Affaritaliani.it

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Affaritaliani.it
Fondatore Angelo Maria Perrino
Fondazione 11 aprile 1996[1]
Sede Milano
Editore Uomini e Affari srl
Distribuzione
cartacea
Edizione cartacea No
Sito web
 

Affaritaliani.it è un quotidiano italiano online, fondato nel 1996, con sede a Milano. La proprietà del giornale è della Uomini e Affari srl, il cui socio di maggioranza è Angelo Maria Perrino, fondatore e responsabile della pubblicazione.

L'intestazione recita il primo quotidiano online / il primo quotidiano digitale, in quanto Affaritaliani.it è stato il primo giornale nato online al livello nazionale, registrato in data 11 aprile 1996, con una redazione completa di giornalisti dedicati a tutte le news (Politica, Economia, Cronache, Spettacoli, Sport, cultura, etc, oltre le sezioni locali di Milano e Roma)

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La testata nasce il 11 aprile 1996[1] con il nome di Affari Italiani. All'inizio, la struttura del sito web è molto semplice, e consiste in una lunga home page che riassume le notizie più importanti, con alcune sezioni interattive dove i lettori potevano contribuire con dei commenti. Nel 1997 viene effettuato il primo restyling grafico: quattro sezioni tematiche, con aggiornamento in tempo reale, e l'introduzione di servizi agli utenti, come meteo e oroscopo.

Nel 2003 introduce la possibilità di sottoscrivere un abbonamento per usufruire di sezioni di approfondimento. Questa sperimentazione cessa nel 2005 quando, grazie a una partnership commerciale con Wind, diventa il canale di notizie del portale Libero. Rimarrà nel portale fino al 1º luglio 2008. All'uscita dalla piattaforma di Libero, il sito cambia denominazione e diventa Affaritaliani.it.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Le sezioni di cui è composto il giornale sono: Politica, Economia, Cronache, Sport, MilanoItalia, Culture/Costume, Mediatech, Entertainment, Marketing, Food, Esteri, Palazzi e Potere.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]