifica | modifica wikitesto]

Una prima menzione che identifica la cultura coreana come una forma di soft power si può ritrovare negli scritti di Kim Gu, leader del Movimento per l'indipendenza coreana e presidente del Governo provvisorio della Repubblica di Corea. Verso il termine della sua autobiografia, Kim scrisse:

«Voglio che la nostra nazione sia la più bella del mondo. Con questo non intendo la più potente. Siccome ho provato il dolore dell'essere invasi da un'altra nazione, non voglio che la mia invada le altre. È sufficiente che la nostra ricchezza renda le nostre vite abbondanti; è sufficiente che la nostra forza sia in grado di evitare le invasioni straniere. L'unica cosa che desidero in quantità infinita è il potere di una cultura nobile. Questo perché il potere della cultura rende felice noi e dona felicità agli altri.»

(Kim Gu, Baekbeomilji, estratto del 1º marzo 1948)

1970-1999: Fondazione e sviluppo dell'industria culturale[modifica | modifica wikitesto]

Kim Dae-jung, il "Presidente della cultura".

Una ventina d'anni dopo la Guerra di Corea (1950-53) e l'armistizio firmato nel 1953, l'economia della Corea del Sud iniziò a riprendersi e sperimentò un periodo di rapida crescita noto come "Miracolo del fiume Han".

Nell'industria cinematografica, durante la presidenza di Park Chung-hee vennero introdotte le quote cinema per restringere il numero di pellicole straniere proiettate nelle sale e impedire la concorrenza tra le produzioni nazionali e i blockbuster provenienti dall'estero.[25][26] Tuttavia, nel 1986 la Motion Pictures Exporters Association of America sottopose un reclamo al Senato degli Stati Uniti e il governo sudcoreano fu costretto a ritirarle.[27] Nel 1988, 20th Century Fox divenne il primo studio cinematografico statunitense ad aprire un ufficio di distribuzione in Corea del Sud, seguito da Warner Brothers (1989), Columbia (1990) e Walt Disney (1993).[28][29]

Nel 1994 la quota di Hollywood sul mercato cinematografico sudcoreano aveva raggiunto l'80%, mentre l'industria locale si attestava al 15,9%.[30] Dieci studi cinematografici coreani erano andati in bancarotta e la produzione di film ristagnava; inoltre, con l'aumento dei canali televisivi, era cresciuta drasticamente la quantità di programmi importati.[31] Quell'anno, al presidente Kim Young-sam fu consigliato di fornire sostegno e sussidi alla produzione mediatica nazionale come parte della strategia per favorire le esportazioni.[32] Secondo le testate sudcoreane, Kim fu sollecitato a notare come il gettito totale generato da Jurassic Park avesse superato quello della vendita di un milione e mezzo di automobili Hyundai; essendo quest'ultima una fonte di orgoglio nazionale, il paragone apparentemente influenzò la decisione del governo di concentrarsi sulla cultura come industria esportabile.[31][33] Il Ministero della Cultura sudcoreano aprì un ufficio per l'industria culturale atto a sviluppare il settore dei media, e molti investitori vennero incoraggiati a espandersi nel settore cinematografico e mediatico. Così, per la fine del 1995 erano state poste le fondamenta per l'ascesa della cultura coreana.[31]

Nel luglio 1997, la crisi finanziaria asiatica causò gravi perdite al settore manifatturiero, portando molte aziende a rivolgersi verso l'intrattenimento.[34] Secondo il The New York Times, nel 1998 la Corea del Sud iniziò a ritirare le restrizioni sulle importazioni culturali provenienti dal suo antico invasore coloniale, il Giappone, e, preparandosi a contrastare l'imminente "carica" di film giapponesi, anime, manga e J-pop, il Ministero della Cultura richiese un consistente aumento del budget, che permise di creare trecento facoltà dell'industria culturale nelle università di tutto il Paese.[35]

Nel febbraio 1999 uscì nelle sale il primo film sudcoreano ad alto budget, Swiri, che divenne un successo commerciale, incassando oltre 11 milioni di dollari americani, più del blockbuster di Hollywood Titanic.[36][37] Quello stesso anno Kim Dae-jung, che si era autoproclamato "Presidente della cultura", destinò 148 milioni di dollari al sostegno dell'industria culturale.[31] Venne approvata la "Legge di base per la promozione delle industrie culturali", che introdusse i sussidi per sostenere la "co-produzione con i Paesi stranieri, il marketing e la pubblicizzazione della cultura pop coreana attraverso la trasmissione televisiva e Internet, e la diffusione dei prodotti culturali nazionali sui mercati esteri". Dichiarare il sostegno governativo alle industrie della cultura, tuttavia, causò antagonismi negli altri Stati asiatici, che erano, ai tempi, il mercato principale delle esportazioni culturali coreane.[38] Viste le ristrettezze economiche in cui si trovavano a causa della crisi, i Paesi asiatici iniziarono a preferire le serie televisive coreane, meno costose, a quelle giapponesi.[4] Alla fine del XX secolo, numerosi drama coreani venivano trasmessi in Cina, e il 19 novembre 1999 il quotidiano Beijing Youth Daily pubblicò un articolo che riconosceva "lo zelo del pubblico cinese verso le serie televisive e le canzoni pop coreane".[39]

2000-2010: La hallyu in Asia[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni aspetti della cultura tradizionale e contemporanea della Corea, in senso orario da in alto a sinistra: un Samsung Galaxy Tab; donne che eseguono la danza coreana taepyeongmu; bibimbap, un piatto di riso; l'idol coreano Junsu; la boy band K-pop Super Junior; ragazze con il costume hanbok.

Nel febbraio 2000 la boy band H.O.T. della SM Entertainment fu il primo artista K-pop moderno ad esibirsi all'estero, con un concerto a Pechino che fece il tutto esaurito.[40] Seguendo il loro esempio, gruppi di adolescenti come gli NRG, le S.E.S. e le Baby Vox attrassero i giovani cinesi e taiwanesi, e specialmente a Taiwan il duo Clon riscosse un ineguagliabile successo che generò interesse verso la televisione e il cinema coreani.[4] Visto il rapido aumento delle importazioni culturali dalla Corea, l'Amministrazione statale per radio, cinema e televisione della Cina decise di limitare il numero di drama coreani da mostrare al pubblico cinese.[41]

Yeopgijeog-in geunyeo (2001) fu un importante passo in avanti internazionale per il cinema coreano. Divenne una hit al botteghino in tutta l'Asia orientale, e il DVD generò un ampio culto in Asia sudorientale e in parte dell'Asia meridionale. Generò anche vari remake internazionali, di cui uno a Hollywood, oltre che adattamenti televisivi e un sequel.[42][43]

Molti altri Paesi asiatici stavano sperimentando un aumento di popolarità delle serie e delle canzoni pop coreane. Nel 2000 nel Manipur, dove i film di Bollywood erano stati banditi dai separatisti, i consumatori rivolsero gradualmente l'attenzione all'intrattenimento coreano.[44] Secondo l'Agence France-Presse, nei cortili delle scuole e per i mercati era comune sentire frasi in coreano.[45] Molti drama e film sudcoreani venivano contrabbandati nel Manipur dalla vicina Birmania sotto forma di CD e DVD.[44] La popolarità dei prodotti coreani si estese poi ad altre parti dell'India nordorientale, in Assam, Meghalaya, Sikkim, Arunachal Pradesh, Tripura, Mizoram e Nagaland.[46]

Nel 2002, a seguito del ritiro dell'embargo decennale che impediva lo scambio culturale tra Corea del Sud e Giappone, l'album Listen to My Heart di BoA fu il primo disco di un musicista coreano a vendere un milione di copie nell'isola.[47][48] Quello stesso anno, Gyeo-ul yeon-ga, prodotto da KBS2, divenne un fenomeno di culto in tutta l'Asia e segnò l'inizio della hallyu in Giappone.[49][50][51][52][53] Nel 2004, l'ex premier Jun'ichirō Koizumi commentò che ai tempi il co-protagonista maschile era più popolare di lui.[49] Altri drama coreani usciti negli anni successivi come Dae Jang-geum (2003) e Full House (2004) raggiunsero un successo simile.[54] Intanto la programmazione televisiva in Asia iniziò a cambiare, mentre le serie sudcoreane e taiwanesi andavano ad occupare la prima serata riservata, in precedenza, ai film di Hollywood.[55]

La svolta per il K-pop arrivò con i debutti di TVXQ (2003), SS501 (2005), Super Junior (2005) e altri artisti definiti dalla BBC "nomi familiari in gran parte dell'Asia".[56] Intanto la popolarità della televisione coreana continuò a diffondersi per il continente. Servizi su donne asiatiche che partivano per la Corea del Sud per trovare l'amore, ispirandosi alle serie romantiche coreane, iniziarono ad apparire su vari media, tra cui il Washington Post.[57] Kkotboda namja generò una seconda ondata di drama coreani per l'Asia.[58]

In Nepal, Bhutan e Sri Lanka, i drama coreani andarono ad occupare sempre più spazio nei palinsesti, e a Gyeo-ul yeon-ga e Full House venne riconosciuto di aver acceso l'interesse verso la cultura pop coreana in questi Paesi. La moda e le acconciature divennero di tendenza tra i giovani del Nepal e ci fu un boom di corsi di lingua coreana che continuò negli anni a venire. Anche la cucina crebbe in popolarità, e numerosi ristoranti aprirono in tutti e tre gli Stati per soddisfare la domanda del pubblico.[59][60][61][62] Nel 2008, il governo sudcoreano aumentò il budget per il settore della cultura, introducendo l'"industria dei contenuti creativi", che evidenziò il K-pop e i videogiochi come importanti prodotti di esportazione.[38]

2010-oggi: La hallyu su scala globale[modifica | modifica wikitesto]

Canzoni K-pop vengono trasmesse dal conglomerato sudcoreano LG all'IFA in Germania nel 2011.
PSY esegue Gangnam Style a Sydney, Australia, nel 2013.
Fan del K-pop fuori dal Centro Culturale Coreano di Varsavia nel 2011.

Negli Stati Uniti, la cultura coreana e il K-pop si diffusero uscendo dalle comunità di immigrati coreano-americani come quelle di New York e Los Angeles.[63] Tuttavia, nei primi anni 2010 la risposta dei produttori musicali americani fu minima; secondo il direttore operativo di Mnet Media, il tentativo dei suoi impiegati di presentare oltre trecento video musicali K-pop ai produttori e alle etichette discografiche statunitensi andò incontro ad una reazione tiepida.[64] Analogamente, i debutti su suolo americano di artisti come BoA e Seven non ottennero il successo sperato e vennero definiti "completi fallimenti" da una reporter della CNN.[65]

Ciononostante, il K-pop e la televisione coreana (con serie come Jumong che vennero accolte particolarmente bene dal pubblico musulmano) crebbero in popolarità negli Stati Uniti e altrove, con una fanbase globale appassionata e in crescita,[12][66][67][68] in particolare dopo l'uscita del video musicale di Gangnam Style di PSY, che divenne virale nel 2012-13 e fu il primo video di YouTube a superare il miliardo di visualizzazioni. YouTube fu una piattaforma vitale per la crescita del gradimento internazionale del K-pop, superando la riluttanza dei DJ radiofonici a diffondere canzoni in lingua straniera e raggiungendo un pubblico globale. Un inviato della CNN presente al KCON 2012, una popolare convention K-pop, a Irvine, California, disse che "se fermate una persona qualsiasi qui in giro e le chiedete come abbia scoperto il K-pop, l'avrà trovato su YouTube".[69] Nel 2012, la hallyu venne menzionata ufficialmente sia dal presidente americano Barack Obama il 26 marzo alla Hankuk University of Foreign Studies,[70] sia dal segretario delle Nazioni Unite Ban Ki-moon all'Assemblea nazionale coreana il 30 ottobre.[71]

