Massachusetts Institute of Technology

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Massachusetts Institute of Technology
MIT logo.svg
MIT.JPG
Il Massachusetts Institute of Technology visto da Boston
Ubicazione
StatoStati Uniti Stati Uniti
CittàCambridge
Dati generali
SoprannomeEngineers
MottoMens et Manus (mente e mano)
Fondazione1861 (aperta 1865)
FondatoreWilliam Barton Rogers
Tipoprivata
RettoreL. Rafael Reif
PresidenteL. Rafael Reif e Cynthia Barnhart
Studenti10 894
Dipendenti14 032 (settembre 2020)
Colori          rosso cardinale e grigio acciaio
AffiliazioniAAU
SportNCAA Division III
Mappa di localizzazione
Sito web
Immagine HDR del Massachusetts Institute of Technology

L'Istituto di tecnologia del Massachusetts (in inglese: Massachusetts Institute of Technology, MIT) è una delle più importanti università di ricerca del mondo con sede a Cambridge, nel Massachusetts (Stati Uniti d'America).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Aperto a Boston nel 1861 dal geologo William Barton Rogers, che ne fu il primo rettore, il Massachusetts Institute of Technology sorse come istituto dedito alla ricerca applicata all'industria. Negli anni Sessanta vi fu un notevole fermento culturale che portò alla nascita e allo sviluppo della cultura hacker.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

L'istituto è organizzato nelle seguenti scuole:[1]

  • Architettura e pianificazione del territorio
  • Ingegneria
  • Management
  • Scienze
  • Scienze umane, arte e scienze sociali

Al MIT si trovano complessi tecnologici all'avanguardia, tra i quali cinque acceleratori ad alta energia, un reattore nucleare, un laboratorio di intelligenza artificiale, un keyserver OpenPGP, il Center for cancer research, il Computer science and artificial intelligence laboratory, il Center for international studies, il Media laboratory, il Research laboratory of electronics, il Center for cognitive science e l'International financial services research center.

Il Computer science and artificial intelligence laboratory (CSAIL) derivò dall'unione, avvenuta nel 2003, fra l'Artificial intelligence laboratory e il Laboratory for computer science (ex Project MAC) ed ospita il World Wide Web Consortium.

Casa editrice[modifica | modifica wikitesto]

La casa editrice MIT Press pubblica opere di linguistica, architettura, urbanistica e scienze.

MIT OpenCourseWare[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: MIT OpencourseWare.

Il MIT, partecipando a un progetto denominato OpenCourseWare[2], ha dato avvio all'iniziativa MIT OpencourseWare, mettendo online un numero considerevole di lezioni filmate (chiamate "lecture") che si basano su libri scritti dagli stessi docenti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN150025207 · ISNI (EN0000 0001 2183 597X · ULAN (EN500263221 · LCCN (ENn79006591 · GND (DE2179-9 · BNE (ESXX126469 (data) · BNF (FRcb118704634 (data) · J9U (ENHE987007265158305171 · NDL (ENJA00629270 · WorldCat Identities (ENlccn-n79006591