Giancarlo Giorgetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Giancarlo Giorgetti
Giancarlo Giorgetti nel 2022

Ministro dell'economia e delle finanze
In carica
Inizio mandato22 ottobre 2022
Capo del governoGiorgia Meloni
PredecessoreDaniele Franco

Ministro dello sviluppo economico
Durata mandato13 febbraio 2021 –
22 ottobre 2022
Capo del governoMario Draghi
PredecessoreStefano Patuanelli
SuccessoreAdolfo Urso[1]

Vicesegretario federale della Lega per Salvini Premier
In carica
Inizio mandato31 gennaio 2020
Vice diMatteo Salvini
ContitolareLorenzo Fontana
Andrea Crippa
PredecessoreCarica istituita

Vicesegretario federale della Lega Nord
Durata mandato26 febbraio 2016 –
31 gennaio 2020
Vice diMatteo Salvini
PredecessoreRiccardo Molinari
Edoardo Rixi
SuccessoreCarica abolita

Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri
Segretario del Consiglio dei ministri
con delega al CIPE, allo sport, al programma di governo ed all'aerospazio
Durata mandato1º giugno 2018 –
5 settembre 2019
Capo del governoGiuseppe Conte
PredecessoreMaria Elena Boschi[2]
Luca Lotti[3]
SuccessoreRiccardo Fraccaro[4]
Vincenzo Spadafora[5]
Andrea Martella[6]

Sindaco di Cazzago Brabbia
Durata mandato23 aprile 1995 –
12 giugno 2004
PredecessoreEnrico Simonetta
SuccessoreMassimo Nicora

Segretario della Lega Lombarda
Durata mandato13 gennaio 2002 –
2 giugno 2012
PresidenteRoberto Castelli
PredecessoreRoberto Calderoli
SuccessoreMatteo Salvini

Sottosegretario di Stato al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti
Durata mandato12 giugno 2001 –
21 giugno 2001
Capo del governoSilvio Berlusconi
PredecessoreCarica istituita
SuccessorePaolo Uggè

Presidente della 5ª Commissione Bilancio della Camera dei deputati
Durata mandato21 giugno 2001 –
27 aprile 2006
PredecessoreAugusto Fantozzi
SuccessoreLino Duilio

Durata mandato22 maggio 2008 –
14 marzo 2013
PredecessoreLino Duilio
SuccessoreFrancesco Boccia

Deputato della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato9 maggio 1996
LegislaturaXIII, XIV, XV, XVI, XVII, XVIII, XIX
Gruppo
parlamentare
XIII-XVI: Lega Nord Padania
XVII: Lega Nord e Autonomie - Noi con Salvini
XVIII-XIX: Lega - Salvini Premier
CoalizioneCasa delle Libertà (XIV-XV)
Centro-destra 2008 (XVI)
Centro-destra 2013 (XVII)
Centro-destra 2018 (XVIII)
Centro-destra 2022 (XIX)
CircoscrizioneXIII-XIV, XVII:
Lombardia 2
XV-XVI: Lombardia 1
XVIII-XIX: Lombardia 2
CollegioXIII-XIV: Sesto Calende
XIX: 4 (Sondrio)
Incarichi parlamentari
XIII Legislatura
  • Membro della 5ª Commissione Bilancio, tesoro e programmazione (dal 4 giugno 1996 al 29 maggio 2001)
  • Membro della Commissione parlamentare per il parere al governo sulle norme delegate previste dalla legge 3 aprile 1997, n. 94, concernenti la ristrutturazione del bilancio dello Stato e l'accorpamento del Ministero del tesoro e del Ministero del bilancio e della programmazione economica (dal 12 maggio 1997 al 16 luglio 1997)
  • Membro della Commissione parlamentare consultiva in ordine alla riforma del bilancio statale ai sensi della legge 3 aprile 1997, n. 94 (dal 17 luglio 1997 al 29 maggio 2001)
  • Membro della Commissione parlamentare d'inchiesta sul dissesto della federazione italiana dei consorzi agrari (dal 9 dicembre 1998 al 15 dicembre 1998)
  • Membro della Commissione speciale per l'esame dei progetti di legge recanti misure per la prevenzione e la repressione dei fenomeni di corruzione (dal 30 luglio 1999 al 29 maggio 2001)
  • Membro della Commissione speciale per l'esame della relazione del governo per l'adozione del programma di riordino delle norme legislative e regolamentari, (ai sensi dell'articolo 7, della legge n. 50 del 1999) (dal 14 settembre 1999 al 13 ottobre 1999)
XIV Legislatura
XV Legislatura
XVI Legislatura
XVII Legislatura
XVIII Legislatura
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politicoLega per Salvini Premier (dal 2019)
In precedenza:
MSI (anni '80)
LN (fino al 2020)
Titolo di studioLaurea in economia aziendale
UniversitàUniversità commerciale Luigi Bocconi
ProfessionePolitico, commercialista

Giancarlo Giorgetti (Cazzago Brabbia, 16 dicembre 1966) è un politico italiano, dal 22 ottobre 2022 ministro dell'economia e delle finanze della Repubblica Italiana nel governo Meloni.

Membro di spicco della Lega,[9] della quale è attualmente deputato oltreché vicesegretario federale, è stato anche segretario della Lega Lombarda (2002-2012) e, alla Camera, presidente della 5ª Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione nella XIV (2001-2006) e XVI legislatura (2008-2013), quindi capogruppo del partito all'inizio della XVII legislatura (2013-2014).

Nella XVIII legislatura (2018-2022) è stato di nuovo brevemente capogruppo della Lega alla Camera, prima di divenire segretario del Consiglio dei ministri del governo Conte I (2018-2019) e ministro dello sviluppo economico del governo Draghi (2021-2022).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È nato il 16 dicembre 1966 a Cazzago Brabbia, comune di 794 abitanti sul lago di Varese in cui la metà degli abitanti ha il suo stesso cognome[10]), dov'è cresciuto, figlio di Angela, operaia nella tessitura Piatti, e di Natale, pescatore, cugino del banchiere Massimo Ponzellini[11][12]. Dopo aver conseguito il diploma di perito aziendale, si è laureato in economia aziendale presso l'Università commerciale Luigi Bocconi di Milano, diventando un dottore commercialista e revisore dei conti[13], oltre ad essere revisore contabile del comune di Varese.[14][15]

Sposato con Laura Ferrari (che nel 2008 ha patteggiato una condanna a 2 mesi e 10 giorni per truffa ai danni della Regione Lombardia) e con una figlia nata nel 2002[11], è appassionato di calcio, tifoso della squadra inglese del Southampton (tanto che nel 2001 fonda il fanclub italiano "Italian Saints" insieme al fratello Francesco)[12], oltre che molto affezionato da sempre al Varese Calcio, come il padre.[14][16][17]

Giorgetti è un cattolico praticante e ha partecipato al funerale di papa Benedetto XVI nella delegazione in rappresentanza del governo italiano.[18][19]

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi e sindaco di Cazzago Brabbia[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto negli anni '80 nel Fronte della Gioventù, l'organizzazione giovanile del Movimento Sociale Italiano[20][21], all'inizio degli anni '90, però, aderisce e sostiene la Lega Lombarda e Lega Nord di Umberto Bossi.[14][22]

Dopo essere stato consigliere comunale e assessore dal 1990 al 1995, alle elezioni comunali in Lombardia del 1995 viene eletto sindaco di Cazzago Brabbia, carica che ricopre per nove anni, dal 23 aprile 1995 al 12 giugno 2004, alla guida della lista "Lista per Cazzago - Lega Nord Padania", venendo rieletto sindaco alle comunali lombarde del 1999 e nuovamente consigliere comunale nel 2004.[12]

Alle elezioni politiche del 1996 viene candidato alla Camera dei deputati nel collegio di Sesto Calende, sostenuto dalla Lega Nord, dove viene eletto per la prima volta deputato con il 37,79% dei voti contro i candidati de L'Ulivo Renato Montalbetti (30,66%) e del Polo per le Libertà Carlo Castiglioni (29,18%)[12][15]. Viene rieletto deputato alle elezioni politiche del 2001 per la Casa delle Libertà (in quota Lega Nord Padania) nel collegio elettorale di Sesto Calende, dove ottiene il 54,48% contro il 37,52% dello sfidante dell'Ulivo Roberto Gabriele Caielli.[12][15]

Presidente della Commissione Bilancio[modifica | modifica wikitesto]

Giorgetti assieme a Umberto Bossi (dopo l'ictus) e Rosi Mauro nel 2005

Nel 2001 è il principale autore della Legge 40/2004 sulla procreazione assistita[23]. Dal 21 giugno 2001 al 27 aprile 2006 ha ricoperto il ruolo di presidente della 5ª Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione della Camera dei deputati. Inoltre, durante il secondo governo Berlusconi, è stato per un breve periodo, dal 12 giugno al 21 giugno 2001, sottosegretario di Stato al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti[24]. È stato consigliere di amministrazione di Credieuronord: a seguito del "crack" dell'istituto di credito, è stato indagato e assolto.[25][26]

Il 13 gennaio 2002 viene eletto come nuovo segretario della Lega Lombarda, incarico che mantiene per 10 anni, nei quali vede la costola lombarda della Lega Nord far parte della coalizione di centro-destra sotto l'allora presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni, fino al 2 giugno 2012, quando viene succeduto da Matteo Salvini, europarlamentare rappresentante l’ala maroniana del partito.[14][27][28]

Vicepresidente della Commissione Esteri[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 2006 viene rieletto deputato come secondo della lista "Lega Nord Padania - Movimento per l'autonomia" nella circoscrizione Lombardia 1. Nella XV legislatura ha ricoperto il ruolo di vicepresidente e capogruppo della Lega Nord Padania nella 3ª Commissione Affari esteri e comunitari, oltre ad essere membro della delegazione italiana presso l'assemblea parlamentare della NATO.[7]

Al 7º congresso nazionale della Lega Lombarda, tenutosi a Milano il 14 gennaio 2007, viene riconfermato per acclamazione segretario nazionale[29]. In quell'occasione pronuncia un discorso legato al rilancio della madre di tutte le Leghe del Nord e all'operosità del cosiddetto "Militante ignoto", che lavora sempre e molto per il movimento senza chiedere nulla e senza curarsi delle chiacchiere della stampa di regime.[30]

Ritorno alla Commissione Bilancio[modifica | modifica wikitesto]

Giancarlo Giorgetti (secondo da destra) al raduno di Pontida nel 2009 con (da sinistra) Roberto Calderoli, Umberto Bossi e Roberto Cota

Alle elezioni politiche del 2008, dove nella campagna elettorale insiste sul "discorso della finestra" (confidando che per la storia della Lega e la Padania si apra una finestra su un futuro fatto di federalismo, indipendenza e libertà), viene rieletto a Montecitorio, nella medesima circoscrizione, tra le liste della Lega Nord. Nella XVI legislatura della Repubblica, oltre a far parte della delegazione parlamentare presso l'assemblea parlamentare della NATO e della commissione parlamentare per l'attuazione del federalismo fiscale, torna a presiedere la commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione della Camera, facendo da relatore alla manovra economica del 2011, approvata definitivamente il 15 luglio a [Montecitorio con 316 voti favorevoli, 284 contrari e 3 astenuti, dopo che il governo Berlusconi aveva posto la questione di fiducia, oltre a scrivere anche la legge del pareggio di bilancio sotto il governo Monti.[8][31]

Nel 2011 salta agli occhi della cronaca per essere apparso nei cablogrammi pubblicati da WikiLeaks (il sito di Julian Assange), redatti da Ben Wohlaure, in cui Giorgetti, in un rapporto dettagliato del consolato USA inviato alla Casa Bianca, avrebbe l'identikit per succedere a Umberto Bossi come segretario del Carroccio, in quanto lombardo e varesino, con lealtà e legami stretti con lo stesso Bossi.[32][33][34]

Capogruppo e vicesegretario della Lega[modifica | modifica wikitesto]

Giorgetti con Roberto Maroni e Massimo Bitonci durante le consultazioni al Quirinale del 2013

Ricandidato agli inizi di gennaio alle elezioni politiche del 2013, viene rieletto ancora deputato nella circoscrizione Lombardia 2 per la Lega Nord, di cui viene eletto successivamente capogruppo, mantenendo l'incarico fino all'8 luglio 2014. Nella XVII legislatura è stato anche presidente della commissione parlamentare per l'attuazione del federalismo fiscale.[35][8]

Il 30 marzo 2013, in quanto presidente di una commissione permanente parlamentare, viene invitato dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a far parte del gruppo dei "dieci saggi" che si occuperà di elaborare delle proposte programmatiche di leggi nel campo economico, istituzionale e sociale attorno al quale riunire una maggioranza parlamentare che sostenesse un nuovo governo.[15][36]

Il 26 febbraio 2016, durante il consiglio federale della Lega svolto a Milano, viene nominato vicesegretario federale della Lega assieme a Lorenzo Fontana, subentrando a Edoardo Rixi e a Riccardo Molinari.[37]

Alle elezioni politiche del 2018 viene ricandidato e rieletto per la sesta volta deputato nel collegio plurinominale Lombardia 2 - 01; viene successivamente eletto capogruppo del gruppo parlamentare Lega - Salvini Premier alla Camera [38][39], rimanendo in carica sino alla nomina a sottosegretario alla Presidenza del Cdm, lasciando l'incarico al neo-deputato Riccardo Molinari.

Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: Governo Conte I.
Giorgetti con Steven Mnuchin, segretario al Tesoro statunitense, e Armando Varricchio, ambasciatore d'Italia negli Stati Uniti d'America

Durante il primo governo Conte, fortemente voluto da Giorgetti stesso dopo le politiche del 2018 e proponendo i ministri Giovanni Tria e Paolo Savona[40][41], ricopre la carica di Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri con le funzioni di segretario del Consiglio dei ministri, con delega allo Sport ed è alla guida del CIPE; gli viene anche affidata la delega all'attuazione del programma di governo, alle politiche spaziali ed aerospaziali (con la presidenza del Comitato interministeriale per le politiche relative allo spazio e alla ricerca aerospaziale)[42] e quella sulle scommesse sportive riguardo alla promozione delle misure per il riordino e al rafforzamento della disciplina delle scommesse sportive nonché per la prevenzione della manipolazione delle relative competizioni[43]. Termina dall'incarico il 5 settembre 2019 con il giuramento del secondo governo Conte.

Ministro dello sviluppo economico[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: Governo Draghi.
Giorgetti al Meeting di Rimini del 2021

Dopo essere stato tra i primi e principali promotori dell’appoggio della Lega al governo presieduto da Mario Draghi, anche alla luce del suo ottimo rapporto proprio con l’ex presidente della Banca Centrale Europea]][14], il 12 febbraio 2021 viene nominato ministro dello sviluppo economico nel suo esecutivo, giurando al palazzo del Quirinale nelle mani del presidente della Repubblica Sergio Mattarella il successivo 13 febbraio 2021, succedendo così al pentastellato Stefano Patuanelli[44][45]. Inoltre assume anche la carica di capodelegazione della Lega nel governo.[46]

