Massimiliano Fedriga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Massimiliano Fedriga
Massimiliano Fedriga daticamera 2018.jpg

Presidente della Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia
In carica
Inizio mandato 3 maggio 2018
Predecessore Debora Serracchiani

Presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome
In carica
Inizio mandato 9 aprile 2021
Predecessore Stefano Bonaccini

Deputato della Repubblica Italiana
Durata mandato 29 aprile 2008 –
8 maggio 2018
Legislature XVI, XVII, XVIII
Gruppo
parlamentare
XVI: Lega Nord Padania
XVII: Lega Nord e Autonomie - Noi con Salvini
XVIII: Lega - Salvini Premier
Coalizione Centro-destra 2008 (XVI)
Centro-destra 2013 (XVII)
Centro-destra 2018 (XVIII)
Circoscrizione Friuli-Venezia Giulia
Incarichi parlamentari
XVI legislatura:

XVII legislatura:

Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Lega per Salvini Premier (dal 2017)
In precedenza:
LN (1995-2020)
Titolo di studio Laurea in scienze della comunicazione
Università Università degli Studi di Trieste
Professione Consulente di marketing

Massimiliano Fedriga (Verona, 2 luglio 1980) è un politico italiano, Presidente della Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia dal 3 maggio 2018.

È stato deputato alla Camera per tre legislature, ricoprendo vari incarichi parlamentari, tra cui quello di capogruppo della Lega Nord e Autonomie - Noi con Salvini dall'8 luglio 2014 al 22 marzo 2018.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Massimiliano Fedriga nasce a Verona il 2 luglio 1980[1], ma di origine bresciana, ed è cresciuto fin da giovanissimo a Trieste in una famiglia cattolica, dove anche lui si è sempre dichiarato tale[1]. Terminati gli studi superiori al liceo scientifico Galilei della sua città, si è laureato in Scienze della comunicazione presso l'Università degli Studi di Trieste[1]. Dopo la laurea, ha conseguito un master universitario in gestione e analisi della comunicazione, e si è occupato di consulenza su marketing e comunicazione per diverse aziende dell'Italia Nord-Est.[1][2]

È sposato dal 2013 con Elena Sartori e ha due figli: Giacomo e Giovanni.[1][2]

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Si è iscritto alla Lega Nord di Umberto Bossi nel 1995, quando era ancora minorenne, grazie a un'autorizzazione firmata dai genitori[1][3]. Successivamente è diventato membro del "Consiglio Nazionale", organo decisionale del partito nel Friuli-Venezia Giulia, ed è entrato poi nel Consiglio Federale (cioè quello centrale, con sede a Milano).

Dal 2003 diventa segretario provinciale della Lega a Trieste.

Elezione a deputato[modifica | modifica wikitesto]

Massimiliano Fedriga rieletto alla Camera nel 2013

Alle elezioni politiche ad aprile 2008 viene candidato, ed eletto per la prima volta, alla Camera dei deputati nella circoscrizione Friuli-Venezia Giulia, diventando successivamente capogruppo per la Lega Nord nella 11ª Commissione permanente (che si occupa di lavoro e politiche sociali) e fa parte della Commissione di controllo sull'attività degli enti gestori.

Alle elezioni amministrative del 2011 Fedriga è stato candidato per la Lega Nord alla carica di sindaco di Trieste, dopo che il partito ha rifiutato l'apparentamento con il candidato del Il Popolo della Libertà Roberto Antonione al primo turno, ottenendo il 6,3% dei consensi.

Il 9 gennaio 2012 diventa vice-capogruppo della Lega Nord alla Camera dei deputati. Il 2 maggio dello stesso anno diventa presidente della Commissione Lavoro del Parlamento del Nord, subentrando a Rosi Mauro che è stata espulsa dal partito per il suo coinvolgimento nel caso Belsito.

Durante la segreteria federale della Lega Nord di Roberto Maroni, è stato a capo del dipartimento lavoro, previdenza e sanità del partito.

Alle elezioni politiche del 2013 è stato riconfermato deputato alla Camera nella medesima circoscrizione nella Lega Nord, divenendo successivamente membro del Consiglio direttivo del suo gruppo (rinominato "Lega Nord e Autonomie") alla Camera dei deputati con delega d'aula. Nella XVII legislatura è stato componente delle Commissioni Affari Esteri, Lavoro pubblico e privato e Agricoltura.[4]

Capogruppo della Lega alla Camera[modifica | modifica wikitesto]

L'8 luglio 2014 è stato eletto per la prima volta capogruppo del partito alla Camera dei deputati, succedendo a Giancarlo Giorgetti[5]. Il 28 settembre successivo è stato eletto segretario nazionale[6] della Lega Nord Friuli Venezia Giulia[5], incarico che mantiene fino al 2019.

