Lina Sotis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lina Sotis nel 1987 a Napoli

Lina Sotis (Roma, 27 aprile 1944) è una giornalista e scrittrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il padre, Gino Sotis (1902-1960), fu un noto avvocato matrimonialista, promotore nel dopoguerra del premio David di Donatello nonché del circolo culturale Open Gate e del Club internazionale del cinema.

Subito dopo il liceo, a diciotto anni si sposa con Gianmarco Moratti (1962), dopo le nozze si trasferisce a Milano. Dall'unione nascono due figli. Il matrimonio dura solo cinque anni e la coppia si separa nel 1967. Lina decide di iniziare a lavorare; comincia con la nota rivista di moda Vogue. Prosegue quindi la carriera giornalistica entrando nella redazione di Amica, dove lavora come redattrice di moda (con un contratto da impiegata), fino al 1974, quando passa a Gioia.

Nel 1975 è assunta al Corriere d'Informazione, con un contratto da praticante e dopo due anni diventa giornalista professionista. Il 1º ottobre 1978 passa al Corriere della Sera [1], prima donna ad entrare nella redazione cronache [2]. Da allora il suo nome è legato a quello del quotidiano di via Solferino.

Redattrice di costume e società, poi redattrice esperta[3] nel maggio 2009 è andata in pensione ma continua a tenere la sua rubrica «Qui Lina». Collabora anche con altre testate del gruppo Rizzoli tra cui Corriere Magazine e Amica. Nel 1982 esordisce nella letteratura con Bon Ton, manuale di saper vivere in società che diverrà in breve tempo un successo editoriale e un fenomeno di costume. Da allora ha scritto saggi e romanzi, pur senza eguagliare il successo del suo primo libro. Dal 1993 è sposata in seconde nozze con l'urbanista Marco Romano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lo stesso giorno anche Ferruccio De Bortoli, proveniente come la Sotis dal Corriere d'Informazione, venne assunto al Corsera.
  2. ^ Mariano Sabatini, Ci metto la firma!, Aliberti, 2009, pag. 41.
  3. ^ "redattore esperto" è una qualifica del Contratto Nazionale dei Giornalisti italiano

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN33751029 · LCCN: (ENn97124043 · SBN: IT\ICCU\CFIV\051456 · ISNI: (EN0000 0000 3555 6368 · BNF: (FRcb14602693q (data) · NLA: (EN35459642