Moon Jae-in

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Moon Jae-in
문재인
文在寅
Moon Jae-in presidential portrait.jpg
Ritratto ufficiale di Moon Jae-in

12º Presidente della Corea del Sud
Durata mandato 10 maggio 2017 –
10 maggio 2022
Capo del governo Lee Nak-yon
Chung Sye-kyun
Kim Boo-kyum
Predecessore Hwang Kyo-ahn (ad interim)
Successore Yoon Suk-yeol

Dati generali
Partito politico Partito Democratico Unito
Università Università Kyung Hee
Firma Firma di Moon Jae-in 문재인 文在寅

Moon Jae-in[1] (문재인?, Mun Jae-inLR, Mun Chae-inMR; Geoje, 24 gennaio 1953) è un politico sudcoreano, Presidente della Corea del Sud dal 10 maggio 2017 al 10 maggio 2022.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di rifugiati nordcoreani, per diversi anni ha esercitato la professione di avvocato specializzato in diritti umani.[2] Candidato alle elezioni presidenziali del 2012 per il Partito Democratico Unito, è stato sconfitto dalla leader del Partito Saenuri, Park Geun-hye.[3] Durante la campagna elettorale, i servizi segreti sudcoreani hanno organizzato una campagna diffamatoria contro di lui per influenzare gli elettori a favore dei conservatori. Il capo dei servizi segreti è stato condannato a quattro anni di prigione nel 2017.[4] Dopo la destituzione per impeachment di Park Geun-hye, si è presentato nuovamente alle elezioni presidenziali del 2017 risultando eletto Presidente dal Paese il 9 maggio 2017; è entrato in carica il giorno successivo.

Moon alla sua prima conferenza stampa come Presidente nel 2017

È il secondo presidente cattolico nella storia della Corea del Sud, dopo Kim Dae-jung; il suo nome di battesimo è Timothy.[5] Come capo di stato ha inaugurato le Olimpiadi e Paralimpiadi di PyeongChang 2018.

Il 27 aprile 2018 durante il Vertice inter-coreano di aprile 2018 Moon è diventato il primo presidente sudcoreano a mettere piede in Corea del Nord, nell'area demilitarizzata, su invito del dittatore nordcoreano Kim Jong-un, che è diventato a sua volta il primo capo di stato nordcoreano a entrare in Corea del Sud. Nel settembre 2018, Moon è stato invitato a Pyongyang per tre giorni da Kim Jong-un, per un Summit, questa volta, in Corea del Nord.

Il salario minimo è stato aumentato del 16,4% nel 2017. In un rapporto del 2018, la ONG Oxfam ha citato la Corea del Sud come uno dei pochi paesi dell'Asia ad aver fatto sforzi per ridurre la disuguaglianza quell'anno.[6]

Il riavvicinamento intercoreano suscita ampio entusiasmo tra la popolazione sudcoreana: la popolarità di Moon Jae-in ha raggiunto il 68% nell'aprile 2018. D'altra parte, questa apertura è osteggiata da certe organizzazioni evangeliche, che tengono un discorso xenofobo e anticomunista.[7] Il Partito Democratico di Moon Jae-in ha ottenuto una grande vittoria nelle elezioni legislative di aprile 2020, con 163 seggi su 300, e 17 seggi per un partito alleato, in un contesto di alta affluenza alle urne (66,2%, il tasso più alto del paese dal 1992).

