Omicidio di Giulio Regeni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Omicidio di Giulio Regeni
Stato Egitto Egitto
Luogo Il Cairo
Obiettivo Giulio Regeni
Data gennaio-febbraio 2016
Tipo omicidio
Responsabili sconosciuti
Motivazione sconosciuta

L'omicidio di Giulio Regeni è stato commesso in Egitto tra il gennaio e il febbraio 2016. Regeni era un dottorando italiano dell'Università di Cambridge; fu rapito il 25 gennaio 2016, giorno del quinto anniversario delle proteste di piazza Tahrir. Il suo corpo fu ritrovato senza vita il 3 febbraio successivo, nelle vicinanze di una prigione dei servizi segreti egiziani.[1]

Le condizioni della sua salma, ritrovata vicino al Cairo in un fosso lungo l'autostrada Cairo-Alessandria, hanno immediatamente messo in luce gli evidentissimi segni di atroce e ripetuta tortura, eventualmente in connessione per i legami che il giovane ricercatore, Giulio Regeni, si supponeva potesse avere con il movimento sindacale che si oppone al governo del generale al-Sīsī, legami che tuttavia non sono mai stati provati. L'uccisione di Giulio Regeni ha dato vita in tutto il mondo, e soprattutto in Italia, ad un acceso dibattito politico vertente sul coinvolgimento parziale o totale, attraverso uno dei suoi servizi di sicurezza, dello stesso governo egiziano nell'intera vicenda del rapimento, della tortura, dell'omicidio del Regeni e dei depistaggi successivi. Tali sospetti hanno costituito motivo di forti tensioni diplomatiche con l'Egitto[2][3].

La vittima[modifica | modifica wikitesto]

Commemorazione di Giulio Regeni organizzata dal parlamentare britannico Daniel Zeichner eletto nel collegio di Cambridge

Regeni nacque a Trieste il 15 gennaio 1988;[4] cresciuto a Fiumicello (in provincia di Udine), ancora minorenne si trasferì per studiare all'Armand Hammer United World College of the American West (Nuovo Messico - Stati Uniti d'America) e poi nel Regno Unito.

Vinse due volte il premio "Europa e giovani" (2012 e 2013), al concorso internazionale organizzato dall'Istituto regionale studi europei, per le sue ricerche ed approfondimenti sul Medio Oriente.

Dopo aver lavorato presso l'Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale, e aver svolto per un anno ricerche per conto della società privata di analisi politiche Oxford Analytica,[5] stava conseguendo un dottorato di ricerca presso il Girton College dell'Università di Cambridge e si trovava in Egitto per svolgere una ricerca sui sindacati indipendenti egiziani presso l'Università Americana del Cairo. In alcuni articoli, scritti anche con lo pseudonimo di Antonio Druis[6] e pubblicati dall'agenzia di stampa Nena[7][8] e, postumo, da il manifesto,[9] ha descritto la difficile situazione sindacale dopo la rivoluzione egiziana del 2011.

La scomparsa[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 gennaio 2016 il ricercatore italiano inviò alle 19:41 un SMS alla fidanzata in Ucraina, dicendo che stava uscendo[10][11]. Poco dopo, la studentessa Noura Wahby, amica di Regeni conosciuta nel 2014 a Cambridge, denunciò sul proprio profilo Facebook la scomparsa del ricercatore il quale, qualche ora prima, doveva incontrare delle persone in piazza Tahrir per festeggiare il compleanno di un amico[12]. Durante i giorni della scomparsa vennero lanciati su twitter gli hashtag #whereisgiulio e #جوليو_ـفين (letteralmente: #doveègiulio).

Il ritrovamento del corpo[modifica | modifica wikitesto]

Il corpo nudo e atrocemente mutilato di Giulio Regeni fu trovato il 3 febbraio 2016 in un fosso lungo la strada del deserto Cairo-Alessandria, alla periferia del Cairo. Il ministro Federica Guidi, che in quel momento si trovava in Egitto in missione diplomatica con un gruppo di imprenditori, ha immediatamente interrotto la visita ed è rientrata in Italia[13].

Il corpo recuperato mostrava segni compatibili con ipotesi di sottoposizione a tortura: contusioni e abrasioni in tutto corpo, come quelle tipicamente causate da un grave pestaggio, lividi estesi non incompatibili con lesioni da calci, pugni ed aggressione con un bastone. Si contarono più di due dozzine di fratture ossee, tra cui sette costole rotte, tutte le dita di mani e piedi, così come gambe, braccia e scapole, oltre a cinque denti rotti[14]; si riscontrarono coltellate multiple sul corpo, comprese le piante dei piedi, probabilmente inferte con un rompighiaccio o uno strumento simile ad un punteruolo. Vi erano inoltre numerosi tagli, su tutto il corpo, causati da uno strumento tagliente simile ad un rasoio.

