G-Dragon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
G-Dragon
G-Dragon on Infinite Challenge Yeongdong Expressway Music Festival - 4.jpg
G-Dragon all'Infinite Challenge Yeongdong Expressway Music Festival nel 2015
NazionalitàCorea del Sud Corea del Sud
GenereHip hop
K-pop
Dance pop
Rhythm and blues
Periodo di attività musicale1994 – in attività
Strumentovoce
EtichettaYG Entertainment
Gruppo attualeBig Bang (2006-)
Album pubblicati6
Studio3
Live4
Logo ufficiale
Sito ufficiale

G-Dragon, pseudonimo di Kwon Ji-yong[5] (권지용?, 權志龍?, Gwon Ji-yongLR, Kwŏn ChiyongMR; Seul, 18 agosto 1988[1]), è un rapper, cantante, cantautore, produttore discografico, imprenditore e fashion designer sudcoreano, definito "Re del K-pop" da varie fonti tra cui Vogue, Dazed e Rolling Stone[2][3][4].

Ha debuttato nel 2006 come leader dei Big Bang, uno dei gruppi più famosi al mondo.[6] Nel 2009 ha rilasciato il suo primo album come solista, Heartbreaker, che ha vinto i Mnet Asian Music Awards come "Album dell'anno".[7] Seguono successi come l'EP One of a Kind, del 2012, e il primo tour mondiale da solista. Nel 2013 esce l'album Coup d'Etat e nel 2017 l'EP Kwon Ji Yong. All'EP ha fatto seguito il tour Act III: M.O.T.T.E, il più grande tour mondiale mai compiuto da un artista coreano come singolo.[8] Scrivendo canzoni per la sua band, come singolo e per i singoli dei suoi compagni di gruppo, in totale G-Dragon ha scritto 23 canzoni che sono state numero uno nella Gaon Digital Chart, molte delle quali sono state anche da lui co-prodotte.[9]

Oltre che nella musica, G-Dragon è conosciuto anche come icona della moda, e nel 2016 Forbes l'ha scelto come la persona sotto i trent'anni più influente nel settore dell'intrattenimento e dello sport asiatico.[10]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

1988-2006: Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Nato e cresciuto a Seoul, G-Dragon inizia la sua carriera all'età di sei anni, come membro del gruppo Little Roo'Ra.[11] Il gruppo rilascia un album natalizio, dopodiché il loro contratto viene terminato. Nonostante il piccolo G-Dragon avesse deciso di non tentare più la carriera come cantante, viene poi selezionato dalla SM Entertainment, dove si specializza in musica e ballo. Nel 2001, dopo aver cominciato a studiare rap sulla scia del Wu-Tang Clan, partecipa alla realizzazione dell'album Flex, diventando il più giovane rapper coreano all'età di tredici anni.[12] In questo stesso periodo conosce quello che diventerà poi uno dei membri dei Big Bang, Choi Seung-hyun, con cui si incontra per provare balli e rap.[12]

G-Dragon nel 2007.

Firma poi un contratto con la YG Entertainment, e nello stesso periodo sceglie G-Dragon come suo nome d'arte.[12] Inizialmente avrebbe dovuto debuttare in un duo assieme al compagno Dong Young-bae, poi conosciuto come Taeyang, ma la YG Entertainment decide di formare una band, piano che inizialmente G-Dragon non accoglie con entusiasmo. G-Dragon contatta allora Choi Seung-hyun, che partecipa a un'audizione e viene selezionato per far parte della band con il nome di T.O.P.[13] Per partecipare alla band vengono scelti anche Lee Seung-hyun (Seungri), Kang Dae-sung (Daesung) e per un breve periodo anche Jang Hyun-seung, poi scartato.[14] G-Dragon, oltre ad essere uno dei due rapper della boy band sudcoreana, ne è anche il leader.

2006-2008: Primi successi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 esce il loro primo album, Bigbang Vol.1, che riscuote un discreto successo, vendendo più di 100,000 copie.[15] L'album include anche un primo singolo di G-Dragon, una cover di "This Love" dei Maroon 5. Nel 2007 rilasciano l'EP Always, con numerose canzoni composte G-Dragon stesso, tra cui Lies, che per diverse settimane resta numero uno nelle classifiche coreane e vince la "Canzone dell'anno" ai Mnet Asian Music Awards. I due EP successivi, Hot Issue e Stand Up vedono di nuovo in cima alle classifiche due brani musicali composti e prodotti da G-Dragon, Last Farewell e Haru Haru.[16] Partecipa anche alla produzione dell'EP di Taeyang Hot del 2008.[17] Nel 2009 collabora anche con la rapper Lexy e con la boy band giapponese Winds.[18]

G-Dragon in una pubblicità del 2009.

2009-2011: Heartbreaker e GD & TOP[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: GD & TOP.

