YG Entertainment

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
YG Entertainment
Logo
StatoCorea del Sud Corea del Sud
Forma societariaAzienda pubblica
Fondazione26 febbraio 1996
Fondata daYang Hyun-suk
Sede principaleHapjeong-dong
Persone chiaveHwang Bo-kyung (CEO)
SettoreIntrattenimento
ProdottiMusica
Dipendenti668 (2010[1])
Slogan«Vibe the new flow»
Sito web

La YG Entertainment Inc. (YG 엔터테인먼트?, YG娛樂?, conosciuta anche come ygent) è una società di intrattenimento sudcoreana, fondata nel 1996 da Yang Hyun-suk[2]. La società opera come etichetta discografica, agenzia di talenti, organizzazione di eventi e produzioni di concerti. Inoltre, la società gestisce una serie di sussidiarie, con una società commerciale separata, la YG Plus, che comprende una linea di abbigliamento, un'agenzia di golf e un marchio di cosmetici[3].

Attualmente è una delle più grandi società di intrattenimento della Corea del Sud[4].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

1996-2005: Primi successi[modifica | modifica wikitesto]

Yang Hyun-suk, fondatore della YG

Nel marzo 1996, Yang Hyun-suk ex membro del gruppo Seo Taiji and Boys, fondò la YG Entertainment insieme al fratello minore Yang Min-suk[5]. I primi artisti della YG furono un trio dal nome Keep Sik. Quando non riuscirono ad avere popolarità, Yang rivolse la sua attenzione ai Jinusean. Nel 1998 debuttarono i 1TYM.

Nel 1999 gli artisti della YG Entertainment, pubblicarono un album in collaborazione intitolato YG Family. L'etichetta in seguito fece debuttare nuovi solisti e gruppi: Perry, Swi.T, Big Mama, Lexy, Gummy e Wheesung. Nel 2001 la YG Family pubblicò un secondo album, tra cui era era presente G-Dragon, che in seguito divenne un apprendista dell'agenzia[6].

L'agenzia ottenne successo sia in Corea del Sud e in Giappone grazie al cantante Seven nel 2003[7], e divenne il primo artista della YG a debuttare negli USA, anche se non ha avuto successo[8].

2006-2011: Nuovi gruppi[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo dei Big Bang

Dopo il successo di Seven, la YG creò il primo gruppo, i Big Bang, divennero una delle più grandi boy band del mondo[9]. In seguito debuttarono le 2NE1 nel 2009, prima del loro scioglimento avvenuto nel 2016, erano considerate uno dei gruppi femminili di maggior successo e popolare in Corea del Sud[10][11]. I due gruppi hanno condotto la carriera anche in Giappone[12][13][14].

Nel 2010, la YG Entertainment fece una mossa molto pubblicizzata in un nuovo edificio, mentre il vecchio quartier generale è diventato un centro di formazione[15][16]. Nello stesso anno, la società presentò domanda senza successo per la quotazione in borsa; si sospettava che ciò fosse dovuto al fatto che la compagnia aveva troppi pochi gruppi musicali attivi e un flusso di cassa instabile, nonostante un aumento dei guadagni nel 2009[17]. Più tardi quell'anno, l'etichetta assunse l'artista PSY[18].

2012-2015: Riconoscimento internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Il 2012 ha portato il riconoscimento internazionale alla YG quando Gangnam Style di PSY guadagnò popolarità in tutto il mondo. Il 21 agosto, è stato contrassegnato al primo posto nella classifica della iTunes Music Video Charts. Questa impresa è stata la prima per un artista sudcoreano[19]. Il 24 novembre, "Gangnam Style" era diventato il video più visto nella storia di YouTube e il primo video a superare un miliardo di visualizzazioni[20][21]. La canzone è stata accreditata come il motivo principale per cui i prezzi delle azioni della YG Entertainment aumentavano di oltre il 60%, con l'etichetta discografica che ha presentato la sua prima relazione annuale nel 2012 con profitti superiori al 50%[22] dopo essere diventato pubblico sul KOSDAQ l'anno prima.