Il 15 ottobre 2015 viene sospeso dall'Ufficio di Presidenza della Camera per 15 giorni, direttamente dall'allora Presidente della Camera Laura Boldrini[3], a causa delle continue intemperanze e le offese alla presidenza durante l'approvazione della legge sullo ius soli[7]. Creando un precedente nella storia della Camera dei deputati, per la prima volta un presidente di gruppo viene sanzionato con la sospensione dai lavori parlamentari dell'Aula di Montecitorio.

Alle elezioni politiche del 2018 viene rieletto deputato per la terza volta, tra le liste della Lega nella circoscrizione Friuli-Venezia Giulia.

Presidente della Regione Friuli-Venezia Giulia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Elezioni regionali in Friuli-Venezia Giulia del 2018.
Fedriga (secondo da destra) all'EuroScience 2020 con (da sinistra) il Prefetto di Trieste Valerio Valenti, il ministro dello sviluppo economico Stefano Patuanelli, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il Fisico Stefano Fantoni

Nonostante la coalizione di centro-destra avesse, inizialmente, indicato come candidato alla Presidenza della Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia l'ex presidente Renzo Tondo, il 21 marzo 2018 viene ufficializzata la candidatura di Fedriga a Palazzo del Lloyd Triestino da parte del centro-destra[8], candidatura su cui il segretario federale della Lega Matteo Salvini ha puntato molto fortemente[3]. Appoggiato dal suo partito, Forza Italia, Fratelli d'Italia, Autonomia Responsabile di Renzo Tondo e Progetto FVG, viene eletto Presidente il 29 aprile con il 57,09% dei voti contro il 26,84% di Sergio Bolzonello (appoggiato dalla coalizione di centro-sinistra), l'11,67% di Alessandro Fraleoni Morgera del Movimento 5 Stelle e il 4,40% di Sergio Cecotti di Patto per l'Autonomia[9], diventando il più giovane tra i presidenti di regione in Italia. Entra in carica il successivo 3 maggio, dimettendosi contemporaneamente per incompatibilità dalla carica di deputato l'8 maggio[10]; alla Camera gli subentra Aurelia Bubisutti.[11]

Fin dai primi giorni dopo l'insediamento, si è schierato contro l'accoglienza diffusa dei profughi, sostenendo che va incentivato il rientro volontario a casa degli extracomunitari. Firmando, come primo provvedimento, una delibera che taglia di oltre un milione di euro la spesa sul fronte dell’accoglienza, e destina una somma di 50.000 euro per il rientro assistito in patria.[12]

A luglio 2018, la sua amministrazione regionale approva una delibera che cancella l'impossibilità per i direttori di vertice di avere in tasca la tessera di un partito, dando la possibilità di assumere ruoli di dirigenza negli organi politici.[13]

Fedriga con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il sindaco di Trieste Roberto Dipiazza e il Prefetto di Trieste Valerio Valenti

Il 9 aprile 2021 è stato eletto, inoltre all'unanimità, Presidente della Conferenza dei Presidenti delle Regioni, dopo che la sua candidatura era stata avanzata l'8 aprile dal Presidente della Regione Lombardia (nonché compagno di partito) Attilio Fontana[14]. Fedriga è il secondo Presidente di Regione della Lega ad assumere l'incarico in 40 anni di vita dell'organismo, dopo Alessandra Guerra, anch'ella Presidente del Friuli[2][5]. Come suo vicepresidente è stato designato Michele Emiliano, Presidente della Regione Puglia.[14][15]

In un'intervista al The Post Internazionale Fedriga afferma di volersi ricandidare per un secondo mandato alla presidenza del Friuli-Venezia Giulia, per portare a termine tutti i progetti a cui sta lavorando.[16]