Nel 2009 debutta come solista pubblicando l'album Heartbreaker[19], da cui è estratto il singolo omonimo, giunto alla prima posizione dei singoli più venduti in Corea. Anche l'album è uno dei dischi più venduti dell'anno, con oltre 200.000 copie[20][21], e vince i Mnet Asian Music Awards come "Album dell'anno"[7]. Tuttavia il singolo Heartbreaker crea anche alcune polemiche intorno all'artista, incluse varie accuse di plagio a causa di somiglianze con Right Round di Flo Rida[22][23]. In seguito, l'azienda musicale EMI che aveva prodotto la canzone di Flo Rida disse che non erano state trovate somiglianze tra le due canzoni.[24]

GD & TOP, 2010.

Dopo quasi un anno di pausa, G-Dragon e il compagno di gruppo T.O.P collaborano alla realizzazione dell'album GD & TOP, pubblicato nel 2010[25]. Dall'album sono estratti tre singoli: High High, Oh Yeah, e Knock Out[26], tutti e tre giunti fra le prime tre posizioni della classifica Gaon chart[27][28], ed High High arrivato sino alla prima posizione.[29] Anche l'album debutta alla prima posizione[30] con preordini di 200.000 copie.[31]. Nel 2011 G-Dragon partecipa anche al programma televisivo Infinite Challenge, collaborando con Park Myeong-su e Park Bom.[32]

Sempre nel 2011, G-Dragon è coinvolto in uno scandalo per aver fumato della marijuana, ma dai test risulta solamente una piccola quantità, motivo per cui viene rilasciato senza che venga presentato un atto d'accusa. In seguito, durante un'intervista, il cantante dichiara che dopo una festa in Giappone gli era stata offerta una sigaretta, e che non aveva capito che si trattasse di marijuana dato che non ne aveva mai sentito l'odore prima.[33]

2012-2014: One of a Kind e Coup d'Etat[modifica | modifica wikitesto]

G-Dragon nel luglio del 2013.

Il 2012 è l'anno del primo tour mondiale della band e corrisponde all'uscita dell'album Alive. Oltre all'album con i Big Bang, G-Dragon lavora anche sulla sua carriera da solista: esce il suo primo EP, One of a Kind, che entra nella classifica Billboard 200.[34] L'EP contiene, tra gli altri, il singolo "One of a Kind", che vince il premio come miglior canzone Hip Hop e Rap dell'anno ai Korean Music Awards e ai Rhythmer Awards, e il singolo "Crayon", che entra nella top 3 nelle classifiche, e "That XX", che arriva in testa alle classifiche.[35] L'album vende 200'000 copie, diventando l'album singolo più venduto in Corea dal suo album di debutto Heartbreaker del 2009.[35] Con "Crayon" vince poi gli Mnet Asian Music Awards come miglior artista maschile. G-Dragon è poi il secondo artista coreano ad organizzare come singolo un tour mondiale, con il One of a Kind World Tour.[36] G-Dragon visita otto nazioni e tredici città, per un totale di ventisette concerti e di 570,000 partecipanti.[62]

Nel 2013 annuncia la pubblicazione del suo nuovo album Coup d'Etat, che contiene collaborazioni con Diplo, Baauer, Boys Noize, Sky Ferreira, Jennie Kim e Missy Elliott. Sei canzoni dell'album entrano nella Gaon Digital Chart, e "Who You?" raggiunge il primo posto.[37] Anche quest'album entra a far parte della classifica Billboard 200, e G-Dragon è il primo coreano ad entrarci più di una volta.[38] Il successo dell'album lo porta a vincere quattro premi agli Mnet Asian Music Awards l'anno seguente, come miglior artista maschile, miglior video musicale (per "Coup d'Etat"), miglior esibizione di ballo (per "Crooked") e il premio più prestigioso, quello di artista dell'anno.[39] Vince poi due premi anche ai World Music Awards, tra cui quello per il miglior album.[40]

Nel 2014, oltre a scrivere alcune canzoni per altri gruppi, aiuta Taeyang con la produzione del suo nuovo album Rise.[41] Sempre con Taeyang, nel novembre dello stesso anno rilascia la canzone "Good Boy", che supera 100 milioni di visualizzazioni su YouTube. In dicembre esce anche la canzone "Dirty Vibe", frutto di una collaborazione con Skrillex, Diplo e CL.

Il concerto tenutosi a Sidney nel 2017, una delle tappe del "M.O.T.T.E World Tour" di G-Dragon.