Nel febbraio 2013, la vicepresidentessa del Perù Marisol Espinoza venne intervistata dall'agenzia di stampa sudcoreana Yonhap e diede il benvenuto alla hallyu nel proprio Paese.[72] Quello stesso mese, gli impiegati della Casa Bianca che gestivano l'account Twitter ufficiale della First Lady Michelle Obama rivelarono di aver fatto arrivare del cavolo napa per preparare il kimchi, un piatto tradizionale coreano.[73][74] Come commentò un redattore della rivista Esquire, la cosa fu considerata sconcertante, perché "devia molto lontano dalle solite pietanze della Casa Bianca".[75] La notizia arrivò poco dopo l'annuncio che le vendite di prodotti alimentari coreani presso i supermercati britannici Tesco erano più che raddoppiate,[76] e ulteriori rapporti su come la hallyu stesse toccando la Germania e la Francia.[77][78] Intanto il Nobel per la pace Aung San Suu Kyi andò per la prima volta in visita in Corea del Sud e cenò con diversi attori, incluso Ahn Jae-wook, che ella stessa aveva invitato per la somiglianza con il padre assassinato, Aung San.[79]

Il 25 febbraio 2013, la neo-eletta presidente della Corea del Sud Park Geun-hye tenne il suo discorso d'insediamento, promettendo di costruire una nazione "che diventi più felice tramite la cultura" e di incoraggiare una "nuova rinascita culturale" che avrebbe trasceso etnie e ideologie per via della sua "capacità di condividere felicità".[80] Secondo The Korea Times, una delle principali priorità della presidenza di Park sarebbe stata quella di destinare almeno il 2% del budget nazionale all'ulteriore sviluppo dell'industria della cultura e alla ricerca di più scambi culturali con la Corea del Nord.[81] Sempre nel 2013, la Corea del Sud sperimentò una crescita nel settore del turismo, accogliendo oltre 12 milioni di visitatori, di cui 6 soltanto dalla Cina.[82] Tuttavia, un sondaggio statale condotto su 3.600 soggetti in tutto il mondo rivelò che oltre il 66% degli intervistati credeva che la popolarità della cultura coreana sarebbe scemata nei quattro anni successivi.[83]

Gli attori Song Joong-ki e Song Hye-kyo, protagonisti di Tae-yang-ui hu-ye, nel 2016.
I BTS agli American Music Award, 19 novembre 2017.

In ambito televisivo, Byeor-eseo on geudae divenne un successo sia in patria che in tutta l'Asia. The Washington Post riportò nel marzo 2014 che il drama era argomento di discussione all'Assemblea nazionale del popolo, con la Conferenza politica consultiva del popolo cinese (CPPCC) che cercò di comprendere le motivazioni per cui la Cina non riuscisse a produrre una propria serie dal riscontro simile.[84][85][86][87] Nell'ottobre 2014 fu annunciato che CL, leader delle 2NE1, avrebbe debuttato da solista negli Stati Uniti con Scooter Braun come manager.[88] Ella collaborò poi con i popolari DJ Diplo e Skrillex, apparendo come ospite a sorpresa all'Ultra Music Festival nel 2015,[89] ma non riuscì a portare avanti una carriera sul suolo americano.[90]

Nel 2016, il drama Tae-yang-ui hu-ye contribuì a ravvivare la hallyu, che in Asia era stata in declino negli anni precedenti.[91] Ottenne più di 2 miliardi di visualizzazioni su Internet, un dato considerato estremamente alto, specialmente in Occidente, dove solitamente le produzione televisive di maggior successo non raggiungevano neanche un sesto di tale cifra.[92][93][94] Nel continente asiatico guadagnarono popolarità anche i prodotti coreani per la cura della pelle, con Amorepacific e LG Household & Health Care che si imposero nel settore cosmetico nella regione Asia-Pacifico.[95] La Cina divenne il principale mercato per i cosmetici coreani, che rappresentarono il 25% delle importazioni di prodotti di bellezza.[96] In Sri Lanka, i cosmetici coreani sostituirono quelli europei per via dei prezzi minori e dell'idoneità alle pelli asiatiche;[97] per lo stesso motivo trovarono posto sul mercato di Singapore, e in Cambogia grazie alla popolarità del K-pop.[98] Si diffusero anche in Thailandia,[99] Malaysia[100] e Giappone.[101] In ambito musicale, Forbes pubblicò degli articoli sull'impatto economico delle star K-pop globali, notando come i Big Bang, artisti di punta del settore, avessero incassato nell'anno precedente 44 milioni di dollari americani al netto delle imposte, contro i 33,5 milioni della boy band americana più pagata, i Maroon 5.[102] A marzo 2016 venne organizzata ad Abu Dhabi la prima convention K-pop del Medio Oriente, che attirò oltre 8.000 persone.[103] A maggio la Casa Blu annunciò la costruzione del primo parco a tema hallyu a Goyang.[104]

Nel novembre 2017, i BTS eseguirono la propria canzone DNA agli American Music Awards, diventando la prima boy band K-pop ad esibirsi ad una cerimonia di premiazione statunitense.[105] Il loro successo nelle classifiche e la popolarità in numerosi Paesi portarono molte testate occidentali a soprannominarli "la boy band più importante al mondo".[106][107] Nel settembre 2018 tennero un discorso alla 73ª Assemblea generale delle Nazioni Unite[108] e, per il loro contributo alla diffusione della cultura e della lingua coreane, ricevettero l'Ordine al Merito Culturale dal governo della Corea del Sud.[109] Ad essi fu attribuito, dal Korea Customs Service e dalla Korea Foundation, il drastico aumento nel biennio 2016-2018 di acquisti online di prodotti K-pop e della hallyu.[110][111]

Hallyu 2.0[modifica | modifica wikitesto]

Hallyu 2.0 è un termine usato per descrivere la "nuova onda coreana" iniziata nel 2007 con l'introduzione delle tecnologie digitali e dei social media.[38] È comparso per la prima volta nell'agosto 2010 sui media giapponesi dopo il concerto di successo delle Girl's Generation all'Ariake Coliseum di Tokyo. La hallyu 2.0 è cresciuta di pari passo con il web 2.0, che enfatizza i contenuti generati dagli utenti e la fruibilità, e ha un ambito più ampio di quello della prima hallyu, differenziandosi per il ruolo accresciuto svolto dalla musica pop e da altri prodotti d'esportazione come videogiochi e cartoni animati, in contrasto con l'importanza che i drama coreani avevano ricoperto durante la prima ondata, concentrata geograficamente più sull'Asia orientale.[17] In generale, "hallyu 2.0" fa riferimento ai diversi mezzi tecnologici usati per raggiungere territori lontani dalla penisola coreana e dall'Asia, che si resero necessari quando, all'inizio del XXI secolo, Giappone, Cina e Taiwan intervennero per arrestare l'ingresso dei film e dei drama coreani sui propri mercati per proteggere le proprie industrie culturali.[38]

Al centro della hallyu 2.0 ci sono i servizi di reti sociali (SNS) e i siti che pubblicano i contenuti generati dagli utenti (UCG), come YouTube, i quali permettono alle case discografiche di far arrivare i propri contenuti ai fan di tutto il mondo senza ricorrere alla televisione o agli altri media tradizionali.[38][112] YouTube permise ai fan di connettersi al K-pop tramite i propri contenuti, come cover di ballo e canali in cui reagivano ai video che stavano guardando,[113] spesso riadattandoli alla propria cultura locale. Ciò fece in modo che i consumatori diventassero contemporaneamente produttori, e giovò ai produttori originali permettendo di risparmiare il denaro necessario a riadattare i propri contenuti ai diversi mercati.[114][115]

Il rapporto tra il K-pop e YouTube iniziò nel 2009, quando le tre case discografiche più importanti (SM, YG e JYP Entertainment) si associarono alla piattaforma dopo diversi tentativi falliti di entrare nel mercato americano tra il 2006 e il 2008. La collaborazione si rivelò efficace nel 2011, quando le statistiche di YouTube mostrarono che gli Stati Uniti rappresentavano la maggior concentrazione di visualizzazioni di video K-pop fuori dall'Asia.[112] Sun Lee, capo della partership musicale per la Corea presso YouTube, disse che sarebbe stato probabilmente impossibile per il K-pop raggiungere la fama mondiale senza YouTube.[112] Nel 2016, l'80% dei 24 miliardi di visualizzazioni totali raccolti dai video dei 200 principali artisti K-pop provenivano da fuori la Corea del Sud, e le visualizzazioni erano triplicate rispetto al 2012.[116]

Indice hallyu[modifica | modifica wikitesto]

La KOTRA e la KOFICE, organizzazioni di promozione del commercio finanziate dallo Stato sudcoreano, pubblicano congiuntamente un indice annuale che misura la portata della hallyu in specifici Paesi. L'indice combina i dati sulle esportazioni e le risposte ricevute tramite sondaggi pubblici, condotti, nel 2017, in 16 Stati.[117] I risultati della tabella indicano che il periodo di forte crescita della hallyu è scemato in favore di un aumento più moderato in tutti i Paesi analizzati (Giappone escluso); la popolarità si mantiene nel mezzo.

Indice hallyu per il 2017
Nazioni con un interesse minimo verso la hallyu Nazioni in cui la hallyu è in stadio di diffusione Nazioni in cui la hallyu è una tendenza dominante
Popolarità in rapida crescita Popolarità in rapida crescita Popolarità in rapida crescita
Popolarità in media crescita Popolarità in media crescita Popolarità in media crescita
Popolarità in declino Popolarità in declino Popolarità in declino

Fan club[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011 una ricerca del Ministero della Cultura, dello Sport e del Turismo sudcoreano rilevò che i membri attivi dei fan club della hallyu nel mondo erano circa 3,3 milioni secondo i dati pubblicati dai fan club ufficiali nelle regioni in cui erano presenti dei centri culturali coreani.[58] Nello stesso anno, la Korea Tourism Organization intervistò 12.085 fan della hallyu e concluse che erano in gran parte giovani adulti e fan del K-pop.[118] Mentre nel 2012 i fan del K-pop erano per il 90% donne,[118] nel 2015 la percentuale di soggetti di sesso femminile era scesa al 70%.[119] Secondo la Korea Foundation, i fan nel 2018 erano 89 milioni in tutto il mondo, divisi in 1.843 fan club. La cifra era aumentata del 22% rispetto all'anno precedente, in particolare per la popolarità crescente della boy band BTS.[120]

Fan della hallyu (milioni):
Anno Paese Fan della hallyu
2012 Bielorussia Bielorussia 1.000 [121]
2012 Palestina Palestina 3.000 [122]
2012 Israele Israele 5.000
2012 Perù Perù 8.000 [123]
2012 Cile Cile 20.000
2012 Russia Russia 50.000 [124]
2012 Messico Messico 60.000 [125]
2011 Francia Francia >100.000 [126]
2013 Turchia Turchia >150.000 [127]
Totale mondiale
Anno Fan club Membri Fonte
2011 182 3,3 milioni [128]
2012 830 6,0 milioni [129]
2013 987 9,3 milioni [130]
2014 1.229 21,22 milioni [131]
2015 1.493 35,59 milioni
2016 1.652 59,39 milioni [132]
2017 1.594 73,12 milioni [133]
2018 1.843 89,19 milioni [120]

Relazioni con l'estero[modifica | modifica wikitesto]

Il Ministero degli Affari Esteri sudcoreano (MOFA) è responsabile del patrocinio all'estero della cultura coreana. Il governo si occupa dell'organizzazione di concerti, come l'annuale K-Pop World Festival.[134]

Asia orientale[modifica | modifica wikitesto]

Cina[modifica | modifica wikitesto]

Nel primo decennio degli anni 2000, molti funzionari cinesi espressero opinioni positive nei confronti dei media e dell'intrattenimento coreani, tra cui l'ex-presidente Hu Jintao[135][136] e l'ex-premier Wen Jiabao, che, secondo l'Agenzia Nuova Cina, disse: "Per quanto riguarda il fenomeno della hallyu, i cinesi, specialmente i giovani, ne sono particolarmente attratti e il governo cinese lo considera un contributo vitale agli scambi culturali reciproci tra Cina e Corea del Sud".[137]

