Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Iraq

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Iraq
Iraq – Bandiera Iraq - Stemma
(dettagli)
Allāh Akbar "Dio è il più grande"
Iraq - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Repubblica d'Iraq
Nome ufficiale in arabo: جمهورية العراق
Lingue ufficiali arabo, curdo
Capitale Baghdad  (5 772 000 ab.)
Politica
Forma di governo repubblica parlamentare federale
Capo di Stato Fu'ad Ma'sum
Capo di Governo Haydar al-'Abadi
Indipendenza 3 ottobre 1932 dal Regno Unito
Ingresso nell'ONU 21 dicembre 1945 1
Superficie
Totale 438 317 km² (57º)
 % delle acque trascurabile
Popolazione
Totale 31.671.591 ab. (2012) (39º)
Densità 71 ab./km²
Tasso di crescita 2,345% (2012)[1]
Nome degli abitanti Iracheni
Geografia
Continente Asia
Confini Arabia Saudita, Giordania, Iran, Kuwait, Siria, Turchia
Fuso orario UTC +3
Economia
Valuta Dīnār iracheno
PIL (nominale) 212 501[2] milioni di $ (2012) (46º)
PIL pro capite (nominale) 6 305 $ (2012) (87º)
PIL (PPA) 236 044 milioni di $ (2012) (52º)
PIL pro capite (PPA) 7 004 $ (2012) (108º)
Fecondità 4,7 (2010)[3]
Varie
Codici ISO 3166 IQ, IRQ, 368
TLD .iq
Prefisso tel. +964
Sigla autom. IRQ
Inno nazionale Mawtini (Patria mia)
Festa nazionale
Iraq - Mappa
1È uno dei 51 Stati che hanno dato vita all'ONU nel 1945.
Evoluzione storica
Stato precedente Flag of Iraq (1921–1959).svg Regno dell'Iraq
 

Coordinate: 33°N 43°E / 33°N 43°E33; 43

L'Iraq, o Repubblica d'Iraq (in arabo: جمهورية العراق‎, Jumhūriyyat al-‘Irāq) è uno Stato dell'Asia occidentale.

Confina con Turchia a nord, Arabia Saudita e Kuwait a sud, Siria a nordovest, Giordania a ovest e Iran verso est. Il territorio dell'Iraq corrisponde approssimativamente al territorio dell'antica Mesopotamia, la "terra dei fiumi" (Bilād al-Rafidayn in arabo), mentre il nome attuale viene dal persiano eraq, ossia "terre basse" (in contrapposizione all'altopiano iranico). La capitale è Baghdad. Possiede la terza riserva di petrolio al mondo.

Il Paese è stato per circa 25 anni governato in maniera autoritaria dal regime dittatoriale di Saddam Hussein. In seguito alla caduta di Saddam Hussein avvenuta nel 2003, l'Iraq è divenuto nel 2005 una repubblica parlamentare federale. La parte occidentale del Paese è controllata dal gruppo jihadista Stato Islamico, in guerra col governo centrale.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Geografia dell'Iraq.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio iracheno comprende, oltre alla Mesopotamia – con cui si è portati in prima approssimazione a identificarlo –, a ovest un vasto lembo orientale del deserto Siriaco e gli ultimi tavolati del Nafūd (Arabia Saudita); a E i primi rilievi della catena dello Zagros; a nord include un'estrema sezione della stessa catena che corrisponde al Kurdistān meridionale. Circa il 60% del territorio rientra però nella pianura mesopotamica, vasta area depressionaria orientale (Irāq significa appunto bassura) del tavolato siro-arabico, colmata verso il Golfo Persico dalle alluvioni recenti del Tigri e dell'Eufrate: è perciò una zona di passaggio tra la Siria (e quindi il mondo mediterraneo) e il Golfo Persico, naturale corridoio verso il mondo indiano. La sua struttura geologica è relativamente semplice, essendo costituita essenzialmente da un imbasamento paleozoico che, ricoperto da potenti stratificazioni sedimentarie marine, si contrappose ai movimenti orogenetici cenozoici (a cui si ricollegano i vasti espandimenti di rocce effusive presenti nel Nord) che hanno formato gli archi montuosi del Tauro e dello Zagros: la grande zolla, rimasta essenzialmente rigida, subì un'inclinazione verso S e, a partire dalla fine del Cenozoico, fu ricoperta nella sezione più meridionale dalle alluvioni depositate dal Tigri e dall'Eufrate, secondo un processo ancora in corso, come testimoniano le continue variazioni morfologiche e gli spostamenti della linea di costa. L'orlo montuoso dell'Iraq, che nella parte orientale supera in più punti i 3500 m (Keli Haji Ibrāhīm, 3600 m), forma un gigantesco arco di catene diretto prima da W a E e poi da NW a SE fin quasi a lambire il Golfo Persico. I monti scendono ripidi sul bassopiano o vi si smorzano con una serie di lunghe e spettacolari pieghe anticlinali: fratture tettoniche hanno favorito l'infiltrarsi di colate basaltiche e questi monti, per lo più formati da rocce calcaree, incisi da gole, si presentano aridi e nudi anche per la diffusione che vi hanno i fenomeni carsici. Nei settori occidentali e sudoccidentali del Paese si estendono invece monotone piattaforme, debolmente inclinate verso l'Eufrate e preludio ai deserti di Arabia e di Siria; i solchi degli uidian e le alture basaltiche ne costituiscono la più marcata componente morfologica.

Idrografia[modifica | modifica wikitesto]

L'Iraq odierno corrisponde in gran parte all'antica Mesopotamia, la "terra in mezzo ai fiumi" (dove sorge la città di Nassiriya), ossia l'Eufrate e il Tigri, che scorrono da nord a sud, unendosi prima di sfociare nel Golfo Persico. Lungo le rive di questi fiumi sono presenti ampie zone paludose usate in passato per frenare le inondazioni generate dalle piene di questi fiumi. Altri due fiumi di notevole rilevanza sono il Grande Zāb e il Piccolo Zāb, affluenti del Tigri.

Per far fronte ai problemi idrologici ed energetici del paese sono state costruite numerose dighe. Le più importanti sono:

  • Diga di Haditha: situata sul fiume Eufrate, con una potenza di 660 MW.
  • Diga di Mossul: situata su fiume Tigri è attualmente la più grande del paese. Ha una potenza di 750 MW.
  • Diga di Bekhme: la sua costruzione sul fiume Grande Zāb è attualmente sospesa. Con i suoi 1500 MW di progetto, se verrà completata diventerà la più grande del paese.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima iracheno è tropicale: steppa a nord e deserto a sud. Gli inverni sono miti, escludendo la catena montuosa a nord del paese, dove essi sono abbastanza rigidi. Le estati sono caldissime, le temperature in questa stagione sono tra le più elevate al mondo, poiché superano costantemente i 43 °C, con punte di 51 - 52 °C, soprattutto nella pianura mesopotamica.

Popolazione[modifica | modifica wikitesto]

Popolazione in migliaia. Dati FAOSTAT 2004

Secondo stime del CIA World Factbook nel luglio 2014 la popolazione irachena era di 32 585 692abitanti.[4] Le continue guerre degli ultimi 30 anni hanno provocato una forte emigrazione: nel 2008 l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati calcolava circa due milioni di rifugiati all'estero, in larga maggioranza in Siria e Giordania.[5]
I tre principali gruppi etnico-religiosi del Paese sono gli arabi sciiti (circa il 60% della popolazione), gli arabi sunniti (15-20%) e i curdi (anch'essi prevalentemente sunniti), che costituiscono il 15-20% della popolazione irachena.

Etnie[modifica | modifica wikitesto]

L'etnia maggioritaria (75-80%) è quella araba. Vi è poi una consistente minoranza curda (15-20%), maggioritaria nel nord-est del Paese. Fra le altre etnie vi sono quella turcomanna e quella assira.[6]
All'interno di questi gruppi etnici sono poi individuabili dei sotto-gruppi, come gli arabi delle paludi e gli yazidi, questi ultimi di etnia curda.

Religioni[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa cattolica in Iraq.

Gli iracheni sono in larghissima maggioranza musulmani. Nello specifico, circa il 60% della popolazione è di fede musulmana sciita e il 35% è di fede musulmana sunnita. Sono per lo più sciiti gli arabi residenti nella popolosa zona sudorientale, mentre professano la fede sunnita la quasi totalità degli appartenenti all'etnia curda insediati nell'Iraq nordorientale e la parte della comunità araba insediata nella parte centro-occidentale del Paese. [7]
Sia fra gli arabi che fra i curdi vi è poi una piccola minoranza di cristiani. Fino circa al 2003 la popolazione cristiana contava circa 1&nbsp500&nbsp000 fedeli, per lo più appartenenti alle chiese assira, cattolica caldea, siriaco-ortodossa, siriaco-cattolica e armena. Negli anni successivi, però, il numero di cristiani in Iraq è drasticamente calato, e oggi si stima ammonti a circa 200.000 persone.[8]
Altri gruppi etnico-religiosi minori presenti in Iraq sono i Mandei, gli Yazidi, gli Yarsan e gli Shabak.

Lingue[modifica | modifica wikitesto]

La lingua più parlata è l'arabo, appartenente alla famiglia semitica, mentre il curdo, di origine indoeuropea e assai vicino al farsi, è parlato nelle zone dove l'etnia curda è maggioritaria. Queste due lingue sono anche lingue ufficiali in base all'articolo 4 della Costituzione, il quale riconosce anche l'azero (lingua altaica che in Iraq viene chiamata turcomanno, ma che non corrisponde al turcomanno) e il siriaco (di ceppo semitico) come lingue ufficiali limitatamente alle aree in cui sono diffuse. Nello stesso articolo della costituzione è inoltre citato l'armeno (ceppo indoeuropeo) come un'altra lingua nella quale lo Stato deve garantire l'educazione.[9]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Storia dell'Iraq.

L'area fertile della Mesopotamia, situata fra i fiumi Eufrate e del Tigri, ha visto nascere alcune delle civiltà più antiche del mondo come i Sumeri, i Babilonesi e gli Assiri. Fu poi a lungo parte dell'Impero persiano - sia achemenide, sia partico e sasanide -. Fu annesso all'impero romano e cristianizzato nel III secolo per poi tornare alla Persia nel IV secolo fino alla definitiva sconfitta dei Persiani da parte dell'imperatore romano Eraclio nel VII secolo poco prima della conquista islamica

Periodo islamico[modifica | modifica wikitesto]

Nel 656 l'odierno Iraq venne conquistato dagli arabi, che introdussero l'Islam e lo governarono da Damasco, oggi in Siria. Nel 762 il califfato fu spostato dalla nuova dinastia abbaside nella nuova città di Baghdad (vicino all'antica Babilonia), che rimase a lungo il centro più importante del mondo arabo, salvo il relativamente breve periodo in cui il centro di governo e dell'economia si spostò nella più settentrionale Sāmarrāʾ.

Il califfato abbaside cadde nel 1258 sotto i colpi dei Mongoli guidati da Hülegü, avviando quel fenomeno di frammentazione politica (ma non culturale) del mondo arabo-islamico che dipendeva politicamente dal califfato e che conosciamo ancor oggi. Tamerlano, un condottiero turco-mongolo musulmano, invase l'Iraq nel 1401, pur mantenendo il centro delle sue attività politiche a Samarcanda, come d'altra parte fecero anche i suoi discendenti.

Dall'inizio del XVI secolo l'Iraq fu invece conteso tra l'Impero persiano, retto dalla dinastia sciita dei Safavidi (azeri di lingua e cultura), e il sunnita Impero Ottomano, fin quando quest'ultimo lo incorporò definitivamente nel 1638 (Trattato di Qasr-e Shirin).

