Massimiliano Fedriga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Massimiliano Fedriga
Massimiliano Fedriga daticamera 2018.jpg

Presidente della Regione Autonoma
Friuli-Venezia Giulia
In carica
Inizio mandato 3 maggio 2018
Predecessore Debora Serracchiani

Deputato della Repubblica Italiana
Durata mandato 29 aprile 2008 –
8 maggio 2018
Legislature XVI, XVII, XVIII
Gruppo
parlamentare
Lega Nord
Circoscrizione Friuli-Venezia Giulia
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Lega Nord
Tendenza politica Conservatorismo
Destra sociale
Titolo di studio Laurea in scienze della comunicazione
Università Università degli studi di Trieste
Professione Consulente di marketing

Massimiliano Fedriga (Verona, 2 luglio 1980) è un politico italiano, presidente della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia dal 3 maggio 2018.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Verona il 2 luglio 1980, vive a Trieste. Ultimati gli studi superiori al liceo scientifico Galilei, si è laureato in Scienze della comunicazione. Dopo la laurea ha conseguito un Master in gestione e analisi della comunicazione e si occupa di consulenza su marketing e comunicazione.

Si è iscritto alla Lega Nord nel 1995. Successivamente è diventato membro del "Consiglio Nazionale", organo decisionale del partito nel Friuli-Venezia Giulia e poi del Consiglio Federale (cioè quello centrale, con sede a Milano).

Dal 2003 è segretario provinciale della Lega. Eletto alla camera è capogruppo per la Lega Nord nell'XI commissione permanente (che si occupa di lavoro e politiche sociali) e fa parte della commissione di controllo sull'attività degli enti gestori e dal 9 gennaio 2012 è vice-capogruppo della Lega Nord alla Camera dei deputati.

Per le Elezioni amministrative italiane del 2011 Fedriga è stato candidato per la Lega Nord alla carica di sindaco di Trieste dopo che il partito ha rifiutato l'apparentamento con Il Popolo della Libertà al primo turno ottenendo il 6,3% dei consensi.

Dal 2 maggio 2012 è presidente della Commissione Lavoro del Parlamento del Nord subentrando a Rosy Mauro espulsa dal partito.

Durante la segreteria della Lega Nord di Roberto Maroni è a capo del dipartimento lavoro, previdenza e sanità.

Nel 2013 è riconfermato deputato divenendo membro del Consiglio direttivo del gruppo della Lega Nord alla Camera dei deputati con delega d'aula.

L'8 luglio 2014 è stato eletto per la prima volta capogruppo del partito alla Camera dei Deputati.

Il 28 settembre 2014 è stato eletto segretario nazionale[1] della Lega Nord Friuli Venezia Giulia.

Il 15 ottobre 2015 viene sospeso dall'Ufficio di Presidenza della Camera per 15 giorni per continue intemperanze durante l'approvazione della legge sullo ius soli. Per la prima volta nella storia della Camera dei Deputati, un presidente di gruppo viene sanzionato con la sospensione dai lavori parlamentari dell'Aula di Montecitorio.

Alle elezioni politiche del 2018 è rieletto deputato della Lega nella circoscrizione Friuli-Venezia Giulia.

Il 21 marzo 2018 viene ufficializzata la sua candidatura alla Presidenza della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia da parte della coalizione di centro-destra. [2] Viene eletto Presidente il 29 aprile 2018 con il 57,09% dei voti.[3] Entra in carica il successivo 3 maggio, dimettendosi contestualmente per incompatibilità dalla carica di deputato; alla Camera gli subentra Aurelia Bubisutti.[4] È sposato e ha due figli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]