2015-2017: Made e Kwon Ji Yong[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 2015 e il 2016 esce l'album dei Big Bang Made e il gruppo inizia un secondo tour mondiale di successo. G-Dragon continua a collaborare anche con altri artisti; all'inizio del 2017 collabora ad esempio con IU per il singolo "Palette", che dà il nome al nuovo album della cantante.[42]

G-Dragon comincia poi a lavorare al suo nuovo album e a un nuovo tour mondiale come solista. L'EP ha come tema la necessità di allontanarsi dalla figura di G-Dragon, considerata soltanto un personaggio teatrale e costruito per il pubblico, e di mostrare con sincerità ai fan la parte più fragile e sincera del cantante: per questo, il titolo scelto per l'album è Kwon Ji-yong, il vero nome dell'artista. L'EP riceve alcune critiche perché esce sotto forma di chiavetta USB e non di CD; al di là di questo, l'album arriva in cima alle classifiche in 46 paesi, compresi gli Stati Uniti, ed entra nella classifica Billiboard 200.[43] Sei giorni dopo essere stato rilasciato, supera un milione di copie vendute.[44] Il suo secondo tour mondiale, Act III: M.O.T.T.E, comincia il 10 giugno 2017 a Seoul e visita 29 città in Europa, Asia, Nord America e Oceania. È il più grande tour di sempre per un solista coreano.[45] Nel settembre del 2018 esce anche un documentario che esplora il tour da dietro le quinte.[46]

Stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

Musica[modifica | modifica wikitesto]

La copertina dell'album Heartbreaker del 2009.

La produzione discografica di G-Dragon è principalmente di genere hip hop, con cui ha cominciato la sua carriera a dodici anni partecipando all'album Flex.[47][48] Tra i musicisti che l'hanno ispirato, il Wu-Tang Clan e il cantante americano Pharrell Williams, ma ad influenzarlo sono stati anche Jinusean, Fabolous e Kanye West.[49][50] Con il gruppo dei Big Bang, G-Dragon ha prodotto varie canzoni hip hop prima che il quintetto cominciasse a sperimentare la musica elettronica, che grazie al loro contibuto divenne una nuova tendenza musicale in Corea.[51] I Big Bang hanno così incorporato vari generi all'interno della loro produzione musicale, mentre G-Dragon si è focalizzato nell'hip hop per la sua carriera da solista e per le collaborazioni con T.O.P e con Taeyang. Il suo primo album, Heartbreaker è infatti un misto di musica dance, hip-hop e R&B, e la musica acustica, l'hip hop e la musica elettronica hanno influenzato l'album GD & TOP.[52]

La copertina dell'EP One of a Kind del 2012.

Nella sua carriera da solista, G-Dragon ha poi prodotto il singolo Crayon, dall'EP One of a Kind, che è un misto di musica elettronica e hip-hop, mentre One of a kind è una canzone hip-hop e rap.[53] Il suo secondo album, Coup d'Etat, è conosciuto per essere un eclettico misto di hip-hop, rock, dubstep e pop.[54] Anche l'album Kwon Ji Yong contiene canzoni di genere hip-hop e R&B, con l'eccezione del singolo Untitled, 2014, che nonostante G-Dragon sia principalmente un rapper è una semplice ballata cantata sulle note di un accompagnamento di pianoforte.[55]

Temi[modifica | modifica wikitesto]

G-Dragon scrive personalmente la maggior parte delle sue canzoni.[56] La rivista Spin ha dichiarato che la sua musica sembra sfidare gli standard del K-pop, senza temere di essere innovativa.[57]

The Guardian ha notato come le sue canzoni emergano per "temi più profondi, come l'autodistruzione e il narcisismo".[58] Il testo della canzone "A Boy" è nato ad esempio in risposta alle accuse di plagio ricevute nel 2009, a cui G-Dragon risponde rifiutando di rinunciare alla sua carriera nonostante le critiche da parte del pubblico.[59] "Crooked" è stata creata per esprimere un lato di sé "pieno di angoscia e disperazione", che domanda di rimanere da solo e non ha bisogno della "simpatia ricoperta di zucchero" di nessuno.[60] "One of a Kind" tratta temi come il denaro e la fama, ed è ricordata dalla rivista Ize come una delle canzoni più memorabili dell'artista.[61] All'interno dell'album Kwon Ji-yong, poi, G-Dragon analizza vari lati della sua personalità, esponendo il desiderio di mostrare sé stesso senza maschere: "Volevo ricordare Kwon Ji Yong, non G-Dragon. Per me, Kwon Ji Yong è più importante, quindi ho deciso di presentarlo ufficialmente al pubblico."[62] All'interno dell'album, con "Middle Fingers Up" l'artista racconta del numero sempre più piccolo di persone che fanno parte della sua cerchia sociale, mentre in "Untitled, 2014" esprime tutto il suo rimorso nei confronti di una persona che l'ha lasciato, in un singolo che è stato descritto come una "lettera ad un amante del passato".[61][55]

I Big Bang nel 2012.

Anche nelle canzoni scritte per i Big Bang G-Dragon affronta vari temi: "If You" si ispira ad un periodo durante il quale l'artista era innamorato, mentre "Bae Bae" è ispirato alle opere dell'artista britannico Francis Bacon e dall'erotismo dei suoi dipinti.[63][64] G-Dragon ha poi scritto canzoni anche per la carriera da solisti di Seungri, Taeyang e Daesung, oltre che per i gruppi Ikon e 2NE1. È stato spesso descritto come un "perfezionista" e ricordato per essere molto critico durante le prove in studio di registrazione.[65]

Immagine pubblica[modifica | modifica wikitesto]

Arte e moda[modifica | modifica wikitesto]

Il logo del marchio di G-Dragon, Peaceminusone.