Nell'agosto 2021, ha graziato l'ex amministratore delegato del gruppo Samsung, Lee Jae-yong, condannato per corruzione e appropriazione indebita. Mentre questa misura è stata richiesta dalla destra, è controversa all'interno del partito presidenziale. Park Yong-jin, uno dei candidati alle primarie democratiche per le elezioni presidenziali del 2022, lo vede come un "affronto allo stato di diritto", dimostrando che "i ricchi e potenti hanno sempre un risultato favorevole". Nel dicembre 2021, ha anche graziato l'ex presidente conservatore Park Geun-hye, condannata per corruzione e abuso di potere. Questa decisione è stata accolta con freddezza sia dalla destra, che sospetta una "manovra" per indebolirlo a pochi mesi dalle elezioni presidenziali, sia da una parte del campo democratico.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze sudcoreane[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro e Cavaliere dell'Ordine di Mugunghwa - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Cavaliere dell'Ordine di Mugunghwa
— 3 maggio 2022
Gran Maestro dell'Ordine al Merito della Fondazione Nazionale - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito della Fondazione Nazionale
Gran Maestro dell'Ordine al Merito Civile - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito Civile
Gran Maestro dell'Ordine al Merito Militare - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito Militare
Gran Maestro dell'Ordine al Merito per Servizio - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito per Servizio
Gran Maestro dell'Ordine al Merito della Sicurezza Nazionale - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito della Sicurezza Nazionale
Gran Maestro dell'Ordine al Merito del Servizio Diplomatico - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito del Servizio Diplomatico
Gran Maestro dell'Ordine al Merito del Servizio Industriale - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito del Servizio Industriale
Gran Maestro dell'Ordine al Merito del Servizio al Movimento Nuova Comunità - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito del Servizio al Movimento Nuova Comunità

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Grande Stella dell'Ordine al merito della Repubblica austriaca - nastrino per uniforme ordinaria Grande Stella dell'Ordine al merito della Repubblica austriaca
— Vienna, 14 giugno 2021
Collare d'oro dell'Ordine olimpico (CIO) - nastrino per uniforme ordinaria Collare d'oro dell'Ordine olimpico (CIO)
— Seul, 30 agosto 2018[8]
Gran Collare dell'Ordine di Boyacá (Colombia) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine di Boyacá (Colombia)
— Bogotà, 25 agosto 2021
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine reale norvegese di Sant'Olav (Regno di Norvegia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine reale norvegese di Sant'Olav (Regno di Norvegia)
— Oslo, 12 giugno 2019[9]
Collare dell'Ordine al Merito Civile (Regno di Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine al Merito Civile (Regno di Spagna)
— Madrid, 8 giugno 2021[10]
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Regno di Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Regno di Svezia)
— Stoccolma, 14 giugno 2019[11]
Ordine per meriti eccezionali (Slovenia) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine per meriti eccezionali (Slovenia)
— Lubiana, 21 settembre 2021

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nell'onomastica coreana il cognome precede il nome. "Moon" è il cognome.
  2. ^ Corea del Sud, Moon presidente, su corriere.it. URL consultato il 3 settembre 2017.
  3. ^ Corea del Sud, eletto il primo presidente donna, su corriere.it. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  4. ^ South Korea's ex-spy chief Won Sei-Hoon jailed for election meddling, su The New Indian Express.
  5. ^ Andrea Tornielli, Il Papa: “Sono disposto a visitare la Corea del Nordˮ, su Vatican Insider, lastampa.it, 18 ottobre 2018. URL consultato il 19 ottobre 2018.
  6. ^ (EN) The Commitment to Reducing Inequality Index 2018, su Oxfam International, 9 ottobre 2019.
  7. ^ (FR) L’hostilité à Moon Jae-in ravive l’extrémisme évangélique sud-coréen, in Le Monde.fr, 26 dicembre 2019.
  8. ^ Korea
  9. ^ Kongehuset
  10. ^ Bollettino Ufficiale di Stato, su boe.es.
  11. ^ South Korean State Visit to Sweden

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente della Corea del Sud Successore Seal of the President of the Republic of Korea.svg
Hwang Kyo-ahn
(ad interim)
10 maggio 2017 - 10 maggio 2022 Yoon Suk-yeol
Controllo di autoritàVIAF (EN173142372 · ISNI (EN0000 0001 2338 3209 · LCCN (ENno2011111088 · GND (DE1023544296 · BNF (FRcb17926430k (data) · J9U (ENHE987007415917605171 · NDL (ENJA001267470 · WorldCat Identities (ENlccn-no2011111088