Nello stesso anno, il rapper e produttare Tablo, leader degli Epik High, firmò un contratto con la YG Entertainment[23]. Il gruppo di Tablo, successivamente si trasferì alla YG dopo il suo successo[24].

Il gruppo delle 2NE1

Il crescente coinvolgimento di Yang nella serie televisiva di competizione ha portato a numerosi accordi con i concorrenti, a partire dal vincitore della prima stagione di K-pop Star, Lee Hi[25]. Altri partecipanti allo spettacolo sono stati considerati come potenziali membri dei futuri gruppi maschili dell'etichetta discografica. Nella seconda stagione dello show, entrambi i vincitori, il duo Akdong Musician e il secondo classificato Bang Ye-dam, hanno firmato un contratto con l'agenzia[26][27]. Inoltre, il reality Win: Who is Next è stato successivamente lanciato dalla YG Entertainment, in cui due team di esordienti si sono sfidati l'uno contro l'altro per la possibilità di firmare un contratto con l'etichetta per debuttare come una boy band della compagnia. La conclusione del reality ha visto la formazione dei Winner[28].

Il gruppo dei Winner
Il gruppo delle Blackpink

Nel 2014, la YG Entertainment acquistò lo staff e gli attori della T Entertainment tra cui Cha Seung-won, Im Ye-jin e Jang Hyun-sung[29]. Inoltre, attraverso l'acquisizione dell'agenzia di modelli K-Plus, ampliò la sua divisione di recitazione attraverso il debutto recitativo dei modelli Lee Sung-kyung e Nam Joo-hyuk, inoltre l'attrice Choi Ji-woo firmò un contratto con la YG[30][31][32][33]. Nel 2014 la YG Entertainment si espanse anche nel settore della bellezza con la creazione del suo marchio di cosmetici Moonshot[34][35].

Nel 2015, la YG Entertainment investì quasi 100 milioni di dollari in un nuovo complesso industriale di Gyeonggi-do[36]. Anche il patrimonio immobiliare di Seul, del valore di 16 miliardi di dollari, è stato acquistato allo scopo di espandere la propria sede[37]. In quell'anno, la compagnia vide anche la creazione di due sotto-etichette, la prima guidata da Tablo e la seconda guidata dai produttori della YG Teddy Park dei 1TYM e Kush of Stony Skunk[38]. Inoltre, i membri della squadra perdente della serie Win: Who is Next si sono raggruppati e hanno debuttato come Ikon, insieme a un nuovo membro[39].

2016-presente: Recenti sviluppi e scandali[modifica | modifica wikitesto]

Sedici anni dopo lo scioglimento del gruppo, la boy band K-pop Sechs Kies ha firmato un contratto con la YG nel maggio 2016 per rilanciare la propria carriera[40][41][42]. Nello stesso mese, le imprese tecnologiche cinesi Tencent e Weiying Technology hanno annunciato un investimento di 85 milioni di dollari alla YG. Weiying ha ottenuto una quota dell'8,2% nella società e Tencent una quota del 4,5%[43]. La YG ha poi aggiunto Lee Jong-suk[44], Kang Dong-won[45] e Kim Hee-jung[46] alla loro lista di attori.

Nel 2016 la YG Entertainment fece debuttare le Blackpink[47], seguite dal rapper solista One l'anno successivo[48]. Più tardi quell'anno, la YG lanciò un talent show intitolato Mix Nine, una competizione tra tirocinanti di diverse agenzie[49][50]. Sebbene la squadra vincente fosse programmata per debuttare come idol[51], la YG ha rivelato che il debutto per il gruppo vincente maschile era stato cancellato[52][53]. Il fallimento dello show ha portato perdite di 7 miliardi di won nel primo trimestre e 4 miliardi di won negli ultimi tre mesi del 2017[54], e la JYP Entertainment superò la YG.

Il 15 maggio 2018, PSY abbandonò la compagnia dopo 8 anni[55].

