Seo Taiji and Boys

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Seo Taiji and Boys
Seo Taiji on October 20, 2014 (2).jpg
Seo Taiji, frontman e leader del gruppo, nel 2014
Paese d'origineCorea del Sud Corea del Sud
GenereK-pop
Alternative metal
Hip hop
Pop
Rap rock
Rock alternativo
Periodo di attività musicale1992 – 1996
EtichettaBando Eumban[1]
Album pubblicati8
Studio4
Live3
Raccolte1

I Seo Taiji and Boys (서태지와 아이들?, Seo Taeji-wa a-ideulLR) sono stati un gruppo musicale sudcoreano formatosi a Seul nel 1992 e scioltosi nel 1996. Composto da Seo Taiji, Yang Hyun-suk e Lee Juno, il trio sperimentò diversi generi di musica popolare occidentale,[2] riscuotendo un considerevole successo e venendo accreditato per aver cambiato l'industria musicale sudcoreana, facendo da pioniere all'uso del rap nel K-pop e cantando di critica sociale nonostante le pressioni delle commissioni etiche e di censura.[3][4] Nel corso della loro carriera, i Seo Taiji and Boys hanno pubblicato quattro album in studio, che hanno venduto tra il milione e mezzo e i due milioni e mezzo di copie e figurano tra i dischi più venduti di sempre in Corea del Sud.[5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

1991-1992: formazione e primo album[modifica | modifica wikitesto]

Dopo lo scioglimento della band metal Sinawe, nella quale militava, nel 1990,[6] Seo Taiji inizia a imparare il protocollo MIDI e a usare i campionatori per riprodurre la musica americana che sta diventando popolare in Corea, influenzata da generi black come hip hop e new jack swing.[7] Contrariamente agli altri artisti che si stanno avventurando in tale direzione, Seo non sa ballare[7] e fissa un incontro con Yang Hyun-suk per imparare: colpito dalla sua musica, Yang gli propone di lavorare insieme.[8] Selezionando i suoi compagni prevalentemente per le loro capacità di danzatori e la creazione dell'immagine del gruppo,[9] Seo coinvolge Lee Juno, ai tempi uno dei migliori ballerini sudcoreani, formando ufficialmente i Seo Taiji and Boys nel 1991.[6]

Il trio debutta il 23 marzo 1992[8] con la canzone Nan Arayo (난 알아요?; "Io so"), portandola ad un talent show della MBC l'11 aprile e ricevendo il punteggio più basso dalla giuria (7,8 su 10),[10] che valuta l'esibizione "immatura" e "inferiore",[11] con una "melodia debole" e testi poco innovativi su una storia d'amore infelice.[7] Tuttavia, i beat ispirati al new jack swing, gli allegri versi rap e i ritornelli pop combinati ad una coreografia, elemento ancora inedito nella musica coreana, riscuotono il favore del pubblico:[12][13] Nan Arayo diventa una hit di successo:[14] vende copie più in fretta di qualunque altra registrazione uscita nei dieci anni precedenti[15] e si posiziona in vetta alle classifiche per 17 settimane.[16] Grazie all'enfasi sulla presentazione visiva e sull'innovazione musicale, e ai testi scritti in modo da riuscire a passare la censura, entrano in classifica anche You, In The Fantasy (환상 속의 그대?, Hwansang sog-ui geudaeLR), As the Night Goes On (이밤이 깊어가지만?, Ibam-i gip-eogajimanLR) e Now (이제는?, IjeneunLR).[17] In un mese il gruppo vende oltre un milione e mezzo di copie del suo album di debutto,[4] e il 16 agosto tiene il suo primo concerto all'Olympic Gymnastics Arena per seimila-diecimila spettatori.[18][19] A fine anno si aggiudica un premio Bonsang ai Golden Disc Award[20] e due riconoscimenti ai Seoul Music Award, tra cui un Daesang.[21]

1993-1995: sperimentazioni musicali e controversie[modifica | modifica wikitesto]

Il secondo album del gruppo, uscito nel 1993, adotta un approccio musicale differente ed è più critico nei confronti della società.[15] Aderisce prevalentemente al genere dance, ma Susia (수시아?, 誰是我?) è una delle prime canzoni techno del Paese[22] e Hayeoga (하여가?, 何如歌?; "Comunque") combina heavy metal e musica tradizionale coreana attraverso una struttura melodica e l'utilizzo del taepyeongso, uno strumento a fiato a doppia canna.[4] L'album è un successo commerciale, vendendo oltre 2.200.000 copie,[10] e Hayeoga porta al gruppo il secondo Golden Disc Award.[20] Durante le promozioni, i Seo Taiji and Boys vengono banditi dalla televisione nazionale KBS per l'utilizzo di orecchini, jeans strappati e dreadlocks, che la commissione etica aveva associato al reggae, alla resistenza e al rifiuto delle norme sociali.[4][23]