Nel 2013, G-Dragon ha collaborato con Ambush nella produzione di abbigliamento e accessori, e nel 2014 ha lanciato con la Chow Tai Fook Enterprises una collezione di gioielli da lui disegnata, mentre nel 2015 ha collaborato anche con Giuseppe Zanotti.[66][67][68] Nello stesso anno ha aperto una mostra d'arte intitolata Peaceminusone: Beyond the Stage, esponendo 200 opere d'arte di dodici artisti provenienti da varie parti del mondo, tra cui Michael Scoggins, Sophie Clements e James Clar. La mostra, che si è tenuta al museo d'arte di Seoul dal 6 giugno al 23 agosto 2015, ha richiesto quasi un anno di lavoro da parte di G-Dragon, che voleva unire l'arte moderna e la cultura pop con lo scopo di far conoscere nuovi artisti al pubblico.[69][70][71]

Nel 2016 ha poi collaborato con il marchio 8 Seconds, disegnando una collezione di street fashion che conteneva un design innovativo, adatto sia per gli uomini che per le donne.[72] Nell'ottobre dello stesso anno, G-Dragon ha lanciato il suo marchio personale, Peaceminusone, come negozio online assieme al suo stilista Gee Eun, esponendo tra le altre cose cappellini, gioielli e cuffiette.[73] Più tardi, due veri e propri negozi sono stati aperti rispettivamente a Londra e a Seoul.[74][75] Dal 2017 è diventato anche ambasciatore di Chanel, un marchio per cui l'artista non aveva mai nascosto la propria ammirazione.[76] In un'intervista su Dazed, ad esempio, G-Dragon ha raccontato come ami indossare gli abiti di quel marchio, e in particolare è conosciuto per aver indossato anche abiti femminili.[77][78]

Dall'1 al 18 agosto 2019 è stata poi aperta una mostra d'arte chiamata "Untitled, 2017" in cui sono state esposte alcune opere d'arte disegnate da G-Dragon, tra cui una serie di suoi quadri intitolata "Flower Road".[79]

Attività commeciali[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012, G-Dragon ha fatto costruire come regalo per la sua famiglia un hotel, che è ora gestito dai suoi genitori ed è aperto anche ai fan.[80] Il 20 ottobre 2015, G-Dragon ha ufficialmente aperto il suo primo caffè sull'isola di Jeju, il "Monsant Cafe", e nel 2017 ne ha aperto un secondo con il nome di "Untitled, 2017", ispirato al titolo della sua canzone "Untitled 2014".[81] Contiene anche una pista da bowling disegnata da G-Dragon stesso e si trova all'interno del complesso di edifici della YG Entertainment.[82]

Filantropia[modifica | modifica wikitesto]

G-Dragon ha sostenuto varie organizzazioni di beneficenza nel corso degli anni. In particolare, ha collaborato con la campagna With organizzata dalla YG Entertainment per far costruire delle infrastrutture in Nepal e ad Haiti.[83] In generale, è stato riportato che è sua abitudine fare delle donazioni ogni anno nel giorno del suo compleanno, il 18 di agosto; nel 2017, in quest'occasione il cantante ha donato all'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati 81.8 milioni di won, che corrispondono a circa 80,000 dollari.[84] G-Dragon ha partecipato anche a donazioni per l'ospedale nazionale dell'università di Seoul e alle campagne di Product Red per combattere l'AIDS.[85][86] Nel 2017, inoltre, è stata piantata sull'isola di Jeju una foresta di agrumi che porta il vero nome dell'artista, Kwon Ji-yong, i cui frutti sono stati donati in occasione di alcuni eventi di beneficenza.[87]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

G-Dragon si è iscritto alla Kyung Hee University nel 2008 per studiare musica postmoderna. In seguito si è ritirato e ha scelto di specializzarsi in Leisure Sports Studies presso la Gukje Cyber University e ha ottenuto la laurea triennale nel 2013. Si è laureato nel 2016 presso la Sejong University. I piani per il dottorato sono stati rinviati a causa del suo arruolamento militare.[88] Nel 2018, The Gazette Review ha stimato che il patrimonio netto di G-Dragon è di $40 milioni.[89] Il rapper ha ottenuto un ampio seguito sui social media, e nel gennaio 2019 era l'account coreano più seguito su Instagram con oltre 16.1 milioni di follower.[90]

G-Dragon ha iniziato il servizio militare obbligatorio il 27 febbraio 2018, ed è stato rilasciato il 26 ottobre 2019.[91][92]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Da solista[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Album dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