Successivamente alla nascita del governo Draghi, si rende protagonista di un conflitto all'interno del partito tra lui (rappresentante l'ala più governista e dei presidenti di Regione leghisti) e il segretario federale della Lega Matteo Salvini (rappresentante l'ala più anti-governista, sovranista e filo-no-vax)[47], con due visioni e due direzioni che ognuno vorrebbe dare alla Lega[48], tanto che in vista delle amministrative a Roma appoggia su La Stampa la candidatura di Carlo Calenda rispetto a quella di Enrico Michetti della Lega e centro-destra[49], che non risparmia un giudizio assai meno lusinghiero di quest'ultimo.[50][51][52]

In vista dell'elezione del Presidente della Repubblica, sostiene molto la candidatura di Mario Draghi e, durante l'elezione di Sergio Mattarella, dopo aver disertato per giorni il Consiglio dei Ministri, afferma che "per alcuni questa giornata porta al Quirinale, per me porta a casa"[53][54]. Secondo Il Foglio, Giorgetti si vuole dimettere dal governo, deciso già nei giorni scorsi, e che stia meditando una candidatura a presidente della Regione Lombardia (quest'ultima smentita da Giorgetti al Foglio stesso)[53]. Tuttavia Giorgetti ci ripensa e, insieme a Salvini, invoca un "nuovo codice di comportamento tra gli alleati" e la richiesta di una "nuova fase".[55][56]

Gestione del Mise[modifica | modifica wikitesto]

Giorgetti con il Segretario al Commercio degli Stati Uniti d'America Gina Raimondo

Appena insediatosi al dicastero dello sviluppo economico, impiega molto tempo, quasi due mesi, a distribuire le deleghe ai suoi viceministri e sottosegretari, bloccando nel frattempo l’attività del Mise sul fronte dei tavoli di crisi, con oltre cento vertenze di crisi aziendali.[46][57][58]

Nel mandato al Mise segue le crisi d'imprese come l'Acc-Embraco di Riva di Chieri (che si conclude dopo un lungo tira e molla con 377 licenziamenti), Fimer, Brioni, Pernigotti, Treofan e Caterpillar (dove a dicembre 2021 sono già avviati i licenziamenti di 189 dipendenti dello stabilimento di Jesi), oltre a scontrarsi con la sua viceministra Alessandra Todde, in particolare con la vertenza Acc-Embraco e la creazione del progetto del polo nazionale di compressori "Italcomp".[46][59]

Per quanto riguarda il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, Giorgetti annuncia che ha raggiunto gli obiettivi fissati per il 2021: crediti d'imposta Transizione 4.0, pubblicazione degli avvisi per la partecipazione agli Ipcei su microelettronica, idrogeno e cloud, 750 milioni per le filiere produttive, fondo da 400 milioni a sostegno dell'imprenditoria femminile.[60]

Con l'inizio dell'anno 2022 si ritrova a fronteggiare l'aumento del costo dell'energia per le imprese, la cui previsione è di 37 miliardi, rispetto ai 20 miliardi nel 2021, cosa già preannunciata da mesi[61][62]. Inoltre viene durissimamente criticato da alcuni settori di Confindustria, come ANFIA e Confindustria Puglia[63], per l’assenza di strategia nazionale e provvedimenti che aiutino il settore cruciale manifatturiero (secondo paese in Europa).[46][64]

Ministro dell'economia e delle finanze[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: Governo Meloni.

Alle elezioni politiche anticipate del 2022 Giorgetti viene ricandidato alla Camera nel collegio uninominale Lombardia 2 - 04 (Sondrio) per la coalizione di centro-destra, per la coalizione di centro-destra in quota Lega[65][66], dove viene eletto con 108.138 voti (61,85%), il triplo della principale candidata del centro-sinistra Valeria Caterina Duico (19,79%).[67]

Con la vittoria del centro-destra alle politiche del 2022 e la seguente nascita del governo presieduto da Giorgia Meloni, il 21 ottobre 2022 Giorgetti viene indicato quale ministro dell'economia e delle finanze[68]. Il giorno successivo giura nelle mani del Presidente della Repubblica Mattarella come Ministro dell'economia e delle finanze nel governo Meloni[69]. Uno dei primi provvedimenti di cui si è occupato da titolare al MEF è stato la stesura, in tempi stretti, della legge di bilancio 2023[70], oltre a bloccare i crediti del superbonus 110% per limitare il debito pubblico con cui veniva finanziato e le frodi ad esse collegate.[71]

Posizioni e idee politiche[modifica | modifica wikitesto]

Giorgetti con Roberto Calderoli ad una manifestazione della Lega Nord a Torino contro l'immigrazione clandestina ad ottobre 2013

Giorgetti è un politico federalista, regionalista, che sostiene il decentramento e l'attenzione al tema del debito pubblico, oltre che la moneta unica dell'Euro[72], vicino agli ambienti economici che sostiene un minor ruolo dello Stato sul piano economico, nonché uno dei rappresentanti della corrente economicamente più liberale della Lega, oltre che uno dei membri più influenti del partito, anche dopo l'ascesa alla segreteria federale di Matteo Salvini (politico di orientamento sovranista), venendo anche definito il "Gianni Letta leghista/padano"[17], il "Gianni Letta di Bossi/Maroni" o il "Verdini sempre verde".[13][73][74]