Il terzo album in studio viene registrato a Los Angeles insieme a dei musicisti americani e pubblicato nell'agosto 1994, mettendo in contrasto l'heavy metal con il sound del pianoforte e della chitarra acustica.[24] La musica dance viene abbandonata, eccetto che in Dreaming of Balhae (발해를 꿈꾸며?, Balhaereul kkumkkumyeoLR), un pezzo rock alternativo sulla speranza che le due Coree si riunifichino, il quale si aggiudica un terzo Golden Disc Award,[20] ma viene anche accusato di nascondere messaggi satanici a causa di un verso che, ascoltato al contrario, sembra dire "amo il Diavolo".[25] Classroom Ideology (교실 이데아?, Gyosil ide-aLR) è invece un'aspra critica al sistema scolastico coreano e alle pressioni a cui i giovani sono sottoposti affinché abbiano buoni risultati accademici.[26] Bandita da radio e televisioni per i suoi contenuti sovversivi,[4] Classroom Ideology diventa inoltre oggetto di controversia quando tra gli studenti si diffonde la diceria secondo la quale al suo interno si sentirebbe la voce del Diavolo, accusa che Seo respinge come opera dei gruppi religiosi a lui avversi.[27]

Sotto pressione a causa dell'attenzione pubblica e di una mancanza d'ispirazione, Seo informa i compagni di voler sciogliere il gruppo una volta pubblicato il quarto album.[7] Datato 1995, il disco è privo di progressi musicali, ma vede per la prima volta Yang e Lee suonare degli strumenti: la chitarra e la batteria.[25] Incorre anche in ulteriori contese: 1996, When They Ruled the Earth (1996, 그들이 지구를 지배했을 때?, 1996, geudeur-i jigureul jibaehaess-eul ttaeLR) riceve la terza accusa di satanismo,[25] mentre Sidae Yugam (시대유감?, 時代遺憾?; "Vergogna dei tempi") viene respinta dal comitato etico per le esibizioni pubbliche a causa del testo che critica il governo.[28] Seo la include comunque nel disco esclusivamente come traccia strumentale,[29] rifiutando di riscrivere o rimuovere i tre versi dei quali il comitato aveva chiesto la modifica, e che recitavano: "Andata è l'epoca della gente onesta. [...] Desidero un nuovo mondo che rovesci tutto. [...] Spero di riuscire a vendicare il risentimento che ho nel cuore".[4][30] Nella seconda edizione dell'album, il testo viene inserito, ma le parti controverse sono censurate con dei "bip".[30] Un'altra traccia, Come Back Home, è sospettata di plagio per il beat e l'arrangiamento simili a quelli di Insane in the Brain dei Cypress Hill; il gruppo statunitense è tuttavia citato nei crediti di produzione, pertanto l'accusa viene respinta come tentativo di sabotaggio da parte dei detrattori di Seo.[31]

1996: scioglimento e seguito[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere rimasto coinvolto in una lunga serie di dicerie e pettegolezzi che lo tiene lontano dalla scena per alcuni mesi,[25] il trio annuncia lo scioglimento il 31 gennaio 1996 durante una conferenza stampa improvvisa,[7][32] citando come ragione le pressioni ricevute e un eccessivo affaticamento.[10] Seo si ritira dal mondo dello spettacolo[32] e si trasferisce negli Stati Uniti,[33] mentre gli altri componenti fondano ciascuno un'etichetta discografica, con la YG Entertainment di Yang che diventa una delle più grandi del Paese.[8] A febbraio esce la raccolta commemorativa Goodbye Best Album,[25] mentre a giugno, dopo l'abolizione, in parte dovuta all'intervento dei loro fan,[34][35] del sistema di pre-censura, Sidae Yugam esce in formato singolo con anche la parte vocale.[36] Seo Taiji torna sulla scena due anni dopo come solista, avviando una carriera di successo e venendo considerato il "Presidente della cultura" dai sudcoreani.[8]

Nel 2014, rispondendo alla domanda su una possibile reunion del trio, Seo ha raccontato che ne avevano parlato, ma che temeva di deludere il pubblico poiché non sarebbe riuscito a ballare come in passato a causa dell'età più avanzata.[37]