Indipendenza[modifica | modifica wikitesto]

Al termine del I conflitto mondiale, le truppe britanniche occuparono l'odierno Iraq (fino ad allora provincia ottomana) e lo dichiararono indipendente il 1º ottobre 1919. Ai curdi, ai quali pure era stato promesso un proprio Stato, non fu consentito di istituirlo. Il 25 aprile 1920 Londra ricevette un mandato dalla Società delle Nazioni che ebbe fine il 3 ottobre 1932, quando l'Iraq ottenne una maggiore indipendenza, tuttavia ancora limitata sotto alcuni aspetti militari ed economici. La monarchia fu rovesciata una prima volta nel 1941 da un colpo di Stato sostenuto dalla Germania nazista e perciò represso dai britannici: i combattimenti fecero un migliaio di morti; il movente politico fu un pretesto per intraprendere la prima più eclatante persecuzione ebraica irachena, il Farhud: la parola vuol dire "rottura dell'ordine e della legge". L'evento tragico avvenne in tre giorni, dall'1 al 3 giugno del 1941.

Cessata la tutela britannica alla fine della seconda guerra mondiale, la monarchia perseguì una linea filo-occidentale, ma il 14 luglio 1958 un secondo colpo di Stato, attuato dal Comitato degli Ufficiali Liberi guidati dal generale ʿAbd al-Karīm Qāsim (traslitterato sommariamente Abdul Karim Kassem), istituì la repubblica, giustiziando sommariamente l'intera famiglia reale con i suoi notabili e perseguendo una linea nazionalista e neutralista. L'8 febbraio 1963 un terzo colpo di Stato uccide Kassem e porta al potere il partito Ba'th, di ispirazione socialista e panaraba, favorevole a un avvicinamento in politica estera all'Unione Sovietica. Era quindi un governo sostenuto dall'Egitto governato dalla Repubblica con a capo il colonnello Nasser, ed è in questa cornice che muoverà i suoi primi passi politici il ba'thista Saddam Hussein. Tuttavia, un quarto colpo di Stato rovescia il regime del Ba'th già il 18 novembre 1963, ad opera dell'ex braccio destro del generale Kassem, il colonnello ʿAbd al-Salām ʿĀrif. Dopo la morte violenta di quest'ultimo sarà suo fratello, il maresciallo ʿAbd al-Rahmān ʿĀrif a guidare il Paese. Il 17 luglio 1968 un quinto colpo di Stato, guidato dal generale Ahmad Hasan al-Bakr, parente di Saddam Hussein, riporta però al potere il Baʿth

In tutto questo ventennio postbellico i rapporti con la minoranza curda sono segnati da cicli di insurrezioni, repressioni, tregue, accordi politici, mancata applicazione degli stessi.

Regime del Baʿth[modifica | modifica wikitesto]

Preso il potere, il Baʿth ha instaurato un controllo molto stretto sulle istituzioni e sulla società irachena, in direzione panaraba e socialista anziché nazionalista, appoggiandosi preferibilmente sugli arabi sunniti, soprattutto dopo la presa del potere da parte di Saddam Hussein nel 1979, che però abbandonerà subito l'ispirazione socialista e filo-sovietica e, negli ultimi anni del regime, anche quella panaraba.

Il 1º giugno 1972 il governo nazionalizza l'industria petrolifera: questa decisione avrà un ruolo chiave nelle successive decisioni dell'OPEC. Un merito che va riconosciuto al governo repubblicano iracheno è un forte impegno nella modernizzazione del Paese. Grazie alla vendita del petrolio nazionalizzato, il governo finanziò l'elettrificazione del paese, la costruzione di acquedotti, scuole, università, ospedali. La politica interna giungerà al creare ed intensificare un'economia industriale e produttiva non collegata al petrolio, con creazione di posti di lavoro e di benessere per la popolazione. Va inoltre ricordato il riconoscimento di numerosi diritti civili alle donne e l'instaurazione di una forma di governo interamente laica.

Nel 1980 gli Stati Uniti e i paesi NATO appoggiarono con aiuti economici e militari la volontà dell'Iraq (che aveva rivendicazioni territoriali) a scendere in guerra il 22 settembre contro l'Iran (dove una rivoluzione fondamentalista islamica aveva rovesciato la monarchia); al termine (8 agosto 1988) del conflitto però non ci furono né vincitori né vinti.

Nel corso della guerra morirono tra mezzo milione e un milione e mezzo di persone da entrambe le parti[10].

Prima guerra del Golfo (1990-1991)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra del Golfo.

Il 2 agosto 1990 l'Iraq occupò il Kuwait, accampando rivendicazioni territoriali ma soprattutto per ragioni economiche. Ne seguì il 17 gennaio 1991 la invasione da parte di una coalizione internazionale, che agiva su mandato delle Nazioni Unite, e che si concluse il 28 febbraio, seguita il 3 aprile dal cessate il fuoco definitivo fissato dalla risoluzione 687 del Consiglio di sicurezza dell'ONU. In seguito a ciò l'Iraq è stato isolato internazionalmente fino all'anno 2003, in cui ha inizio la Seconda guerra del golfo.

La sovranità dell'Iraq venne sottoposta a serie limitazioni. Infatti, oltre all'imposizione della "no-fly zone", il regime di Baghdad venne costretto a concedere un'ampia autonomia ai distretti curdi e a riconoscere il tracciato dei confini con il Kuwait. A ciò si aggiunsero misure di disarmo (di cui fu incaricata l'UNSCOM, Commissione speciale delle Nazioni Unite, con l'ausilio dell'AIEA, l'Agenzia internazionale per l'energia atomica) e restrizioni nella vendita di petrolio, una cospicua parte della quale venne destinata a ripagare i danni inflitti al Kuwait.

