Fanpage.it

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fanpage.it
Logo
StatoItalia Italia
Linguaitaliano
Periodicitàquotidiano
Generestampa nazionale online
Formatosito web
FondazioneTestata registrata presso il Tribunale di Napoli il 26 luglio 2011
SedeNapoli
EditoreCiaopeople srl
DirettoreFrancesco Piccinini
Sito webwww.fanpage.it
 

Fanpage.it è un giornale on-line con sede a Napoli appartenente al gruppo editoriale Ciaopeople Media Group[1] e diretto da Francesco Piccinini.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fanpage.it nasce nel gennaio 2010 su iniziativa del gruppo editoriale Ciaopeople[2].

La testata viene registrata presso il Tribunale di Napoli il 26 luglio 2011 per iniziativa del suo fondatore Gianluca Cozzolino[3]. Inizialmente attiva attraverso canali tematici, nel novembre 2011 viene fondata dallo stesso Cozzolino[4] la redazione news. I singoli magazine verticali tematici vengono quindi uniti sotto un'unica testata generalista[5].

Il primo direttore responsabile è Giovanni Carzana[6], già presente nel team di Ciaopeople fin dall'ideazione e progettazione del giornale nel 2009. La sua esperienza durerà dal luglio 2011 al maggio 2012, quando l'azienda editoriale affida il ruolo di direttore a Pietro Rinaldi[7], che guida il giornale dal maggio 2012 al 2013.

Dal 2013 la direzione passa sotto l'egida di Francesco Piccinini[8].

Nel giugno 2012 nasce Youmedia, la piattaforma video del giornale e unico media italiano in Ultra HD 4K[9] celebrata attraverso il video "Napoli in 4k"[10], utilizzato dalle Nazioni Unite per la campagna "Voci contro il Crimine"[11].

Nel maggio 2015 viene aperta una seconda sede della redazione di Fanpage.it a Milano che ospita anche Ciaopeople Advertising, la direzione commerciale del gruppo Ciaopeople[12].

Firme e principali programmi video[modifica | modifica wikitesto]

Tra le firme editoriali con maggior seguito, sono quelle di Giulio Cavalli, Saverio Tommasi, Pablo Trincia, Sandro Ruotolo[13] e Diego Fusaro.

Fanpage.it produce diverse tipologie di format:

  • BrainFood: format di Fanpage.it, condotto da Daniele Sanzone su musica, cinema e arte, Italia e temi d'attualità[14];
  • Italiani all'estero: format prodotto da Fanpage.it, creato e diretto da Ugo Capolupo. Si presenta come un'inchiesta sotto forma di diario di viaggio sui sistemi di vita sociali e lavorativi degli italiani all'estero[15];
  • Fanpage Town: format dedicato al mondo della musica con interviste e performance dal vivo di artisti della scena nazionale e internazionale[16];
  • Fuel – Motori da leggenda: format prodotto da Fanpage.it, ideato e condotto da Valerio Passaretti, su auto e moto[17];
  • Mangiare Sano: format prodotto da Fanpage.it in collaborazione con ilgolosomangiarsano.com[18];
  • Scuola di Cucina: format realizzato in collaborazione con la Scuola "Toffini Academy” ed ai suoi chef insegnanti. Una serie di guide alla realizzazione di ogni tipo di piatto grazie alle spiegazioni di alcuni chef[19];
  • ToxiCity: webserie prodotta da Fanpage.it e condotta da Pablo Trincia. Si presenta come un'inchiesta sulle droghe più diffuse al giorno d'oggi, sulla tossicodipendenza e sul disagio sociale ad esse associati[20].

Campagna contro la violenza sulle donne[modifica | modifica wikitesto]

"Dalle uno schiaffo", tradotto in inglese come "Slap Her: children's reactions": video a sfondo sociale contro la violenza sulle donne[21].

Pubblicato il 24 dicembre 2014, ha raggiunto le 30 milioni di visualizzazioni su YouTube[22].