Si sono altresì riscontrate estese bruciature di sigarette, nonché una bruciatura più grande tra le scapole e incisioni somiglianti a vere e proprie lettere; l'esame autoptico rivelava una emorragia cerebrale e una vertebra cervicale fratturata a seguito di un violento colpo al collo che sarebbe la causa della morte.[15]

Il funerale del giovane ricercatore friulano si è svolto a Fiumicello il 12 febbraio 2016[16].

Le indagini successive al crimine[modifica | modifica wikitesto]

Subito dopo il ritrovamento del corpo, il generale Khaled Shalabi (direttore dell'amministrazione generale delle indagini di Giza) dichiarò che Regeni era stato vittima di un semplice incidente stradale[17], smentendo inoltre che vi fossero tracce di proiettili o accoltellamenti[18]. In seguito la polizia egiziana sostenne che l'omicidio poteva essere avvenuto per motivi personali[19] dovuti ad una presunta relazione omosessuale (Regeni tuttavia aveva una fidanzata) oppure allo spaccio di stupefacenti (Regeni tuttavia non aveva mai utilizzato alcuna droga, come confermato dall'autopsia), ma non sono mancate ipotesi, non suffragate da alcuna prova, secondo cui Regeni sarebbe stato ucciso da appartenenti a qualche Baltagiya, assoldati dagli organismi del controspionaggio egiziano.

Le autorità egiziane hanno garantito inizialmente una "piena collaborazione", ma tale disponibilità è presto stata smentita: gli investigatori italiani hanno potuto interrogare pochi testimoni per alcuni minuti, dopo che gli stessi erano già stati interrogati per ore dalla polizia egiziana; le riprese video della stazione della metropolitana dove Regeni è stato visto per l'ultima volta sono state cancellate; sono stati negati i tabulati telefonici del quartiere dove viveva Regeni e della zona in cui fu ritrovato il corpo[10].

Funzionari egiziani ed italiani hanno condotto autopsie separate sul corpo di Giulio Regeni.

La relazione ufficiale forense egiziana del 1º marzo 2016 (dossier di 91 pagine consegnato all'ambasciata italiana al Cairo il 2 marzo) attesta che il ricercatore italiano fu interrogato e torturato per un massimo di sette giorni a intervalli di 10-14 ore prima di essere infine ucciso[20], mentre i risultati dell'autopsia egiziana non sono ancora stati resi pubblici. L'uccisione sarebbe avvenuta circa 10 ore prima del ritrovamento del corpo. Il dossier delle autorità egiziane è stato giudicato carente ed incompleto nell'informativa del 5 aprile del ministro degli esteri Paolo Gentiloni resa al Parlamento sul caso di Giulio Regeni, che inoltre accusa l'insufficiente collaborazione delle autorità egiziane[21][22].

Un rapporto di 300 pagine contenente i risultati dell'autopsia italiana è stato consegnato all'ufficio del pubblico ministero presso la Procura della Repubblica di Roma (competente per reati in danno di italiani all'estero) e smentisce precedenti indiscrezioni su segni di scosse elettriche somministrate ai genitali di Regeni[23].

Per favorire le indagini, gli amici e parenti di Giulio Regeni hanno consegnato i propri telefoni cellulari e computer portatili alla polizia italiana, mentre la famiglia Regeni ha consegnato il computer del figlio, ritrovato nell'appartamento del Cairo, da cui è risultato che nei giorni precedenti alla scomparsa era stato molto utilizzato, segno che il ragazzo era rimasto in casa.

Nel settembre 2016 il governo egiziano ha accettato di consegnare i tabulati di telefonia mobile, mentre i pubblici ministeri egiziani in visita a Roma hanno ammesso per la prima volta che Regeni era stato in effetti sottoposto ad indagini e sorveglianza da parte della polizia egiziana prima della sua scomparsa, ma senza riscontrare problemi alla sicurezza nazionale[24].