Tra due guerre (1992-2002)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1992 il rifiuto di concedere l'accesso agli ispettori dell'UNSCOM causò la proclamazione da parte dell'ONU di un rigido embargo economico, i cui effetti si rivelarono devastanti soprattutto per la popolazione civile. Perciò nel 1995 l'ONU attenuò le sanzioni, avviando con la risoluzione 986 il programma "Oil for Food" ("petrolio in cambio di cibo"), che autorizzava l'Iraq a esportare due miliardi di dollari di greggio al semestre per l'acquisto di viveri e medicinali. Temendo che il regime iracheno potesse usare il programma per approvvigionarsi di materiale di uso bellico, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna frapposero tuttavia molti ostacoli alla sua applicazione. Intanto, nell'ottobre 1994 un nuovo spostamento di truppe irachene al confine con il Kuwait spinse gli Stati Uniti a inviare nella regione un proprio contingente militare. Il regime di Baghdad annunciò il ritiro dall'area e riconobbe la sovranità del Kuwait il 10 novembre dello stesso anno, in conformità alle risoluzioni dell'ONU.

A partire dal 1997 tornò a intensificarsi lo scontro tra Saddam Hussein e l'amministrazione statunitense, causato dagli ostacoli frapposti dalle autorità irachene ai controlli dell'UNSCOM: nel dicembre del 1998 una nuova crisi, durante la quale gli Stati Uniti minacciarono l'uso della forza, fu risolta in extremis grazie all'intervento personale del segretario generale delle Nazioni Unite Kofi Annan, che ottenne la ripresa delle ispezioni. Nonostante quest'ultimo accordo, però, la questione rimase irrisolta, e agli inizi del 1999 gli aerei statunitensi e britannici ripresero le incursioni sul territorio iracheno. Un altro attacco nel febbraio del 2001 sollevò le proteste della maggioranza dei paesi arabi e fu criticata anche da numerosi esponenti dei governi europei, in particolare in Francia e in Germania. Nel frattempo, dopo il fallimento della missione UNSCOM, l'ONU istituì la missione UNMOVIC (Commissione per il monitoraggio, la verifica e l'ispezione degli armamenti iracheni), che però non ottenne l'autorizzazione del governo iracheno.

Dopo l'attacco terroristico subito dagli Stati Uniti l'11 settembre 2001 il governo di Washington accusò il regime iracheno di produrre armi di distruzione di massa e di collaborare con l'organizzazione terroristica al-Qāʿida, e riprese gli attacchi aerei contro obiettivi strategici e militari iracheni. In seguito all'intensificarsi degli attacchi aerei e all'esplicita minaccia degli Stati Uniti di scatenare una nuova guerra, a settembre l'Iraq consentì la ripresa delle ispezioni dell'ONU. Tuttavia, il presidente statunitense George W. Bush, scettico nei confronti dell'accordo, chiese una nuova risoluzione dell'ONU che autorizzasse un nuovo intervento militare contro il regime di Saddam Hussein; la richiesta di Washington fu tuttavia accolta solo da pochi paesi e da un solo altro membro del Consiglio di sicurezza dell'ONU, la Gran Bretagna.

Seconda guerra del Golfo (2003)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra d'Iraq.

Il 19 marzo 2003, nonostante l'opposizione del Consiglio di Sicurezza dell'ONU, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna lanciarono l'attacco contro l'Iraq, sostenuti da una trentina di paesi. La forza di invasione anglo-americana, penetrata nel paese dal sud e dal nord (dove si avvalse del sostegno dei curdi), si impose agevolmente sulla resistenza irachena, arrivando a Baghdad il 9 aprile. Saddam Hussein si diede alla fuga e venne poi catturato nel dicembre successivo nei pressi di Tikrit, la sua città natale, venendo poi condannato a morte da un tribunale ad hoc e impiccato il 30 dicembre 2006.

Il 1º maggio il presidente statunitense Bush proclamò la fine della guerra. Il 22 maggio il Consiglio di sicurezza dell'ONU pose fine alle sanzioni contro l'Iraq e a ottobre l'ONU autorizzava la presenza della forza multinazionale in Iraq e fissava un piano per l'elezione di un Parlamento e la costituzione di un governo, cui sarebbe stata trasferita la sovranità entro il mese di giugno del 2004. A luglio venne instaurato un Consiglio di Consiglio interinale di governo, i cui posti chiave vennero assegnati a membri dell'opposizione rientrati dall'esilio e ai rappresentanti delle comunità curda e sciita.

Le forze alleate vincitrici incontrarono nei mesi seguenti una dura resistenza, condotta per lo più da ex membri del regime ba'thista e da miliziani fondamentalisti iracheni e stranieri (alcuni dei quali più o meno legati ad al-Qāʿida). Agli inizi del 2004 la diffusione delle immagini delle torture inflitte da alcuni militari statunitensi ai detenuti del carcere di Abū Ghurayb acuirono le tensioni e sollevarono nel mondo una generale riprovazione.
Contemporaneamente alla resistenza contro le truppe straniere e il nuovo governo da queste sostenuto, vi fu anche il risveglio delle tradizionali divisioni religiose e tribali tra la comunità sciita (maggioritaria ma emarginata durante il regime ba'thista) e quella sunnita.

Presenza americana e guerriglia (2004-2011)[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 giugno 2004 si instaurò un nuovo governo provvisorio iracheno, presieduto dallo sciita Iyād ʿAllāwī.[11] Il nuovo governo aveva come principale compito quello di preparare lo svolgimento di nuove elezioni e di redigere la nuova carta costituzionale.
Nella comunità sunnita, che svolgeva un ruolo marginale nel processo di transizione, si rafforzò intanto un'ala radicale, che intensificò la sua offensiva guerrigliera e terroristica, con migliaia di attentati mortali e di atti di sabotaggio.
Nel corso del 2005 si svolsero tre tornate elettorali, per eleggere un parlamento incaricato di redarre una costituzione, per approvare la nuova costituzione e per eleggere un nuovo parlamento. Il boicottaggio da parte di gran parte della comunità sunnita e le minacce della guerriglia non impedirono a oltre otto milioni di iracheni (fino ad arrivare a dodici nelle elezioni di dicembre) di recarsi alle urne, consegnando la maggioranza relativa dei seggi in entrambe le elezioni parlamentari al blocco sciita guidato da Ibrāhīm al-Jaʿfarī[12][13] e approvando la nuova carta costituzionale.[14] Ad aprile Jalāl Ṭālabānī, leader dell'Unione Patriottica del Kurdistan, venne invece eletto alla presidenza del paese.[15] e approvando la nuova carta costituzionale.[16]