Stile musicale e lascito[modifica | modifica wikitesto]

Seo, che per il trio svolgeva i ruoli di compositore e paroliere,[10] era un assiduo ascoltatore di artisti anglofoni, tra cui Clash, Sonic Youth, Red Hot Chili Peppers e Rage Against the Machine.[38] Nella musica del gruppo fuse rap, soul, rock and roll, techno, punk, hardcore e ppongjjak (uno stile influenzato dalla musica enka), inventando una nuova forma musicale che utilizzava il rap nelle strofe e il pop nei ritornelli.[39] Nan Arayo fu una delle prime canzoni rap registrate nel Paese,[15] uscita in un periodo in cui le classifiche erano dominate dal sunshine pop e da solisti che cantavano ballad, e diffuse il rap nel K-pop, portando all'ibridazione delle ballate con il rock e la techno[12][40] e modernizzando la scena musicale sudcoreana, che dopo il successo del gruppo si rivolse ad un pubblico più giovane e abbandonò la scala pentatonica che aveva adottato sotto l'influenza giapponese.[38] Seguendo l'esempio dei Seo Taiji and Boys, diventò prassi comune in Corea utilizzare un'ampia gamma di generi all'interno dello stesso album, e il trio è accreditato come creatore di "uno stile pop ibrido ma distintamente coreano".[41] Fu inoltre il primo artista a rendere il ballo una caratteristica predominante delle proprie esibizioni includendo mosse di break dance,[42][43] e questo stile, diventato noto come "rap dance", è considerato il fondamento della musica degli idol.[40]

Il gruppo si produceva e promuoveva da solo, godendo così di un'autonomia commerciale che permise a Seo di sperimentare liberamente con la propria musica, importando subculture come quella dell'heavy metal e sfidando le norme sociali.[4][42] Nonostante anche il cantante Kim Min-ki avesse criticato la società coreana nei suoi pezzi, concentrandosi sulla violenza politica sotto il governo di Park Chung-hee, i testi di Seo, che rappresentavano i sentimenti e i pensieri degli adolescenti[41] e attiravano l'attenzione sui mali sociali,[7] erano più diretti e non assecondarono le politiche di pre-censura della sua epoca, il che è considerato uno dei fattori che hanno contribuito al successo del trio.[4]

Grazie alle capacità di Yang e Lee nella danza, la band non dovette fare affidamento sui ballerini forniti dalle reti televisive per le proprie esibizioni (portava, al contrario, una crew propria, i No People Break Dance Team, Jazz Dance Team and Black Sheep[44]) e poté così scegliere liberamente quando apparire negli show: ciò ridusse progressivamente il potere delle emittenti di dettare quali artisti trasmettere e aumentò, di contro, l'influenza delle case discografiche e delle agenzie di talenti, che in seguito lanciarono gruppi come HOT, Sechs Kies, Uptown e Shinhwa.[41] Il trio rivitalizzò il mercato musicale interno, vendendo 6 milioni di dischi durante il suo periodo di attività e guadagnando oltre 10 miliardi di won; inoltre, grazie alla proliferazione di gruppi di imitatori, le vendite degli album locali quadruplicarono rispetto a quelle dei dischi stranieri.[41]

L'impatto dei Seo Taiji and Boys non rimase circoscritto alla musica, ma si estese al modo di vestire, con molti artisti che adottarono lo stesso abbigliamento fatto di capi di vestiario hip hop, e ai canoni estetici coreani, sostituendo all'ideale contadino dell'uomo robusto con il volto rotondo un look androgino caratterizzato da visi più allungati e corpi alti e magri.[42] Il fatto che Seo avesse ottenuto il successo e l'indipendenza economica nonostante non avesse terminato gli studi superiori influenzò le idee che i genitori coreani avevano nei confronti della notorietà, la quale iniziò ad essere considerata un'alternativa allo studio e una nuova opportunità di carriera.[41]

Nel 1994 Seo Taiji è stato scelto dal quotidiano Joong-Ang Ilbo come una delle cinquanta persone che hanno cambiato la società coreana dal 1945,[39] e il trio è stato votato come prodotto culturale coreano più cruciale in un sondaggio condotto dal Samsung Economic Research Institute nel 1997.[4] Nel 2007, tutti e quattro gli album dei Seo Taiji and Boys sono stati inclusi nella lista dei cento migliori album pop stilata dal quotidiano Kyunghyang Shinmun.[22][45][46][47]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