Dopo lo scandalo del Burning Sun di Seungri, le accuse di corruzione a Yang Hyun-suk e lo scandalo della droga di B.I degli Ikon, Yang Hyun-suk il 14 giugno 2019 si è dimesso da tutte le posizioni della YG Entertainment e anche suo fratello Yang Min-suk si è dimesso dal ruolo di CEO[56][57][58][59]. Il 20 giugno 2019 venne annunciato il nuovo CEO della della YG Entertainment, Hwang Bo-kyung[60].

Associazioni[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione della musica[modifica | modifica wikitesto]

I record della YG Entertainment sono distribuiti dai seguenti:

YGEX[modifica | modifica wikitesto]

La YGEX è stata fondata il 12 aprile 2011, come partnership tra Avex e YG Entertainment per la promozione e la pubblicazione della musica degli artisti della YG in Giappone.[61] In precedenza, le uscite giapponesi della YG Entertainment furono in collaborazione con Nexstar Records, un'etichetta della Nippon Columbia che gestiva le uscite giapponesi per Seven[62] e Universal Music (che firmò un contratto esclusivo di tre anni nel 2008 per le uscite giapponesi dei Big Bang.[63]

Filantropia[modifica | modifica wikitesto]

La YG Entertainment si è impegnata a donare 100 won per ogni album venduto, l'1% di tutte le vendite di merchandising e 1.000 won per ogni biglietto per il concerto, in beneficenza. Nel 2009, hanno raccolto $ 141.000 e nel 2010 $ 160.000[64]. L'azienda ha inoltre consegnato direttamente carbone per 4,4 miliardi di dollari a famiglie bisognose durante l'inverno[65]. Ha annunciato che avrebbe donato circa 500.000$ per i soccorsi in caso di calamità in Giappone dopo il terremoto e lo tsunami del 2011 a Tōhoku.[66]

Nel 2013, Yang Hyun-suk fece scalpore quando donò tutti il ricavato da azionista per aiutare i bambini che necessitavano di un intervento chirurgico. La sua donazione ammontò a circa 922.000 di dollari[67].

Nel 2015, la YG Entertainment donò 100 milioni di won sudcoreani (ovvero 82,475 euro) al Comitato coreano per l'UNICEF per le operazioni di soccorso in seguito del terremoto in Nepal[68].

Sussidiarie[modifica | modifica wikitesto]

Highgrnd[modifica | modifica wikitesto]

La Highgrnd (va letta come Highground) è una sotto-etichetta indipendente di Tablo degli Epik High[69]. Annunciata a marzo 2015, l'etichetta è stata creata da Yang Hyun-suk sotto la gestione della YG Entertainment come parte di un obiettivo a lungo termine per raggiungere l'indie coreana e la scena alternativa. Il 21 giugno 2015, Tablo ha introdotto la band Hyukoh tramite Instagram come primo artista ufficiale dell'etichetta[70]. La società aveva promosso artisti Millic, offoffoff, Punchnello, Code Kunst, The Black Skirts, Idiotape e Incredivle da allora.

Tuttavia, l'11 aprile 2018, è stato pubblicato un articolo che diceva che la Highgrnd aveva cessato di esistere a causa alle dimissioni di Tablo come amministratore delegato l'anno precedente[71]. A partire dalla pubblicazione di questo articolo, gli artisti dell'etichetta hanno presto rivelato di aver firmato con altre etichette e di avere altre società per distribuire le loro nuove uscite quell'anno.

The Black Label[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: The Black Label.