Nei primi mesi del 2006 si rafforzano le attività guerrigliere contro le forze d'occupazione e si intensifica lo scontro tra le comunità sciita e sunnita, con diversi attentati a moschee che provocano la morte di centinaia di persone.[17] Le ricercate armi di distruzione di massa non vengono trovate, mentre l'ipotesi che il regime iracheno avesse un rapporto di collaborazione con l'organizzazione terroristica di al-Qāʿida viene progressivamente smontata con l'analisi dei documenti iracheni, gli interrogatori di ufficiali di Saddam e la pubblicazione o desecretazione di numerosi rapporti di CIA e Pentagono anche precedenti all'invasione.[18]
All'inizio del 2007 George W. Bush annuncia un forte incremento delle truppe americane in Iraq, come parte della strategia detta "surge", nel corso della quale si cerca anche di coinvolgere maggiormente anche i sunniti, sia nel nuovo regime politico, sia nella lotta contro gli estremisti (e in particolare i "qa'idisti" di al-Qaeda in Iraq). Milizie prevalentemente sunnite, alcune delle quali in passato impegnate nella guerriglia contro le truppe straniere, cominciano così a cooperare con gli occupanti e a ricevere da loro finanziamenti.[19] La strategia ha almeno in parte successo, ma nel momento in cui viene terminata alla fine del 2008, molti gruppi sunniti, delusi, si alleano con i ribelli.[20] Nel frattempo alcuni Stati, fra cui il Regno Unito e l'Italia, cominciano il ritiro delle proprie truppe.
Nel 2008 Stati Uniti e Iraq firmano un accordo sullo status delle forze armate nel quale si fissa il ritiro di tutte le truppe americane entro la fine del 2011.

Dopo il ritiro (2012-2015)[modifica | modifica wikitesto]

Benché continuino i combattimenti sia contro il governo iracheno e le truppe straniere, sia fra le diverse comunità etnico-religiose, la scadenza viene rispettata e nel 2011 le truppe straniere terminano il ritiro dall'Iraq. [21]
A partire dal 2012 l'Iraq subisce le ripercussioni della guerra civile siriana, essendoci un intenso scambio di guerriglieri fra i gruppi islamisti che operano nella Siria orientale e quelli che operano nell'Iraq occidentale (a maggioranza sunnita, dove è forte il risentimento verso il governo di Baghdad, dominato dagli sciiti). [22]
Nel 2013 Abu Bakr al-Baghdadi, leader dello Stato Islamico dell'Iraq fondato nel 2006 come parte della rete di al-Qa'ida, annuncia l'unione del suo gruppo con al-Nusra, il principale movimento islamista della guerriglia siriana. L'unione, respinta dalla maggior parte della dirigenza di al-Nusra e da al-Qaeda, provoca l'allontanamento del nuovo gruppo, che prende il nome di Stato Islamico dell'Iraq e del Levante (ISIS o ISIL nella sigla inglese), dalla rete di al-Qaeda.[23]
All'inizio del 2014 questo gruppo assume il controllo della città di Falluja e di buona parte della provincia irachena occidentale di al-Anbar, oltre che della Siria orientale, e si espande poi fra giugno e luglio a nord e a est, prendendo in particolare le città di Mossul e Tikrit e spingendosi fino al territorio del Kurdistan. In questo periodo, rotti definitivamente i legami con al-Qaeda, proclama la creazione di un califfato universale (o Stato Islamico, IS nella sigla inglese) con a capo il suo leader Abu Bakr al-Baghdadi, che prende il nome di califfo Ibrahim.[24] L'avanzata dell'IS viene frenata dai raid degli Stati Uniti e dalle milizie curde e sciite.[25]
In seguito alle pressioni internazionali a favore di una politica più aperta nei confronti dei sunniti, il primo ministro ad interim Nuri al-Maliki viene sostituito ad agosto da Ḥaydar al-ʿAbādī.[26]

Ordinamento dello Stato[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la Costituzione del 2005, l'Iraq è una repubblica parlamentare, federale, democratica, islamica. L'esigenza di un equilibrio tra le comunità si è riflessa nella spartizione delle tre principali cariche dello Stato, che, seppur non formalmente prevista nella costituzione, è considerata parte fondamentale dell'accordo fra le tre principali comunità del Paese:

Per i primi due mandati (cioè fino al 2014) la Costituzione stabiliva che il Presidente fosse affiancato da un Consiglio di Presidenza del quale facevano parte anche un Vice Presidente sciita e uno sunnita. Allo stesso modo i due Vice Presidenti del Parlamento sono uno sciita e un curdo, mentre i Vice Primo Ministro sono tre, un sunnita, uno sciita e un curdo.

Il potere legislativo è attribuito al Parlamento, attualmente (2015) composto da 328 membri eletti su base proporzionale.

Rivendicazioni territoriali[modifica | modifica wikitesto]

La rivendicazione del Khuzistan, popolato da arabi e ricco di petrolio, scatenò la guerra Iran-Iraq. La rivendicazione del Kuwait come diciannovesima provincia scatenò la guerra del Golfo. Altri potenziali conflitti con l'Arabia Saudita su aree desertiche di confine potenzialmente petrolifere furono invece appianati molti anni fa con la creazione di zone neutrali.

Suddivisioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

L'Iraq è suddiviso in 18 governatorati dal 1976. Dal 2005 è prevista l'istituzione di regioni (su base etnico-religiosa); tuttavia l'unica istituita è il Kurdistan, e solo su tre delle cinque province rivendicate dai curdi (in contrasto con sunniti e turcomanni). Altre nove province dovrebbero far parte della regione sciita, ma gli sciiti sono in contrasto con i sunniti sul controllo della capitale.