Nel settembre 2017 il legale egiziano che seguiva il caso per conto della famiglia, Ibrahim Metwaly, è stato incarcerato in Egitto con l'accusa di voler sovvertire il governo Al Sisi.[25][26]

Il ritrovamento dei documenti[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti rivenuti dalla polizia egiziana

Il 24 marzo 2016 la polizia egiziana ha ucciso in una sparatoria quattro uomini, inizialmente indicati come probabili responsabili di sequestro di persona in danno del Regeni[27]. Il Ministero dell'Interno egiziano, tramite un post sul proprio profilo ufficiale su Facebook[28], ha affermato che la banda criminale uccisa era specializzata nei rapimenti di cittadini stranieri al fine di estorcere loro denaro.

Durante l'operazione in cui è stata sgominata la banda, la polizia egiziana ha ritrovato una borsa di colore rosso con il logo della Federazione Italiana Giuoco Calcio nella quale erano contenuti vari oggetti, di cui alcuni effettivamente appartenuti a Regeni: il passaporto, i tesserini di riconoscimento dell'Università di Cambridge e dell'Università Americana del Cairo, oltre alla carta di credito; nella foto postata[28] è presente anche un pezzo di hashish, che sembrava avvalorare la tesi egiziana dell'uccisione per motivi di droga; tuttavia, sia i familiari sia i periti dell'autopsia hanno escluso che il ricercatore facesse uso di stupefacenti.

In seguito, l'ufficio del procuratore di Nuovo Cairo ha negato che la banda criminale fosse coinvolta nell'omicidio[29]. Successivamente alla consegna dei tabulati telefonici, è stato appurato che il capo della banda criminale si trovasse distante oltre 100 km dal Cairo nei giorni della sparizione di Regeni. I familiari delle vittime hanno smentito la ricostruzione della sparatoria durante il blitz, in quanto i presunti malviventi furono uccisi dalla polizia a bruciapelo o a breve distanza.

Le accuse al governo egiziano[modifica | modifica wikitesto]

I servizi di sicurezza del governo di Abd al-Fattah al-Sisi, così come lo stesso governo egiziano, sono sospettati di avere un ruolo chiave nell'omicidio del giovane ricercatore, potendo nutrire le ragioni di un eventuale movente nell'attività di ricerca di Regeni[30]. La polizia del Cairo aveva già svolto indagini sul ragazzo nei giorni 7, 8 e 9 gennaio su esposto del Capo del sindacato dei venditori ambulanti[31].

I media e il governo dell'Egitto hanno respinto l'accusa di coinvolgimento nell'omicidio, sostenendo invece che gli agenti segreti sotto copertura appartenenti ai Fratelli Musulmani avrebbero effettuato il crimine al fine di mettere in imbarazzo il governo egiziano e destabilizzare i rapporti tra Italia ed Egitto[32][33].

Il generale Khaled Shalabi, uno dei principali investigatori egiziani, è una figura controversa, poiché già negli anni 2000 risultava condannato per rapimento e tortura, ottenendo però la sospensione condizionale della pena[10].

Nella notte tra il 24 e il 25 aprile 2016 le forze speciali della polizia egiziana hanno arrestato il consulente egiziano della famiglia Regeni, Ahmed Abdallah, presidente dell'organizzazione non governativa "Commissione egiziana per i diritti e le libertà"[34], con l'accusa di sovversione e terrorismo.

Nel dicembre 2016 è stato accertato che Mohamed Abdallah, leader del sindacato degli ambulanti oggetto della ricerca universitaria ed incontrato per la prima volta da Giulio il 13 ottobre 2015[35], aveva denunciato Giulio Regeni alla polizia di Gyza il 6 gennaio e lo aveva seguito fino al 22 gennaio, ovvero 3 giorni prima della scomparsa del ricercatore italiano, comunicando alla polizia tutti gli spostamenti[36].

Le reazioni della comunità internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Striscione "Verità per Giulio Regeni" esposto dal Comune di Torino

La sempre più evidente tortura e l'uccisione di Giulio Regeni hanno suscitato attenzione anche in altri paesi[37], con, fra l'altro, la protesta di oltre 4.600 accademici che hanno firmato una petizione per chiedere un'inchiesta sulla sua morte e sulle numerose sparizioni che si verificano in Egitto ogni mese[38].

Il 24 febbraio 2016 Amnesty International Italia ha lanciato la campagna Verità per Giulio Regeni (in inglese: Truth about Giulio Regeni)[39] ed è stata lanciata anche una petizione online sul portale Change.org a cui hanno aderito più di 100.000 sostenitori[40].

Il 10 marzo 2016 il Parlamento europeo a Strasburgo ha approvato una proposta di risoluzione che ha condannato la tortura e l'uccisione di Giulio Regeni e le continue violazioni dei diritti umani del governo di al-Sisi in Egitto[41]. La risoluzione è stata approvata con ampia maggioranza[42].