Intervenendo all'edizione 2018 del Meeting di Comunione e Liberazione (CL) a Rimini il 20 agosto, affronta il tema dell'ascesa del populismo, affermando che "il Parlamento italiano non ha più importanza perché non è più compreso dai cittadini, che lo vedono come un luogo di inconcludenza politica".[75]

Giorgetti, con i sottosegretari all'economia e finanze Massimo Garavaglia e Laura Castelli, assieme a Stefano Bonaccini e Davide Caparini durante il confronto sul DEF

Sul piano delle questioni di politica estera, predilige la vicinanza dell'Italia agli Stati Uniti d'America nel quadro della NATO, oltre alla ricerca di un dialogo con la Germania (principale partner economico dell'Italia) e delle Regioni che rappresentano le roccaforti elettorali della Lega nell'Italia settentrionale[73]. Inoltre è favorevole al fatto che il suo partito si avvicini al Partito Popolare Europeo e adotti un discorso più favorevole all'Unione europea, con cui collaborare per risolvere il problema dell’immigrazione in Italia.[72][76]

A settembre 2020, dopo aver votato a favore in aula sulla riforma avviata dal governo Conte I guidato dalla Lega assieme al Movimento 5 Stelle per la riduzione del numero dei parlamentari, a pochi giorni dal referendum costituzionale sull'iniziativa annuncia il suo voto contrario[77], in dissidenza con la linea ufficiale del partito[78], schierato per il "sì".[79]

Giorgetti è un forte sostenitore di un sistema elettorale basato sull'uninominale secco e spinge per un ritorno della Legge elettorale Mattarellum, sebbene sia stata abrogata a favore della legge elettorale Calderoli nota come Porcellum (successivamente dichiarato incostituzionale) con il sostegno della Lega Nord[80]. Nel 2020 ha sostenuto che l'Italia ha bisogno di un sistema elettorale che "renda possibile governare. Di tutti i sistemi elettorali che ho conosciuto, quello che ha funzionato meglio è il Mattarellum", sostenendo che "sindaci locali, imprenditori, professionisti e persone che rappresentano i propri territori sono stati portati nella politica nazionale grazie al meccanismo dei collegi uninominali".

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Mazzetta direttamente alla Camera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 venne in contatto con Gianpiero Fiorani della Banca Popolare di Lodi, che si presentò nell'ufficio a Montecitorio di Giorgetti mentre era assente con 100.000 euro in contanti, occultati dentro una copia di Repubblica appoggiati sulla scrivania, come generoso ringraziamento per aver smussato l’ostilità dei leghisti verso il governatore della Banca d’Italia Antonio Fazio (confessato da Fiorani stesso nel 2006)[12][74][81][82][83]. Giorgetti restituì la mazzetta, ma non denunciò ai carabinieri il tentativo di corruzione[12], anzi, chiese a Fiorani, se avesse voluto, di girare il finanziamento al Varese Calcio.[74][81][82][83]

Frase sui medici di base[modifica | modifica wikitesto]

Intervenendo all'edizione 2019 del Meeting di CL a Rimini, fa alcuni criticati commenti sui medici di base, rispondendo a una richiesta del segretario di Articolo Uno Roberto Speranza, sui maggiori fondi secondo lui necessari per la sanità, che ha detto[84]:

«Caro Speranza, è vero, mancheranno 45mila medici di base nei prossimi cinque anni. Ma chi va più dal medico di base? Senza offesa per i medici di base anche qui presenti in sala. Nel mio piccolo paese vanno ovviamente per fare le ricette mediche, ma quelli che hanno meno di cinquant’anni vanno su internet, si fanno fare le autoprescrizioni su internet, cercano lo specialista. Tutto questo mondo qui, quello del medico di cui ci si fidava anche, è finita anche quella roba lì.»

Tuttavia, secondo l’ISTAT, le persone che vanno dal medico di base almeno una volta all’anno sono il 74% degli italiani con più di 15 anni, e oltre il 90% di chi ha più di 65 anni, mentre le percentuali per chi consulta uno specialista scendono al 54% degli over 15 e al 67,2% degli over 65[85]. Inoltre l’associazione di categoria e il presidente della Federazione Italiana Medici di Famiglia sostengono i dati ISTAT e l'opposto della affermazioni di Giorgetti, e persino nel suo "piccolo paese" (Cazzago Brabbia) nelle settimane precedenti la comunità era andata in allarme per la pensione di un medico di base[86][87].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Imprese e made in Italy.
  2. ^ Sottosegretario con delega al programma di governo
  3. ^ Ministro per lo Sport con delega al CIPE
  4. ^ Sottosegretario con delega al CIPE e all’aerospazio
  5. ^ Sport
  6. ^ Delega al programma di governo
  7. ^ a b Camera dei Deputati - XV legislatura - Deputati - La scheda personale, su legxv.camera.it. URL consultato il 9 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 22 aprile 2016).
  8. ^ a b c Portale storico della Camera dei Deputati - GIORGETTI Giancarlo, su storia.camera.it.
  9. ^ Lega Nord/Lega per Salvini Premier.
  10. ^ I silenzi e le parole di Giorgetti, volto presentabile della Lega, su ilfoglio.it. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  11. ^ a b Giorgetti, dalle sponde del Lago di Varese a Palazzo Chigi, su VareseNews, 1º giugno 2018. URL consultato il 9 febbraio 2022.
  12. ^ a b c d e f g Chi è Giancarlo Giorgetti, aspirante premier leghista e uomo delle nomine che non denunciò il tentativo di corruzione di Gianpiero Fiorani, in Il Fatto Quotidiano, 10 maggio 2018. URL consultato il 19 dicembre 2022.
  13. ^ a b Giancarlo Giorgetti, su Open. URL consultato il 28 ottobre 2021.
  14. ^ a b c d e Chi è Giancarlo Giorgetti: la carriera e la vita privata, su newsmondo.it. URL consultato il 23 novembre 2021.
  15. ^ a b c d Chi è Giancarlo Giorgietti, il "Gianni Letta della Lega", su Blitz quotidiano, 1º giugno 2018. URL consultato il 27 novembre 2021.
  16. ^ Il Giorno, Inter-Southampton, il leghista Giorgetti: "Sarò in curva coi 'Saints' contro i nerazzurri", su Il Giorno, 19 ottobre 2016. URL consultato il 2 ottobre 2021.
  17. ^ a b Alessandro Da Rold, Tanti consiglieri intorno a Salvini, ma il leader ascolta solo Giorgetti, su Linkiesta.it, 26 giugno 2015. URL consultato il 23 novembre 2021.
  18. ^ Nicola Mirenzi, Giorgetti chi?, su Il Venerdì di Repubblica, 18 giugno 2021.
  19. ^ Fabrizio de Feo, La "reunion" tra Draghi e Giorgetti, su Il Giornale, 6 gennaio 2023.
  20. ^ Ignazio e Bobo, eterni rivali, in Corriere della Sera. URL consultato il 19 dicembre 2022.
  21. ^ Nicola Mirenzi, Giorgetti chi?, in la Repubblica, 18 giugno 2021. URL consultato il 19 dicembre 2022.
  22. ^ Mauro Del Corno, Giorgetti, dal Fronte della Gioventù al ruolo più delicato del Governo Meloni (dopo i troppi nodi lasciati irrisolti al Mise): chi è il ministro dell'Economia, in Il Fatto Quotidiano, 23 ottobre 2022. URL consultato il 19 dicembre 2022.
  23. ^ Diritto & Diritti
  24. ^ Camera dei Deputati - XIV legislatura - Deputati - La scheda personale, su legxiv.camera.it. URL consultato il 9 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2022).
  25. ^ Credieuronord, condannati tre dirigenti, su varesenews.it.
  26. ^ I possibili nomi per un governo M5S-Lega, su nextquotidiano.it.
  27. ^ Congresso nazionale Lega a Bergamo, Salvini verso guida partito in Lombardia, su Il Fatto Quotidiano, 31 maggio 2012. URL consultato il 9 febbraio 2022.
  28. ^ Congresso Lega, Bossi rimane. Matteo Salvini nuovo segretario lombardo, su Il Fatto Quotidiano, 2 giugno 2012. URL consultato il 9 febbraio 2022.
  29. ^ Giorgetti presidente commissione bilancio, su affaritaliani.it.
  30. ^ intervista a Giorgetti, su affaritaliani.it.
  31. ^ MANOVRA FINANZIARIA 2011/ La Camera vota la fiducia al governo, su ilsussidiario.net.
  32. ^ Lega, il profilo del possibile successore di Bossi nei cablogrammi di Wikileaks, su Il Fatto Quotidiano, 25 ottobre 2011. URL consultato il 9 febbraio 2022.
  33. ^ nei cablogrammi di wikileaks svelato l’erede di bossi alla guida della lega - maroni? calderoli? no, giorgetti…, su dagospia.com, 2011-09- 5T15:57:00. URL consultato il 9 febbraio 2022.
  34. ^ La Lega vista dagli americanie le frizioni con Berlusconi, su la Repubblica, 4 marzo 2011. URL consultato il 9 febbraio 2022.
  35. ^ Composizione della Commissione parlamentare per l'attuazione del federalismo fiscale
  36. ^ Chi sono i 10 saggi nominati da Napolitano: le schede, su Il Fatto Quotidiano, 30 marzo 2013. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  37. ^ Lega Nord: due nuovi vice di Salvini - Liguria, su ANSA.it, 27 febbraio 2016. URL consultato il 23 novembre 2021.