  • 2010 – Shine a Light
  • 2013 – 1st World Tour Commemorative Vinyl LP – One of A Kind
  • 2013 – 2013 G-Dragon World Tour Live CD [One Of A Kind in Seoul]
  • 2013 – 2013 G-Dragon 1st World Tour [One Of A Kind] The Final

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 2007 –This Love
  • 2008 – Naman Barabwa Part 2
  • 2009 – But I Love U
  • 2009 – Heartbreaker
  • 2009 – Breathe
  • 2009 – Butterfly
  • 2012 – One Of A Kind
  • 2012 – That XX
  • 2012 – Crayon
  • 2013 – Michi Go!
  • 2013 – Crooked
  • 2013 – Who you?
  • 2017 – Untitled, 2014

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • 2009 – The Leaders (G-Dragon, Teddy Park e CL)
  • 2009 – Hello (G-Dragon e Dara)
  • 2009 – She's Gone (con Kush)
  • 2009 – Korean Dream (G-Dragon e Taeyang)
  • 2009 – Gossip Man (con Kim Gun-mo)
  • 2009 – Butterfly (con Jin Jung)
  • 2010 – Heartbreaker (Remix) (con Flo Rida)
  • 2010 – High High (con T.O.P)
  • 2010 – Oh Yeah (con T.O.P e Bom)
  • 2010 – Knock Out (con T.O.P)
  • 2011 – Having an Affair (con Park Myung-soo e Bom)
  • 2012 – Without You (con Rosé)
  • 2013 – Going To Try (con Jeong Hyeong-don)
  • 2013 – Bubble Butt (Major Lazer ft. Bruno Mars, G-Dragon, T.O.P, Tyga e Mystic)
  • 2013 – Missing You (con Kim Yoon-ah)
  • 2013 – Today (con Kim Jong-wan)
  • 2013 – Niliria (con Missy Elliott)
  • 2013 – Black (con Jennie Kim)
  • 2013 – R.O.D. (con Lydia Paek)
  • 2013 – I Love It (con Zion.T e Boys Noize)
  • 2013 – Coup d'Etat (con Diplo e Baauer)
  • 2014 – Good Boy (con Taeyang)
  • 2015 – Mapsosa (con Taeyang & Hwang Kwanghee)
  • 2015 – Zutter (con T.O.P)
  • 2017 – Palette (IU con G-Dragon)

Con i Big Bang[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia dei Big Bang.

Con i GD & TOP[modifica | modifica wikitesto]

Tournée[modifica | modifica wikitesto]

Da solista[modifica | modifica wikitesto]

  • 2013 - One of a Kind World Tour
  • 2017 - Act III: M.O.T.T.E World Tour

Con i Big Bang[modifica | modifica wikitesto]

  • 2012/13 – Alive Galaxy World Tour
  • 2013/14 – Japan Dome Tour
  • 2014/15 – Japan Dome Tour "X"
  • 2015/16 – Made World Tour
  • 2016/17 – 0.TO.10
  • 2017 – Last Dance Tour

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Premi e riconoscimenti dei Big Bang e Premi e riconoscimenti di G-Dragon.