Governatorati[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le voci sui singoli soggetti sono elencate nella Categoria:Governatorati dell'Iraq
I Governatorati dell'Iraq (numerati)
  1. Baghdād (بغداد)
  2. Ṣalāḥ al-Dīn (صلاح الدين)
  3. Diyālā (ديالى)
  4. Wāsiṭ (واسط)
  5. Maysān (ميسان)
  6. al-Baṣra (البصرة)
  7. Dhī Qār (ذي قار)
  8. al-Muthannā (المثنى)
  9. al-Qādisiyya (القادسية)
  10. Bābil (Babilonia) (بابل)
  11. Karbalāʾ (كربلاء)
  12. al-Najaf (النجف)
  13. al-Anbār (الأنبار)
  14. Nīnawā (Ninive) (نينوى)
  15. Dahūk (دهوك)
  16. Arbīl (o Irbīl) (اربيل)
  17. Kirkūk (كركوك)
  18. al-Sulaymāniyya (السليمانية)

Città principali[modifica | modifica wikitesto]

Baghdad (la capitale), Ba'quba, Bassora, Falluja, Karbala, Kirkuk, Mossul, Najaf, Nasiriya, Samarra.

Istituzioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Ordinamento scolastico
  • Sistema sanitario
  • Forze armate

Giustizia[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale sistema giuridico è in parte basato sulla legge islamica, la tradizione giuridica irachena e la legislazione occidentale. Durante il regime di Saddam è stata in vigore la pena di morte per molti reati, anche non violenti; veniva inoltre praticata legalmente la tortura. La pensa di morte, abolita durante il protettorato americano, è stata poi ripristinata dal nuovo governo iracheno nel 2005 per reati come l'omicidio, lo stupro, il terrorismo, il traffico di droga e i crimini contro l'umanità; l'ex dittatore Saddam Hussein è stato giustiziato tramite impiccagione nel 2006 per quest'ultimo crimine.

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Politica dell'Iraq.

In seguito al rovesciamento nel 2003 del regime di Saddam, dominato dai sunniti, il Paese si è dotato di una costituzione di tipo federale, che ha assicurato ampia autonomia nei rispettivi territori ai tre grandi gruppi etnico-religiosi del Paese, vale a dire i sunniti, gli sciiti e i curdi. Questo nuovo assetto ha ricevuto critiche soprattutto da parte della comunità sunnita, sia perché minerebbe l'unità del Paese, sia perché, essendo le aree petrolifere concentrate nelle zone a maggioranza sciita e curda, con un assetto federale la comunità sunnita è esclusa dai proventi di questa preziosa risorsa.[27] Le tre cariche federali di maggiore importanza sono divise su base etnica: sebbene non specificato dalla costituzione, è accettata l'idea che la Presidenza del Paese spetta a un curdo, la carica di primo ministro a uno sciita e quella di speaker del Consiglio dei Rappresentanti (il parlamento iracheno) a un sunnita.[28]
La comunità curda gode di ampia autonomia nell'ambito del Governo Regionale del Kurdistan (del quale non fanno però parte alcune aree a maggioranza curda), disponendo di un parlamento e un governo autonomi nonché di una milizia indipendente i cui membri sono detti peshmerga.[29][30]
La comunità sciita, la più numerosa, si trova dalla caduta di Saddam al centro della vita politica irachena, anche a causa della forte astensione dei sunniti nelle elezioni. Ciò ha fatto sì che i legami fra l'Iraq e il vicino Iran (Paese sciita) si rafforzassero progressivamente nel corso degli anni, portando a una significativa cooperazione anche sul piano militare: dal 2014 l'Iran sostiene infatti l'Iraq nella lotta contro lo Stato Islamico anche con l'invio di consulenti militari e membri delle forze speciali.[31][32]

Elezioni recenti[modifica | modifica wikitesto]

Le prime elezioni parlamentari democratiche del dopo Saddam si svolgono il 15 gennaio 2005 e vengono boicottate dalla comunità sunnita. Il nuovo parlamento, eletto col compito di stendere una nuova costituzione, elegge Presidente ad aprile il curdo Jalal Talabani, e poche settimane dopo nomina primo ministro lo sciita Ibrahim al-Ja'fari, leader della lista maggioritaria.

Risultati delle elezioni del gennaio 2005

Partito Seggi Note
Alleanza Irachena Unita 140 sciita, religiosa, guidata da Ibrahim al-Jaafari
Alleanza del Kurdistan 75 curda, guidata da Masud Barzani e Jalal Talabani, alleanza dei due principali partiti curdi
Lista Iraqena 40 sciita, laica, guidata dal primo ministro in carica Iyad Allawi
Altri 20
Totale 275
Fonte: Congressional Research Service

Dopo l'approvazione della nuova costituzione con un referendum a ottobre 2005, a dicembre si svolgono nuove elezioni, alle quali stavolta partecipano anche i sunniti: la nuova coalizione sunnita Fronte dell'Accordo Iracheno conquista 44 seggi chiedendo il ritiro delle truppe straniere e l'interruzione della politica di de-baathificazione, che colpiva soprattutto i sunniti, dal momento che questi costituivano la maggioranza dell'esercito e dell'amministrazione del deposto regime. Dopo mesi di negoziazioni, a maggio le quattro coalizioni arrivate in testa raggiungono un accordo di governo e lo sciita Nouri al-Maliki, dell'Alleanza Irachena Unita, viene nominato primo ministro. Nel frattempo ad aprile Talabani era stato rieletto presidente.[33]

Risultati delle elezioni del dicembre 2005

Partito Seggi Note
Alleanza Irachena Unita 128 sciita, religiosa, guidata dal primo ministro in carica Ibrahim al-Jaafari, include il movimento di Muqtada al-Sadr
Alleanza del Kurdistan 53 curda, guidata da Masud Barzani e Jalal Talabani, alleanza dei due principali partiti curdi
Lista Irachena 25 non confessionale, guidata dall'ex primo ministro Iyad Allawi
Fronte dell'Accordo Iracheno 44 sunnita
Fronte Iracheno Nazionale del Dialogo 11 sunnita
Altri 14
Totale 275
Fonte: Congressional Research Service

