Pierfrancesco Majorino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pierfrancesco Majorino
Manifestazione Piazza Scala a Milano by Stefano Bolognini1 (cropped).JPG

Europarlamentare
In carica
Inizio mandato2 luglio 2019
LegislaturaIX
Gruppo
parlamentare
S&D
CoalizionePSE
CircoscrizioneItalia nord-occidentale
Incarichi parlamentari
  • Membro titolare della Commissione per lo sviluppo (DEVE)
Sito istituzionale

Assessore alle Politiche sociali del Comune di Milano
Durata mandato30 maggio 2011 –
2 luglio 2019
PredecessoreMariolina Moioli
SuccessoreGabriele Rabaiotti

Dati generali
Partito politicoPartito Democratico (dal 2007)
In precedenza:
DS (1998-2007)
Titolo di studioDiploma di perito informatico
ProfessioneScrittore

Pierfrancesco Majorino (Milano, 14 maggio 1973) è un politico e scrittore italiano, europarlamentare per il Partito Democratico dal 2019.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Prime esperienze politiche[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la sua esperienza politica molto giovane, come presidente nazionale dell'Unione degli Studenti; nel 1998 si iscrive ai Democratici di Sinistra, entrando a fare parte del Consiglio del Ministero della solidarietà sociale, all'epoca presieduto dalla collega di partito Livia Turco; lavorando presso il Dicastero, Majorino si è occupato di politiche giovanili e della lotta contro le dipendenze.[1][2]

Consigliere comunale e assessore[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 Majorino diventa segretario dei Democratici di Sinistra a Milano e due anni dopo, alle elezioni amministrative (che vedono la vittoria della candidata del centro-destra Letizia Moratti), viene eletto consigliere comunale nella lista dell'Ulivo; dal 2008 al 2011 è capogruppo del Partito Democratico in Consiglio comunale.[3]

Dopo cinque anni nei banchi dell'opposizione, Majorino viene riconfermato in Consiglio comunale alle elezioni amministrative del 2011, nelle quali viene eletto sindaco Giuliano Pisapia, riportando il comune di Milano ad un governo di centro-sinistra dopo 18 anni; Pisapia, una volta insediatosi come primo cittadino, nomina Majorino Assessore alle politiche sociali.[4]

In vista delle elezioni amministrative del 2016 si candida alle primarie del centro-sinistra per nominare il candidato della coalizione di centro-sinistra come successore dell'uscente Giuliano Pisapia.[5] Majorino si classifica terzo, dietro la vicesindaco di Pisapia Francesca Balzani e l'ex-commissario per l'Expo Giuseppe Sala, poi eletto a Palazzo Marino.[6] Majorino viene rieletto in Consiglio comunale ed il sindaco Sala lo sceglie nuovamente come Assessore alle politiche sociali.[7]

Durante il mandato da assessore si è occupato di lotta alle povertà, ideando il Patto per il riscatto sociale.[8] Ha guidato il potenziamento dei servizi per le persone con disabilità e per gli anziani fragili, creando nuovi strumenti di accesso ai servizi di home care. Si è inoltre occupato di promuovere cultura e salute, di tutelare i diritti civili, istituendo il Registro delle Unioni civili[9], il Registro delle dichiarazioni anticipate di fine vita e la Casa dei Diritti[10] per la difesa e la tutela delle persone contro ogni discriminazione, per il contrasto alla violenza di genere e la tratta degli esseri umani.[11]

Nel 2019 entra a far parte della direzione nazionale del Partito Democratico.

Parlamentare europeo[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni europee del 2019, Majorino viene candidato al Parlamento europeo nelle file del Partito Democratico per la circoscrizione Italia nord-occidentale[12], risultando con 93.175 voti il terzo candidato della lista più votato nella sua circoscrizione.[13] Si insedia come europarlamentare il 2 luglio 2019, dopo essersi dimesso dalla carica di assessore a fine giugno.

Majorino è candidato a presidente regionale nelle elezioni in Lombardia del 2023 con il sostegno delle forze di centro-sinistra e del Movimento 5 Stelle, in contrapposizione al candidato del centro-destra, il presidente uscente Attilio Fontana (Lega), ed alla candidata del Terzo Polo Letizia Moratti.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Pierfrancesco Majorino è autore di romanzi e saggi.

  • Sorella rivoluzione, Mondadori, 2022
  • La Resa. Per amore della Lombardia: capire il disastro per guarirne le ferite (con Lorenzo Zacchetti), Ledizioni, Milano, 2020
  • Nel labirinto delle paure: Politica, precarietà e immigrazione (con Aldo Bonomi), Bollati Boringhieri, Torino, 2018.
  • Milano come Lampedusa? Dossier sull'emergenza siriana (a cura di, con Caterina Sarfatti), Novecento, 2014.
  • Maledetto amore mio, Laurana editore, 2014.
  • Togliendo il dolore dagli occhi, Italic/Pequod, 2011.
  • L'eterno giovedì, Dalai editore, 2007.
  • Dopo i lampi vengono gli abeti, Pequod, 2005.
  • Giovani anno zero - viaggio nella nuova generazione, Satelliti, 2000.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chi è Majorino, in Milano Today, 18 novembre 2022. URL consultato il 9 dicembre 2022.
  2. ^ Persone - Pierfrancesco Majorino, in Il Sole 24 Ore, 24 febbraio 2016. URL consultato il 13 luglio 2019.
  3. ^ Giunta Sala: chi è Pierfrancesco Majorino, assessore alle politiche sociali, in milanotoday.it, 27 giugno 2016. URL consultato il 13 luglio 2019.
  4. ^ La nuova Giunta di Milano, in Il Post, 10 giugno 2011. URL consultato il 13 luglio 2019.
  5. ^ Perché le primarie del centrosinistra a Milano sono importanti, in Internazionale, 5 febbraio 2016. URL consultato il 13 luglio 2019.
  6. ^ Giuseppe Sala ha vinto le primarie di Milano, in Il Post, 7 febbraio 2016. URL consultato il 13 luglio 2019.
  7. ^ Milano, Sala presenta la giunta: metà è di Pisapia, per il Comune una manager Microsoft, in La Repubblica, 26 giugno 2016. URL consultato il 13 luglio 2019.
  8. ^ A Milano pensiamo al Patto per il riscatto sociale. Lo faccia anche il governo, in Huffington Post, 17 aprile 2014. URL consultato il 13 luglio 2019.
  9. ^ Unioni civili, il Comune di Milano parte con le prenotazioni. "Usciamo dal limbo della Cirinnà", in La Repubblica, 19 luglio 2016. URL consultato il 13 luglio 2019.
  10. ^ Milano, apre la Casa dei diritti: il salvagente per i discriminati, in La Repubblica, 9 dicembre 2013. URL consultato il 13 luglio 2019.
  11. ^ Curriculum vitae - Pierfrancesco Majorino
  12. ^ Majorino: “Accoglienza, lavoro e ambiente: ecco le mie tre priorità per l’Europa di domani”, in Linkiesta, 16 maggio 2019. URL consultato il 13 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 13 luglio 2019).
  13. ^ Europee 2019, Majorino: “Risultato straordinario per il Pd a Milano. Rimarrò assessore fino a fine giugno”, in Il Fatto Quotidiano, 27 maggio 2019. URL consultato il 13 luglio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90370154 · ISNI (EN0000 0000 6273 1539 · SBN TO0V371878 · LCCN (ENno2006023259 · WorldCat Identities (ENlccn-no2006023259