Dopo il successo della formazione della Highgrnd, il 22 settembre 2015 la YG Entertainment ha annunciato la creazione di un'altra sotto-etichetta indipendente, guidata dal produttore della YG, Teddy Park e Kush of Stony Skunk[72]. L'etichetta ospita attualmente Zion.T, il secondo artista coreano più venduto del 2015 dopo i Big Bang. Il 3 maggio 2017, Okasian ha firmato un contratto in esclusiva con la The Black Label. Danny Chung (precedentemente noto come Decipher) ha anche firmato con la The Black Label, anche Jeon So-mi ha firmato con l'etichetta nel settembre 2018

PSYG[modifica | modifica wikitesto]

Il 1 ° settembre 2016, i rappresentanti della YG Entertainment annunciarono che PSY avrebbe guidato una sotto-etichetta indipendente chiamata PSYG, una coppia di "Psy" e "YG"[73]. L'etichetta è stata registrata come filiale aziendale a giugno e ha segnato un altro capitolo della collaborazione tra PSY e l'amico di lunga data Yang Hyun-suk, come è stato rivelato che il CEO della YG aveva implicitamente promesso la creazione di una sotto-etichetta quando Psy aveva ha firmato per la compagnia nel 2010 tra difficoltà personali, essendo stato incoraggiato dalla moglie a lavorare con il fondatore della YG[74]. Quando PSY lasciò la compagnia a metà del 2018, la PSYG chiuse.

YGX[modifica | modifica wikitesto]

Yang Hyun-suk annunciò nel maggio 2018, fondarono la YGX. Il 4 giugno, sul suo account Instagram ufficiale, ha pubblicato una foto di un biglietto da visita che mostra Seungri come CEO della YGX. Nel 2018, l'etichetta ha lanciato un'accademia di danza e canto, chiamata X Acedemy, in cui gli studenti possono essere esplorati dalla YG Entertainment come apprendisti[75].

YG Plus[modifica | modifica wikitesto]

La YG PLUS, precedentemente chiamata Phoenix Holdings Inc, è una società pubblicitaria acquisita dalla YG Entertainment nell'ottobre 2014. Yang Min-suk è stato nominato CEO della società, con la YG Entertainment che detiene il 38,6% delle azioni della società. Alcuni dei suoi noti clienti includono Coca-Cola, SK Telecom e The Face Shop. Attualmente la YG Plus possiede il 100% di YG K-Plus e YG Golf Academy, con quote di minoranza in moonshot Nonagon.

YG Kplus[modifica | modifica wikitesto]

La YG Kplus (o YG K +) è una partnership tra la YG Entertainment e la società di gestione dei modelli coreana K-Plus. La fusione è stata annunciata il 18 febbraio 2014 dal co-CEO Yang Min-suk. A partire dal 2014, l'agenzia di modelli K-plus ospitava oltre 170 modelli, tra cui Kang Seung-hyun, Park Hyeong-seop, Lee Sung-kyung, Nam Joo-hyuk, Jang Ki-yong, Park Sandara e Choi Sora[76]. Dal momento della partnership, i modelli della K-Plus sono apparsi nei video musicali degli artisti della YG e nelle campagne pubblicitarie dei marchi di proprietà della YG. La YG Entertainment avrebbe anche fornito modelli YG K + con ruoli in serie televisive, in particolare Nam Joo-hyuk in Who Are You: Hakgyo 2015 e Lee Sung-kyung in Gwaenchanha, Sarang-iya, e hanno formalmente trasformato i modelli nella loro divisione di recitazione[77].

Moonshot[modifica | modifica wikitesto]

La Moonshot, è un marchio di cosmetici lanciato dalla YG Entertainment il 2 ottobre 2014[78]. Sviluppato con il gruppo cinese Huanya e in collaborazione con la società di cosmetici COSON. I suoi cosmetici sono fabbricati in Corea del Sud e venduti online e in negozio a Samcheong, dove secondo Paik Ho-jin, un dipendente del marchio, gli acquirenti cinesi rappresentano il 40-50% dei clienti. Come parte della partnership della YG con il conglomerato di lusso francese LVMH, Moonshot è stato lanciato in 11 negozi Sephora a Singapore e in 13 negozi Sephora in Malesia il 24 settembre 2015.

