Myrta Merlino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Myrta Merlino

Myrta Merlino (Napoli, 3 maggio 1969) è una giornalista, conduttrice televisiva e autrice televisiva italiana.

Dopo aver lavorato presso il Consiglio dei Ministri della Comunità Economica Europea, dal 1995 è iscritta all'Ordine dei giornalisti italiani svolgendo la professione sia in diverse testate giornalistiche italiane, tra cui Il Mattino, Il Messaggero, Il Sole 24 Ore, che internazionali come International Herald Tribune e Libération.

Nel corso della carriera ha inoltre scritto otto libri, schierandosi a favore dei diritti delle donne, diritti della comunità LGBT in Italia, della libertà di stampa e divenendo ambasciatrice UNICEF.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia del francesista Giuseppe Merlino e della sinologa e direttrice dell'Istituto Italiano di Cultura di Pechino Annamaria Palermo,[1][2] è diplomata al liceo classico.

Nonostante non vi siano informazioni sull’Ateneo che abbia frequentato, varie biografie online[3] riportano che Merlino abbia conseguito la laurea con lode in scienze politiche con una tesi in Diritto internazionale sulla Carta Comunitaria dei diritti fondamentali dei lavoratori.[4] Come prima professione è stata assunta presso la Direzione Generale del Mercato Interno nell'ambito dei Servizi Finanziari per il Consiglio dei Ministri della Comunità Economica Europea.[5]

La sua carriera giornalistica è iniziata con una collaborazione con la pagina economica del quotidiano Il Mattino, entrando nel 1995 nell'Ordine dei giornalisti italiani. Contemporaneamente prosegue la professione anche all'interno dei palinsesti televisivi Rai, inizialmente occupandosi di alcune Inchieste per il programma Mixer, su Rai 2, proseguendo su Rai 3 ideando il programma Italia Maastricht assieme a Giovanni Minoli e Alan Friedman nel 1995. Successivamente è autrice dei programmi Energia e Mister Euro , quest'ultimo anche in veste di co-conduttrice, divenendo responsabile economica di Rai 3. Nel 1997 cura e conduce dieci puntate della rubrica sulla storia del Novecento l segno del comando del programma La Storia siamo noi .[6]

Tra il 2002 e il 2003, è stata responsabile dell'informazione di Rai Educational,[7] e l'anno successivo è ospite fissa della trasmissione Casa Raiuno, in qualità di esperta economica. Tra il 2005 e il 2008 è stata autrice e conduttrice del programma di informazione Economix, prodotto da Rai Educational.

Nel 2009 approda a LA7, come autrice e conduttrice di Effetto Domino, un approfondimento economico in onda in seconda serata fino al 2011. Dal 2011 è stata ideatrice, autrice e conduttrice, sempre su LA7, del programma L'aria che tira. Nell'estate del 2014 la Merlino debutta in L'aria che tira stasera, quattro puntate in onda il lunedì in prima serata. Nel 2015 pubblica con Rizzoli Madri. Perché saranno loro a cambiare il Paese. Dal 15 novembre 2020 conduce un altro spin-off della sua trasmissione intitolato L'aria di domenica. Nel 2023 annuncia il termine del contratto con LA7 e il suo ingresso a Mediaset, dove viene scelta come conduttrice di Pomeriggio Cinque, in sostituzione di Barbara D'Urso.[8][9]

Ha lavorato a lungo anche per la radio conducendo, all'interno del programma di Rai Radio 2 Alle otto della sera, una serie di puntate sulla storia della moneta[10] e poi, sempre per Rai Radio 2, una serie di venti puntate dedicate alle biografie degli uomini che hanno cambiato la storia attraverso il denaro, dal titolo Re di Denari. Ha scritto per Il Sole 24 Ore, Il Messaggero, Panorama, International Herald Tribune, Libération, Families in Business, Nord e Sud, Il Secolo XIX, Il Resto del Carlino, La Gazzetta del Mezzogiorno. È stata autrice di un dizionario dei termini comunitari, distribuito in 250 000 copie con i quotidiani Il Mattino e La Gazzetta del Mezzogiorno. Moderatrice di numerosi convegni e incontri pubblici, nel corso degli anni ha intervistato i principali attori internazionali della vita politica ed economica.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Ha avuto due figli gemelli, Pietro e Giulio Tucci, nel 1997 da una relazione iniziata all'età di 24 anni.[11] Dagli inizi degli anni 2000 fino al 2016 è stata legata all'ex amministratore delegato di Invitalia Domenico Arcuri, con cui ha avuto una figlia, Caterina, nata nel 2001. Dal 2016 ha una relazione con l'ex allenatore ed ex calciatore della Juventus e della Nazionale Marco Tardelli.[12]