G-Dragon ha vinto due Golden Disc Award, due Korean Music Award, due MBC Entertainment Award, due World Music Award, sette Mnet Asian Music Award, sei Melon Music Award e molti altri premi. Nel 2008, G-Dragon è stato insignito del premio per Most Influential Men of the Year sponsorizzato dalla rivista Arena,[93] e nel 2013, ha ricevuto il premio Style Icon of the Year allo Style Icon Asia, essendo il primo solo cantante per vincere il premio indiviso.[94] È stato scelto da GQ Korea come il loro uomo dell'anno nel 2015.[95] Inoltre, G-Dragon è stato insignito del premio Pop Culture & Arts Awards 2016, tenuto dal Ministero della Cultura, dello Sport e del Turismo coreano, riconosciuto per la sua influenza e il successo sulla musica e la moda.[96]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mark Russell, K-Pop Now!: The Korean Music Revolution, Tuttle Publishing, 29 aprile 2014.
  2. ^ (EN) G-Dragon, the Undisputed King of K-Pop, Takes New York, su Vogue. URL consultato il 22 luglio 2019.
  3. ^ dazeddigital.com, https://www.dazeddigital.com/music/article/15542/1/g-dragon-%E2%80%93-k-pops-golden-boy.
  4. ^ rollingstoneindia.com, https://rollingstoneindia.com/g-dragon-in-bangkok/.
  5. ^ Nell'onomastica coreana il cognome precede il nome. "Kwon" è il cognome.
  6. ^ (EN) Todd Spangler, Todd Spangler, K-Pop Superstars BigBang Go Camping in YouTube Red’s First Korean Show, su Variety, 26 aprile 2017. URL consultato il 22 luglio 2019.
  7. ^ a b Han, Sang-Hee, Music Awards Has Fresh Yet Disappointing Start, The Korea Times, 22 novembre 2009. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  8. ^ G-Dragon Announces 2017 Act III, M.O.T.T.E World Tour, su Billboard. URL consultato il 22 luglio 2019.
  9. ^ (EN) Ahead of Hong Kong show, G-Dragon explains who he really is, su South China Morning Post, 18 luglio 2017. URL consultato il 22 luglio 2019.
  10. ^ www.forbes.com, https://www.forbes.com/consent/?toURL=https://www.forbes.com/30-under-30-asia-2016/entertainment-sports/#71c525956849. URL consultato il 22 luglio 2019.
  11. ^ [新스타고백]지드래곤③연습생시절, 1년간 죽어라 청소만 : 야후! 미디어 - 세상을 만나는 창, su web.archive.org, 4 febbraio 2010. URL consultato il 22 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2010).
  12. ^ a b c (EN) G-Dragon Talks About The Hard Times During His Younger Years, su Soompi, 1264894467. URL consultato il 22 luglio 2019.
  13. ^ (KO) [新스타고백]지드래곤⑤아이돌그룹 활동, 망설였다, su 아시아경제, 2 febbraio 2010. URL consultato il 22 luglio 2019.
  14. ^ (KO) 비스트 윤두준 “‘빅뱅다큐’로 가수 꿈 키웠다”(인터뷰), su 비스트 윤두준 “‘빅뱅다큐’로 가수 꿈 키웠다”(인터뷰) - 손에 잡히는 뉴스 눈에 보이는 뉴스 - 뉴스엔, 22 ottobre 2009. URL consultato il 22 luglio 2019.
  15. ^ [https://web.archive.org/web/20090518161821/http://www.miak.or.kr/stat/kpop_200710.htm ���� ����], su web.archive.org, 18 maggio 2009. URL consultato il 25 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2009).
  16. ^ KBS GLOBAL, su web.archive.org, 24 settembre 2008. URL consultato il 25 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2008).
  17. ^ 빅뱅 태양, 대중음악상 2관왕…"좋은 음악으로 보답", su www.nocutnews.co.kr, 12 marzo 2009. URL consultato il 25 luglio 2019.
  18. ^ G-Dragon与W-inds合作 日本同台演出获好评_影音娱乐_新浪网, su ent.sina.com.cn. URL consultato il 25 luglio 2019.
  19. ^ G-Dragon Vol. 1 - Heartbreaker, Yes Asia. URL consultato il 2 gennaio 2019.
  20. ^ Seo Tai-ji Tops Album Sales, The Korea Times, 18 settembre 2009. URL consultato il 30 settembre 2009.
  21. ^ Kim, Jessica, G-Dragon album designated as harmful media content, 10Asiae, 3 novembre 2009. URL consultato il 21 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2012).
  22. ^ Cho, Jae-hyon, YG Hits Sony Over Plagiarism Allegations, The Korea Times, 25 settembre 2009. URL consultato il 29 settembre 2009.
  23. ^ Lee, Sung-moo, Is Plagiarism a New Genre?, The Korea Times, 28 ottobre 2009. URL consultato il 7 novembre 2009.
  24. ^ 지드래곤, '표절이라 단정하기엔 섣부른 판단!', su bntnews.hankyung.com. URL consultato il 25 luglio 2019.
  25. ^ G-Dragon and Top to Release Duet Album in December, KBS World, 30 novembre 2010. URL consultato il 20 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il 1º settembre 2012).
  26. ^ Hong, Lucia, Big Bang unit G-Dragon and T.O.P release third title track, 10Asiae, 24 dicembre 2010. URL consultato il 20 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2012).
  27. ^ Kim, Heidi, IU "Good Day" stays atop Gaon chart for 4th week, 10Asiae, 6 gennaio 2011. URL consultato il 20 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2012).