Nona9on[modifica | modifica wikitesto]

Nona9on è un marchio di abbigliamento di lusso fondato all'inizio del 2012 dalla YG Entertainment e dalla società tessile affiliata di Samsung, Cheil Industries[79]. Opera attraverso rivenditori secondari e negozi pop-up, come il primo pop-up presso i grandi magazzini Galleria di Apgujeong. Dopo il successo, la linea di abbigliamento si è rapidamente venduta nei suoi primi negozi pop-up internazionali in 10 negozi di Corso Como a Milano, così come in altre località di Shanghai e Hong Kong. Il marchio prevede di aprire un negozio pop-up presso JayCo a Taiwan. Spesso presenta Bobby e B.I degli iKon e Lisa delle Blackpink nei loro spot e promozioni[80].

YG Sport[modifica | modifica wikitesto]

La YG Sports è stata costituita dalla YG Entertainment nel 2015 attraverso l'acquisizione di G-AD Communication, un'agenzia di golf che gestisce golfers professionisti sudcoreani di rilievo come Kim Hyo-joo, Lee Dong-min, Byun Jin-jae e Yoo Go-un[81]. L'allenatore di golf leader Han Yeon-hee è il capo istruttore dell'accademia, che mira ad avventurarsi nell'acquisizione di campi da golf, nello scouting e nella cura del talento, nell'organizzazione di tornei di golf e nella vendita al dettaglio.

YG Studioplex[modifica | modifica wikitesto]

La YG Studioplex è una società di produzione teatrale televisiva creata dalla YG Entertainment e dalla Barami Bunda Inc. nell'aprile 2017[82]. Lo studio venne preceduto da tentativi della YG Entertainment di coinvolgersi nel settore della produzione di contenuti, seguendo le orme di SM C & C della SM Entertainment Group e CJ E & M (ora CJ ENM) di Studio Dragon. Nel 2016, la YG ha partecipato a una produzione con NBCUniversal investendo in Moon Lovers di SBS: Scarlet Heart Ryeo. Da allora, la YG ha anche reclutato attivamente direttori di programmi da varie emittenti terrestri, tra cui Producer Park Hong-kyun, che ha lavorato a Queen Seondeok (una serie TV) di MBC e The Greatest Love.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sun-ah Shim e Eun-jung Lee, (Yonhap Interview) After 'successful' 20 years, YG Entertainment to keep pursuing refined music: CEO, su Yonhap News. URL consultato il 27 gennaio 2017.
  2. ^ YG is different, su The Korea Times. URL consultato il 16 giugno 2016.
  3. ^ Su-hyun Song, [KOSDAQ Star] Strong Japanese partner to defend YG from THAAD risk, su The Korea Herald, 15 agosto 2016. URL consultato il 17 agosto 2016.
  4. ^ (EN) E.J. Kim, SM Entertainment chief tops list of stock-rich celebrities, su Yonhap News, 5 giugno 2016. URL consultato il 17 agosto 2016.
  5. ^ JiYeon Kim, KPOP NEWS - The History of Yang Hyun Suk and YG: From ′Boy′ to ′CEO′ (Pt. 1), su Mwave, 19 maggio 2012. URL consultato il 16 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 30 aprile 2015).
  6. ^ G-Dragon - 내 나이 열셋 (My Age is 13) Full MV, in YouTube, 25 aprile 2012. URL consultato l'11 marzo 2015.
  7. ^ Nancy Lee, KPOP NEWS - [K-Pop Battle] Se7en vs. Rain, su Mwave, 21 marzo 2013. URL consultato il 16 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2015).
  8. ^ (EN) K-Pop Idols And The Formidable American Debut - KultScene, su KultScene, 21 ottobre 2014. URL consultato il 16 giugno 2016.
  9. ^ Big Bang's Global Influence: How to Build a Boy Band That Lasts, su The Hollywood Reporter. URL consultato l'11 dicembre 2015.
  10. ^ Tamar Herman, 10 Best K-Pop Girl Groups of the Past Decade: Critic's Picks, in Billboard, 12 luglio 2017. URL consultato il 5 ottobre 2017.
  11. ^ Marian Liu, K-pop's growing pains: Why Asia's biggest bands are splitting up, in CNN, 17 febbraio 2017. URL consultato il 5 ottobre 2017.
  12. ^ 53rd Japan Record Award winners, Tokyograph, 20 novembre 2011. URL consultato il 12 febbraio 2012.
  13. ^ AKB48 wins 53rd Japan Record Award, Tokyograph, 30 dicembre 2011. URL consultato il 12 febbraio 2012.
  14. ^ Shamdasani, How to Crack Japan: The Big Bang Theory, Time, 9 novembre 2009. URL consultato il 13 gennaio 2010.
  15. ^ (EN) YG Entertainment invests large amount of money in a new building for its artists, su Koreaboo, 3 luglio 2015. URL consultato il 16 giugno 2016.
  16. ^ (EN) YG Entertainment Moving to Own Company Building, su HanCinema. URL consultato il 16 giugno 2016.
  17. ^ Korean entertainment firms fail to go public, su koreatimes, 5 gennaio 2011. URL consultato il 16 giugno 2016.
  18. ^ Psy reveals the reason why he joined YG Entertainment, dkpopnews.net. URL consultato il 26 ottobre 2012.
  19. ^ The world's first global Korean pop star, 4Music.com. URL consultato l'8 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 14 novembre 2012).
  20. ^ 'Gangnam Style' Most Watched YouTube Video Ever, ABC News, 29 novembre 2012. URL consultato il 5 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 28 novembre 2012).
  21. ^ Psy Reflects On Fifth Anniversary of 'Gangnam Style': 'I Still Don't Know Why It Was So Special', in Billboard. URL consultato il 28 ottobre 2017.
  22. ^ Has Psy’s ‘Gangnam Style’ Helped Double Daddy’s Stock?, su Yahoo Finance. URL consultato il 16 giugno 2016.
