Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Davos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Davos
città
Davos – Stemma
Davos – Veduta
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Wappen Graubünden matt.svg Grigioni
Regione Prettigovia/Davos
Amministrazione
Lingue ufficiali Tedesco
Territorio
Coordinate 46°47′35″N 9°49′17″E / 46.793056°N 9.821389°E46.793056; 9.821389 (Davos)Coordinate: 46°47′35″N 9°49′17″E / 46.793056°N 9.821389°E46.793056; 9.821389 (Davos)
Altitudine 1 560 m s.l.m.
Superficie 283,99 km²
Abitanti 11 109 (2015)
Densità 39,12 ab./km²
Frazioni Clavadel, Davos Dorf, Davos Platz, Frauenkirch, Glaris, Laret, Monstein, Spina, Wiesen, Wolfgang
Comuni confinanti Arosa, Bergün, Filisur, Klosters-Serneus, S-chanf, Schmitten, Zernez
Altre informazioni
Cod. postale 7260, 7270, 7494
Prefisso 081
Fuso orario UTC+1
Codice OFS 3851
Targa GR
Nome abitanti Davoser
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Davos
Davos
Davos – Mappa
Sito istituzionale

Davos (toponimo tedesco, pronuncia [daˈvoːs];[1], localmente Tafaas[senza fonte], in romancio Tavau, in italiano Tavate, desueto[senza fonte]) è un comune svizzero di 11 109 abitanti del Canton Grigioni, nella regione Prettigovia/Davos. Il 1º gennaio 2009 ha inglobato il comune soppresso di Wiesen, diventando il più esteso del cantone e il secondo per estensione di tutta la Svizzera[2]; ha lo status di città.

La località è nota in tutto il mondo perché ospita l'annuale Forum economico mondiale, un incontro fra i principali dirigenti politici e i principali esponenti economici, ed è rinomata per gli sport invernali.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è posto lungo il fiume Landwasser, nelle Alpi svizzere, a metà fra il passo del Plessur e il passo dell'Albula.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il sanatorio Schatzalp, nel quale è ambientato il romanzo La montagna incantata di Thomas Mann

L'abitato di Davos iniziò a svilupparsi durante il Basso Medioevo, grazie alla forte immigrazione romancia avvenuta in quel periodo[2]. In seguito, verso il 1280, i baroni Von Vaz permisero a un gruppo di coloni Walser di stabilirvisi[2] e concessero loro ampia autonomia amministrativa, facendo diventare la zona un centro di grande insediamento Walser, il più importante della parte orientale della Svizzera, dove ancor oggi questa parlata del tedesco è molto diffusa[senza fonte]. Per difendere l'unità della regione, il 30 aprile del 1436 venne fondata la Lega delle Dieci Giurisdizioni[2].

Agli albori dell'età degli sport invernali, alla fine del XIX secolo, Davos e il suo stadio del ghiaccio (oggi Vaillant Arena) divennero punto di riferimento per il pattinaggio di velocità. Davos divenne in quegli anni meta di ricchi e nobili che apprezzavano il suo microclima da alta valle, spesso raccomandato dai dottori ai pazienti affetti da tubercolosi e bisognosi di lunga degenza. Iniziarono così a sorgere nel paese numerosi sanatori[2].

Nel 1880 vi si fermò anche Robert Louis Stevenson al fine di curare la sua tubercolosi, su consiglio del suo dottore di Edimburgo George Balfour[senza fonte]. Il comune divenne celebre anche come soggetto letterario, grazie al romanzo La montagna incantata di Thomas Mann, che ha come protagonista le vicende in un sanatorio. Nei decenni successivi Davos divenne una famosa stazione sciistica, frequentata soprattutto da turisti del Regno Unito e dei Paesi Bassi[senza fonte].

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Bobbisti a Davos nel 1910

Il comune rinomato fra i praticanti degli sport invernali vi è una delle maggiori stazioni sciistiche della Svizzera e dell'Europa intera. Nel 1883 si svolse la prima competizione internazionale di bob, mentre Arthur Conan Doyle scrisse un articolo sullo sci a Davos nel 1899[senza fonte]; per il pattinaggio di velocità su ghiaccio, qui si tennero qui numerosi Campionati mondiali e nel 1898 Peder Østlund stabilì quattro record del mondo[senza fonte].

Le sei principali aree sciistiche sono:

Davos ha ospitato varie tappe della Coppa del Mondo di sci alpino, della Coppa del Mondo di sci di fondo e la prima edizione in assoluto dei Campionati europei di bob, nel 1929.

A Davos si tiene uno dei più importanti tornei di hockey su ghiaccio del mondo, la Coppa Spengler, organizzata dall'Hockey Club Davos, squadra padrona di casa fra le più titolate società, e rappresentative nazionali formate da stranieri che militano nel campionato svizzero (come la Nazionale canadese, vincitore di nove edizioni). L'H.C. Davos è una delle squadre di vertice del campionato svizzero di hockey su ghiaccio.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Duden Aussprachewörterbuch, 6ª ed., Mannheim, Bibliographisches Institut & F.A. Brockhaus AG, 2006, p. 262.
  2. ^ a b c d e Martin Bundi, Davos, in Dizionario storico della Svizzera, 6 dicembre 2016. URL consultato il 30 maggio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA. VV., Storia dei Grigioni, 3 volumi, Collana «Storia dei Grigioni», Edizioni Casagrande, Bellinzona 2000

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN144322150 · LCCN: (ENn80083777 · GND: (DE4011220-2
Svizzera Portale Svizzera: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Svizzera