Delos Science Fiction

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Delos Science Fiction è una rivista elettronica di fantascienza fondata nel 1994 da Luigi Pachì e Silvio Sosio. Attualmente fa parte della testata giornalistica Fantascienza.com ed è edita dall'associazione Delos Books.

Nei primi mesi la rivista fu distribuita su BBS: ad aprile del 1995 ottenne uno spazio sul Web, diventando così una delle prime riviste sul Web in Italia. Nel 2004 Delos è arrivata a una media di 8000 accessi al giorno, risultando la pubblicazione più letta nel campo della fantascienza italiana. Nel 1997 è stata citata da Locus come la principale rivista dedicata alla fantascienza in Italia.[1]

Ha avuto tra i suoi collaboratori fissi Giuseppe Lippi (curatore della collana Mondadori Urania), Vittorio Curtoni (direttore di Robot), Franco Forte (scrittore, critico e sceneggiatore), Maurizio Manzieri (illustratore), Roberto Quaglia (scrittore e saggista).

Pubblica rubriche, articoli e interviste sulla letteratura fantastica, sul cinema, sui telefilm e sul fumetto, ed ha una ricca sezione di narrativa italiana. Ha pubblicato racconti, tra gli altri, di Valerio Evangelisti, Enrica Zunic', Luca Masali e Franco Ricciardiello, e tutti i racconti vincitori dei premi Alien e Lovecraft fino al 2004.

I numeri fino al numero 71 sono scaricabili gratuitamente. Dal numero 96 (ottobre 2004) la rivista è stata inglobata nel portale web Fantascienza.com. Dopo un periodo di test ha recuperato una cadenza fissa con un numero ogni due mesi. Dal numero 99 è curata da Carmine Treanni, mentre Silvio Sosio è il direttore responsabile e viene pubblicata a cadenza quasi mensile (10 numeri all'anno).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) International webzines, su Locus Magazine. URL consultato il 26 novembre 2014.
    «The leading sf magazine in Italy, monthly, featuring news, reviews, interviews, articles and short stories. Editors Silvio Sosio and Luigi Pachì.».

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]