Il 14 aprile 2016 il New York Times, con un editoriale, ha attaccato duramente la Francia, definendone «vergognoso» il silenzio di fronte alle richieste dell'Italia di fare pressione sull'Egitto[43][44].

Il 20 settembre 2016 l'ambasciatore del Regno Unito in Italia, Jill Morris, ha ribadito l'aiuto del governo britannico alle autorità italiane nel fare emergere la verità sull'uccisione del giovane[45].

Il 22 dicembre 2016 Paola Regeni, mamma di Giulio, viene eletta donna dell'anno 2016 dai lettori della rivista D - la Repubblica delle donne[46]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Viviana Mazza, Il corpo di Giulio ritrovato vicino a una prigione dei servizi, Corriere della Sera, 9 febbraio 2016. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  2. ^ Ettore Greco e Natalino Ronzitti (a cura di), Rapporto sulla politica estera italiana: il governo Renzi - Edizione 2016, Edizioni Nuova Cultura, 30 settembre 2016, p. 104-105.
  3. ^ C’è una novità su Giulio Regeni, ma va capita, in Il Post, 16 agosto 2017. URL consultato il 16 agosto 2017.
  4. ^ Regeni, i documenti fatti ritrovare dalla polizia egiziana, repubblica.it. URL consultato il 6 aprile 2016.
  5. ^ la pagina dedicata a Giulio Regeni da Polis, la facoltà di Cambridge che aveva assegnato a Giulio la ricerca di dottorato, polis.cam.ac.uk. URL consultato il 26 maggio 2017.
  6. ^ Andrea Pasqualetto, La madre di Regeni: Giulio voleva collaborare, il Manifesto disse no, in Corriere della Sera, 5 febbraio 2016.
  7. ^ Antonio Drius, Il movimento operaio egiziano tra scioperi e divisioni, su inventati.org, 15 gennaio 2016.
  8. ^ Antonio Druis, L'Egitto degli scioperi cerca l'unità sindacale, Near East News Agency, 14 gennaio 2016.
  9. ^ Giulio Regeni, In Egitto, la seconda vita dei sindacati indipendent, in Il manifesto, 5 febbraio 2016.
  10. ^ a b c (EN) Alexander Stille, Who murdered Giulio Regeni?, in The Guardian, 04 ottobre 2016.
  11. ^ Chi ha ucciso Giulio Regeni?, in Il Post, 06 ottobre 2016.
  12. ^ Katia Riccardi, Giulio Regeni, da Cambridge al Cairo: il ricercatore appassionato di Egitto, in Repubblica, 2 marzo 2016.
  13. ^ Cordoglio del Ministro Gentiloni per scomparsa del connazionale Giulio Regeni, su Ministero degli Esteri, 3 febbraio 2016.
  14. ^ Giovanni Bianconi, Giulio Regeni, le incisioni sul corpo. La madre: «L’hanno usato come se fosse una lavagna», in Corriere della Sera, 7 settembre 2016.
  15. ^ Giulio Regeni, autopsia: "Morto per frattura di una vertebra cervicale. Sul cadavere segni di violento pestaggio", il Fatto Quotidiano, 7 febbraio 2016. URL consultato il 15 ottobre 2017 (archiviato il 28 gennaio 2017).
  16. ^ “Giulio mi ha insegnato molto”, in Il Fatto Quotidiano, 12 febbraio 2016.
  17. ^ Giulio Regeni, giornalista del Manifesto: "Lavorava con noi, aveva paura". Renzi ad Al Sisi: "Restituiteci la salma", in Il Fatto Quotidiano, 4 febbraio 2016.
  18. ^ Morto al Cairo, la polizia egiziana: «È stato un incidente stradale», in Il Gazzettino - edizione di Udine, 4 febbraio 2016.
  19. ^ Schiaffo dell'Egitto a Giulio Regeni: ecco come hanno liquidato il caso, in Libero Quotidiano, 24 febbraio 2016.
  20. ^ (EN) Italian killed in Egypt was interrogated for days - forensics expert, in Reuters, 1º marzo 2016. URL consultato l'11 marzo 2016.
  21. ^ Informativa urgente del Governo sugli sviluppi del caso Regeni, in Resoconto stenografico dell'Assemblea - Seduta n. 602 di martedì 5 aprile 2016, 05 aprile 2016, p. 42 ss..
  22. ^ Martedì 5 Aprile 2016 - 603ª Seduta pubblica, su Senato della repubblica, 5 aprile 2016. URL consultato il 13 dicembre 2016.
