AnimeClick.it

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
AnimeClick.it
sito web
Logo
URLwww.animeclick.it
Tipo di sitonotiziario su anime e manga
LinguaItaliano
Registrazionefacoltativa
Commercialeno
ProprietarioAndrea Sartori
Creato daAndrea Sartori
Lancio1998
Stato attualeattivo

AnimeClick.it è un portale web italiano dedicato a manga e anime che fornisce quotidianamente notizie e un ampio database di schede dedicati a titoli animati e cartacei. Il sito, definito in varie occasioni il più importante del settore in Italia[1][2][3], tratta anche curiosità sulla cultura giapponese, occupandosi inoltre del mercato videoludico e del fansub in italiano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

AnimeClick.it è un sito amatoriale nato alla fine del 1998 come costola del portale locale VeronaClick[4], che ha pubblicato la sua prima notizia il 4 ottobre 1999. Da allora ha subito diverse trasformazioni: inizialmente consisteva in una sezione dedicata alle notizie, un piccolo glossario e una galleria fotografica aggiornata settimanalmente. Successivamente il sito è stato arricchito di un forum e di un database di schede informative.

Il 31 maggio 2011 la redazione di AnimeClick.it si riunisce nell'associazione culturale no-profit Associazione NewType Media[5]. Lo stesso giorno il fondatore Andrea Sartori, detto Tacchan, affida la gestione del sito all'associazione[6].

Pur presentando un database con schede e recensioni del pubblico, l'attività prevalente di AnimeClick.it è quella di fornire informazioni sul mondo di anime e manga. Successivamente, il sito ha ampliato la sua offerta, dando maggiore spazio alle produzioni live-action, al j-pop e al k-pop, al fenomeno del fansub italiano[7].

Nell'ottobre 2011 AnimeClick.it sbarca su Android Market con un'applicazione che propone alcune funzioni del sito[8]. A partire dal 2011 il sito comincia ad avere un proprio stand ufficiale o collaborazioni ufficiali con diverse fiere italiane dedicate al mondo del fumetto e dell'animazione, quali Lucca Comics & Games[9], Napoli Comicon[10], Cartoomics[11], Etna Comics[12], Romics[13], NovaLudica The Game Fortress[14], Far East Film Festival di Udine, diventando anche Media Partner ufficiale di alcune di esse[15][16][17].

Nel 2015 il sito si trasforma in un network grazie all'apertura nel gennaio del 2015 del sito 'costola' SerialClick.it[18] (dedicato al settore televisivo, verrà poi chiuso nel 2019)[19] e nel giugno dello stesso anno di GamerClick.it[20] (dedicato al settore videoludico giapponese).

Nel 2018 durante la fiera di Lucca Comics & Games avviene la prima edizione degli AnimeClick Awards[21]. Nel 2021, AnimeClick.it diventa uno degli Streaming Media Partner ufficiali dell'edizione di Lucca Comics & Games di quell'anno[22].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Loris Cantarelli, Dieci "piccoli" siti. La top 10 italiana dell'informazione web su manga e anime, in Manga Academica, vol. 2, 2009, p. 107.
  2. ^ AnimeClick.it segnalato da Adnkronos, su animeclick.it, 12 luglio 2007. URL consultato il 16 aprile 2015.
  3. ^ Marco Pellitteri, Prefazione, in Il Manga. Storia e universi del fumetto giapponese, Jean-Marie Bouissou, Tunué, 2011 [2010], pp. 314-315.
  4. ^ Sono il webmaster del sito www.animeclick.it., su web.archive.org, 21 febbraio 2009. URL consultato il 27 ottobre 2021 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2009).
  5. ^ AnimeClick.it: 2011 e cattivi propositi per il 2012, su animeclick.it, 1º gennaio 2012. URL consultato il 7 aprile 2015.
  6. ^ Associazione NewType Media e AnimeClick.it, su antme.it, Associazione NewType Media, 30 maggio 2012. URL consultato il 7 aprile 2015.
  7. ^ Fansub italiani: la lista completa degli episodi fansubbati, su animeclick.it. URL consultato il 7 aprile 2015.
  8. ^ AnimeClick - Android Apps on Google Play, su market.android.com, Google Play. URL consultato il 18 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 18 dicembre 2012).
  9. ^ Lucca Comics & Games 2011 - Mappa Espositori, su maps2011.luccacomicsandgames.com, Lucca Comics & Games. URL consultato il 18 aprile 2015.
  10. ^ AnimeClick: Anime Dream, su comicon.it, Napoli Comicon, 19 marzo 2015. URL consultato il 18 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2015).
  11. ^ Cartoomics 2016: elenco espositori, su cartoomics.it, Cartoomics, 11 marzo 2016. URL consultato l'11 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 10 maggio 2016).
  12. ^ Brochure Etna Comics 2014, su youblisher.com, Etna Comics, 20 giugno 2014. URL consultato il 20 giugno 2014 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2014).
  13. ^ L'attacco dei giganti: da manga ad anime, alla scoperta di un titolo colossale, su romics.it, Romics. URL consultato il 5 agosto 2019.
  14. ^ AnimeClick a NovaLudica, su eventi.novaludica.it, NovaLudica, 19 marzo 2015. URL consultato il 15 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2015).
  15. ^ Cartoomics homepage, su cartoomics.it, Cartoomics, 10 febbraio 2019. URL consultato il 12 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 12 luglio 2019).
  16. ^ The Game Fortress homepage, su thegamefortress.it, NovaLudica, 20 maggio 2018. URL consultato il 27 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 27 dicembre 2018).
  17. ^ Far East Festival - Web Media Partners, su fareastfilm.com, Far East Festival, 22 febbraio 2016. URL consultato il 17 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2016).
  18. ^ Benvenuti a SerialClick, su serialclick.it, SerialClick. URL consultato il 5 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 5 agosto 2019).
  19. ^ SerialClick compie 4 anni e chiude i battenti, su serialclick.it, SerialClick. URL consultato il 5 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 5 agosto 2019).
  20. ^ Welcome to GamerClick.it, su gamerclick.it, GamerClick. URL consultato il 5 agosto 2019.
  21. ^ Star Comics è tra i premiati agli AnimeClick Awards 2018 a Lucca, su mobile.starcomics.com, Star Comics. URL consultato il 5 agosto 2019.
  22. ^ Partnership, su luccacomicsandgames.com. URL consultato il 6 novembre 2021 (archiviato il 29 ottobre 2021).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]