Le inchieste[modifica | modifica wikitesto]

Tra le inchieste giornalistiche di Fanpage.it che hanno creato maggior eco nell'informazione italiana si segnalano:

  • Cella Zero[23], sul sistema di violenze all'interno del carcere napoletano di Poggioreale[24][25];
  • Bomba all'Expo, che ha svelato le lacune della sicurezza dell'evento Expo 2015[26];
  • Reportage sulla rotta dell'elicottero che ha sorvolato Roma durante il funerale del boss del clan dei Casamonica[27], nel quale un videoreporter di Fanpage.it ha subito minacce[28];
  • Inchiesta sulla più grande discarica tossica d'Europa a Caserta[29]
  • In 350 in un ristorante: dopo le inchieste di Fanpage.it sequestrato il centro per migranti[30]
  • Brescia, la provincia radioattiva: i quattro depositi di rifiuti nucleari nella provincia lombarda[31]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fanpage, su ciaopeople.it. URL consultato il 31 dicembre 2015.
  2. ^ Un caso di successo: Ciaopeople e i Social Media - Key4biz, in Key4biz, 3 settembre 2010. URL consultato il 6 marzo 2018.
  3. ^ Classifica dell'informazione online: Repubblica.it e Corriere.it fanno i conti con i giornali nativi digitali. Ecco la classifica | Prima Comunicazione, su primaonline.it. URL consultato il 31 dicembre 2015.
  4. ^ Il modello Zuckerberg fa scuola a Napoli, su Il Sole 24 ORE. URL consultato il 31 dicembre 2015.
  5. ^ Fanpage.it, un nuovo modo di fare editoria online, su TagliaBlog. URL consultato il 31 dicembre 2015.
  6. ^ Fanpage.it (PDF), su static.fanpage.it.
  7. ^ Fanpage.it (PDF), su static.fanpage.it.
  8. ^ Francesco Piccinini speaker del Festival Internazionale del Giornalismo, su Festival Internazionale del Giornalismo. URL consultato il 31 dicembre 2015.
  9. ^ Youmedia, su ciaopeople.it. URL consultato il 31 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 17 dicembre 2015).
  10. ^ Napoli in 4K, su YouMedia. URL consultato il 4 gennaio 2016.
  11. ^ Voices against Crime / Voci contro il crimine New pilot project on victims of crime in Naples - Nuovo progetto pilota sulle vittime del crimine a Napoli, su www.unicri.it. URL consultato il 5 gennaio 2016.
  12. ^ Ciaopeople Media Group arriva a Milano: ecco la nuova sede del Gruppo - Engage.it, su Engage | News and views sul marketing pubblicitario. URL consultato il 31 dicembre 2015.
  13. ^ Italian Leaks, la trattativa Stato-Camorra nella gestione rifiuti in Campania, su fanpage.it. URL consultato il 15 gennaio 2017.
  14. ^ BrainFood, su YouMedia. URL consultato il 31 dicembre 2015.
  15. ^ Italiani all'estero, su YouMedia. URL consultato il 31 dicembre 2015.
  16. ^ FanpageTown, su YouMedia. URL consultato il 31 dicembre 2015.
  17. ^ FUEL, su YouMedia. URL consultato il 31 dicembre 2015.
  18. ^ Mangiare Sano, su YouMedia. URL consultato il 31 dicembre 2015.
  19. ^ Scuola di Cucina, su YouMedia. URL consultato il 31 dicembre 2015.
  20. ^ ToxiCity, su YouMedia. URL consultato il 31 dicembre 2015.
  21. ^ "Dalle uno schiaffo!": le reazioni dei bambini, su YouMedia. URL consultato il 31 dicembre 2015.
  22. ^ “Slap her": children's reactions, su youtube.com. URL consultato il 4 gennaio 2015.
  23. ^ Poggioreale, parla un ex-detenuto: "Sono stato nella cella zero, lì mi hanno picchiato", su YouMedia. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  24. ^ C’è una “cella zero” a Poggioreale. Interpellanza urgente sulla camera degli orrori – Sinistra Ecologia Libertà, su Sinistra Ecologia Libertà. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  25. ^ L’inchiesta si fa local!, su International Journalism Festival. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  26. ^ Abbiamo messo una “bomba” all’Expo e nessuno ci ha fermati, su YouMedia. URL consultato il 31 dicembre 2015.
  27. ^ Funerale Casamonica, aggredito giornalista di Fanpage: "Noi ti uccidiamo", su YouMedia. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  28. ^ (EN) Michele Azzu, Italian journalists receive death threats following mafia don's funeral, in The Guardian, 25 agosto 2015. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  29. ^ Caserta, la più grande discarica tossica d'Europa: "Alta quanto un palazzo di due piani", su YouMedia. URL consultato il 31 dicembre 2015.
  30. ^ In 350 in un ristorante: dopo le inchieste di Fanpage.it sequestrato il centro per migranti, su YouMedia. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  31. ^ Brescia, la provincia radioattiva. Rifiuti nucleari in quattro depositi della provincia, su YouMedia. URL consultato il 31 dicembre 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]