  38. ^ Pd, Delrio e Marcucci capigruppo: il partito "si arrocca" (e Renzi la spunta). Forza Italia sceglie Gelmini e Bernini, su Il Fatto Quotidiano, 27 marzo 2018. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  39. ^ Pd: Delrio capogruppo Camera, Marcucci al Senato. Per Fi Gelmini-Bernini - Politica, su ANSA.it, 27 marzo 2018. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  40. ^ Giancarlo Giorgetti zittisce la polemica: "Perché ho voluto il governo con il M5s", su liberoquotidiano.it. URL consultato il 15 dicembre 2021.
  41. ^ Governo, Giorgetti (Lega): “Savona? Fui io a introdurlo a Salvini e Di Maio. Era il perno del contratto M5s-Lega”, su Il Fatto Quotidiano, 29 maggio 2018. URL consultato il 9 febbraio 2022.
  42. ^ A Giorgetti la delega sull'aerospazio, in A.S.I. - Agenzia Spaziale Italiana, 8 luglio 2018. URL consultato l'8 agosto 2018 (archiviato dall'url originale l'8 agosto 2018).
  43. ^ Agipronews.it | Giochi: al sottosegretario Giorgetti delega per scommesse sportive e prevenzione match fixing, in Agipronews.it. URL consultato l'8 agosto 2018.
  44. ^ Ministro, su Mise. URL consultato il 13 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2021).
  45. ^ Governo Draghi, ecco chi sono i ministri. Dai tecnici ai politici riconfermati: tutti i profili, su Il Fatto Quotidiano, 12 febbraio 2021. URL consultato il 7 novembre 2021.
  46. ^ a b c d Giorgetti, il ministro fantasma: al Mise solo disastri, litigi e assenze, su il manifesto, 30 gennaio 2022. URL consultato il 9 febbraio 2022.
  47. ^ Il futuro della Lega nelle parole di Giorgetti: «Il problema non sono io ma quale linea intende sposare Salvini», su Open, 2 novembre 2021. URL consultato il 15 dicembre 2021.
  48. ^ Oggi la resa dei conti tra Salvini e Giorgetti? La telefonata tesa: «Se vuoi mi faccio da parte», su Open, 4 novembre 2021. URL consultato il 15 dicembre 2021.
  49. ^ admin, Nervi tesi nella Lega. A Roma Giorgetti scarica Michetti e punta su Calenda, su LA NOTIZIA, 28 settembre 2021. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  50. ^ Salvini dice che nella Lega è tutto ok ma Giorgetti ha mollato il Consiglio senza parlare (e oggi non sarà a Milano), su Open, 6 novembre 2021. URL consultato il 15 dicembre 2021.
  51. ^ Giorgetti non è molto ottimista su come andranno le amministrative per il centrodestra, su Il Post, 27 settembre 2021. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  52. ^ admin, Resa dei conti nella Lega. Salvini e Giorgetti sempre più separati in casa, su LA NOTIZIA, 4 novembre 2021. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  53. ^ a b Giorgetti verso le dimissioni. Il ministro della Lega vuole lasciare il governo, su ilfoglio.it. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  54. ^ Giancarlo Giorgetti, dimissioni del Ministro dello Sviluppo Economico? Inizia a sgretolarsi il Governo Draghi, su LA NOTIZIA, 29 gennaio 2022. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  55. ^ Giorgetti evoca le dimissioni, ma poi ci ripensa: "Serve una nuova fase, chiedo un incontro con Draghi", su HuffPost Italia, 29 gennaio 2022. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  56. ^ Quirinale, Salvini e Giorgetti chiedono un incontro a Draghi. Il ministro: "Mie dimissioni? Serve una nuova fase del governo", su Il Fatto Quotidiano, 29 gennaio 2022. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  57. ^ admin, Giorgetti se la prende comoda. Al Mise tavoli di crisi in stallo, su LA NOTIZIA, 16 marzo 2021. URL consultato il 10 febbraio 2022.
  58. ^ Mise bloccato, Giorgetti ancora non «delega», su il manifesto, 23 marzo 2021. URL consultato il 9 febbraio 2022.
  59. ^ admin, Embraco, Fimer & C. Giorgetti in fuga dai suoi fallimenti, su LA NOTIZIA, 1º febbraio 2022. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  60. ^ Il Mise ha raggiunto gli obiettivi fissati per il 2021 dal Pnrr, su Agi. URL consultato il 10 febbraio 2022.
  61. ^ Caro bollette, il ministro Giorgetti: "La tempesta energetica è arrivata", su RaiNews. URL consultato il 9 febbraio 2022.
  62. ^ Il blackout generale non è da escludere. Giorgetti: «L'Europa definisca un piano per evitarlo» - Il video, su Open, 30 novembre 2021. URL consultato il 10 febbraio 2022.
  63. ^ Bosch e Marelli sono solo l'antipasto. Airaudo (Fiom): "Il governo non ha un piano per gestire la transizione dal diesel all'elettrico", su Il Fatto Quotidiano, 29 gennaio 2022. URL consultato il 9 febbraio 2022.
  64. ^ Imprese e sindacati: serve un piano per la mobilità sostenibile, su il manifesto, 18 gennaio 2022. URL consultato il 9 febbraio 2022.
  65. ^ Elezioni 2022: la Lega in Valtellina cala l'asso Giorgetti, su SondrioToday. URL consultato il 23 agosto 2022.
  66. ^ Giorgetti in Valtellina e Candiani a Busto Arsizio, i candidati della Lega per i collegi uninominali di Camera e Senato, su VareseNews, 19 agosto 2022. URL consultato il 23 agosto 2022.
