Lavoce.info

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lavoce.info
Logo
StatoItalia Italia
Linguaitaliano
GenereEconomico
FormatoOnline
Fondazione2002
SedeMilano
Sito webwww.lavoce.info/
 

Lavoce.info è un giornale on-line d'informazione economica fondato a Milano nel luglio 2002[1], anche da Tito Boeri. Pubblica articoli e approfondimenti su tematiche di economia ed attualità[2].

I contenuti, scritti da accademici ed esperti a titolo gratuito, vengono pubblicati sul sito nel "tentativo di costruire una fonte autorevole [...] per fornire ai giornalisti (e ai politici) un punto di vista autorevole, con pretese di oggettività e imparzialità, sui temi dell’attualità economica".[3]

È consorziato col portale europeo Voxeu.org[4][5].

Redazione[modifica | modifica wikitesto]

La redazione, guidata da un comitato di redazione che attualmente comprende Alessia Amighini, Angelo Baglioni, Alessandra Casarico, Daniele Checchi, Silvia Giannini, Giuseppe Pisauro e Michele Polo, è costituita da 40 membri stabili e da alcune centinaia di collaboratori. Hanno fatto parte della redazione anche Riccardo Faini, scomparso nel 2007, e Francesco Daveri, scomparso nel 2021. La testata dichiara che, per evitare conflitti di interessi, i membri della redazione con incarichi di governo prendono un periodo di aspettativa per la durata del loro incarico.[6]

Redattori[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessia Amighini;
  • Angelo Baglioni;
  • Massimo Baldini;
  • Paolo Balduzzi;
  • Tito Boeri;
  • Andrea Boitani;
  • Massimo Bordignon;
  • Agar Brugiavini;
  • Alessandra Casarico;
  • Daniele Checchi;
  • Gianni De Fraja;
  • Maria De Paola;
  • Daniela Del Boca;
  • Vincenzo Galasso;
  • Marzio Galeotti;
  • Pietro Garibaldi;
  • Andrea Garnero;
  • Silvia Giannini;
  • Francesco Giavazzi;
  • Maria Cecilia Guerra;
  • Luigi Guiso;
  • Rony Hamaui;
  • Pietro Ichino
  • Tullio Japelli;
  • Alessandro Lanza;
  • Daniela Marchesi;
  • Mariapia Mendola;
  • Silvia Merler;
  • Tommaso Monacelli;
  • Marco Onado;
  • Fausto Panunzi;
  • Simone Pellegrino;
  • Michele Pellizzari;
  • Giuseppe Pisauro;
  • Michele Polo;
  • Riccardo Puglisi;
  • Leonzio Rizzo
  • Alessandro Santoro
  • Carlo Scarpa;
  • Fabiano Schivardi;
  • Gilberto Turati;
  • Francesco Vella;
  • Marco Ventoruzzo.

Il desk[modifica | modifica wikitesto]

Il desk de lavoce.info, composto da un responsabile full-time e da un gruppo di collaboratori part-time, si occupa del coordinamento tra i redattori, dell'organizzazione quotidiana e del supporto tecnico al sito. Tra i compiti del desk sono compresi le ricerche di supporto alla redazione di articoli, l'editing dei testi e il lavoro tecnico necessario alla pubblicazione della newsletter. Il team dei giovani collaboratori si occupa anche della redazione di alcuni articoli, della gestione dei social media e della realizzazione e del coordinamento delle rubriche. Inoltre, redattori e desk sono anche coinvolti nell’organizzazione di eventi quali il Festival dell’Economia di Trento. Ad aprile 2021, il desk de lavoce era composto da un responsabile, due collaboratori e due stagiste.[7]

I commenti sono moderati dal desk del sito e non sono esclusi dall'indicizzazione dei motori di ricerca.

Rubriche[modifica | modifica wikitesto]

Fact-checking[modifica | modifica wikitesto]

Dopo diverse esperienze inaugurate fin dal 2008, dal maggio del 2017 Lavoce.info ha aperto una nuova rubrica di fact-checking in vista delle elezioni politiche 2018. La rubrica è dotata di un codice di condotta disponibile sul sito[senza fonte][non chiaro][8]. A febbraio 2018 le è stato assegnato un finanziamento da parte dell'International Fact-Checking Network (a sua volta finanziato dall'Omidyar Network e dalla Open Society di George Soros[9]), per l'importo di 10.000 dollari[10].

Podcast[modifica | modifica wikitesto]

A partire dall'autunno del 2019, il sito ha lanciato il proprio podcast lavoce in capitolo[11]. Nel corso delle puntate, vengono presentate proposte e suggerimenti sulle questioni economiche, politiche e sociali dell'Italia e dell'Unione Europea. Nelle prime due stagioni, ciascun episodio è caratterizzato da un'intervista con un ospite tra i redattori e i collaboratori del sito, mentre a partire dalla terza stagione sono presenti almeno due ospiti per ogni puntata. I temi trattati comprendono, tra gli altri, la povertà, l'integrazione economica europea e la risposta alla crisi causata dalla pandemia da Covid-19.

La parola ai grafici[modifica | modifica wikitesto]

La parola ai grafici[12] è la rubrica di data visualization de lavoce.info lanciata nella primavera del 2020. In questa sezione, il desk del sito si occupa di pubblicare quasi ogni giorno elaborazioni di dati sotto forma di grafici, opportunamente accompagnati da un testo di commento e referati da membri della redazione. È presente anche una rubrica di data journalism, composta da articoli che contengono serie di grafici per descrivere in maniera approfondita e con l'aiuto dei dati fenomeni specifici.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ lavoce.info, Chi siamo, su lavoce.info.
  2. ^ Corriere della Sera, «Lavoce.info» celebra il suo primo anno, su archiviostorico.corriere.it (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2014).
  3. ^ Blog | La rivoluzione de lavoce.info, su Il Fatto Quotidiano, 5 luglio 2012. URL consultato il 15 aprile 2021.
  4. ^ Economia, Finanza, Politica, Lavoro, su lavoce.info, 26 giugno 2016. URL consultato il 3 aprile 2019 (archiviato il 27 giugno 2016).
  5. ^ Alcuni contributi e menzioni sul CEPR, su voxeu.org. URL consultato il 3 aprile 2019 (archiviato il 3 aprile 2019).
  6. ^ La redazione, su lavoce.info. URL consultato il 2 novembre 2015.
  7. ^ Come spendiamo i vostri soldi, su Lavoce.info. URL consultato il 15 aprile 2021.
  8. ^ Come facciamo il fact-checking, in Lavoce.info. URL consultato il 10 marzo 2018 (archiviato dall'url originale l'11 marzo 2018).
  9. ^ $1.3 Million in Grants from Omidyar Network, Open Society Foundations Will Expand Poynter's International Fact-Checking Network, su prnewswire.com (archiviato il 29 giugno 2017).
  10. ^ (EN) International Fact-Checking Network flash grant (Italy), su Poynter. URL consultato il 10 marzo 2018 (archiviato dall'url originale l'11 marzo 2018).
  11. ^ lavoce in capitolo, su Spotify. URL consultato il 15 aprile 2021.
  12. ^ La parola ai grafici, su Lavoce.info. URL consultato il 15 aprile 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria