Paolo Arrigoni (1957)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paolo Arrigoni

Presidente della Regione Lombardia
Durata mandato 3 giugno 1994 –
27 giugno 1995
Predecessore Fiorella Ghilardotti
Successore Roberto Formigoni

Dati generali
Partito politico Lega Nord

Paolo Arrigoni (Milano, 15 luglio 1957) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Funzionario dell'Azienda Servizi Municipali di Sondrio, alle elezioni regionali del 1990 Arrigoni entrò nel Consiglio regionale della Lombardia per la Lega Lombarda, eletto nella circoscrizione di Brescia. Nel 1991 aderì alla Lega Nuova di Franco Castellazzi[1], ma successivamente ne uscì, ritornando nel movimento di Bossi.

A seguito della caduta delle giunte di Giuseppe Giovenzana e Fiorella Ghilardotti, nel 1994 Arrigoni venne incaricato di formare una nuova giunta regionale, che vide la partecipazione di Lega Nord, PPI e PSI[2]; il suo mandato si concluse un anno dopo, con le elezioni regionali del 1995: durante il suo mandato alcuni membri della giunta furono accusati di abuso d'ufficio per le nomina dei direttori generali delle Asl nel 1994[3] ma tutti furono prosciolti. È stato quindi il primo e unico leghista alla guida della Regione (ultimo a non essere eletto direttamente in una legislatura risalente alla Prima Repubblica) fino all'elezione diretta di Roberto Maroni nel 2013.

Per le elezioni amministrative italiane del 1995 si candidò a Presidente della Provincia di Sondrio per la Lega Nord ottenendo il 28% dei consensi, risultato più alto per la Lega mai raggiunto in Provincia fino a quel momento; ciò fu tuttavia insufficiente per accedere al ballottaggio, che si svolse tra il candidato del centrodestra Adriano Bassi, al 36,7%, e il candidato del centrosinistra Enrico Dioli al 28,7% dei voti. Il ballottaggio fu poi vinto da Enrico Dioli con il 57,1% contro il 42,9% di Bassi, nonostante al primo turno fosse in svantaggio. Arrigoni dichiarò di votare al secondo turno per la sinistra, in disaccordo con la linea del Segretario Umberto Bossi di non dare esplicite indicazioni di voto. Ciò provocò dissapori nel Movimento a livello locale. L'anno successivo (1996) Arrigoni, in contrasto con l'allora Commissario Provinciale Stefano Galli, presentò le sue dimissioni dalla Lega Nord e, per gli stessi motivi, fu decisa quindi la sua espulsione.[4].

Nel 2008 Arrigoni presentò la propria candidatura alla Camera dei deputati nella lista dell'UdC, senza risultare eletto[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente della Regione Lombardia Successore Regione-Lombardia-Stemma.svg
Fiorella Ghilardotti 3 giugno 1994 - 27 giugno 1995 Roberto Formigoni