Nel 2013 un team di quattro persone guidato da Kang Myung-koo dell'Università di Seul pubblicò un articolo controverso che suggeriva che i telespettatori cinesi di drama coreani fossero in genere ai margini della società come educazione e reddito percepito. Ciò causò una replica furibonda degli interessati, e un gruppo di essi comprò un'intera pagina pubblicitaria del Chosun Ilbo chiedendo che gli autori della ricerca si scusassero con loro.[138][139]

Nel 2016, la Corea del Sud accettò di spiegare il sistema missilistico THAAD, che il governo cinese considerava un potenziale rischio alla propria sicurezza nazionale, con gli Stati Uniti.[140] Per difendersi e conseguire degli scopi politici, il governo cinese bandì virtualmente la hallyu, limitandone la diffusione e impedendo alla Corea di trarne profitti economici. Il 4 agosto, l'incontro tra i fan del popolare drama Hamburo aeteuthage e gli attori protagonisti fu cancellato senza fornire spiegazioni.[141] Nel 2017 il Massachusetts Institute of Technology pubblicò un rapporto secondo il quale la Cina era il principale mercato d'esportazione della Corea del Sud, con un valore di 121 miliardi di dollari americani all'anno; il flusso di turisti verso la Corea era aumentato del 27% nel 2016 come riflesso della hallyu.[142] A marzo del 2017, Pechino sospese i tour organizzati dalle agenzie di viaggio verso la Corea del Sud.[143] Molti artisti e gruppi musicali sudcoreani incontrarono difficoltà ad esibirsi in Cina:[144] il 7 dicembre 2017, l'agenzia di stampa Yonhap riferì che il concerto degli EXO al Nanjing Olympic Sports Centre, che si sarebbe dovuto tenere da lì a dieci giorni, era stato annullato improvvisamente dall'agenzia cinese.[145] Oltre che ai concerti, i cinesi iniziarono ad avere accesso limitato alla musica e alle serie sudcoreane anche sulle piattaforme online, con i video bloccati per impedirne lo streaming.[146] La messa al bando causò perdite economiche significative all'industria coreana dell'intrattenimento, con la SM Entertainment che in un anno vide il suo valore di mercato scendere del 18% (pari a 150 milioni di dollari), mentre la YG Entertainment arrivò al 32%, circa 230 milioni di dollari.[147] Molti programmi televisivi sino-coreani vennero messi in pausa a causa del THAAD.[148]

Nel novembre 2016, Chung Sye-kyun, il presidente dell'Assemblea Nazionale coreana, era comunque ottimista sulla diffusione della hallyu in Cina, e al China Forum dichiarò: "La Cina è stata ed è il palco più grande per la hallyu, dall'inizio della sua popolarità. Il senso della hallyu è crescere, anche se i rapporti tra i due Paesi hanno vacillato per via del THAAD".[149] Nel tardo 2017, il bando iniziò ad essere ritirato: molte piattaforme cinesi di streaming video, come iQiyi e Youku, ricominciarono ad importare i drama coreani,[150] e le agenzie di viaggio ripresero i tour verso la Corea del Sud. Secondo il dottor Pang Zhongying, docente di affari internazionali e globali alla Ocean University of China, fu merito del miglioramento dei rapporti tra Cina e Sudcorea in seguito alla visita di Stato del presidente Moon Jae-in.[151] Quando i due governi annunciarono di aver trovato un accordo sul THAAD, gruppi musicali sudcoreani come le Mamamoo ripresero ad apparire sulla televisione cinese.[150]

Giappone[modifica | modifica wikitesto]

La hallyu in Giappone lasciò il segno con la popolarità del drama Gyeo-ul yeon-ga nel 2003, ma probabilmente era emersa già prima attraverso i viaggi, il cibo, l'industria della bellezza e il calcio. L'attore protagonista Bae Yong-joon fu il primo volto dell'ondata e generò un elevato gettito economico, con gli spettatori che corsero a comprare i DVD della serie e i gadget legati ad essa, facendoli andare esauriti. Dall'arrivo della hallyu, si registrò un aumento in Giappone di prodotti e cibi coreani, e la stazione di Shin-Okubo a Tokyo, nota per il suo quartiere coreano, fu inserita nei depliant turistici.[6]

Con l'arrivo della hallyu in Giappone, alcuni sperarono che le tensioni politiche tra i due Paesi migliorassero. Effettivamente venne adottato il termine Koria, derivante dall'inglese "Korea", per riferirsi alla Corea del Sud al posto di Kankoku, che aveva forti rimandi politici, ma l'effetto generale restò limitato.[6] Il Ministero degli affari esteri giapponese riconobbe che la hallyu aveva favorito le discussioni e lo scambio culturale reciproco tra i due Paesi,[152] con fan di alto profilo quali le First Lady Miyuki Hatoyama e Akie Abe,[153] tuttavia le tensioni latenti portarono a proteste in strada con centinaia di giapponesi che dimostrarono contro la popolarità dell'intrattenimento coreano.[154] Le manifestazioni furono organizzate principalmente dai critici della cultura pop coreana con il sostegno dei nazionalisti di destra.[155] Ciononostante, un sondaggio dell'Ufficio del Gabinetto giapponese del 2004 evidenziò che i sentimenti favorevoli verso la Corea del Sud erano saliti al 56,7%, un record che non si registrava da tre anni a quella parte.[6]

Taiwan[modifica | modifica wikitesto]

I drama coreani apparirono sul mercato taiwanese nei primi anni Novanta, ma non ottennero molta popolarità.[156] Alla fine del decennio, tuttavia, il canale televisivo locale GTV iniziò a trasmetterli doppiati in mandarino e senza pubblicizzarli come stranieri, operazione che potrebbe aver aiutato a farli diventare un successo entro il nuovo secolo.[22] La cultura coreana divenne così popolare che surclassò le serie giapponesi e la musica di Hong Kong, che permanevano da più tempo sul mercato, nonostante la Corea del Sud fosse percepita negativamente da Taiwan, soprattutto da quando la penisola aveva stabilito nuovi rapporti con la Cina continentale nel 1992.[157] Il boom della hallyu cambiò la percezione dei taiwanesi nei confronti della Corea e promosse le relazioni tra i due Paesi. Le emittenti televisive importarono gradualmente i drama coreani, tra cui la hit Dae Jang-geum,[158] che influenzarono le produzioni nazionali. Anche il K-pop ottenne l'attenzione pubblica. A luglio del 2018, Taiwan News riferì che il genere musicale stava diventando sempre più popolare, con sette concerti previsti a Taipei nel giro di due mesi, inclusi quelli di artisti quali Zion.T e i Wanna One.[159]

Medio Oriente e Nordafrica[modifica | modifica wikitesto]

Israele, Iran, Marocco ed Egitto diventarono importanti consumatori di cultura coreana a metà degli anni 2000.[160][161] I drama riscossero successo grazie alle trame incentrate su problemi sociali come l'amore tra classi sociali diverse e i conflitti familiari,[162] e in seguito il Servizio coreano d'informazione all'estero rese disponibile Gyeo-ul yeon-ga sottotitolato in arabo su diverse reti televisive statali egiziane, nell'ottica, secondo la scrittrice Youna Kim, di migliorare l'immagine della Corea del Sud in Medio Oriente, dove c'era poca comprensione e poca esposizione alla cultura coreana.[163] Il New York Times riferì che l'intento era favorire i buoni rapporti tra i telespettatori arabi e berberi e i soldati sudcoreani di stanza nel nord dell'Iraq.[164]

MBC4 giocò un ruolo importante nella diffusione della hallyu in Medio Oriente e Nordafrica, trasmettendo drama coreani dal 2013. Alcuni Stati arabi erano contrari, temendo che i giovani islamici avrebbero abbandonato le loro tradizioni per adottare quelle occidentali,[165] ma ciò non impedì alle industrie coreane di esportare più serie televisive nel territorio.

Israele[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 il canale israeliano via cavo Viva trasmise il drama Nae ireum-eun Kim Sam-soon. Nonostante l'accoglienza tiepida, causò un'impennata di interesse per i programmi televisivi sudcoreani, e altri trenta drama vennero trasmessi dalla medesima emittente.[166]

Nel 2008 venne lanciato un corso di lingua coreana all'Università Ebraica di Gerusalemme, con lezioni sulla storia, la politica e la cultura del Paese.[122]

La crescente popolarità della cultura coreana in Israele e in Palestina fece auspicare ad alcuni cronisti che potesse aiutare a risolvere il conflitto israeliano-palestinese.[167][122] L'Università Ebraica di Gerusalemme riferì che alcuni fan del K-pop israeliani e palestinesi si consideravano "missionari culturali", facendo conoscere il genere musicale ad amici e parenti e contribuendo a diffondere la hallyu nelle proprie comunità.[167][168][169]

Egitto[modifica | modifica wikitesto]

Ga-eul donghwa, uno dei primi drama coreani a raggiungere il Medio Oriente, venne reso disponibile per la visione dopo cinque mesi di "negoziati costanti" tra l'ambasciata sudcoreana a Il Cairo e una rete televisiva statale egiziana. Poco dopo il termine della serie, l'ambasciata riferì di aver ricevuto oltre 400 telefonate e lettere di ringraziamenti dai fan di tutto il Paese. Secondo il segretario dell'ambasciata, Lee Ki-seok, il coinvolgimento nella guerra in Iraq della Corea aveva notevolmente indebolito la sua reputazione tra gli egiziani, ma la trasmissione di Ga-eul donghwa si era dimostrata "estremamente efficace" nell'invertire gli atteggiamenti negativi.[170]

Iran[modifica | modifica wikitesto]

L'attore sudcoreano Song Il-gook durante una conferenza stampa a Teheran il 18 agosto 2009.
L'attore sudcoreano Song Il-gook durante una conferenza stampa a Teheran il 18 agosto 2009.

La televisione di stato iraniana IRIB mandò in onda diversi drama coreani in prima serata durante i primi anni 2010, una decisione attribuita da alcuni al valore confuciano del rispetto per l'altro che le serie trasmettevano e che era in linea con la cultura islamica.[171] Nell'ottobre 2012, il Tehran Times riferì che i rappresentanti della IRIB avevano visitato i set televisivi in Corea del Sud per rafforzare le "affinità culturali" tra i due Paesi e cercare nuove vie di collaborazione con la rete KBS.[172][173]

Secondo Reuters, poiché il pubblico iraniano spesso non aveva molti programmi tra cui scegliere, i drama coreani in onda sulla IRIB ottenevano ascolti superiori a quelli fatti in Corea: per esempio, l'episodio più popolare di Jumong registrò uno share del 90% in Iran contro il 40% ottenuto in patria, facendo diventare il suo attore protagonista, Song Il-gook, una superstar.[174]

Nel 2012 i ricercatori di entrambi gli Stati studiarono gli scambi culturali tra il regno coreano di Silla e l'impero persiano, concludendo che, 1.200 anni prima, le due culture erano probabilmente simili.[175]

Iraq[modifica | modifica wikitesto]

Agli inizi degli Anni 2000, vennero trasmessi dei drama per le truppe sudcoreane appartenenti alla coalizione multinazionale guidata dagli Stati Uniti durante la guerra in Iraq. Al termine del conflitto, con il successivo ritiro del personale militare, ci si adoperò per rendere disponibili i drama coreani ai cittadini iracheni. Nel 2012, Heo Jun registrò oltre il 90% di share nella regione del Kurdistan e l'attore protagonista Jun Kwang-ryul fu invitato dal governo federale a visitare la cittadina di Sulaymaniyya, su richiesta speciale della First Lady Hero Ibrahim Ahmed.[176]