  23. ^ JiYeon Kim, KPOP NEWS - Why Did YG Entertainment Sign Tablo and Psy?, su Mwave, 15 novembre 2011. URL consultato il 17 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 17 dicembre 2016).
  24. ^ small_smiley, Epik High Signs with YG Entertainment, su Soompi, 26 luglio 2012. URL consultato il 16 giugno 2016.
  25. ^ KPOP NEWS - [Interview] What Lee Hi Wants from YG and Yang Hyun Suk | Mwave, su mwave.interest.me. URL consultato il 10 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2014).
  26. ^ Why did Akdong Musician choose YG Entertainment? | allkpop.com, su www.allkpop.com. URL consultato il 16 giugno 2016.
  27. ^ YG Entertainment Signs On the 12-Year Old Bang Yedam from 'K-Pop Star Season 2' | Ningin, su ningin.com. URL consultato il 16 giugno 2016.
  28. ^ Meet WINNER: K-Pop's Exciting New Boy Band, su Billboard. URL consultato il 16 giugno 2016.
  29. ^ (KO) enews24 전수미 기자, 차승원, YG패밀리 됐다…싸이·빅뱅과 한솥밥, enews24, 20 gennaio 2014. URL consultato il 18 febbraio 2014.
  30. ^ Choi Ji Woo Signs with YG Entertainment, enewsWorld, 26 febbraio 2014. URL consultato il 10 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2014).
  31. ^ Actress Choi Ji-woo joins YG Entertainment, The Korea Herald, 27 febbraio 2014.
  32. ^ Actress Choi Ji-woo Joins YG Entertainment, 10Asia, 26 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 30 marzo 2014).
  33. ^ Hallyu icon joins YG Family, Korea JoongAng Daily, 27 febbraio 2014.
  34. ^ YG Entertainment to unveil cosmetics brand 'moonshot' with a launching party | allkpop.com, su www.allkpop.com. URL consultato il 16 giugno 2016.
  35. ^ Check Out Korea's Hottest New Beauty Brand, su Refinery29. URL consultato il 16 giugno 2016.
  36. ^ Steven Koh, YG Entertainment To Invest Nearly $100 Million Into K-Pop Culture Venue, Kpopstarz. URL consultato il 18 gennaio 2015.
  37. ^ YG Entertainment Invests 16 Billion Won Into Expanding Headquarters, su news.nate.com, 7 luglio 2015. URL consultato il 25 settembre 2015.
  38. ^ [단독]테디·쿠시, YG독립 레이블 만든다..양현석 직접 기획, su entertain.naver.com. URL consultato il 16 maggio 2016.
  39. ^ YG Entertainment confirms iKON is indeed making their debut in September! | allkpop.com, su www.allkpop.com. URL consultato il 16 giugno 2016.
  40. ^ The Korea Herald/Asia News Network, Sechs Kies inks contract with YG Entertainment, su entertainment.inquirer.net. URL consultato il 16 maggio 2016.
  41. ^ (KO) 젝스키스, YG서 빅뱅과 같은 대우조건 받는다, su 인사이트. URL consultato il 16 maggio 2016.
  42. ^ KPOP NEWS - Sechs Kies Officially Joins YG Entertainment | Mwave, su mwave.interest.me. URL consultato il 15 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2016).
  43. ^ Frater Patrick, China’s Tencent and Weiying Take $85 Million Stake in Korea’s YG Entertainment, in Variety, 31 maggio 2016. URL consultato il 1º giugno 2016.
  44. ^ The Korea Herald, Actor Lee Jong-suk signs with YG, su www.koreaherald.com, 10 maggio 2016. URL consultato il 16 giugno 2016.
  45. ^ Ji-hyoung Son, YG clinches contract with Kang Dong-won, su K-pop Herald, 18 gennaio 2016. URL consultato il 10 maggio 2016.
  46. ^ (KO) Jae-ha Lee, '꼭지-원빈조카' 김희정, YG와 전속계약 '새출발', su OSEN, 23 maggio 2016. URL consultato il 23 maggio 2016.
  47. ^ YG 새 걸그룹, '블랙 핑크' 이름의 뜻은?[YG 새 걸그룹 최종발표③], su entertain.naver.com. URL consultato il 29 giugno 2016.
  48. ^ YG’s solo artist One debuts with ‘One Day’. URL consultato il 28 ottobre 2017.
  49. ^ (EN) Watch: YG drops star-studded Mix Nine trailer, su SBS PopAsia. URL consultato il 28 ottobre 2017.
  50. ^ Yet another idol competition show unveiled in South Korea, in AsiaOne. URL consultato il 28 ottobre 2017.
  51. ^ (KO) JTBC 뉴스, '믹스나인' 대국민 투표 프로모션 영상 공개! 소년X소녀 '9'해줘, 11 novembre 2017. URL consultato il 25 novembre 2017.