  • 1992 – Seo Taiji and Boys
  • 1993 – Seo Taiji and Boys II
  • 1994 – Seo Taiji and Boys III
  • 1995 – Seo Taiji and Boys IV

Album live e remix[modifica | modifica wikitesto]

  • 1992 – Taiji Boys Live & Techno Mix
  • 1994 – Seo Taiji and Boys '93 Last Festival
  • 1995 – '95 Taijiboys Concert: Farewell to the Sky

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

  • 1996 – Goodbye Best Album

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1996 – Sidae Yugam

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Golden Disc Award[20]
    • 1992 – Bonsang per Nan Arayo
    • 1993 – Bonsang per Hayeoga
    • 1994 – Bonsang per Dreaming of Balhae
    • 1995 – Premio popolarità per Come Back Home
  • Seoul Music Award[21]
    • 1992 – Daesang per Nan Arayo
    • 1992 – Miglior nuovo artista
    • 1993 – Daesang per Hayeoga
    • 1993 – Bonsang
    • 1993 – Premio compositori
    • 1995 – Bonsang

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (KO) 「서태지와 아이들」인기街道(가도)"빨간불", in The Dong-a Ilbo, 2 agosto 1992.
  2. ^ (EN) Sohn Ji-young, [Newsmaker] K-pop legend Seo Taiji to return, su koreaherald.com, 20 maggio 2014. URL consultato il 5 luglio 2020.
  3. ^ (EN) Suh Hye-rim, Seo Taiji and Boys chosen as K-pop icons, su koreaherald.com, 3 luglio 2013. URL consultato il 5 luglio 2020.
  4. ^ a b c d e f g h i (EN) Roald Maliangkay, The Popularity of Individualism: The Seo Taiji Phenomenon in the 1990s, in Kyung Hyun Kim e Youngmin Choe (a cura di), The Korean popular culture reader, Duke University Press, gennaio 2013, pp. 296-313, DOI:10.1215/9780822377566-018, ISBN 978-0-8223-7756-6, OCLC 867050940. URL consultato il 5 luglio 2020.
  5. ^ (KO) Lee Seung-ryun, 이주노와 양현석...이들 활동했던 '서태지와 아이들'에 관심 집중, in Kookje Sinmun, 31 gennaio 2018. URL consultato il 30 agosto 2018.
  6. ^ a b (KO) Choi Kyu-sung, [추억의 LP 여행] <서태지와 아이들> 서태지上, su weekly.hankooki.com, 12 gennaio 2005. URL consultato il 4 giugno 2020.
  7. ^ a b c d e f (EN) Noah Yoo, Seo Taiji and Boys: Seo Taiji and Boys, su pitchfork.com, 5 luglio 2020. URL consultato il 26 luglio 2020.
  8. ^ a b c d (EN) Cho Chung-un, K-pop still feels impact of Seo Taiji & Boys, su koreaherald.com, 23 marzo 2012. URL consultato il 6 luglio 2020.
  9. ^ Chamberland, p. 254.
  10. ^ a b c d (KO) SBS PD, 아재들의 방탄소년단, 서태지와 아이들, su hani.co.kr, 29 settembre 2018. URL consultato il 16 luglio 2020.
  11. ^ Lie, p. 57.
  12. ^ a b (EN) Dal-yong Jin e Woongjae Ryoo, Critical Interpretation of Hybrid K-Pop: The Global-Local Paradigm of English Mixing in Lyrics, in Popular Music and Society, vol. 37, n. 2, 15 marzo 2014, pp. 113–131, DOI:10.1080/03007766.2012.731721. URL consultato il 18 agosto 2019.
  13. ^ (EN) SEO TAIJI: THE GODFATHER OF KOREAN BUBBLEGUM POP, su mtviggy.com, 6 gennaio 2012. URL consultato il 6 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2012).
  14. ^ (EN) Julie Jackson, [Herald Review] Seo Taiji induces ’90s nostalgia with lavish ‘Christmalowin’ return, su koreaherald.com, 19 ottobre 2014. URL consultato il 6 luglio 2020.
  15. ^ a b c Chamberland, p. 250.