Turchia[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio 2012, Kim Jae-joong dei JYJ fu invitato dall'ambasciata sudcoreana in Turchia a tenere una sessione di autografi all'Università di Ankara.[177] Prima di ripartire, Kim presenziò ad una cena di stato con il presidente della Corea del Sud Lee Myung-bak e il suo omologo turco Abdullah Gül.[178]

Marocco[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2013, il Festival international du film de Marrakech aprì con un'esibizione di musica coreana samul nori e proiettò oltre quaranta pellicole sudcoreane.[179] Inoltre, il premio più importante del festival, la Stella d'Oro, andò a Hang Gong-ju di Lee Su-jin.[180]

Oceania[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2012 la prima ministra australiana Julia Gillard visitò l'Università Yonsei a Seul, dove riconobbe che il suo Paese aveva "preso" la hallyu, che si stava "spingendo fino alle nostre coste".[181]

Nel novembre 2012, la sottosegretaria del Ministero degli Affari Esteri neozelandese Andrea Smith, durante il discorso di apertura davanti ai diplomatici sudcoreani all'Università di Auckland, affermò che la hallyu stava "diventando parte dello stile di vita dei Kiwis", e aggiunse che c'erano "quattromila forti associazioni di seguaci del K-pop in Nuova Zelanda".[182]

Europa[modifica | modifica wikitesto]

Il primo drama coreano che andò in onda in Romania fu Dae Jang-geum, trasmesso su TVR nell'agosto 2009. Nel mese seguente diventò il terzo programma televisivo più popolare del Paese, e da allora le serie televisive coreane godettero di alti ascolti e successo di pubblico.[183][184]

Nel 2011, gli Shinee furono il primo gruppo ad esibirsi in concerto a Londra, e i Big Bang vinsero a sorpresa il premio di Miglior artista mondiale agli MTV Europe Music Awards.[58] Nel novembre 2012, il ministro di Stato britannico del Foreign Office, Hugo Swire, ebbe un incontro con i diplomatici sudcoreani alla Camera dei lord, durante il quale affermò che la musica coreana era diventata "globale".[185]

Nel 2013 il Ministero degli affari esteri francese riconobbe che la hallyu era un fenomeno globale caratterizzato dal "crescente successo globale della cultura popolare coreana".[186] Quello stesso anno il ministero tedesco suo omologo confermò che l'intrattenimento coreano stava godendo di "enorme popolarità e successo in Asia e oltre".[187]

Nell'aprile 2010, AnimeClick.it, il portale Corea-Italia e la rete KBS lanciarono un sondaggio tra i loro utenti per sapere se fossero favorevoli all'arrivo dei drama coreani in Italia.[188] Visto il 52% dei consensi, fu proposta l'acquisizione di Kkotboda namja e Iris ad alcune reti: mentre Sky ritenne che non fossero adatti al pubblico europeo, altre chiesero di doppiarli perché sottotitolati non avrebbero attirato spettatori, e la KBS, non disponendo delle risorse per assecondare la richiesta, rinunciò.[189] Il primo e unico drama ad apparire sui teleschermi italiani fu Dream High, andato in onda sul canale Super! nel 2013.[190] Nel 2015 la miniserie Nun-gil vinse un Prix Italia, uno dei maggiori riconoscimenti internazionali nel campo dei media.[191] Il 26 ottobre 2016 aprì a Roma il decimo Centro Culturale Coreano d'Europa, con lo scopo di diffondere la lingua e la cultura della Corea nel Paese.[192]

Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Durante una visita di Stato in Corea del Sud nel marzo 2012, il presidente americano Barack Obama affermò: «Non c'è da meravigliarsi che tante persone nel mondo abbiano preso la Korean Wave, hallyu».[70]

Durante una riunione bilaterale con la presidente sudcoreana Park Geun-hye alla Casa Bianca nel maggio 2013, il presidente statunitense Barack Obama citò Gangnam Style quale esempio di come la gente di tutto il mondo stesse venendo "spazzata dalla cultura coreana – dalla Korean Wave".[193] Durante il successivo mese di agosto, anche il segretario di stato americano John Kerry affermò che la hallyu stava diffondendo la cultura coreana "in Paesi vicini e lontani".[194]

Sudamerica[modifica | modifica wikitesto]

Il Sudamerica iniziò ad assorbire tutto ciò che proveniva dalla Corea tra il 2001 e il 2002, e il drama Byeor-eun nae gaseum-e del 1997 venne trasmesso in Cile e in Perù, dove riscosse un notevole successo, portando all'apertura del fanclub dell'attore protagonista Ahn Jae-wook.[195] La hallyu si diffuse poi in Cile attraverso la comunità di immigrati sudcoreani residente nella Regione Metropolitana di Santiago.[196]

Nazioni Unite[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 ottobre 2012, il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon tenne un discorso all'Assemblea nazionale coreana, durante il quale fece notare come la cultura coreana e la hallyu stessero "lasciando il segno nel mondo".[71]

Impatto[modifica | modifica wikitesto]

Socioculturale[modifica | modifica wikitesto]

La hallyu ha diffuso nel mondo gli aspetti della cultura coreana, tra cui la moda, la musica, i programmi e format televisivi, i cosmetici, i giochi, la cucina, i manhwa e i canoni di bellezza.[197][198][57]

In Cina, molte emittenti hanno tratto ispirazione dai programmi di intrattenimento sudcoreani come Running Man: nel 2014 la SBS annunciò la versione cinese del programma, Benpao ba xiongdi, che fu un successo e rappresentò un esempio di "varietà d'azione urbana".[199][200]

I media coreani hanno influenzato l'Asia anche in termini di canoni di bellezza. A Taiwan, dove il drama Dae Jang-geum riscosse molta popolarità, alcune fan asserirono di essersi sottoposte alla chirurgia plastica per assomigliare all'attrice protagonista Lee Young-ae.[201]

La percezione della hallyu in Corea del Sud è ampiamente positiva: la popolazione la considera parte della coscienza nazionale e un motivo di orgoglio perché contribuisce a presentare la cultura coreana; tuttavia, ci sono anche dei critici che la ritengono un mero prodotto del capitalismo.[154]

Politico ed economico[modifica | modifica wikitesto]

Un sondaggio condotto dalla BBC nel 2012 rivelò che, dal 2009, l'opinione del pubblico nei confronti della Corea del Sud era migliorata ogni anno. In Paesi come Russia, India, Cina e Francia era passata da "leggermente negativa" a "generalmente positiva".[202] Questa crescita del soft power equivalse ad un'impennata nel valore delle esportazioni, che raggiunse i 4,3 miliardi di dollari americani nel 2011.[203]

I produttori televisivi coreani hanno capitalizzato l'elevata richiesta asiatica dei propri prodotti, e nel 2004 la rete KBS riuscì a vendere il suo drama Bom-ui waltz ad otto Stati dell'Asia prima ancora che finissero le riprese.[22]

Questi i dati delle esportazioni secondo le analisi del governo sudcoreano:

2008[204] 2009[203] 2010[205] 2011[205] 2012[206]
Valore totale delle esportazioni culturali
(in miliardi di dollari americani)
1,8 2,6 3,2 4,3 5,02

Nel primo trimestre fiscale del 2012, la Korea Creative Contents Agency registrò i seguenti valori:

Settore dell'industria culturale Fatturato totale (in KRW) Esportazioni (in KRW)
Animazione[207] 135,5 miliardi 35,2 miliardi
Televisione[208] 213,5 miliardi 2,2 miliardi
Fumetti[209] 183,2 miliardi 4,7 miliardi
Personaggi[207] 1.882,9 miliardi 111,6 miliardi
Videogiochi[210] 2.412,5 miliardi 662,5 miliardi
Conoscenza e informazione[211] 2.123,1 miliardi 105,2 miliardi
Cinema[212] 903,8 miliardi 15,6 miliardi
Musica[213] 997,3 miliardi 48,5 miliardi
Editoria[209] 5.284,6 miliardi 65 miliardi

Rapporti con la Corea del Nord[modifica | modifica wikitesto]

Secondo vari rapporti, la diffusione della hallyu in Corea del Nord è avvenuta tramite CD, DVD e chiavette USB contrabbandati dalla Cina. Alcuni nordcoreani residenti vicino alla zona demilitarizzata si sono inoltre sintonizzati illegalmente sulle radio sudcoreane.

Il nono presidente della Corea del Sud, Roh Moo-hyun, riconobbe che la hallyu potesse essere usata come mezzo per favorire la riunificazione della penisola coreana.[214] Nel maggio 2007 il drama Hwang Jin-yi, adattamento del romanzo di uno scrittore nordcoreano, divenne la prima produzione sudcoreana disponibile per la visione pubblica in Corea del Nord.[215] Tuttavia, con il termine della Sunshine policy verso la Corea del Nord, che aveva caratterizzato il mandato di Roh, e il deterioramento dei rapporti tra nord e sud, la hallyu fu velocemente bloccata dalle autorità nordcoreane, sebbene un rapporto pubblicato da Radio Free Asia suggerì che "potesse aver già fatto presa nell'isolato Stato stalinista".[216]

Nel 2010, i ricercatori dell'Istituto coreano per l'unificazione nazionale intervistarono trentatré disertori nordcoreani e scoprirono che l'impatto di show come Gyeo-ul yeon-ga aveva giocato un ruolo significativo nella loro decisione di scappare al sud. Fu inoltre rivelato che un numero ristretto di persone che vivevano presso la zona demilitarizzata aveva manomesso i propri televisori per ricevere il segnale delle emittenti sudcoreane nelle vicinanze, mentre i CD e i DVD contrabbandati dalla Cina avevano contribuito ad aumentare la presa della cultura sudcoreana in Corea del Nord.[214] Nel 2012, l'Istituto intervistò un gruppo di cento disertori. Dallo studio emerse che i media sudcoreani erano ampiamente diffusi tra l'élite nordcoreana, e che i nordcoreani che vivevano in prossimità del confine con la Cina avevano un livello di accesso all'intrattenimento del sud più alto rispetto al resto del Paese.[217] Ai notel, dispositivi multimediali popolari in Corea del Nord dal 2005, venne riconosciuto di aver aiutato a diffondere la hallyu oltre la linea di demarcazione coreana.[218][219]

Nell'ottobre 2012, il dittatore nordcoreano Kim Jong-un tenne un discorso davanti all'Armata del popolo coreano in cui giurò di "estendere la lotta all'infiltrazione ideologica e culturale del nemico". Uno studio condotto qualche tempo prima da un team internazionale su commissione del dipartimento di Stato americano era giunto alla conclusione che la Corea del Nord era "sempre più ansiosa" di contenere il flusso di informazioni, ma aveva poche possibilità di farlo, giacché c'era una "richiesta consistente" di film e programmi televisivi del sud e molti contrabbandieri dal lato cinese del confine disposti ad accontentarla.[220]

Nel febbraio 2013, l'agenzia di stampa sudcoreana Yonhap riferì che il singolo del 2012 Gangnam Style di PSY si era "diffuso in profondità in Corea del Nord", dopo che un gruppo aveva fatto entrare cd K-pop e altre merci culturali nel Paese dal confine sino-nordcoreano.[221] Il 15 maggio 2013, l'ONG Human Rights Watch confermò che "i programmi d'intrattenimento sudcoreani sono particolarmente popolari e sono serviti a minare il ritratto negativo della Corea del Sud fatto dal governo nordcoreano".[222]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Foto di Gyeo-ul yeon-ga appese sull'isola Nami.

