Roberto Quaglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Roberto Quaglia (Genova, 1962) è un autore di fantascienza e critico letterario italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Scrittore e critico italiano di fantascienza, è autore di numerose opere letterarie, molte delle quali tradotte in inglese ed in rumeno. In italiano, varie sue opere brevi di fantascienza sono state pubblicate sulla rivista Futuro Europa della casa editrice Perseo Libri. È inoltre autore di un corposo saggio di matrice cospirazionista sui retroscena degli attentati dell'11 settembre 2001.

Negli anni novanta si è occupato per breve periodo anche di politica, ed è stato Consigliere Comunale a Genova dall'inizio del 1995 alla fine del 1997. Dal 1989 attivo nel mondo del fandom di fantascienza, è stato dal 2002 al 2013 vicepresidente della European Science Fiction Society (ESFS), l'associazione che sovrintende all'organizzazione degli Eurocon.

Nel 1999 ha portato lo scrittore statunitense Robert Sheckley in Italia dopo 20 anni di assenza, e assieme a lui ha in seguito lungamente girato l'Europa a varie riprese. Per molti anni grande amico di Sheckley, ha nel tempo generato una gran quantità di fotografie e filmati dello scrittore ora scomparso, e una parte di tale documentazione è liberamente visionabile sul Web.[1]

Collabora sin dal 1995 alla rivista di fantascienza Delos, sulla quale ha tenuto a lungo una rubrica mensile dal titolo Pensiero Stocastico.

Dal 2003 in poi ha avviato una collaborazione letteraria con lo scrittore britannico Ian Watson, dalla quale è scaturita una serie di racconti umoristici e iconoclasti in lingua inglese, alcuni dei quali leggibili anche su Internet, essendo stati pubblicati su Helix[2], Flurb[3] and Clarkewordsmagazine[4]. Altre storie sono state pubblicate sulla rivista statunitense Weird Tales, l'antologia canadese Lust For Life, l'antologia britannica New Writings in the Fantastic[5], il prestigioso Mammoth Book of Best New Erotica volume 7 e Volume 9, e qualche altro libro. Un racconto di questi è apparso anche in italiano sulla rivista italiana Robot. Nel 2009 la collaborazione con Watson sfocia nella pubblicazione in Inghilterra del libro The Beloved of My Beloved, edito da NewCon Press e presentato all'Eurocon di Fiuggi 2009 e alla Eastercon di Bradford in Inghilterra.

È il primo e unico italiano ad avere vinto il premio dell'associazione britannica di fantascienza, il BSFA Award, nel 2010 (per il migliore racconto breve), uno dei principali riconoscimenti del mondo della fantascienza letteraria in lingua inglese.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Altre opere[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Somebody up there is lusting for me ("Lassù qualcuno mi concupisce"), 1992. Dramma di fantascienza (distribuito come regalo a tutti i partecipanti all'Eurocon 1993 a Jersey)
  • (EN) The future of science fiction ("Il futuro della fantascienza"), 1995. Saggio pubblicato in inglese sul Souvenir Book ufficiale di Intersection, la cinquantatreesima edizione della World Science Fiction Convention, Glasgow 1995.
  • (RO) God Ltd ("Dio S.r.l."), Nemira, 1998. Raccolta di racconti.
  • Pensiero stocastico, Delos Books, 1993; (RO) Gandirea Stocastica, Nemira, 1994. Raccolta degli articoli pubblicati per delos.fantascienza.com.
  • Tutto quello che sai è falso, edizioni NuoviMondiMedia, 2003
  • Il Mito dell'11 settembre e l'Opzione Dottor Stranamore, 2006; edizioni PonSinMor, 2007. ISBN 978-88-902775-1-1
  • (EN) The Beloved of My Beloved, NewconPress, 2006. ISBN 978-0-9555791-8-9. Raccolta di racconti, con Ian Watson.
  • Caro Maurizio Costanzo Show: Lettere Surreali al Totem dell'Italia Televisionata, Createspace 2015; ISBN 978-1-5032-1731-7
  • Extralandia: Racconti strani del ventesimo secolo, Createspace 2015; ISBN 978-1-5084-4623-1
  • Il fondamentalismo hollywoodista, Createspace 2017; ISBN 978-1-5430-8484-9

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2009 - Premio ESFS per miglior scrittore europeo
  • 2010 - BSFA Award per il migliore racconto breve (The Beloved Time of Their Life)
  • 2016 - Premio ESFS come "best promoter"[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN6839049 · LCCN: (ENn2007016729