Il 7 marzo 2010 si tengono nuove elezioni, in seguito alle quali Nuri al-Maliki viene confermato primo ministro alla guida di un governo sostenuto da tutti i principali blocchi e composto da sciiti, sunniti e curdi.[34]

Risultati delle elezioni del 2010

Partito Seggi Note
Iraqiya 91 non confessionale, guidato dall'ex primo ministro Iyad Allawi
Coalizione Stato di Diritto 89 sciita, religiosa, guidata dal primo ministro in carica Nuri al-Maliki, corrisponde al partito Dawa
Alleanza Nazionale Irachena 70 sciita, religiosa, guidata dall'ex primo ministro Ibrahim al-Jaafari, include il movimento di Muqtada al-Sadr e gli altri partiti dell'ex Alleanza Irachena Unita, eccetto il partito Dawa
Alleanza del Kurdistan 43 curda, guidata da Masud Barzani e Jalal Talabani, alleanza dei due principali partiti curdi
Altri 32
Totale 325
Fonte: nytimes.com

Le elezioni del 30 aprile 2014 hanno visto la vittoria della coalizione sciita Stato di Diritto del primo ministro in carica al-Maliki. Per la prima volta i due principali partiti politici del Kurdistan iracheno (Partito Democratico del Kurdistan e Unione Patriottica del Kurdistan) corrono separatamente alle elezioni nazionali, ottenendo rispettivamente 25 e 21 seggi.[35][36]

Risultati delle elezioni del 2014

Partito Seggi Note
Coalizione Stato di Diritto 92 sciita, guidato dal primo ministro Nuri al-Maliki
Movimenti sadristi 34 sciiti, anti-americani, vari movimenti legati a Muqtada al-Sadr
Al-Muwatin 31 sciita
Muttahidun 28 sunnita
Al-Wataniya 21 non confessionale, guidato dall'ex primo ministro Iyad Allawi
Partito Democratico del Kurdistan 25 curdo, guidato dal Presidente del Kurdistan Iracheno Mas'ud Barzani
Unione Patriottica del Kurdistan 21 curdo, socialdemocratico, guidato dal Presidente iracheno Jalal Talabani
Coalizione Al-Arabiya 10 sunnita
Movimento per il Cambiamento (Gorran) 9 curdo
Altri 57
Totale 328
Fonte: ISW

Nel luglio successivo il curdo Fuad Masum (membro dell'Unione Patriottica del Kurdistan) viene eletto presidente, mentre le negoziazioni per la formazione del nuovo governo si trascinano per mesi nonostante l'ingombrante problema dell'avanzata dello Stato Islamico.[37] L'11 agosto il presidente affida l'incarico di formare un governo allo sciita Haider al-Abadi, ma il rifiuto di al-Maliki di lasciare il posto al suo compagno di partito e la sua decisione di fare ricorso contro quella che reputa una violazione della costituzione, rischia di provocare una profonda crisi politica in un momento estremamente delicato per il Paese. Tre giorni dopo al-Maliki, di fronte alle proteste dei suoi alleati politici e dei leader mondiali, accetta di farsi da parte, e l'8 settembre al-Abadi riceve la fiducia del parlamento e diventa ufficialmente primo ministro. Le pressioni internazionali per la sostituzione di al-Maliki fanno in particolare riferimento all'incapacità del suo governo di far fronte all'avanzata dello Stato Islamico (la lotta al quale è in effetti di fatto demandata dall'esercito in rotta alle milizie curde e sciite) e di avviare una politica inclusiva nei confronti delle minoranze (e in particolar modo di quella sunnita) così da ampliare il consenso verso lo Stato e ridurre il supporto nei confronti dei guerriglieri fondamentalisti.[38][39]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Economia dell'Iraq.

L'economia dell'Iraq si basa fortemente sull'esportazione di petrolio (nazionalizzato nel 1972) che comprende i 2/3 delle esportazioni; queste però non bastano a equilibrare la bilancia commerciale.

L'agricoltura è tradizionalmente assai sviluppata, grazie all'abbondanza d'acqua, anche se strategicamente condizionata dalle decisioni della Turchia (GAP: Progetto per l'Anatolia Sud-orientale), che controlla l'alto corso del Tigri e dell'Eufrate.

L'industria, comunque non particolarmente sviluppata, ha subito i maggiori danni dai conflitti bellici.

Il turismo, soprattutto culturale e archeologico, è stato virtualmente azzerato dai continui conflitti bellici.

I mercati cittadini, e la negoziazione del prezzo dei beni, sono la forma comune di commercio.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Cultura dell'Iraq.

Negli ultimi mille anni, tutto ciò che ora si considera iracheno deriva in realtà da cinque aree culturali:

  • cultura curda nel nord, con centro ad Arbil;
  • cultura degli arabi musulmani sunniti nella regione centrale attorno a Baghdad;
  • cultura degli arabi musulmani sciiti nel sud, con centro a Bassora;
  • cultura assira, prevalentemente cristiana, sparsa in varie città del nord;
  • cultura degli arabi della palude, detti Madhan, un popolo nomade che vive nelle terre paludose del fiume centrale.

Musica[modifica | modifica wikitesto]

L'Iraq è musicalmente conosciuto soprattutto per uno strumento chiamato ˁūd (liuto) e per il rabāb (simile ad un violino); i più noti musicisti che utilizzano questi strumenti sono rispettivamente Ahmad Mukhtār e l'assiro Munīr Bashīr. Fino alla caduta di Saddam Hussein, l'emittente radiofonica più popolare era la Voce della Gioventù. Trasmetteva un mix di rock occidentale, hip hop e musica pop, tutto importato attraverso il Giordano a causa delle sanzioni economiche internazionali. Tra i più popolari vi erano soprattutto i Corrs e i Westlife. L'Iraq produsse inoltre un'importante pop star pan-araba, ora in esilio: Kazem El-Saher, le cui canzoni includono "Ladghat e-Hayya", vietata per il tenore dei suoi testi.