L'industria turistica sudcoreana è stata ampiamente influenzata dalla crescente popolarità dei suoi contenuti mediatici. Secondo la Korea Tourism Organization (KTO), i turisti mensili, che nel marzo 1996 ammontavano a 331.883,[223] erano saliti a 1.389.399 nel marzo 2016.[224]

Nel 2012, la SM Entertainment si espanse nel settore dei viaggi, fornendo dei pacchetti turistici a chi desiderava andare in Corea per partecipare ai concerti degli artisti sotto contratto con l'agenzia.[225]

Riconoscendo nel K-pop e in altri aspetti della hallyu dei fattori trainanti per il turismo,[52] nel 2014 la KTO lanciò la campagna "Immagina la tua Corea", che sottolineò come l'intrattenimento coreano fosse una parte importante dell'industria turistica.[226][227] Secondo un sondaggio condotto dall'organizzazione su 3.775 fan del K-pop in Francia, il 90% desiderava visitare la Corea, e più del 75% stava già pianificando il viaggio.[225]

Anche molti fan dei drama sono motivati a visitare la Corea,[228] a volte per vedere i set come l'isola Nami, dove fu girato Gyeo-ul yeon-ga e che nel 2005 accolse oltre 270.000 visitatori, o il Parco a tema Dae Jang-geum.[52] La maggior parte dei turisti è donna.[229] Attori noti come Kim Soo-hyun sono apparsi nel materiale pubblicitario della KTO.[230]

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

L'onda coreana ha ricevuto critiche sin dal suo avvio. Alcuni analisti sostengono che sia un fenomeno temporaneo e in rallentamento,[231][232] non più di una "bolla".[154]

La hallyu è andata incontro a reazioni negative e opinioni anti-coreane in Paesi come Cina, Giappone e Taiwan.[233] Gli atteggiamenti negativi esistenti verso la cultura coreana possono trovare radici nel nazionalismo o nei conflitti storici.[154][234] In Cina, il produttore Zhang Kuoli definì la hallyu una "invasione culturale" e consigliò ai cinesi di rifiutare i prodotti importati dalla Corea.[235] In Giappone, il 26 luglio 2005 fu pubblicato un fumetto anti-coreano, Manga kenkanryu ("Odiare la hallyu"), che diventò un bestseller su Amazon Japan. L'8 agosto 2011 l'attore Sousuke Takaoka mostrò apertamente la sua repulsione verso la hallyu su Twitter, scatenando un movimento online per boicottare i programmi coreani sulle televisioni giapponesi.[236] Sentimenti anti-coreani emersero anche quando l'attrice Kim Tae-hee venne scritturata per il dorama Boku to star no 99 nichi: siccome Kim era stata un'attivista pro-Corea nella disputa per le rocce di Liancourt, alcuni giapponesi si infuriarono alla prospettiva che partecipasse ad un programma del loro Paese.[237][238] Venne organizzata una protesta contro l'attrice, che si trasformò in una manifestazione contro la hallyu in generale. Un articolo del Korea Times uscito a febbraio 2014 scrisse: "Gli esperti e gli osservatori in Corea e in Giappone dicono che, sebbene la partecipazione a queste manifestazioni sia ancora contenuta e azioni tanto estreme siano di gran lunga lontane dal prendere piede nella politica giapponese, le dimostrazioni ostili sono cresciute in dimensioni e frequenza negli ultimi mesi".[239]

Nonostante il sistema di valori confuciano e le trame centrate sulla famiglia siano stati elencati come alcune delle ragioni della popolarità delle serie coreane, molti genitori in Vietnam ne chiesero il divieto per contenuti sessuali e violenza. Affermarono inoltre che mostrassero una versione idealizzata della Corea, raffigurando matrimoni felici nonostante l'elevato numero di divorzi che si verificavano nel Paese.[154]

In Occidente, alcuni cronisti hanno notato delle somiglianze tra il sostegno del Ministero della Cultura sudcoreano alla hallyu e il coinvolgimento della CIA nella guerra fredda culturale con l'ex Unione Sovietica. Secondo la rivista The Quietus, i sospetti che la hallyu sia un'impresa sponsorizzata dal governo sudcoreano per rafforzare la sua influenza politica ha "il sentore della vecchia paura vittoriana del pericolo giallo".[240]

Tre membri della boy band TVXQ hanno denunciato la propria agenzia per abusi nel 2009.

