Renzo Tondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Renzo Tondo
Renzo Tondo daticamera 2018.jpg

11º Presidente della Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia
Durata mandato 15 giugno 2001 –
8 giugno 2003
Predecessore Roberto Antonione
Successore Riccardo Illy

Durata mandato 19 aprile 2008 –
25 aprile 2013
Predecessore Riccardo Illy
Successore Debora Serracchiani

Deputato della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 23 marzo 2018

Durata mandato 28 aprile 2006 –
28 aprile 2008
Legislature XV, XVIII
Gruppo
parlamentare
XV: Forza Italia
XVIII: Misto componente: Noi con l'Italia-USEI (dal 28/03/2018 al 18/12/2019),
Noi con l'Italia-USEI-Cambiamo!-Alleanza di Centro (dal 18/12/2019)
Coalizione Casa delle Libertà (XV)
Centro-destra (XVIII)
Circoscrizione Friuli-Venezia Giulia
Collegio XVIII: 1 (Trieste)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Autonomia Responsabile (dal 2015)
Noi con l'Italia (dal 2020)
Precedenti:
PSI (1979-1994)
FI (1994-2009)
PdL (2009-2013)
FI (2013-2015)
Titolo di studio Laurea in scienze politiche
Università Università degli Studi di Trieste
Professione Imprenditore

Renzo Tondo (Tolmezzo, 7 agosto 1956) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di professione albergatore, si è laureato in scienze politiche all'Università di Trieste.

Appassionato di dama, è stato presidente della Federazione Italiana Dama.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1979 inizia ad occuparsi di politica per il Partito Socialista Italiano nella sua città natale, nella quale viene eletto sindaco nel 1990 per 5 anni.

Presidente della Regione Friuli-Venezia Giulia[modifica | modifica wikitesto]

Assessore regionale di Forza Italia tra il 1998 e il 2001, fino al 2003 ricopre l'incarico di presidente della giunta regionale del Friuli-Venezia Giulia. Durante la XV Legislatura è membro della Camera dei deputati.

Ritorna alla guida della regione quale presidente della giunta, eletto direttamente dai cittadini, il 13-14 aprile 2008 con il 53,82% dei voti, sostenuto da una coalizione di centro-destra, battendo il presidente uscente Riccardo Illy, sostenuto da una coalizione di centro-sinistra.

Ricandidatosi al termine del mandato (aprile 2013) è stato sconfitto dalla candidata del centrosinistra Debora Serracchiani.

Autonomia Responsabile[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2015 costituisce il movimento politico Autonomia Responsabile, di cui è presidente e capogruppo in regione. Il gruppo consiliare di Autonomia Responsabile in Regione Friuli Venezia Giulia è composto da altri quattro consiglieri: Giorgio Ret, Roberto Revelant, Valter Santarossa e Giuseppe Sibau. La segretaria regionale di Autonomia Responsabile è, da giugno 2016, Giulia Manzan.

Il 28 gennaio 2017 Autonomia Responsabile si federa in Direzione Italia, il movimento politico di Raffaele Fitto che a fine anno confluisce nella lista Noi con l'Italia - UDC in vista delle politiche.

È stato presidente della Federazione Italiana Dama dal 2008 al 2016.

Elezioni del 2018[modifica | modifica wikitesto]

Alle politiche del 2018 è eletto per la coalizione di centro-destra alla Camera nel collegio uninominale di Trieste dopo aver sconfitto la Governatrice uscente Debora Serracchiani di 15.000 voti (38,17% a 25,92%);[1] si iscrive il 28 marzo al Gruppo misto nella XVIII legislatura, nella componente "Noi con l’Italia-UDC".

Il 16 marzo di quell'anno viene inizialmente scelto dalla coalizione di centro-destra come candidato governatore del Friuli Venezia Giulia[2] ma cinque giorni dopo gli viene preferito il leghista Massimiliano Fedriga;[3] la sua lista Autonomia Responsabile con il 3,97% riuscirà ad eleggere un consigliere nella netta vittoria di Fedriga mentre nella vittoria delle comunali di Udine saranno due gli eletti della lista (3,32%). L'anno seguente Giulia Manzan, coordinatrice friulana di Autonomia Responsabile, raccoglie circa 2.000 preferenze alle europee nel Nord-Est, senza essere eletta, nella lista di Fratelli d'Italia, partito in cui confluisce Direzione Italia di Fitto.

Il 18 dicembre 2019 Tondo e gli altri tre deputati di Noi con l'Italia aderiscono alla nuova componente "Noi con l'Italia-USEI-Cambiamo!-Alleanza di Centro".

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente del Friuli-Venezia Giulia Successore CoA of Friuli-Venezia Giulia.png
Roberto Antonione 15 giugno 2001 - 8 giugno 2003 Riccardo Illy I
Riccardo Illy 19 aprile 2008 - 25 aprile 2013 Debora Serracchiani II