Media[modifica | modifica wikitesto]

  • Al Iraqia - canale televisivo satellitare e terrestre pubblico

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Population growth rate su CIA World Factbook. URL consultato il 28 febbraio 2013.
  2. ^ Dati dal Fondo Monetario Internazionale, ottobre 2013
  3. ^ Tasso di fertilità nel 2010. URL consultato il 12 febbraio 2013.
  4. ^ https://www.cia.gov/library/publications/the-world-factbook/geos/iz.html
  5. ^ http://www.unhcr.org/470387fc2.html
  6. ^ https://www.cia.gov/library/publications/the-world-factbook/geos/iz.html
  7. ^ https://www.cia.gov/library/publications/the-world-factbook/geos/iz.html
  8. ^ http://www.wsj.com/articles/the-assault-on-christians-and-hope-in-iraq-1431645492
  9. ^ Iraqi constitution. URL consultato il 9 luglio 2015.
  10. ^ Roger Hardy, The Iran-Iraq war: 25 years on, BBC News, 22 settembre 2005. URL consultato il 19 giugno 2014.
  11. ^ US hands back power in Iraq, news.bbc.co.uk, 28 giugno 2004. URL consultato il 18 giugno 2015.
  12. ^ Iraq: Elections and New Government, Congressional Research Service, 25 ottobre 2005. URL consultato il 18 giugno 2015.
  13. ^ Iraq: Elections, Government, and Constitution, Congressional Research Service, 20 novembre 2006. URL consultato il 18 giugno 2015.
  14. ^ Iraq voters back new constitution, news.bbc.co.uk, 24 giugno 2005. URL consultato il 18 giugno 2015.
  15. ^ Iraq: Elections and New Government, Congressional Research Service, 25 ottobre 2005. URL consultato il 18 giugno 2015.
  16. ^ Iraq voters back new constitution, news.bbc.co.uk, 24 giugno 2005. URL consultato il 18 giugno 2015.
  17. ^ Car Bombings in Baghdad Follow a Familiar Pattern, nytimes.com, 3 settembre 2013. URL consultato il 18 giugno 2015.
  18. ^ Hussein's Prewar Ties To Al-Qaeda Discounted, washingtonpost.com, 6 aprile 2007. URL consultato il 18 giugno 2015.
  19. ^ HIraq: Post-Saddam Governance and Security, Congressional Research Service, 4 giugno 2008. URL consultato il 18 giugno 2015.
  20. ^ Who's to blame for Iraq crisis, cnn.com, 12 giugno 2014. URL consultato il 18 giugno 2015.
  21. ^ Last Convoy of American Troops Leaves Iraq, nytimes.com, 18 dicembre 2011. URL consultato il 18 giugno 2015.
  22. ^ Syrian Rebels Tied to Al Qaeda Play Key Role in War, nytimes.com, 8 dicembre 2012. URL consultato il 18 giugno 2015.
  23. ^ Iraq’s Branch of Al Qaeda Merges With Syria Jihadists, nytimes.com, 9 aprile 2013. URL consultato il 18 giugno 2015.
  24. ^ Il califfo dell'Isis Baghdadi appare a Mosul,obbeditemi, ANSA.it, 6 luglio 2014. URL consultato il 19 giugno 2015.
  25. ^ Iraq, nuovi raid Usa su Isis. “Jihadisti minacciano di giustiziare 4.000 Yazidi”, ilfattoquotidiano.it, 9 agosto 2014. URL consultato il 17 agosto 2014.
  26. ^ Iraq, il nuovo primo ministro Haider al Abadi promette di "ricostruire e riformare" l'esercito iracheno per sconfiggere l'ISIS, huffingtonpost.it, 14 agosto 2014. URL consultato il 17 agosto 2014.
  27. ^ http://www.repubblica.it/2006/10/sezioni/esteri/iraq-98/al-qaeda-federalismo/al-qaeda-federalismo.html
  28. ^ http://www.treccani.it/geopolitico/paesi/iraq.html
  29. ^ http://italy.krg.org/governo_it.html
  30. ^ http://www.treccani.it/enciclopedia/il-kurdistan-iracheno_(Atlante_Geopolitico)/
  31. ^ http://www.corriere.it/esteri/15_marzo_06/tra-l-iran-l-iraq-dilemmi-americani-sull-offensiva-mosul-6919fcc4-c3e9-11e4-8449-728dbb91cb1a.shtml
  32. ^ http://www.limesonline.com/rubrica/gli-obiettivi-delliran-in-iraq
  33. ^ Iraq: Elections, Government, and Constitution, Congressional Research Service, 20 novembre 2006. URL consultato il 18 giugno 2015.
  34. ^ The 2010 Iraqi Parliamentary Elections, nytimes.com, 26 marzo 2010. URL consultato il 19 giugno 2015.
  35. ^ Nouri al-Maliki, Iraq's prime minister, emerges biggest election winner, cbc.ca, 19 maggio 2014. URL consultato il 19 giugno 2015.
  36. ^ Final 2014 Iraqi National Elections Results by Major Political Groups, Institute for the Study of War, 19 maggio 2014. URL consultato il 19 giugno 2015.
  37. ^ Iraq, parlamento elegge presidente “veterano” curdo Masum, internazionale.it, 24 luglio 2014. URL consultato il 19 giugno 2015.
  38. ^ Iraq, al-Maliki sosterrà al-Abadi. Gli Usa elogiano la decisione: un passo avanti verso l'unità, ilsole24ore.it, 14 agosto 2014. URL consultato il 19 giugno 2015.
  39. ^ Iraq. Via liber al nuovo governo di Haider al-Abadi, rainews.it, 8 settembre 2014. URL consultato il 19 giugno 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN148860314 · LCCN: (ENn79077342 · GND: (DE4072920-5