L'industria dell'intrattenimento coreana è stata criticata per i suoi metodi e i legami con la corruzione, come riferito da Al Jazeera nel febbraio 2012.[241] Ha anche affrontato accuse di maltrattamenti nei confronti dei suoi artisti musicali: la questione esplose nel 2009, quando tre membri della boy band TVXQ portarono la propria agenzia SM Entertainment in tribunale accusandola di abusi. I cantanti sostenevano di non essere stati pagati quanto dovuto e che il loro contratto di 13 anni fosse troppo lungo. La corte si espresse a loro favore, ma le accuse di maltrattamenti continuarono ad essere dilaganti nell'industria musicale.[242] Simili denunce, oltre agli scandali delle agenzie di spettacolo e ai suicidi nel campo dell'intrattenimento, portarono un opinionista del South China Morning Post a sostenere che la hallyu "non sia un'esportazione culturale di cui andare orgogliosi".[243]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) 'Korean Wave' of pop culture sweeps across Asia, su www.cnn.com. URL consultato il 5 maggio 2019.
  2. ^ (EN) Se-i Kang, Introduction: Conceptualizing the Korean Wave. URL consultato il 5 maggio 2019.
  3. ^ Juyoung Kim, Rethinking media flow under globalisation: rising Koreanwave and Korean TV and film policy since 1980s, typescript, 2007. URL consultato il 5 maggio 2019.
  4. ^ a b c AsiaMedia :: The High Tide of the Korean Wave III: Why do Asian fans prefer Korean pop culture?, su web.archive.org, 24 marzo 2012. URL consultato il 4 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 24 marzo 2012).
  5. ^ (EN) Tae Jin Yoon e Dal Yong Jin, The Korean Wave: Retrospect and prospect: Introduction, in International Journal of Communication, vol. 11, 1º gennaio 2017, pp. 2241–2249. URL consultato il 5 maggio 2019.
  6. ^ a b c d (EN) Laura Miller, Korean TV Dramas and the Japan-Style Korean Wave. URL consultato il 5 maggio 2019.
  7. ^ Hallyu - Eine neue Form kultureller Diversität in Asien (PDF), su web.archive.org, 3 dicembre 2013. URL consultato il 2 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2013).
  8. ^ Soap, sparkle and pop, in The Economist, 9 agosto 2014. URL consultato il 5 maggio 2019.
  9. ^ a b (EN) News, Retail & Marketing, How Korea became the world’s coolest brand | Financial Post, su financialpost.com, 2 agosto 2014. URL consultato il 5 maggio 2019.
  10. ^ Kuwahara, Yasue,, The Korean wave : Korean popular culture in global context, ISBN 9781137350282, OCLC 872360915. URL consultato il 5 maggio 2019.
  11. ^ (EN) Lina Yoon, Korean Pop, with Online Help, Goes Global, in Time, 26 agosto 2010. URL consultato il 5 maggio 2019.
  12. ^ a b (EN) Mark James Russell, The Gangnam Phenom, su Foreign Policy. URL consultato il 9 maggio 2019.
  13. ^ AFP: South Korea's K-pop spreads to Latin America, su web.archive.org, 18 febbraio 2014. URL consultato il 5 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 18 febbraio 2014).
  14. ^ August Brown, K-pop enters American pop consciousness, Los Angeles Times, 29 aprile 2012.
  15. ^ (EN) Korea pushes its pop culture abroad, 8 novembre 2011. URL consultato il 5 maggio 2019.
  16. ^ PSY's 'Gangnam Style': The Billboard Cover Story, su Billboard. URL consultato il 5 maggio 2019.
  17. ^ a b Dal Yong Jin, Hallyu 2.0: The New Korean Wave in the Creative Industry, in International Institute Journal, vol. 2, nº 1, Fall 2012. URL consultato il 5 maggio 2019.
  18. ^ Valentina Marinescu, The Global Impact of South Korean Popular Culture: Hallyu Unbound, su researchgate.net, gennaio 2015.
  19. ^ (EN) Harry Kim, Surfing the Korean Wave: How K-pop is taking over the world, su The McGill Tribune, 2 febbraio 2016. URL consultato il 5 maggio 2019.
  20. ^ a b Duong Nguyen Hoai Phuong, Korean Wave as Cultural Imperialism - A study of K-pop Reception in Vietnam, Leiden University MA Thesis Asian Studies (60 EC).
  21. ^ [THE HIGH TIDE OF THE KOREAN WAVE(25)] Hallyu: the Koreanization of world culture @ HanCinema :: The Korean Movie and Drama Database, discover the South Korean cinema and drama diversity, su web.archive.org, 2 febbraio 2012. URL consultato il 4 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2012).
  22. ^ a b c Kim, Jeongmee,, Reading Asian television drama : crossing borders and breaking boundaries, ISBN 184511860X, OCLC 711047974. URL consultato il 5 maggio 2019.
  23. ^ (EN) Hwy-Chang Moon e Jimmyn Parc, Korean Dramas and Films: Key Factors for Their International Competitiveness, in Asian Journal of Social Science. URL consultato il 5 maggio 2019.
  24. ^ (EN) South Korea's Growing Soft Power, su Belfer Center for Science and International Affairs. URL consultato il 5 maggio 2019.
  25. ^ The king, the clown and the quota, in The Economist, 16 febbraio 2006. URL consultato il 6 maggio 2019.
  26. ^ 경북대학교 신문방송사 The KNU Times, su web.archive.org, 4 novembre 2014. URL consultato il 6 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2014).
  27. ^ Between local and global: The Hong Kong Film Syndrome in South Korea :: University of Southern California Dissertations and Theses, su digitallibrary.usc.edu. URL consultato il 6 maggio 2019.
  28. ^ Choi, Jinhee., The South Korean film renaissance : local hitmakers, global provocateurs, Wesleyan University Press, 2010, ISBN 9780819569868, OCLC 726747531. URL consultato il 6 maggio 2019.
  29. ^ (EN) Jimmyn Parc, The Effect of Screen Quotas and Subsidy Regime on Cultural Industry: A Case Study of French and Korean Film Industries, in Journal of International Business and Economy. URL consultato il 6 maggio 2019.
  30. ^ [Voice] What is the future of Korean film?-프린트화면, su nwww.koreaherald.com. URL consultato il 6 maggio 2019.
  31. ^ a b c d Waxing the Korean Wave (PDF), su web.archive.org, 17 aprile 2012. URL consultato il 6 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 17 aprile 2012).
  32. ^ K-pop: the story of the well-oiled industry of standardized catchy tunes, su inaglobal.fr.
  33. ^ The Effects of Protection in Cultural Industries: The Case of The Korean Film Policies |, su ecipe.org. URL consultato il 6 maggio 2019.
  34. ^ Chua, Beng Huat, e Iwabuchi, Kōichi, 1960-, East Asian pop culture : analysing the Korean wave, Hong Kong University Press, 2008, ISBN 9789888052226, OCLC 650784863. URL consultato il 6 maggio 2019.
  35. ^ (EN) Norimitsu Onishi, Roll Over, Godzilla: Korea Rules, in The New York Times, 28 giugno 2005. URL consultato il 6 maggio 2019.
  36. ^ (EN) DONALD MACINTYRE Pusan, Korea's Big Moment, in Time, 10 settembre 2001. URL consultato il 6 maggio 2019.
  37. ^ (EN) U.N. Panel Approves Protections for Foreign Films, su NPR.org. URL consultato il 6 maggio 2019.
  38. ^ a b c d e Jin, Dal Yong, 1964-, New Korean wave : transnational cultural power in the age of social media, ISBN 9780252098147, OCLC 945771870. URL consultato il 13 maggio 2019.
  39. ^ (EN) Serious turn for ‘hallyu 3.0’, su koreatimes, 3 agosto 2012. URL consultato il 7 maggio 2019.
  40. ^ (KO) Hallyu bridges gap, but rift with China remains, su Korea JoongAng Daily. URL consultato il 7 maggio 2019.
  41. ^ When the Korean wave ripples (PDF), su web.archive.org, 14 giugno 2007. URL consultato il 7 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 14 giugno 2007).
  42. ^ (EN) Y. Kuwahara, The Korean Wave: Korean Popular Culture in Global Context, Springer, 20 febbraio 2014, ISBN 9781137350282. URL consultato il 7 maggio 2019.
  43. ^ K-Wave - Nepali Times, su archive.nepalitimes.com. URL consultato il 7 maggio 2019.
  44. ^ a b (EN) Close-Up: A corner of Korea in India, su BBC News. URL consultato il 7 maggio 2019.
  45. ^ (EN) AFP, Remote Indian state hooked on Korean pop culture, su DAWN.COM, 9 maggio 2011. URL consultato il 7 maggio 2019.
  46. ^ The NE Fashion Glory | Tanya Kotnala, su web.archive.org, 26 marzo 2017. URL consultato il 7 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 26 marzo 2017).
  47. ^ 一般社団法人 日本レコード協会, su www.riaj.or.jp. URL consultato l'8 maggio 2019.
  48. ^ No constrictions on BoA's ambitions | The Japan Times Online, su web.archive.org, 27 giugno 2009. URL consultato l'8 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2009).
  49. ^ a b (EN) The Korea Herald, Remembering ‘Winter Sonata,’ the start of hallyu, su www.koreaherald.com, 30 dicembre 2011. URL consultato l'8 maggio 2019.
  50. ^ Chua, Beng Huat, e Iwabuchi, Kōichi, 1960-, East Asian pop culture : analysing the Korean wave, Hong Kong University Press, 2008, ISBN 9789888052226, OCLC 650784863. URL consultato l'8 maggio 2019.
  51. ^ (EN) Yang Jonghoe, The Korean Wave (Hallyu) in East Asia: A Comparison of Chinese, Japanese, and Taiwanese Audiences Who Watch Korean TV Dramas*, in Development and Society, vol. 41, nº 1, 2012/06, pp. 103–147. URL consultato l'8 maggio 2019.
  52. ^ a b c Hee-Joo Han e Jae-Sub Lee, A Study on the KBS TV Drama Winter Sonata and its Impact on Korea's Hallyu Tourism Development, in Journal of Travel & Tourism Marketing, vol. 24, 2-3, 1º giugno 2008, pp. 115–126, DOI:10.1080/10548400802092593. URL consultato l'8 maggio 2019.
  53. ^ (EN) Toru Hanaki, Arvind Singhal e Min Wha Han, Hanryu Sweeps East Asia: How Winter Sonata is Gripping Japan, in International Communication Gazette, vol. 69, nº 3, 1º giugno 2007, pp. 281–294, DOI:10.1177/1748048507076581. URL consultato l'8 maggio 2019.
  54. ^ (KO) 홍콩인들 "이영애·송혜교 가장 좋아", su news.chosun.com. URL consultato l'8 maggio 2019.
  55. ^ It's Hip to be Asian, su www.webcitation.org. URL consultato l'8 maggio 2019.
  56. ^ (EN) Lucy Williamson, South Korea's new pop makes waves, 26 aprile 2011. URL consultato l'8 maggio 2019.
  57. ^ a b Anthony Faiola, Japanese Women Catch the 'Korean Wave', su washingtonpost.com, 31 agosto 2006.
  58. ^ a b c (EN) Edwina Mukasa, Bored of Cowell pop? Try K-pop, in The Guardian, 15 dicembre 2011. URL consultato il 16 maggio 2019.
  59. ^ (EN) Korean Culture and Information Service South Korea, K-Drama: A New TV Genre with Global Appeal, 길잡이미디어, 18 agosto 2012, ISBN 9788973751679. URL consultato l'8 maggio 2019.
  60. ^ (EN) peachesgreen94, Korean Dramas Aired in Sri Lankan Channels, su K Wave in Sri Lanka, 6 aprile 2014. URL consultato l'8 maggio 2019.
  61. ^ Korea in Nepal / insights & social media | beed, su archive.is, 10 luglio 2016. URL consultato l'8 maggio 2019.
  62. ^ Korean fever strikes Bhutan - insideasean.com, su web.archive.org, 2 febbraio 2016. URL consultato l'8 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2016).
  63. ^ K-pop enters American pop consciousness, su articles.latimes.com.
  64. ^ admin, Secrets Behind K-Pop's Global Success Explored at SXSW Panel, su Billboard, 16 marzo 2012. URL consultato il 9 maggio 2019.
  65. ^ (EN) K-Pop taking over the world? Don't make me laugh | CNN Travel, su .. URL consultato il 9 maggio 2019.
  66. ^ (EN) Iranians hooked on Korean TV drama, su Public Radio International. URL consultato il 9 maggio 2019.
  67. ^ (EN) Int’l fans visit Korea for Seoul Drama Awards, su koreatimes, 30 agosto 2011. URL consultato il 9 maggio 2019.
  68. ^ (EN) The Korea Herald, Korea’s mark on an expectation-defying Iran, su www.koreaherald.com, 10 agosto 2011. URL consultato il 9 maggio 2019.
  69. ^ K-pop goes global, su CNN. URL consultato il 9 maggio 2019.
  70. ^ a b (EN) Remarks by President Obama at Hankuk University, su whitehouse.gov, 26 marzo 2012. URL consultato il 9 maggio 2019.
  71. ^ a b (EN) Secretary-General’s address to the National Assembly of the Republic of Korea: “The United Nations and Korea: Together, Building the Future We Want” [as prepared for delivery], su United Nations Secretary-General, 30 ottobre 2012. URL consultato il 9 maggio 2019.
  72. ^ (EN) 김한주, (LEAD)(Yonhap Interview) Peruvian vice president hopes for further economic ties, su Yonhap News Agency, 26 febbraio 2013. URL consultato il 9 maggio 2019.
  73. ^ (EN) First Lady- Archived, Last week, we picked Napa cabbage in the garden. Now, we're using it to make kimchi in the kitchen. Make it at home:pic.twitter.com/Y0L7dASZ, su @FLOTUS44, 6 febbraio 2013. URL consultato il 9 maggio 2019.
  74. ^ (EN) Min Sun Lee, South Korea Digests White House Kimchi Recipe, su WSJ, 15 febbraio 2013. URL consultato il 9 maggio 2019.
  75. ^ (EN) Eric Vilas-Boas, White House Kitchen Gets Funky in Second Term, su Esquire, 7 febbraio 2013. URL consultato il 9 maggio 2019.
