Arosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Arosa (disambigua).
Arosa
comune
Arosa – Stemma
Arosa – Veduta
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Wappen Graubünden matt.svg Grigioni
Regione Plessur
Amministrazione
Lingue ufficiali Tedesco
Territorio
Coordinate 46°47′N 9°41′E / 46.783333°N 9.683333°E46.783333; 9.683333 (Arosa)Coordinate: 46°47′N 9°41′E / 46.783333°N 9.683333°E46.783333; 9.683333 (Arosa)
Altitudine 1 775 m s.l.m.
Superficie 154,79 km²
Abitanti 3 205 (2015)
Densità 20,71 ab./km²
Frazioni Calfreisen, Castiel, Langwies, Lüen, Molinis, Pagig, Peist, Sankt Peter
Comuni confinanti Albula, Conters im Prättigau, Davos, Fideris, Furna, Jenaz, Klosters-Serneus, Lantsch, Maladers, Schmitten, Trimmis, Tschiertschen-Praden, Obervaz
Altre informazioni
Cod. postale 7050
Prefisso 081
Fuso orario UTC+1
Codice OFS 3921
Targa GR
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Arosa
Arosa
Arosa – Mappa
Sito istituzionale

Arosa (toponimo tedesco) è un comune svizzero di 3 205 abitanti del Canton Grigioni, nella regione Plessur. Il 1º gennaio 2013 ha inglobato i comuni soppressi di Calfreisen, Castiel, Langwies, Lüen, Molinis, Peist e Sankt Peter-Pagig.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Arosa, per la sua attenzione a favorire il turismo sostenibile e la mobilità dolce, fa parte della cooperazione Perle delle Alpi[1].

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Rilevante stazione sciistica, Arosa ha ospitato numerose competizioni sciistiche internazionali, tra le quali varie tappe della Coppa del Mondo e della Coppa Europa di sci alpino, i Campionati mondiali di snowboard 2007 e alcune tappe della Coppa del Mondo di snowboard e della Coppa del Mondo di freestyle. È stata inoltre teatro di numerose tappe del Tour de Suisse di ciclismo. La squadra di hockey su ghiaccio locale è l'Eishockeyclub Arosa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Vacanze Arosa in mobilità dolce Alpine Pearls, su www.alpine-pearls.com. URL consultato il 28 maggio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA. VV., Storia dei Grigioni, 3 volumi, Collana «Storia dei Grigioni», Edizioni Casagrande, Bellinzona 2000

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN127927150 · GND: (DE4079837-9
Svizzera Portale Svizzera: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Svizzera