  67. ^ ELEZIONI CAMERA 2022 RISULTATI ITALIA, in la Repubblica, 26 settembre 2022.
  68. ^ Governo: da Mattarella l'incarico a Meloni, presentata la lista dei ministri - Politica, su Agenzia ANSA, 21 ottobre 2022. URL consultato il 27 aprile 2023.
  69. ^ Meloni, il giuramento del governo al Quirinale: «Serviremo l'Italia con orgoglio». Domani passaggio di consegne e Cdm, su www.ilmattino.it, 22 ottobre 2022. URL consultato il 27 aprile 2023.
  70. ^ L’approvazione della legge di Bilancio è una corsa contro il tempo, su Pagella Politica. URL consultato il 27 aprile 2023.
  71. ^ Il governo ha bloccato i crediti del superbonus, su Il Post, 17 febbraio 2023. URL consultato il 28 aprile 2023.
  72. ^ a b Giorgetti irremovibile: "Resteremo nell’euro", su Agi. URL consultato il 10 febbraio 2022.
  73. ^ a b Andrea Muratore, Tra Usa ed Europa, Giorgetti tesse le fila delle alleanze della Lega, Inside Over, 18 dicembre 2020
  74. ^ a b c "Promemoria del 2013" Marco Travaglio su Giancarlo Giorgetti (Lega). URL consultato il 1º febbraio 2022.
  75. ^ Meeting Rimini, Giorgetti: 'Parlamento non conta più nulla, democrazia un feticcio', su Repubblica TV - Repubblica, 20 agosto 2018. URL consultato il 1º aprile 2021.
  76. ^ (FR) Italie: en perte de vitesse, la Ligue de Matteo Salvini envisage de se convertir à l’Europe, su LEFIGARO. URL consultato il 1º aprile 2021.
  77. ^ Referendum, Giorgetti per il No: “Il sì? Favore al governo”, Il Fatto Quotidiano, 11 settembre 2020
  78. ^ La democrazia non è un costo, Osservatorio Globalizzazione, 18 febbraio 2020
  79. ^ Americo Mascarucci, Referendum, nel centrodestra crescono i malumori. Tutti i NO da Borghi a Crosetto, Lo Speciale, 27 agosto 2020
  80. ^ Legge elettorale, Giorgetti: Torniamo al Mattarellum, su Legge elettorale, Giorgetti: Torniamo al Mattarellum. URL consultato il 1º aprile 2021.
  81. ^ a b Fiorani: portai una mazzetta in Parlamento - Corriere della Sera, su corriere.it. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  82. ^ a b La mazzetta per Giorgetti non si trova - il mattino di Padova, su Archivio - il mattino di Padova. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  83. ^ a b che ne saggio? giorgetti e bubbico tra mazzette e scorie, su dagospia.com, 2013-04- 2T16:52:00. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  84. ^ La frase di Giancarlo Giorgetti sui medici di base, su Il Post, 26 agosto 2019. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  85. ^ Il 74% degli italiani dai 15 anni in su va dal medico di famiglia almeno una volta l’anno e uno su due va anche dallo specialista - Quotidiano Sanità, su quotidianosanita.it. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  86. ^ "Nessuno va più dal medico di base", polemica su Giorgetti (che cita Cazzago), su VareseNews, 24 agosto 2019. URL consultato il 9 febbraio 2022.
  87. ^ A Cazzago e Inarzo tutti avranno il medico di famiglia, su VareseNews, 26 luglio 2019. URL consultato il 9 febbraio 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Sindaco di Cazzago Brabbia Successore
Enrico Simonetta 23 aprile 1995 - 12 giugno 2004 Massimo Nicora
Predecessore Ministro dello sviluppo economico della Repubblica Italiana Successore
Stefano Patuanelli 13 febbraio 2021 - 22 ottobre 2022 Adolfo Urso (Imprese e Made in Italy)
Predecessore Ministro dell'economia e delle finanze della Repubblica Italiana Successore
Daniele Franco dal 22 ottobre 2022 in carica
Predecessore Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri
Segretario del Consiglio dei ministri
con delega al CIPE, allo sport, al programma di governo ed all'aerospazio
Successore
Maria Elena Boschi
(Sottosegretario e delega al programma di governo)
Luca Lotti
(Sport e CIPE)
1º giugno 2018 – 5 settembre 2019 Riccardo Fraccaro
(Sottosegretario e delega al CIPE e all’aerospazio)
Vincenzo Spadafora
(Sport)
Andrea Martella
(Programma di governo)
Predecessore Sottosegretario di Stato al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Successore
Carica istituita 12 giugno 2001 – 21 giugno 2001 Andrea Annunziata
Predecessore Capogruppo della Lega Nord e Autonomie - Noi con Salvini alla Camera dei deputati Successore
Gianpaolo Dozzo 19 marzo 2013 – 8 luglio 2014 Massimiliano Fedriga I
Massimiliano Fedriga 27 marzo 2018 – 14 giugno 2018 Riccardo Molinari II
Predecessore Presidente della 5ª Commissione permanente Bilancio della Camera dei deputati Successore
Augusto Fantozzi 21 giugno 2001 – 27 aprile 2006 Lino Duilio I
Lino Duilio 8 maggio 2008 – 14 marzo 2013 Francesco Boccia II
Predecessore Vicesegretario federale della Lega per Salvini Premier Successore
Carica creata dal 31 gennaio 2020 In carica
Predecessore Vicesegretario federale della Lega Nord Successore
Riccardo Molinari
Edoardo Rixi
26 febbraio 2016 - 31 gennaio 2020 Carica sciolta
Predecessore Segretario della Lega Lombarda Successore
Roberto Calderoli 13 gennaio 2002 – 2 giugno 2012 Matteo Salvini