  76. ^ Psy-high demand for Korean grub | The Sun |News|Sun City, su web.archive.org, 5 dicembre 2012. URL consultato il 9 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2012).
  77. ^ Südkorea - Hallyu erobert die Welt, su web.archive.org, 3 gennaio 2013. URL consultato il 9 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 3 gennaio 2013).
  78. ^ Le 20h avant l'heure : le phénomène K Pop déferle en France - Culture - MYTF1News, su web.archive.org, 7 marzo 2013. URL consultato il 9 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2013).
  79. ^ Bangkok Post Public Company Limited, Suu Kyi meets Korean soap stars, su Bangkok Post Public Company Limited. URL consultato il 10 maggio 2019.
  80. ^ (EN) 장재순, Full text of Park's inauguration speech, su Yonhap News Agency, 25 febbraio 2013. URL consultato il 10 maggio 2019.
  81. ^ (EN) Park to put policy priority on culture, su koreatimes, 20 dicembre 2012. URL consultato il 10 maggio 2019.
  82. ^ Tourism To South Korea Number of tourists visiting South Korea expected to top 10 million - ..., su web.archive.org, 20 gennaio 2015. URL consultato il 10 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 20 gennaio 2015).
  83. ^ (EN) Culture to be groomed as next growth engine, su koreatimes, 24 febbraio 2013. URL consultato il 10 maggio 2019.
  84. ^ (EN) Wan William, Chinese officials debate why China can't make a soap opera as good as South Korea's, The Washington Post, 7 marzo 2014.
  85. ^ (EN) Ock Hyun-ju, Why can't China make My Love from Star?, The Korea Herald, 10 marzo 2014.
  86. ^ (EN) Int'l Press Picks Up on Alien Soap Craze in China, The Chosun Ilbo, 10 marzo 2014.
  87. ^ (EN) Shin Kyun-jin e Yang Sung-hee, Hallyu booming again in China, bigger than ever, Korea JoongAng Daily, 14 marzo 2014.
  88. ^ (EN) Caitlin Beck, 2NE1: South Korean Band Member CL To Release US Solo Album, su Hollywood Life, 16 ottobre 2014. URL consultato il 10 maggio 2019.
  89. ^ Why CL's Ultra Performance Was Way More Than a Cool Cameo, su Billboard. URL consultato il 10 maggio 2019.
  90. ^ (EN) Inside CL’s four-year struggle to make it big(ger) in America, su The FADER. URL consultato il 10 maggio 2019.
  91. ^ (EN) 'Descendants of the Sun' sets new standards for K-dramas in 2016, su koreatimes, 25 dicembre 2016. URL consultato il 12 maggio 2019.
  92. ^ (ES) 김소현, 'Los descendientes del sol' consigue más de 2.000 millones de espectadores en la página web iQiyi de China, su Agencia de Noticias Yonhap, 6 aprile 2016. URL consultato il 31 maggio 2019.
  93. ^ (EN) Tessa Wong, Descendants of the Sun: the Korean military romance sweeping Asia, 27 marzo 2016. URL consultato il 31 maggio 2019.
  94. ^ (EN) John Kang, Korean Drama 'Descendants Of The Sun' Breaks Records Thanks To Chinese Investments, su Forbes. URL consultato il 31 maggio 2019.
  95. ^ (EN) Minji Kim, Senior Analyst, Beauty, Fashion, Euromonitor International, The rising wave of Korean beauty, su in-cosmetics News, 25 giugno 2015. URL consultato il 12 maggio 2019.
  96. ^ Hallyu and The Rise of Korean Cosmetics in China | City Weekend, su web.archive.org, 13 ottobre 2017. URL consultato il 12 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 13 ottobre 2017).
  97. ^ A Korean Wave: The Rise Of K-Beauty In Sri Lanka, su www.magzter.com. URL consultato il 12 maggio 2019.
  98. ^ (EN) Mak Lawrence Li, K-pop a boon for cosmetics shops, Business, Phnom Penh Post, su www.phnompenhpost.com. URL consultato il 12 maggio 2019.
  99. ^ Korean Brands Increasingly Popular in Thailand, su cosmetic, 26 dicembre 2014. URL consultato il 12 maggio 2019.
  100. ^ (EN) 5 Skincare brands found in Malaysia that are worth trying, su Marie France Asia, women's magazine, 7 settembre 2016. URL consultato il 12 maggio 2019.
  101. ^ (EN) Mio Yamada, The Korean beauty secrets are out, in The Japan Times Online, 13 luglio 2012. URL consultato il 12 maggio 2019.
  102. ^ (EN) Zack O'Malley Greenburg, Bigbang Theory: How K-Pop's Top Act Earned $44 Million In A Year, su Forbes. URL consultato il 10 maggio 2019.
  103. ^ (EN) First KCON in Middle East draws thousands – The Korea Times, su koreatimesus.com. URL consultato il 31 maggio 2019.
  104. ^ (EN) Hallyu theme park to open in Goyang, su Imagine Your Korea: Go Korea by KTO London, 24 maggio 2016. URL consultato il 31 maggio 2019.
  105. ^ K-Pop Superstars BTS to Perform for First Time on an American Awards Show at 2017 AMAs, su Billboard. URL consultato il 12 maggio 2019.
  106. ^ The Tonight Show Starring Jimmy Fallon, Jimmy Interviews the Biggest Boy Band on the Planet BTS, 25 settembre 2018. URL consultato il 12 maggio 2019.
  107. ^ (EN) Taylor Glasby, How BTS became the world's biggest boyband, in The Guardian, 11 ottobre 2018. URL consultato il 12 maggio 2019.
  108. ^ (EN) Watch BTS Address the United Nations With an Emotional Speech About Self-Acceptance, su Vogue. URL consultato il 12 maggio 2019.
  109. ^ BTS to get medal for spreading Korean culture: presidential office, su kpopherald.koreaherald.com. URL consultato il 12 maggio 2019.
  110. ^ (EN) Caitlin Kelley, BTS Lead The Growth Of Hallyu To Nearly 90 Million Fans Worldwide In 2018, su Forbes. URL consultato il 12 maggio 2019.
  111. ^ (EN) Record Numbers Embrace Overseas Online Shopping, su english.chosun.com. URL consultato il 12 maggio 2019.
  112. ^ a b c (EN) YouTube is Taking K-Pop GlobalPatty Ahn / University of California San Diego – Flow, su flowjournal.org. URL consultato il 14 maggio 2019.
  113. ^ Korean Wave| K-Pop Fans React: Hybridity and the White Celebrity-Fan on YouTube, su ijoc.org.
  114. ^ Kuwahara, Yasue,, The Korean wave : Korean popular culture in global context, ISBN 9781137350282, OCLC 872360915. URL consultato il 14 maggio 2019.
  115. ^ (EN) Irina Lyan e Sulafa Zidani, When Gangnam Hits the Middle East: Re-makes as Identity Practice. URL consultato il 14 maggio 2019.
  116. ^ (EN) The $4.7 Billion K-Pop Industry Chases Its ‘Michael Jackson Moment’, 22 agosto 2017. URL consultato il 14 maggio 2019.
  117. ^ KOFICE 한국국제문화교류진흥원, su kofice.or.kr. URL consultato il 15 maggio 2019.
  118. ^ a b (EN) The Korea Herald, K-pop drives hallyu craze: survey, su www.koreaherald.com, 13 giugno 2011. URL consultato il 16 maggio 2019.
  119. ^ (EN) Gunther, Hallyu fans and gender control, su East Asia Forum, 11 novembre 2016. URL consultato il 17 maggio 2019.
  120. ^ a b (EN) 89,000,000 'hallyu' fans worldwide, su koreatimes, 11 gennaio 2019. URL consultato il 16 maggio 2019.
  121. ^ Source : Ministry of Foreign Affairs and Trade (South Korea), su www.webcitation.org. URL consultato il 17 maggio 2019.
  122. ^ a b c (EN) Middle East: Korean pop 'brings hope for peace', 7 agosto 2013. URL consultato il 17 maggio 2019.
  123. ^ (EN) The Korea Herald, K-pop craze boosts Korea’s public diplomacy, su www.koreaherald.com, 27 gennaio 2013. URL consultato il 17 maggio 2019.
  124. ^ (EN) Korean Culture and Information Service (KOCIS), K-pop magazine published in Russia : Korea.net : The official website of the Republic of Korea, su www.korea.net. URL consultato il 17 maggio 2019.
  125. ^ (EN) Damien Cave, For Migrants, New Land of Opportunity Is Mexico, in The New York Times, 21 settembre 2013. URL consultato il 17 maggio 2019.
  126. ^ La vague coréenne déferle sur le Zénith, su FIGARO, 9 giugno 2011. URL consultato il 17 maggio 2019.
  127. ^ K-POP İstanbul'u sallayacak! - Milliyet.com.tr, su web.archive.org, 14 dicembre 2013. URL consultato il 17 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2013).
  128. ^ (EN) 심선아, Overseas 'hallyu' fan clubs estimated to have 3.3 million members, su Yonhap News Agency, 1º novembre 2011. URL consultato il 17 maggio 2019.
  129. ^ Riding the ‘Korean Wave’-프린트화면, su nwww.koreaherald.com. URL consultato il 17 maggio 2019.
  130. ^ (EN) `Hallyu' fans swell to 10 mil., su koreatimes, 8 gennaio 2014. URL consultato il 17 maggio 2019.
  131. ^ (KO) 2015년도 지구촌 한류현황 발간, su www.kf.or.kr. URL consultato il 17 maggio 2019.
  132. ^ (KO) 신유리, 전 세계 한류 팬 6천만 명…대한민국 인구 뛰어넘었다, su 연합뉴스, 25 gennaio 2017. URL consultato il 19 maggio 2019.
  133. ^ (KO) 한국국제교류재단 ‘2017 지구촌 한류현황’ 발간 - 재외동포신문, su www.dongponews.net. URL consultato il 19 maggio 2019.
  134. ^ Ministry of Foreign Affairs, Republic of Korea, su web.archive.org, 26 aprile 2015. URL consultato il 18 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2015).
  135. ^ South Korea-China Mutual Perceptions: The Good, The Bad, and The Ugly (PDF), su web.archive.org, 26 aprile 2015. URL consultato il 18 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2015).
  136. ^ Asia Times Online :: China News, China Business News, Taiwan and Hong Kong News and Business., su web.archive.org, 3 marzo 2016. URL consultato il 18 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2016).
  137. ^ 温家宝总理接受韩国新闻媒体联合采访, su web.archive.org, 23 dicembre 2015. URL consultato il 18 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 23 dicembre 2015).
  138. ^ (EN) Jeyup S. Kwaak, South Korean Soap Operas: Just Lowbrow Fun?, su WSJ, 23 luglio 2013. URL consultato il 18 maggio 2019.
  139. ^ (EN) Jaeyeon Woo, Chinese Fans of Korean Soap Operas: Don’t Call Us Dumb, su WSJ, 20 marzo 2014. URL consultato il 18 maggio 2019.
  140. ^ Emiko Jozuka and Sol Han CNN, Why South Korean companies, entertainers are getting cold shoulder in China, su CNN. URL consultato il 18 maggio 2019.
  141. ^ (EN) Nicola Smith, South Korea's 'K-pop' stars caught in the crossfire of diplomatic spat with China, in The Telegraph, 4 dicembre 2016. URL consultato il 18 maggio 2019.
  142. ^ (EN) OEC - South Korea (KOR) Exports, Imports, and Trade Partners, su atlas.media.mit.edu. URL consultato il 18 maggio 2019.
  143. ^ (EN) Still no end to China’s ban on group tours to South Korea, su South China Morning Post, 20 dicembre 2017. URL consultato il 18 maggio 2019.
  144. ^ (EN) Lee Kwang Soo, BTS, EXO In Trouble After China-Korean Conflict, su Digital Music News, 6 marzo 2017. URL consultato il 18 maggio 2019.
  145. ^ (EN) 심선아, EXO's China concert postponed amid row over THAAD, su Yonhap News Agency, 7 dicembre 2016. URL consultato il 18 maggio 2019.
  146. ^ Lindsay Maizland, The surprising reason why China is blocking South Korean music videos and TV, su Vox, 3 marzo 2017. URL consultato il 18 maggio 2019.
  147. ^ (EN) Sonia Kil, Sonia Kil, China’s Blockade of Cultural Korea Marks Troublesome Anniversary, su Variety, 24 agosto 2017. URL consultato il 18 maggio 2019.
  148. ^ (EN) Amy Qin e Choe Sang-Hun, South Korean Missile Defense Deal Appears to Sour China’s Taste for K-Pop, in The New York Times, 7 agosto 2016. URL consultato il 18 maggio 2019.
  149. ^ (EN) The Korea Herald, Future of hallyu beyond China?, su www.koreaherald.com, 1º gennaio 2017. URL consultato il 19 maggio 2019.
  150. ^ a b (EN) Asia Today, China Virtually Ends Hallyu Ban, su HuffPost, 2 novembre 2017. URL consultato il 19 maggio 2019.
  151. ^ (EN) China begins to lift ban on group tours to South Korea, su Financial Times. URL consultato il 19 maggio 2019.
  152. ^ Diplomatic Bluebook 2005 (PDF), su mofa.go.jp.
  153. ^ Japanese housewives are crazy about Korean stars - GlobalTimes, su web.archive.org, 7 gennaio 2014. URL consultato il 19 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2014).
  154. ^ a b c d e Reading the "Korean Wave" as a Sign of Global Shift, su www.ekoreajournal.net. URL consultato il 19 maggio 2019.
  155. ^ (EN) Anti-Korean Wave in Japan turns political | CNN Travel, su travel.cnn.com. URL consultato il 19 maggio 2019.
  156. ^ (EN) Huang Shuling, Nation-branding and transnational consumption: Japan-mania and the Korean wave in Taiwan, in Media, culture and society (London).. URL consultato il 20 maggio 2019.
  157. ^ (EN) Sang-Yeon Sung, Constructing a New Image. Hallyu in Taiwan (XML), in European Journal of East Asian Studies, vol. 9, nº 1, 1º gennaio 2010, pp. 25–45, DOI:10.1163/156805810X517652. URL consultato il 20 maggio 2019.
  158. ^ (EN) Ming-Yeh Rawnsley (蔡明燁), 'Korean Wave' in Taiwan: The Cultural Representation of Identities and Food in Korean TV Drama Daejanggeum (2014), in Reading Asian Television Drama: Crossing Borders and Breaking Boundaries (ed. Jeongmee Kim), pp.215-237. URL consultato il 20 maggio 2019.
  159. ^ Taiwan News, Upcoming K-pop concerts in Taiwan in Aug. and..., su Taiwan News. URL consultato il 20 maggio 2019.