Filantropia e controversie[modifica | modifica wikitesto]

Temi sociali[modifica | modifica wikitesto]

Aderisce al movimento femminista, sostenendo i diritti delle donne,[13][14] esprimendosi contro il razzismo,[15] le discriminazioni della comunità LGBT.[16] Il 16 aprile 2019 diventa ambasciatrice UNICEF.[17] Professionalmente la giornalista si è espressa a sostegno della libertà di stampa e della libertà di manifestazione del pensiero.[18]

Nel giugno 2021, a seguito alla morte di George Floyd a Minneapolis negli Stati Uniti d'America, si mise in ginocchio nel corso della trasmissione L'aria che tira per appoggiare il movimento Black Lives Matter.[19]

A seguito delle potreste studentesche per l'aumento dei prezzi di locazione e del caro affitti avvenuta in Italia nel 2023, ha espresso solidarietà presentandosi in una puntata de L'aria che tira seduta in una tenda.[20][21]

Posizioni politiche[modifica | modifica wikitesto]

Ha espresso disappunto nei confronti del Governo Meloni, sia riguardo alla legge di bilancio che alle scelte politiche nei confronti della difesa dei diritti LGBT in Italia e alla legislazioni sull'aborto sancita dalla Legge 194.[22][23] La giornalista ha inoltre espresso disaccordo verso il ministro per la famiglia, la natalità e le pari opportunità Eugenia Maria Roccella, affermando: «una signora che dice che l'aborto non è un diritto. Francamente mia madre si rivolta in tomba, è stata una generazione di donne che ha tanto combattuto per quello».[24]

Nel corso del programma L'aria che tira ha inoltre espresso disappunto verso politiche e dichiarazioni del Partito Democratico, Italia Viva, Lega e Movimento 5 Stelle,[25][26] oltre che di esponenti come Silvio Berlusconi, Matteo Renzi, Matteo Salvini, Giuseppe Conte, Luigi Di Maio, Maria Elena Boschi e Mario Draghi.[18][27][26]

Denuncia di abuso sessuale[modifica | modifica wikitesto]

In un'intervista al programma TV di Klaus Davi su YouTube del 2013, raccontò che, durante un'intervista programmata all'allora ministro delle finanze francese Dominique Strauss-Kahn alla fine degli anni novanta a Davos, fu oggetto di «un tentato abuso sessuale» da parte del medesimo; lo respinse, senza tuttavia dar corso a denunce per evitare il clamore che ne sarebbe seguito.[28]

Accuse di abuso edilizio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2015 è stata processata per abuso edilizio a causa della realizzazione di opere di ristrutturazione nella sua villa di Cala Grande sull'Argentario senza avere richiesto i permessi necessari[29]. La vicenda si è conclusa nel gennaio 2017 con una sentenza di non doversi procedere: i reati sono stati derubricati per «sopraggiunta compatibilità paesaggistica»[30].

Controversie sull'approccio televisivo e sulle condizioni lavorative a L'aria che tira[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 novembre 2022 la Rappresentanza Sindacale Unitaria ha riportato segnalazioni pervenute da parte dei lavoratori sull’atteggiamento della giornalista in quanto «adotta nei confronti dei colleghi e del personale in appalto comportamenti incivili e maleducati; influenza la possibilità di prolungare contratti di personale specializzato che lavora professionalmente nella nostra azienda e, condiziona le turnazioni del personale interno con motivazioni che non possono essere considerate né di tipo professionale e né di tipo etico» chiedendo l'intervento di LA7 sulla questione.[31][32] Sebbene non vi sia stata una risposta ufficiale dall'azienda e da lei stessa, la conduttrice ha rilasciato una dichiarazione a Valerio Staffelli a Striscia la notizia, affermando: «Sono le famiglie, nelle famiglie ogni tanto esistono buoni umori, cattivi umori. Ma sono cose che di solito si gestiscono dentro la famiglia, non fuori. [...] È tutto sistemato. Sono dolcissima con i miei collaboratori. [...] Non prendete le fonti per buone, leggiti il comunicato sindacale e non dai siti».[33]

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Autrice televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • La moneta, Sperling & Kupfer editore, 2003
  • Gli Affari nostri, Sperling & Kupfer, 2006
  • L'aria che tira, Sperling & Kupfer, 2012
  • Madri. Perché saranno loro a cambiare il nostro Paese, Rizzoli, 2015
  • Donne che sfidano la tempesta, Solferino, 2021