  52. ^ (KO) 우진영 측 “‘믹스나인’ 데뷔 무산 맞다, 연습생으로 복귀”, in Newsen, 2 maggio 2018.
  53. ^ (KO) [공식입장 전문] YG측 "'믹스나인' 데뷔 무산, 6곳 기획사와 협의 끝 결정..죄송", in OSEN, Naver, 3 maggio 2018.
  54. ^ Jeong-yeob Park, Uncertainties lie ahead, su Mirae Asset Daewoo, 23 febbraio 2018.
  55. ^ entertain.naver.com, http://entertain.naver.com/now/read?oid=109&aid=0003782131.
  56. ^ (EN) Kim Sohee e Kang Shinhye, K-Pop Agency YG's Founder Quits as Artists Accused of Drug Use, su Bloomberg, 14 giugno 2019.
  57. ^ (EN) Kim Arin, Yang quits as YG chief amid growing suspicions of drug offense cover-up, su The Korea Herald, 14 giugno 2019. URL consultato il 15 giugno 2019.
  58. ^ (EN) Herman Tamar, YG Entertainment Founder Yang Hyun-Suk Leaves K-Pop Company Amid Turmoil, su Billboard, 14 giugno 2019. URL consultato il 16 giugno 2019.
  59. ^ https://variety.com/2019/biz/asia/yg-agency-boss-quits-as-k-pop-scandals-expand-1203252481/
  60. ^ (EN) YG Entertainment Appoints New CEO and Addresses Scandals, su E! Online. URL consultato il 7 luglio 2019.
  61. ^ (JA) YGEX オフィシャルレーベルサイト, in YGEX, YG Entertainment and Avex Group. URL consultato il 4 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2011).
  62. ^ McClure, Steve e Russell, Mark, Korean Pop Seeps Into Japan, in Billboard, Billboard, 11 giugno 2005. URL consultato il 22 giugno 2011.
  63. ^ Big Bang, in Big Bang - Universal Music Japan, Universal Music Group. URL consultato il 22 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il 21 gennaio 2011).
  64. ^ YG Entertainment donates $160,000 USD to charity, Allkpop, 28 dicembre 2010. URL consultato il 26 ottobre 2014.
  65. ^ (KO) YG, 2년 연속 1억원+@ 금액 기부, su news.nate.com, 28 dicembre 2010. URL consultato il 5 marzo 2011.
  66. ^ (KO) Hye-rin Lee, YG, 日대지진 피해에 5억원 기부 결정, in Naver News, NHN Corp, 15 marzo 2011. URL consultato il 17 marzo 2011.
  67. ^ Yang Hyun Suk to donate $922,000 USD to help children in need, Allkpop, 6 marzo 2013. URL consultato il 26 ottobre 2014.
  68. ^ YG, 네팔에 1억원 기부…어린이 구호물품·의약품에 사용, su Naver, 4 maggio 2015. URL consultato il 17 agosto 2016.
  69. ^ HIGHGRND, su HIGHGRND. URL consultato il 28 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 28 luglio 2016).
  70. ^ 타블로, SNS서 혁오 영입 환영 "첫 아티스트", su Naver News, 21 luglio 2015. URL consultato il 28 luglio 2016.
  71. ^ YG 레이블 '하이그라운드' 간판 내리나?...혁오·검정치마 앞날 '주목', su Naver News, 11 aprile 2018. URL consultato il 24 luglio 2018.
  72. ^ (KO) [단독]테디·쿠시, YG독립 레이블 만든다..양현석 직접 기획, su Naver News, 22 settembre 2015. URL consultato il 1º settembre 2016.
  73. ^ 민영 최, YG 측 "싸이, 독립 레이블 PSYG 설립… 운영 준비 중", su enteronnews.com. URL consultato il 1º settembre 2016.
  74. ^ Mi-yeong Lee, 단독싸이, 오랜 꿈 이뤘다…독립 레이블 PSYG 설립, su Naver News, 1º settembre 2016. URL consultato il 1º settembre 2016.
  75. ^ (EN) YG Entertainment’s X Academy Reveals Photos + Details About Class Structure, su Soompi. URL consultato il 2 gennaio 2019.
  76. ^ (KO) OSEN=표재민 기자, YG, 모델 업계 진출..K플러스와 손잡았다, in OSEN=표재민 기자, OSEN via Naver, 18 febbraio 2014. URL consultato il 18 febbraio 2014.
  77. ^ YG New Actors, su new.nate.com. URL consultato il 25 settembre 2015.
  78. ^ Moonshot Comestics Official Website, su moonshot-cosmetics.com. URL consultato il 25 settembre 2015.
  79. ^ YG Entertainment and Samsung’s Cheil Industries Partners to Launch New Global Fashion Line, su Enews World. URL consultato l'11 marzo 2015.
  80. ^ South Korean pop culture taking Asia by storm, su asia.nikkei.com, 8 gennaio 2015. URL consultato il 25 settembre 2015.
  81. ^ Jeon Won, YG, 골프사업 본격 진출… '김효주 소속사 인수', 3 marzo 2015.
  82. ^ 27 aprile 2017, http://www.yg-life.com/archives/88328?lang=ko.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0004 6104 3848