  160. ^ Saudi Gazette - The ‘Asian Wave’ hits Saudi Arabia, su web.archive.org, 6 gennaio 2014. URL consultato il 21 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2014).
  161. ^ K--Pop Concerts Head To New Countries As Hallyu Expands, su KpopStarz, 2 settembre 2014. URL consultato il 21 maggio 2019.
  162. ^ (EN) Liew Khiun, “Hallyu in Singapore: Korean Cosmopolitanism or the Consumption of Chineseness?”, in Korea Journal 45:4 (2006): 206-32. With Kelly Fu.. URL consultato il 21 maggio 2019.
  163. ^ Kim, Youna,, The Korean wave : Korean media go global, ISBN 9780415712781, OCLC 846889740. URL consultato il 21 maggio 2019.
  164. ^ (EN) Norimitsu Onishi, Roll Over, Godzilla: Korea Rules, in The New York Times, 28 giugno 2005. URL consultato il 21 maggio 2019.
  165. ^ Reality Television and Arab Politics, su www.goodreads.com. URL consultato il 21 maggio 2019.
  166. ^ Israeli fans latch on to ever-mobile K-pop wave | Music Asia | K-pop News - Asia Music Portal, su web.archive.org, 18 gennaio 2015. URL consultato il 23 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2015).
  167. ^ a b (EN) Irina Lyan e Nissim Otmazgin, Hallyu across the Desert: K-pop Fandom in Israel and Palestine, in CROSS-CURRENTS: EAST ASIAN HISTORY AND CULTURE REVIEW. URL consultato il 23 maggio 2019.
  168. ^ (EN) Irina Lyan, Fan Entrepreneurship: Fandom, Agency, and the Marketing of Hallyu in Israel, in Kritika Kultura. URL consultato il 23 maggio 2019.
  169. ^ (EN) Alon Levkowitz e Irina Lyan, From Holy Land to ‘Hallyu Land’: The symbolic journey following the Korean Wave in Israel, in The Journal of Fandom Studies, vol. 3, pp. 7–21. URL consultato il 23 maggio 2019.
  170. ^ `Autumn In My Heart` Syndrome in Egypt, su english.kbs.co.kr. URL consultato il 23 maggio 2019.
  171. ^ (EN) Book probes transnational identity of ’hallyu’, su koreatimes, 29 luglio 2011. URL consultato il 23 maggio 2019.
  172. ^ IRIB director visits location of South Korean TV series popular in Iran - Tehran Times, su web.archive.org, 28 ottobre 2012. URL consultato il 23 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 28 ottobre 2012).
  173. ^ IRIB director meets South Korean media officials, su web.archive.org, 27 ottobre 2012. URL consultato il 23 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2012).
  174. ^ Song Il Gook is a superstar in Iran because of Jumong — allkpop, su web.archive.org, 1º aprile 2010. URL consultato il 23 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 1º aprile 2010).
  175. ^ Scholars illuminates Silla-Persian royal wedding, su m.koreatimes.co.kr, 28 ottobre 2012. URL consultato il 23 maggio 2019.
  176. ^ (EN) Korean Culture and Information Service (KOCIS), Korean wave finds welcome in Iraq : Korea.net : The official website of the Republic of Korea, su www.korea.net. URL consultato il 24 maggio 2019.
  177. ^ 연합뉴스 : 바른언론 빠른뉴스, su archive.fo, 13 aprile 2013. URL consultato il 24 maggio 2019.
  178. ^ (KO) 김재중, 터키 국빈 만찬 참여..한류스타 위상, su 네이트뉴스. URL consultato il 24 maggio 2019.
  179. ^ Hallyu in Morocco, the Land of Atlas - :: KOREA FOCUS ::, su web.archive.org, 15 marzo 2018. URL consultato il 24 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2018).
  180. ^ (EN) The Korea Herald, ‘Han Gong-ju’ wins Golden Star at Marrakech film festival, su www.koreaherald.com, 8 dicembre 2013. URL consultato il 24 maggio 2019.
  181. ^ Transcript 18466 | PM Transcripts, su pmtranscripts.pmc.gov.au. URL consultato il 24 maggio 2019.
  182. ^ Foreign Relations - Asia Regional Structures - NZ Asia Institute Conference - NZ Ministry of Foreign Affairs and Trade, su web.archive.org, 10 febbraio 2013. URL consultato il 24 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2013).
  183. ^ (EN) ADZ-Online - Hallyu in Rumänien – ein Phänomen aus Südkorea, su www.adz.ro. URL consultato il 24 maggio 2019.
  184. ^ (FR) ROUMANIE. Mon feuilleton coréen, bien mieux qu’une telenovela, su Courrier international, 15 febbraio 2011. URL consultato il 24 maggio 2019.
  185. ^ (EN) Anglo-Korean Society Dinner, su GOV.UK. URL consultato il 25 maggio 2019.
  186. ^ (FR) Ministère de l'Europe et des Affaires étrangères, Relations bilatérales, su France Diplomatie : : Ministère de l'Europe et des Affaires étrangères. URL consultato il 25 maggio 2019.
  187. ^ Auswärtiges Amt - Kultur und Bildung, su web.archive.org, 21 febbraio 2012. URL consultato il 25 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2012).
  188. ^ Associazione NewType Media, Drama coreani in Italia?, su AnimeClick.it. URL consultato il 26 maggio 2019.
  189. ^ Associazione NewType Media, Drama coreani in Italia: Ecco come è andata a finire, su AnimeClick.it. URL consultato il 26 maggio 2019.
  190. ^ Veronica Croce, “DREAM HIGH” A SETTEMBRE IN ITALIA, su Mugunghwa Dream, 1º agosto 2013. URL consultato il 26 maggio 2019.
  191. ^ KBS Drama Wins at the Prix Italia 2015, su english.kbs.co.kr. URL consultato il 26 maggio 2019.
  192. ^ (EN) Korean Culture and Information Service (KOCIS), Korean Cultural Center opens in Rome : Korea.net : The official website of the Republic of Korea, su www.korea.net. URL consultato il 26 maggio 2019.
  193. ^ (EN) Remarks by President Obama and President Park of South Korea in a Joint Press Conference, su whitehouse.gov, 7 maggio 2013. URL consultato il 25 maggio 2019.
  194. ^ Video Recording for the Republic of Korea's Independence Day, su U.S. Department of State. URL consultato il 25 maggio 2019.
  195. ^ (ES) Ahn Jae Wook, el actor que encantó en Un Deseo a las Estrellas, su RPP. URL consultato il 31 maggio 2019.
  196. ^ Boom coreano ya no sólo es música: crece interés por idioma y posgrados en Seúl, su web.archive.org, 1º agosto 2012. URL consultato il 31 maggio 2019.
  197. ^ Jin, Jianren., Yang, Zhaoquan. e 金健人., Da Han min guo lin shi zheng fu zai Hangzhou, Di 1 ban, Guo ji wen hua chu ban gong si, 2008, ISBN 9787801737793, OCLC 320532074. URL consultato il 26 maggio 2019.
  198. ^ (EN) Yang Liu, The Latest Korean TV Format Wave on Chinese Television: A Political Economy Analysis, 21 agosto 2014. URL consultato il 26 maggio 2019.
  199. ^ 중국판 런닝맨 ‘달려라형제(奔跑吧, 兄弟!)’ 중국서 인기 폭발! | DuDu China, su web.archive.org, 18 febbraio 2015. URL consultato il 26 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 18 febbraio 2015).
  200. ^ Popular China TV show Running Man to be filmed in Australia - News & Media - Tourism Australia, su web.archive.org, 22 dicembre 2015. URL consultato il 26 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2015).
  201. ^ (EN) Doobo Shim, Hybridity and the rise of Korean popular culture in Asia, in Media, Culture & Society, vol. 28, nº 1, 2006-01, pp. 25–44, DOI:10.1177/0163443706059278. URL consultato il 26 maggio 2019.
  202. ^ 2012 BBC Country Ratings (PDF), su globescan.com.
  203. ^ a b (EN) South Korea's K-pop takes off in the west, su Financial Times. URL consultato il 26 maggio 2019.
  204. ^ Hallyu, yeah!, in The Economist, 25 gennaio 2010. URL consultato il 26 maggio 2019.
  205. ^ a b (EN) Korean Cultural Exports Still Booming, su english.chosun.com. URL consultato il 26 maggio 2019.
  206. ^ Hallyu seeks sustainability, su www.webcitation.org. URL consultato il 26 maggio 2019.
  207. ^ a b 2012년 1분기 콘텐츠산업 동향분석보고서 (애니메이션/캐릭터산업편) (PDF), su kocca.kr.
  208. ^ 2012년 1분기 콘텐츠산업 동향분석보고서 (방송(방송영상독립제작사포함)산업편) (PDF), su kocca.or.kr.
  209. ^ a b 2012년 1분기 콘텐츠산업 동향분석보고서 (출판/만화산업편) (PDF), su kocca.kr.
  210. ^ 2012년 1분기 콘텐츠산업 동향분석보고서 (게임산업편) (PDF), su kocca.kr.
  211. ^ 2012년 1분기 콘텐츠산업 동향분석보고서 (지식정보산업편) (PDF), su kocca.or.kr.
  212. ^ 2012년 1분기 콘텐츠산업 동향분석보고서 (영화산업편) (PDF), su kocca.kr.
  213. ^ 2012년 1분기 콘텐츠산업 동향분석보고서 (음악산업편) (PDF), su kocca.kr.
  214. ^ a b (EN) "Korean Wave" set to swamp North Korea, academics say, in Reuters, 29 aprile 2011. URL consultato il 29 maggio 2019.
  215. ^ Refworld | North Korea cracks down on 'Korean wave' of illicit TV, su archive.fo, 16 aprile 2013. URL consultato il 29 maggio 2019.
  216. ^ (EN) North Korea Cracks Down on Korean Wave of Illicit TV, su Radio Free Asia. URL consultato il 29 maggio 2019.
  217. ^ (EN) #, Winds of Unification Still Blowing..., su DailyNK, 28 giugno 2012. URL consultato il 29 maggio 2019.
  218. ^ Cheap Chinese EVD player spreads S. Korean culture in N. Korea, su web.archive.org, 2 aprile 2015. URL consultato il 29 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  219. ^ (FR) 오정훈, «Diffusion de la vague coréenne «hallyu» au Nord par TV portable», su Agence de presse Yonhap, 22 ottobre 2013. URL consultato il 29 maggio 2019.
  220. ^ (EN) North Korea cracks down on knowledge smugglers, su Salon, 31 dicembre 2012. URL consultato il 29 maggio 2019.
  221. ^ (EN) 박보람, Latest S. Korean pop culture penetrates N. Korea, su Yonhap News Agency, 13 febbraio 2013. URL consultato il 29 maggio 2019.
  222. ^ (EN) Human Rights Watch, North Korea: Stop Crackdown on Economic ‘Crimes’, su Human Rights Watch, 15 maggio 2013. URL consultato il 29 maggio 2019.
  223. ^ Korea, Monthly Statistics of Tourism(1975~1996) | Key facts on tourism | Tourism Statistics, su kto.visitkorea.or.kr. URL consultato il 30 maggio 2019.
  224. ^ Korea, Monthly Statistics of Tourism | Key facts on tourism | Tourism Statistics, su kto.visitkorea.or.kr. URL consultato il 30 maggio 2019.
  225. ^ a b (EN) Harnessing K-Pop for tourism | CNN Travel, su .. URL consultato il 30 maggio 2019.
  226. ^ KTO launches 'Imagine your Korea' - ETB Travel NewsETB Travel News Asia, su web.archive.org, 1º luglio 2015. URL consultato il 30 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2015).
  227. ^ (EN) KTO Launches Imagine Your Korea Campaign, su www.superadrianme.com, 28 luglio 2014. URL consultato il 30 maggio 2019.
  228. ^ Seongseop (Sam) Kim, Sangkyun (Sean) Kim e Cindy (Yoonjoung) Heo, Assessment of TV Drama/Film Production Towns as a Rural Tourism Growth Engine, in Asia Pacific Journal of Tourism Research, vol. 20, nº 7, 3 luglio 2015, pp. 730–760, DOI:10.1080/10941665.2014.927378. URL consultato il 30 maggio 2019.
  229. ^ May-Lee Chai, A Review of “Art, Politics, and Commerce in Chinese Cinema”, in Asian Affairs: An American Review, vol. 37, nº 4, 30 novembre 2010, pp. 236–238, DOI:10.1080/00927678.2010.524049. URL consultato il 30 maggio 2019.
  230. ^ (EN) Kim Soo-hyun elected tourism ambassador, su sg.news.yahoo.com. URL consultato il 30 maggio 2019.
  231. ^ (EN) The Korea Herald, [THE HIGH TIDE OF THE KOREAN WAVE(4)] Korean Wave: A view from America`s shores, su www.koreaherald.com, 4 aprile 2010. URL consultato il 6 giugno 2019.
  232. ^ [THE HIGH TIDE OF THE KOREAN WAVE(28)] Ebbing tide of Hallyu slows film industry @ HanCinema :: The Korean Movie and Drama Database, su web.archive.org, 4 dicembre 2013. URL consultato il 6 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2013).
  233. ^ (EN) Korean Wave backlash in Taiwan, su www.donga.com. URL consultato il 30 maggio 2019.
  234. ^ Anti-Korean Wave backlash has political, historical causes, su Korea JoongAng Daily. URL consultato il 30 maggio 2019.
  235. ^ (EN) R. Maliangkay, When the Korean wave ripples, su IIAS Newsletter, 42, 15 (2006), 2006. URL consultato il 30 maggio 2019.
  236. ^ (EN) Talk of the Town: Anti-Korean Wave?, su Soompi, 1312134670. URL consultato il 30 maggio 2019.
  237. ^ (EN) Kim Tae-hee faces protests by Japanese, su sg.news.yahoo.com. URL consultato il 30 maggio 2019.
  238. ^ (EN) Japanese Activists Held for Threatening Kim Tae-hee, su english.chosun.com. URL consultato il 30 maggio 2019.
  239. ^ (EN) Anti-hallyu voices growing in Japan, su koreatimes, 21 febbraio 2014. URL consultato il 30 maggio 2019.
  240. ^ (EN) The Quietus | Opinion | Wreath Lectures | Gangnam Style & How The World Woke Up To The Genius Of K-Pop, su The Quietus. URL consultato il 30 maggio 2019.
  241. ^ South Korea's Pop Wave - Al Jazeera English, su www.aljazeera.com. URL consultato il 30 maggio 2019.
  242. ^ (EN) Lucy Williamson, The dark side of South Korean pop, 15 giugno 2011. URL consultato il 30 maggio 2019.
  243. ^ (EN) K-pop is an infectious disease, not a great cultural export, su South China Morning Post, 30 dicembre 2017. URL consultato il 3 giugno 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Corea Portale Corea: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Corea