  28. ^ Kim, Heidi, IU's "Good Day" takes charge of Mnet chart for 4th week, 10Asiae, 4 gennaio 2011. URL consultato il 20 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2012).
  29. ^ Big Bang duo on TV today, The Korea JoongAng Daily, 13 gennaio 2011. URL consultato il 20 gennaio 2011.
  30. ^ (KO) Gaon Chart Search: GD & TOP, Korea Music Content Industry Association. URL consultato il 31 ottobre 2010.
  31. ^ (KO) '발매 D-2' GD·탑 유닛 첫앨범, 선주문만 '20만장' (GD&TOP’s album receives 200,000 pre-orders), Daum. URL consultato il 23 gennaio 2011.
  32. ^ MBCentertainment, [ENG SUB] GD&명수 - 바람났어♪ Infinite Challenge West Coast Highway Festival(4), #10, 서해안 고속도로 가요제201107, 2 febbraio 2012. URL consultato il 25 luglio 2019.
  33. ^ (EN) G-Dragon Opens Up about Marijuana Scandal, Daesung Had Suicidal Thoughts, su Soompi, 1329759455. URL consultato il 25 luglio 2019.
  34. ^ G-Dragon Enters the Billboard 200 and Places First on the Billboard World Album Chart - MNET, su web.archive.org, 23 settembre 2012. URL consultato il 31 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2012).
  35. ^ a b 국내 대표 음악 차트 가온차트!, su gaonchart.co.kr. URL consultato il 31 luglio 2019.
  36. ^ US-China Today: G-Dragon adds Hong Kong and Japan concert dates to solo world tour, su web.archive.org, 4 luglio 2015. URL consultato il 31 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2015).
  37. ^ GAON DIGITAL CHART | gaon music chart, su web.archive.org, 8 febbraio 2014. URL consultato il 31 luglio 2019 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2014).
  38. ^ K-Pop Star G-Dragon Enters Billboard 200, su Billboard. URL consultato il 31 luglio 2019.
  39. ^ K-Pop Star G-Dragon Wins Four at 2013 MAMAs, su Billboard. URL consultato il 31 luglio 2019.
  40. ^ G-Dragon Wins Best Entertainer and Best Album at 2014 World Music Awards, su SENATUS. URL consultato il 31 luglio 2019.
  41. ^ Taeyang Gives Track-By-Track Review of Record-Breaking 'Rise' Album (Exclusive Video), su Billboard. URL consultato il 2 agosto 2019.
  42. ^ IU Releases Coming-of-Age Single 'Palette,' Feat. G-Dragon, su Billboard. URL consultato il 2 agosto 2019.
  43. ^ Joey Guerra, K-pop star G-Dragon explores celebrity, identity at Houston show, su Houston Chronicle, 20 luglio 2017. URL consultato il 2 agosto 2019.
  44. ^ (EN) The Korea Herald, G-Dragon’s ‘Kwon Ji Yong’ going strong in China, su www.koreaherald.com, 15 giugno 2017. URL consultato il 2 agosto 2019.
  45. ^ G-Dragon Announces 2017 Act III, M.O.T.T.E World Tour, su Billboard. URL consultato il 2 agosto 2019.
  46. ^ G-Dragon Tour Documentary 'Kwon Ji Yong Act III: Motte' Heading to YouTube Premium, su Billboard. URL consultato il 2 agosto 2019.
  47. ^ (EN) K-Pop Star G-Dragon on His Growing Global Influence: 'I Didn't Realize How Famous I Was' (Q&A), su The Hollywood Reporter. URL consultato il 13 settembre 2019.
  48. ^ [新스타고백]지드래곤③연습생시절, 1년간 죽어라 청소만 : 야후! 미디어 - 세상을 만나는 창, su web.archive.org, 4 febbraio 2010. URL consultato il 13 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2010).
  49. ^ (EN) Jacques Peterson, On the edge of K-pop: boy band Big Bang's unique appeal, su The Sydney Morning Herald, 13 ottobre 2015. URL consultato il 13 settembre 2019.
  50. ^ Gli album preferiti di G-Dragon, su complex.com.
  51. ^ (KO) 빅뱅·BEG·쥬얼리…가요계 대세는 '일렉트로니카', su 스타뉴스, 28 febbraio 2008. URL consultato il 13 settembre 2019.
  52. ^ G-Dragon and T.O.P hold world premiere showcase for duo unit -, su web.archive.org, 22 luglio 2011. URL consultato il 13 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2011).
  53. ^ (EN) G-Dragon Goes Solo with One Of A Kind, su Seoulbeats, 24 settembre 2012. URL consultato il 13 settembre 2019.
  54. ^ G-Dragon: il making of di Coup d'Etat, su complex.com.
  55. ^ a b (EN) Top of the K-Pops, G-Dragon Makes Solo Return With 'Kwon Ji Yong' Album, 'Untitled 2014' Video, su Fuse. URL consultato il 13 settembre 2019.
  56. ^ [INTERVIEW] Big Bang G-Dragon Pt. 2 -, su web.archive.org, 2 gennaio 2011. URL consultato il 13 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 2 gennaio 2011).
  57. ^ K-Pop’s New Style: G-Dragon Blazes a Cray Path, su Spin, 21 gennaio 2013. URL consultato il 13 settembre 2019.
  58. ^ K-pop: una guida, su theguardian.com.
  59. ^ 지드래곤 ‘소년이여’ 깜짝 공개 “대박 조짐?” :: 재경일보, su web.archive.org, 22 luglio 2011. URL consultato il 13 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2011).
  60. ^ G-Dragon, 'COUP D'ETAT': First Listen, su Billboard. URL consultato il 13 settembre 2019.