Posizioni e idee politiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Si è dichiarato favorevole alla vaccinazione, ma contrario all'obbligo vaccinale, affermando "sono a favore dei vaccini e per raggiungere il risultato è necessaria un'alleanza con le famiglie, non l'imposizione".[17][18]
  • Si è dichiarato favorevole alla castrazione chimica come pena per i colpevoli di violenze sessuali.[19]
  • Si è dichiarato contrario al disegno di legge a firma di Sandra Zampa, che impedisce di rimpatriare i minorenni extracomunitari, che ritiene "Una vera e propria assurdità".[19]
  • Da presidente ha fatto rimuovere lo striscione di solidarietà per la vicenda del giovane ricercatore universitario Giulio Regeni dal palazzo della regione, dove era appeso dal 2016, dichiarando che «i problemi non si risolvono con gli striscioni».[20]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Massimiliano Fedriga, cuore diviso tra Elena e la Lega. È anche un amante della casa, su corrieredellumbria.corr.it. URL consultato il 9 maggio 2021.
  2. ^ a b c Massimiliano Fedriga è il nuovo presidente della Conferenza delle Regioni, su rainews. URL consultato l'8 agosto 2021.
  3. ^ a b c Sky TG24, Chi è Massimiliano Fedriga, il governatore del Friuli Venezia Giulia, su tg24.sky.it. URL consultato l'8 agosto 2021.
  4. ^ XVII Legislatura - XVII Legislatura - Deputati e Organi - Scheda deputato - FEDRIGA Massimiliano, su camera.it. URL consultato il 2 dicembre 2021.
  5. ^ a b c Fedriga, secondo leghista alla guida della Conferenza delle Regioni, su Agi. URL consultato il 23 novembre 2021.
  6. ^ I partiti costituenti la Lega Nord sono detti nazioni.
  7. ^ Camera, 23 deputati M5S sospesi per 15 giorni. Stop pure a Buonanno per la spigola, su la Repubblica, 29 aprile 2014. URL consultato il 23 novembre 2021.
  8. ^ Friuli Venezia Giulia, il centrodestra cambia candidato dopo 5 giorni: è Fedriga. Salvini vuole l’en plein al Nord, su ilfattoquotidiano.it, il Fatto Quotidiano, 21 marzo 2018.
  9. ^ Fedriga è il nuovo presidente del Friuli Venezia Giulia con il 57% dei voti: "Grazie alla mia gente", su m.ilpiccolo.gelocal.it, il Piccolo, 30 aprile 2018.
  10. ^ Non solo D'Alfonso: tra Camera e Senato in 155 col doppio incarico, su LA NOTIZIA, 3 maggio 2018. URL consultato il 10 maggio 2021.
  11. ^ Con Fedriga presidente della Regione Fvg, Aurelia Bubisutti in Parlamento - Studio Nord News, in Studio Nord News, 2 maggio 2018. URL consultato il 23 settembre 2018.
  12. ^ Migranti, Friuli Venezia Giulia taglia un milione sul fronte dell'accoglienza: "Ridistribuire risorse a cittadini", su Il Fatto Quotidiano, 16 giugno 2018. URL consultato il 9 maggio 2021.
  13. ^ Friuli Venezia Giulia, la giunta leghista cancella il divieto di avere incarichi in Regione per chi milita in un partito, su Il Fatto Quotidiano, 16 luglio 2018. URL consultato il 9 maggio 2021.
  14. ^ a b Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga è il nuovo presidente. Il ruolo di vice a Michele Emiliano, su Open, 9 aprile 2021. URL consultato il 10 maggio 2021.
  15. ^ Massimiliano Fedriga Presidente Conferenza Regioni, su Regioni.it. URL consultato il 18 aprile 2021.
  16. ^ Fedriga a TPI: "Mio figlio l'ho vaccinato. Chi dice che non serve si sbaglia", su TPI, 17 febbraio 2022. URL consultato il 21 febbraio 2022.
  17. ^ Vaccini, Fedriga ha avuto la varicella: "Gli invasati fan di Burioni festeggiano, ma io non sono 'no vax'. Sono contro l'obbligo", su Il Fatto Quotidiano, 15 marzo 2019. URL consultato il 9 maggio 2021.
  18. ^ Sky TG24, Fedriga ha la varicella, insulti sui social. Lui: 'Sono pro-vax', su tg24.sky.it. URL consultato l'8 agosto 2021.
  19. ^ a b Migranti, Fedriga all'attacco: «Lo stupro di Lignano? Responsabilità politica. Gli stupratori? Vanno castrati», su Open, 19 agosto 2020. URL consultato il 10 maggio 2021.
  20. ^ VIDEO | Regeni, è bufera su Fedriga. Lui: "Problemi non si risolvono con striscioni", su Dire.it, 21 giugno 2019. URL consultato il 23 novembre 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente della Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia Successore CoA of Friuli-Venezia Giulia.png
Debora Serracchiani dal 3 maggio 2018 in carica
Predecessore Capogruppo della Lega Nord e Autonomie - Noi con Salvini alla Camera dei deputati Successore Logo della Camera dei deputati.svg
Giancarlo Giorgetti 8 luglio 2014 – 22 marzo 2018 Giancarlo Giorgetti