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 30 dicembre 2020[34]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2014 – Premio Sulmona di Giornalismo[35]
  • 2016 – Premio Semplicemente Donna per l'informazione[36]
  • 2019 – Premio giornalistico Matilde Serao[37]
  • 2020 – Premio Nazionale Pratola al giornalismo televisivo[38]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Myrta Merlino: giornalismo, programmi televisivi, figli, su Libero. URL consultato il 15 luglio 2023.
  2. ^ Myrta Merlino, chi è la giornalista che prenderà il posto di Barbara D'Urso a Pomeriggio 5? I tre figli, l'amore con l'ex calciatore Marco Tardelli e la carriera, su Il Messaggero, 5 luglio 2023. URL consultato il 15 luglio 2023.
  3. ^ https://eastwest.eu/wp-content/uploads/2016/04/cv_MERLINO_ita.pdf
  4. ^ Gennaro Marco Duello, Myrta Merlino al pomeriggio di Canale 5 al posto di Barbara D’Urso: l’indiscrezione, su Fanpage.it, 1º luglio 2023. URL consultato il 15 luglio 2023.
  5. ^ Myrta Merlino: i tre figli (Caterina, Pietro e Giulio), l'ex marito e il matrimonio con Tardelli, su Il Gazzettino, 1º luglio 2023. URL consultato il 15 luglio 2023.
  6. ^ Chi è Myrta Merlino, l'esperta di economia che sa parlare alla gente, su Tgcom24, 5 luglio 2023. URL consultato il 15 luglio 2023.
  7. ^ Cwmun, Myrta Merlino:'Questi giovani vogliono abbattere muri e creare ponti', su la Repubblica, 20 gennaio 2020. URL consultato il 15 luglio 2023.
  8. ^ Myrta Merlino lascia L'Aria che Tira: il commosso messaggio di addio in diretta, su Il Fatto Quotidiano, 17 maggio 2023. URL consultato il 15 luglio 2023.
  9. ^ Francesco Canino, "Myrta Merlino prenderà il posto di Barbara D'Urso alla conduzione di Pomeriggio 5". La "fatalità" che non è passata inosservata, su Il Fatto Quotidiano, 1º luglio 2023. URL consultato il 15 luglio 2023.
  10. ^ Myrta Merlino telegiornalista, su telegiornaliste.com. URL consultato il 18 dicembre 2018.
  11. ^ Myrta Merlino: i tre figli (Caterina, Pietro e Giulio), l'ex marito e il matrimonio con Tardelli, su Il Messaggero, 1º luglio 2023. URL consultato il 18 luglio 2023.
  12. ^ Myrta Merlino e l'ex compagno Domenico Arcuri: "Non è stato semplice durante il lockdown, nostra figlia ci vedeva in tv su canali diversi", su Il Fatto Quotidiano, 11 agosto 2020. URL consultato il 18 luglio 2023.
  13. ^ Rossana Campisi, Myrta Merlino: «Le mie donne in prima fila contro la tempesta», su iO Donna, 29 novembre 2021. URL consultato il 17 luglio 2023.
  14. ^ Pietro Senaldi, Myrta Merlino, lezione alle femministe: "Il politicamente corretto una trappola. Impariamo dai gay a fare lobby", su Libero, 1º novembre 2021. URL consultato il 17 luglio 2023.
  15. ^ Myrta Merlino, "e se lo fanno apposta?": Repubblica, sospetti sulla prima pagina choc, su Libero, 19 aprile 2023. URL consultato il 17 luglio 2023.
  16. ^ Roma Pride, Giovanardi sbotta: "La cosa che mi dà fastidio". Merlino di stucco, su Il Tempo, 9 giugno 2023. URL consultato il 17 luglio 2023.
  17. ^ La giornalista Myrta Merlino nuova Ambasciatrice UNICEF, su UNICEF, 14 dicembre 2019. URL consultato il 15 luglio 2023.
  18. ^ a b L'Aria che Tira, il siluro di Myrta Merlino a Mario Draghi: “Non dia i voti ai giornalisti, clima pericoloso”, su Il Tempo, 3 maggio 2022. URL consultato il 17 luglio 2023.
  19. ^ George Floyd, Myrta Merlino in ginocchio? Insulti e minacce: "Te lo ha ordinato George Soros?", su Libero Quotidiano, 4 giugno 2020. URL consultato il 17 luglio 2023.