  61. ^ a b ize.co.kr, http://www.ize.co.kr/articleView.html?no=2017061217057287043.
  62. ^ Bangkok Post Public Company Limited, The man behind the myth, su https://www.bangkokpost.com. URL consultato il 13 settembre 2019.
  63. ^ Big Bang's G-Dragon says he wrote "If you" when he was in love, su mwave.interest.me (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2015).
  64. ^ G-Dragon's inspirations, su tenasia.hankyung.com.
  65. ^ www.nst.com.my, https://www.nst.com.my/news/2016/07/161335/bigbang-onstage-and-stage. URL consultato il 13 settembre 2019.
  66. ^ (EN) G-Dragon x AMBUSH 2013 Collection, su Highsnobiety, 24 settembre 2013. URL consultato il 16 settembre 2019.
  67. ^ G-Dragon collaborates with HK jeweller to produce limited edition collection, AsiaOne Showbiz News, su web.archive.org, 25 settembre 2014. URL consultato il 16 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2014).
  68. ^ Giuseppe Zanotti collaborates with G-Dragon | Fashion | ELLE Malaysia, su web.archive.org, 14 settembre 2015. URL consultato il 16 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 14 settembre 2015).
  69. ^ G-Dragon to hold art exhibition, su web.archive.org, 25 settembre 2015. URL consultato il 16 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2015).
  70. ^ G-Dragon's world: PEACEMINUSONE, su kpopherald.koreaherald.com.
  71. ^ G-Dragon art exhibition opens in Seoul - Channel NewsAsia, su web.archive.org, 14 giugno 2015. URL consultato il 16 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 14 giugno 2015).
  72. ^ G-Dragon collaboration with 8 Seconds, su news.samsungcnt.com.
  73. ^ G-Dragon Launches Latest Project PEACEMINUSONE, su HYPEBEAST. URL consultato il 16 settembre 2019.
  74. ^ (EN) Dazed, G-Dragon’s clothing line launches in London, su Dazed, 7 dicembre 2016. URL consultato il 16 settembre 2019.
  75. ^ g-dragon-peaceminusone-2017-seoul-pop-up, su hypebae.com.
  76. ^ (EN) K-Pop icon G-Dragon fronts Chanel as new ambassador, su Marie France Asia, women's magazine, 17 novembre 2016. URL consultato il 16 settembre 2019.
  77. ^ G-Dragon wears Chanel Womenswear at spring 2018 collection, su vogue.com.
  78. ^ (EN) Dazed, G-Dragon on why he isn’t afraid to wear Chanel womenswear, su Dazed, 4 ottobre 2017. URL consultato il 16 settembre 2019.
  79. ^ (EN) G-Dragon ‘Untitled 2017’ Art Exhibition to Open in Taipei, First Stop of Its Asia Tour | Exhibitions | THE VALUE | Art News, su TheValue.com. URL consultato il 2 agosto 2019.
  80. ^ G-Dragon's hotel opens, su travel.cnn.com.
  81. ^ (EN) Trazy, Cafe Aewol Monsant 카페 애월 드 몽상 in Jeju, South Korea, su Trazy. URL consultato il 16 settembre 2019.
  82. ^ Untitled, 2017, su en.yna.co.kr.
  83. ^ ygfamily.com, https://www.ygfamily.com/ygwith/campaign.asp.
  84. ^ en.yna.co.kr, https://en.yna.co.kr/view/AEN20170818006500315.
  85. ^ Chance To Meet G-Dragon In New HIV Campaign, su web.archive.org, 25 novembre 2016. URL consultato il 13 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 25 novembre 2016).
  86. ^ "G-Dragon Honored for Donation to Help Children", su english.chosun.com.
  87. ^ "G-Dragon" forest opens in Jeju, su kpopherald.koreaherald.com.
  88. ^ (KO) Hye-jin Park, [단독] "지디는 유통학 석사였다"…권지용, 꼼수 입영연기, in Naver, 6 febbraio 2018. URL consultato il 27 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2018).
  89. ^ G Dragon Net Worth 2018, su gazettereview.com.
  90. ^ (EN) hermes, Instagram Korea's most beloved celebrities for 2018, su The Straits Times, 22 dicembre 2018. URL consultato il 2 agosto 2019.
  91. ^ Kelly Emma, BIGBANG's G-Dragon completes basic training as he prepares to be active duty soldier, in Metro, 5 aprile 2018. URL consultato il 30 luglio 2018.
  92. ^ G-DRAGON(권지용), ‘앞으로 본업에 충실 하겠습니다!’ [뉴스엔TV], su n.news.naver.com.
  93. ^ (KO) 지드래곤, 2008 'A-어워즈' 스타일 부문 수상, Naver, 10 dicembre 2008. URL consultato il 2 ottobre 2009.
  94. ^ G-Dragon Receives Grand Prize, First Such Case for Solo Singer, in OSEN via YG Life, 25 ottobre 2013. URL consultato l'11 luglio 2014.
  95. ^ So-Young Sung, GQ Korea names G-Dragon Man of the Year, in Korea Joongang Daily, 27 novembre 2015. URL consultato il 21 dicembre 2015.
  96. ^ G-Dragon Honored With 2016 Pop Culture & Arts Awards, in KBS World Radio, 21 ottobre 2016. URL consultato il 30 marzo 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN171492549 · ISNI (EN0000 0001 2054 1208 · LCCN (ENno2015058020 · BNF (FRcb16515151f (data) · WorldCat Identities (ENno2015-058020