  23. ^ Nuove torture e vecchie bugie. In un dossier il martirio di Giulio, in La Stampa, 30 marzo 2016.
  24. ^ La polizia egiziana aveva indagato Giulio Regeni, in Il Post, 10 settembre 2016.
  25. ^ Confermato l'arresto dell'avvocato della famiglia Regeni, in Repubblica.it, 12 settembre 2017. URL consultato il 13 settembre 2017.
  26. ^ (IT) Regeni, arrestato il legale egiziano della famiglia. Gentiloni: “La verità su Giulio è dovere di Stato”, in LaStampa.it. URL consultato il 13 settembre 2017.
  27. ^ (EN) Ruth Michaelson e Stephanie Kirchgaessner, Egyptian police claim to shoot dead gang that killed Giulio Regeni, in The Guardian, 25 marzo 2016. URL consultato il 25 marzo 2016.
  28. ^ a b (AR) Pagina ufficiale del Ministero degli Interni egiziano, Post del 25 marzo alle ore 9:24, su Facebook, 25 marzo 2016. URL consultato il 6 aprile 2016.
  29. ^ (EN) Egypt Prosecutor Says Killed ‘Gang Members’ and Giulio Regeni ‘Not Connected’, in Egyptian Streets, 24 marzo 2016. URL consultato il 25 marzo 2016.
  30. ^ (EN) Suspicion falls on Egypt’s security forces after the violent death of a young Italian, in The Economist, 17 febbraio 2016. URL consultato il 18 febbraio 2016.
  31. ^ GIULIO REGENI / News, Ahmed Abdallah dopo la scarcerazione: dalle pressioni psicologiche ai veri motivi dell'arresto (Oggi, 12 settembre 2016), ilsussidiario.net. URL consultato il 21 settembre 2016.
  32. ^ (EN) Egypt: Italian's killers may have had criminal or revenge motive, in BBC News, 24 febbraio 2016. URL consultato il 25 febbraio 2016.
  33. ^ (EN) Egypt: Egypt president suggests his political enemies murdered Italian student, in The Guardian, 16 marzo 2016. URL consultato il 20 marzo 2016.
  34. ^ Regeni, arrestato in Egitto consulente della famiglia: "Liberatelo", in La Repubblica, 26 aprile 2016.
  35. ^ Il presagio di Giulio Regeni sull’uomo che lo tradì: «È una miseria umana», in Giornlettismo, 12 settembre 2016.
  36. ^ Floriana Bulfon, Caso Regeni, identificati i poliziotti coinvolti, in L'Espresso, 07 dicembre 2016.
  37. ^ (EN) Outrage Over an Italian Student’s Murder in Egypt, in The New York Times, 11 febbraio 2016. URL consultato il 12 febbraio 2016.
  38. ^ (EN) Thousands of academics demand inquiry into Cairo death of Giulio Regeni, in The Guardian, 8 febbraio 2016.
  39. ^ Verità per Giulio Regeni, Amnesty International, 24 febbraio 2016.
  40. ^ Giovanni Parmeggiani, Verità sull'uccisione di Giulio Regeni #JusticeForGiulio, su change.org. URL consultato il 7 aprile 2016.
  41. ^ Parlamento europeo, Risoluzione del Parlamento europeo del 10 marzo 2016 sull'Egitto, in particolare il caso di Giulio Regeni, europarl.europa.eu, 10 marzo 2016.
  42. ^ (EN) European parliament condemns killing of Giulio Regeni in Egypt, in The Guardian, 10 marzo 2016.
  43. ^ (EN) Upping the Pressure on Egypt, in New York Times, 14 aprile 2016. URL consultato il 14 aprile 2016.
  44. ^ Annalisa Grandi, Regeni, Mattarella: «Non vogliamo e non possiamo dimenticare», in Corriere della Sera, 15 aprile 2016. URL consultato il 15 aprile 2016.
  45. ^ Regeni,Gb: nostro governo farà di tutto, rainews.it. URL consultato il 21 settembre 2016.
  46. ^ Mara Accettura, Paola Regeni è la donna dell'anno, in D - la Repubblica delle donne, 22 dicembre 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonella Beccaria e Gigi Marcucci, Morire al Cairo. I misteri dell'uccisione di Giulio Regeni, Castelvecchi, 2016, ISBN 9788869446528.
  • Lorenzo Declich, Giulio Regeni, le verità ignorate. La dittatura di al-Sisi e i rapporti tra Italia ed Egitto, Edizioni Alegre, 2016, ISBN 9788898841455.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]