  20. ^ Myrta Merlino apre la trasmissione in tenda in solidarietà con gli studenti, su Corriere della Sera, 11 maggio 2023. URL consultato il 17 luglio 2023.
  21. ^ L'Aria che tira, Myrta Merlino si sfoga sul caro affitti: dovrebbero fare le barricate, su Il Tempo, 17 maggio 2023. URL consultato il 17 luglio 2023.
  22. ^ Myrta Merlino "scrive" il programma di governo a Giorgia Meloni: "Spieghi meglio sull'aborto. I diritti Lgbt vanno difesi", su Il Tempo, 27 settembre 2022. URL consultato il 17 luglio 2023.
  23. ^ L'Aria che Tira, Merlino a valanga contro il governo: entrati in un tunnel, su Il Tempo, 13 marzo 2023. URL consultato il 17 luglio 2023.
  24. ^ L'Aria che Tira, Merlino attacca Roccella sull'aborto: "Mia madre si rivolta in tomba”, su Il Tempo, 24 ottobre 2022. URL consultato il 17 luglio 2023.
  25. ^ Flavia Piccinni, "La politica? Oggi conta solo esser onesti. C'è un problema di competenze: è stata sdoganata l'ignoranza" (di F. Piccinni), su HuffPost Italia, 19 novembre 2018. URL consultato il 17 luglio 2023.
  26. ^ a b Maria Volpe, Myrta Merlino: «Il politico più tosto? Giorgia Meloni. Il mio sogno? Draghi», su Corriere della Sera, 9 maggio 2021. URL consultato il 17 luglio 2023.
  27. ^ Boschi spalle al muro, Myrta Merlino la gela: «Lei sa che nel Pd vi vogliono morti», su Secolo d'Italia, 3 febbraio 2021. URL consultato il 17 luglio 2023.
  28. ^ Myrta Merlino: “Strauss-Kahn tentò di abusare anche di me”, su lastampa.it, La Stampa, 1º giugno 2013. URL consultato il 1º giugno 2018.
  29. ^ Abusi edilizi: imputata volto di La7, in Il Tirreno, 25 novembre 2015. URL consultato il 3 novembre 2016.
  30. ^ Piscina di Myrta Merlino: prescritti i reati edilizi - Cronaca - Il Tirreno, in Il Tirreno, 19 gennaio 2017. URL consultato il 10 maggio 2017.
  31. ^ Giuseppe Candela, L'Aria che tira, i sindacati contro Myrta Merlino: "Comportamenti incivili e maleducati nei confronti dei lavoratori", su Il Fatto Quotidiano, 2 dicembre 2022. URL consultato il 17 luglio 2023.
  32. ^ Giulia Turco, “Comportamenti incivili e maleducati”, Myrta Merlino nel mirino dei lavoratori di La7, su Fanpage.it, 1º dicembre 2022. URL consultato il 17 luglio 2023.
  33. ^ Valerio Staffelli, Myrta Merlino, che Tapiro che tirava!, su Striscia la notizia, 5 luglio 2023. URL consultato il 17 luglio 2023.
  34. ^ https://www.quirinale.it/onorificenze/insigniti/367096
  35. ^ Giornalismo: a Peter Gomez e Myrta Merlino il, su Agenzia Giornalistica Italiana, 23 settembre 2014. URL consultato il 14 luglio 2023.
  36. ^ Premio Semplicemente Donna 2016: Myrta Merlino - Premio “Informazione”, su premiosemplicementedonna.com. URL consultato il 17 luglio 2023.
  37. ^ Lidia Luberto, Myrta Merlino vince il Premio giornalistico Matilde Serao: «Il mio premio più bello», su Il Mattino, 9 giugno 2020. URL consultato il 14 luglio 2023.
  38. ^ X Edizione del Premio Nazionale Pratola. Tra i premiati Maria Teresa Letta, Myrta Merlino, Alessandro De Angelis e Lina Palmerini, su espressione24.it, 18 giugno 2020. URL consultato il 17 luglio 2023.
  39. ^ Su Rai1 la XIII edizione del Premio Biagio Agnes a Palazzo Reale di Napoli, su RAI Ufficio Stampa, 21 settembre 2021. URL consultato il 14 luglio 2023.
  40. ^ Premio Pio Alferano 2022, è Castellabate a ospitare l'evento - ViaggiArt, su Agenzia ANSA, 1º luglio 2022. URL consultato il 17 luglio 2023.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN7712070 · ISNI (EN0000 0000 3476 0885 · SBN AQ1V011533 · LCCN (ENn2004088490 · BNF (FRcb156216277 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n2004088490