Paolo Barelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paolo Barelli
Paolo Barelli datisenato 2006.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 23 marzo 2018
Legislature XVIII
Gruppo
parlamentare
Forza Italia
Circoscrizione Lazio 2
Collegio 6 (Terracina)
Incarichi parlamentari
XVIII: Capogruppo di Forza Italia - Berlusconi Presidente alla Camera dei deputati (dal 20 ottobre 2021)
Sito istituzionale

Senatore della Repubblica Italiana
Durata mandato 30 maggio 2001 –
14 marzo 2013
Legislature XIV, XV, XVI
Gruppo
parlamentare
XIV - XV:
- Forza Italia

XVI:
- Il Popolo della Libertà

Circoscrizione Lazio
Collegio XIV:
15 (Guidonia Montecelio)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico FI (fino al 2009)
PdL (2009-2013)
FI (dal 2013)
Professione Dirigente sportivo; Imprenditore
Paolo Barelli
Nazionalità Italia Italia
Nuoto Swimming pictogram.svg
Specialità stile libero, farfalla misti e staffette
Carriera
Squadre di club
S.S. Lazio Nuoto
Fiamme Oro
Palmarès
Campionati mondiali 0 0 1
Giochi del Mediterraneo 2 1 0
Campionati italiani 20 20 14
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 6 gennaio 2011

Paolo Barelli (Roma, 7 giugno 1954) è un ex nuotatore, dirigente sportivo e politico italiano, attuale presidente della FIN e della Lega europea del nuoto, nonché capogruppo di Forza Italia alla Camera dei Deputati dal 20 ottobre 2021.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera da nuotatore[modifica | modifica wikitesto]

Ha debuttato ai giochi olimpici nel 1972 nella staffetta 4 x 100 m stile libero. L'anno dopo ha vinto il suo primo titolo italiano ed è stato convocato per i mondiali di Belgrado dove ha disputato la finale della 4 x 100 m stile libero. Nel 1974 è stato finalista in tutte le staffette ai campionati europei di Vienna e ha vinto cinque campionati italiani.

Ai campionati mondiali di Cali del luglio 1975 ha vinto con la staffetta 4 x 100 m stile libero la medaglia di bronzo con Roberto Pangaro, Claudio Zei e Marcello Guarducci. Ai successivi Giochi del Mediterraneo vince due ori (100 m delfino e 4 x 100 stile) e un argento nella 4 x 100 m mista. È stato convocato anche ai Giochi di Montréal dove è stato finalista nella 4 x 200 m stile libero e nella 4 x 100 m mista. Ha stabilito 23 primati italiani tra 100 m farfalla, 200 m misti e le tre staffette.

Dirigente sportivo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1984, già Presidente dell'Aurelia Nuoto, diviene membro della giunta della Federazione Italiana Nuoto e vice presidente dal 1987. Dal 2000 è presidente della Federazione Italiana Nuoto.[1]. Nel 2009 diviene membro della giunta della Federazione internazionale nuoto (FINA), ed è inoltre presidente della Lega europea del nuoto per il quadriennio 2013-2016 e membro della giunta nazionale del CONI.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Elezione a senatore[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2001 è eletto senatore della Repubblica nella circoscrizione Lazio in Forza Italia, di cui diviene vice capogruppo[2]. Riconfermato nel 2006 in FI e nel 2008 nella lista del Popolo delle Libertà quando diviene vice presidente della commissione Beni culturali, istruzione e sport[3] fino al 2013.

Nel 2013 è il primo dei non eletti al Senato del PdL nel Lazio.

Elezione a deputato[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 2018 viene eletto alla Camera dei Deputati, in quota Forza Italia, nel collegio uninominale di Terracina sostenuto dalla coalizione di centro-destra.

Considerato uno degli esponenti maggiormente vicini ad Antonio Tajani, coordinatore nazionale del partito, e all'area filo-sovranista, il 20 ottobre 2021 viene eletto capogruppo degli azzurri a Montecitorio in sostituzione di Roberto Occhiuto, diventato Presidente della giunta regionale della Calabria.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giochi olimpici 100 m st. libero 4 × 100 m st. libero 4 × 200 m st. libero 4 × 100 m mista
1972 Monaco
bandiera Germania Ovest
--- 9º - 3'38"81
frazione: 54"10
--- ---
1976 Montréal
Canada Canada
elim. in batteria
57"64
--- 8º - 7'43"39
frazione: 1'57"66
7º - 3'52"92
frazione: 1'06"38
Campionati del mondo 100 m farfalla 4 × 100 m st. libero --- 4 × 100 m mista
1973 Belgrado
bandiera Jugoslavia
--- 7º - 3'36"84
frazione: 53"63
--- ---
1975 Calì
Colombia Colombia
elim. in batteria
1'00"19
Bronzo: 3'31"85
frazione: 53"88
--- 7º - 3'56"82
frazione: 58"14
Campionati europei --- 4 × 100 m st. libero 4 × 200 m st. libero 4 × 100 m mista
1974 Vienna
Austria Austria
--- 4º - 3'33"03
:
6º - 7'49"91
:
5º - 3'58"50
:
Giochi del Mediterraneo 100 m farfalla 4 × 100 m st. libero --- 4 × 100 m mista
1975 Algeri
Algeria Algeria
Oro
58"10
Oro: 3'36"79
:
--- Argento: 4'00"04
:

Campionati italiani[modifica | modifica wikitesto]

12 titoli individuali e 8 in staffette, così ripartiti:

  • 8 nei 100 m farfalla
  • 4 nei 200 m misti
  • 1 nella staffetta 4 × 100 m stile libero
  • 3 nella staffetta 4 × 200 m stile libero
  • 4 nella staffetta 4 × 100 m mista

nd = non disputata

Anno
Edizione
st. libero
100 m
st. libero
200 m
st. libero
4×100 m
st. libero
4×200 m
farfalla
100 m
misti
200 m
mista
4×100 m
1968 Estivi - - 2 - - - -
1969 Primaverili - - 3 nd - - 2
1969 Estivi - - 2 - - - 2
1970 Primaverili - - - nd - - 2
1972 Primaverili 2 3 3 nd - - -
1972 Estivi 2 - 2 3 - - -
1973 Primaverili 2 - 3 nd - 2 2
1973 Estivi - - 3 1 - - -
1974 Primaverili 3 - 2 nd 1 1 2
1974 Estivi - - 1 1 1 - 2
1975 Primaverili - - 3 1 1 - 2
1975 Estivi 3 - - - 1 1 3
1976 Primaverili - - 3 - 1 2 3
1976 Estivi 3 - - - 1 1 2
1977 Primaverili - - 2 - 1 - 1
1977 Estivi - - - - 1 1 1
1978 Primaverili - - - - 2 2 1
1978 Estivi - - - - 3 - 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Coni denuncia la Federnuoto: "Irregolarità gravi nei bilanci", La Repubblica.it, 4 febbraio 2014. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  2. ^ senato.it - Scheda di attività di Paolo BARELLI - XIV Legislatura
  3. ^ http://www.senato.it/leg/16/BGT/Schede/Attsen/00017545.htm==Palmarès==[collegamento interrotto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Aronne Anghileri, Alla ricerca del nuoto perduto, Cassina de' Pecchi, SEP editrice S.R.L., 2002, vol. II. ISBN 88-87110-27-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]