  16. ^ (EN) Blanca Méndez, Seo Taiji & Boys Pioneered Socially Conscious K-Pop for Groups Like BTS, su vice.com, 2 agosto 2017. URL consultato il 7 luglio 2020.
  17. ^ Howard, p. 87.
  18. ^ (KO) Moon Chul, "서태지오빠 사랑해요", in The Dong-a Ilbo, 17 agosto 1992.
  19. ^ (KO) 제2의「뉴키즈」소동 서태지公演(공연) 아비규환, in Maeil Gyeongje, 17 agosto 1992.
  20. ^ a b c d (KO) Golden Disc Awards – History 5-14th, su goldendisc.co.kr. URL consultato il 5 luglio 2020.
  21. ^ a b (KO) High1 SMA Winners, su seoulmusicawards.com. URL consultato il 5 luglio 2014.
  22. ^ a b (KO) [대중음악 100대 명반]30위 서태지와 아이들 ‘서태지와 아이들Ⅱ’, su news.khan.co.kr, 6 dicembre 2007. URL consultato il 7 luglio 2020.
  23. ^ Chamberland, pp. 253-254.
  24. ^ Howard, p. 90.
  25. ^ a b c d e (KO) Choi Kyu-sung, [추억의 LP 여행] 서태지 下, su weekly.hankooki.com, 19 gennaio 2005. URL consultato il 20 luglio 2020.
  26. ^ Chamberland, pp. 250-251.
  27. ^ (KO) Oh Jung-hwan, 서태지와아이들 노래 거꾸로 들으면 악마 소리 나온다는 소문[오정환], su imnews.imbc.com, 3 novembre 1994. URL consultato il 20 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2016).
  28. ^ (EN) Tri-Lingual Radio for Malaysia, Censorship Exemption in Korea, in Billboard, vol. 108, n. 32, Nielsen Business Media, Inc., 10 agosto 1996, p. 45, ISSN 0006-2510.
  29. ^ Chamberland, pp. 251-252.
  30. ^ a b Chamberland, p. 252.
  31. ^ (KO) Ye Yeong-jun, 서태지 "컴백홈" 표절시비, su news.joins.com, 20 novembre 1995. URL consultato il 24 luglio 2020.
  32. ^ a b (KO) 서태지 "아름답게 남기위해 은퇴" .. 31일 성대서 고별회견, su hankyung.com, 31 gennaio 1996. URL consultato il 4 giugno 2020.
  33. ^ (KO) Jo Young-mi, 과거 문화대통령 서태지 왜 주목도 급상승... 이지아와 결혼사실 충격 이혼 그리고 정우성, su thekpm.com, 30 maggio 2020. URL consultato il 5 giugno 2020.
  34. ^ (KO) Kim Seong-ho, 서태지 문제'조사단 구성, in Hankyoreh, 9 novembre 1995.
  35. ^ (KO) Jung Yong-gwan, DJ와 TJ 김대중 총재, 서태지 영상콘서트 축하, in The Dong-a Ilbo, 30 luglio 1996.
  36. ^ (KO) Ha Yeop, 음반심의제 7일 폐지, in The Dong-a Ilbo, 5 giugno 1996.
  37. ^ (KO) 서태지 JTBC 뉴스룸 출현! “‘서태지와 아이들’이 재결합 하기엔…”, su news.joins.com, 21 ottobre 2014. URL consultato il 16 luglio 2020.
  38. ^ a b Lie, p. 58.
  39. ^ a b Shim, p. 36.
  40. ^ a b (EN) Myoung-sun Song, Chapter 5 – Idol Rapper: K-Pop and the Production of Authenticity, in Hanguk Hip Hop: Global Rap in South Korea, Springer Nature Switzerland AG, 2019, p. 126, DOI:10.1007/F978-3-030-15697-8, ISBN 978-3-030-15696-1.
  41. ^ a b c d e Shim, p. 37.
  42. ^ a b c Lie, p. 59.
  43. ^ Filmato audio (KO) 옛송TV : 매일밤 10시 live, [1993] 서태지와 아이들 - 하여가 (요청), su YouTube, 11 aprile 2016, a 3 min 10 s.
  44. ^ Howard, p. 88.
  45. ^ (KO) [대중음악 100대 명반]24위 서태지와 아이들 ‘서태지와 아이들’, su news.khan.co.kr, 15 novembre 2007. URL consultato il 7 luglio 2020.
  46. ^ (KO) [대중음악 100대 명반]57위 서태지와 아이들 ‘서태지와 아이들 III’, su news.khan.co.kr, 20 marzo 2008. URL consultato il 7 luglio 2020.
  47. ^ (KO) [대중음악 100대 명반]36위 서태지와 아이들 ‘서태지와 아이들Ⅳ’, su news.khan.co.kr, 27 dicembre 2007. URL consultato il 7 luglio 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN7411156565704423500005 · WorldCat Identities (ENviaf-7411156565704423500005
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica