Regioni della Francia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Regioni della Francia
Mappa muta regioni francesi

Le regioni della Francia (in francese: régions, sing. région, pronuncia AFI: [ʁe.ʒjɔ̃]) costituiscono la suddivisione amministrativa di primo livello del Paese, e ammontano a 18, di cui 13 metropolitane (inclusa la Corsica, che peraltro costituisce un tipo distinto di collettività territoriale) e 5 d'oltremare: fino al 31 dicembre 2015 le regioni della Francia metropolitana erano 22.

Disciplinate dal Titolo XII della Costituzione francese del 1958 e dalla quarta parte del Codice generale delle collettività territoriali, si tratta di collettività territoriali, dotate di personalità giuridica, a cui sono attribuite funzioni in punto di decentramento amministrativo e di autogoverno (Mayotte non ha un consiglio regionale, ma un'assemblea unica facente funzione di consiglio regionale e consiglio dipartimentale); le regioni metropolitane sono a loro volta suddivise in almeno due dipartimenti mentre quelle d'oltremare comprendono ciascuna un solo dipartimento, per un totale di 96 dipartimenti.

Profili istituzionali[modifica | modifica wikitesto]

Organi di governo[modifica | modifica wikitesto]

L'organo deliberativo della regione è il Consiglio regionale (conseil régional), eletto a suffragio universale diretto ogni sei anni. Il potere esecutivo spetta al presidente della regione, che è il capo dell'amministrazione locale. Viene eletto dal consiglio regionale nella prima riunione a seguito del suo rinnovo.

È previsto anche un organo consultivo non elettivo, il consiglio economico e sociale regionale (conseil économique et social régional), che assiste il consiglio regionale dando un parere su quali manovre attuare; Tuttavia i suoi pareri non sono in alcun modo vincolanti.

In ogni regione c'è anche un prefetto (préfet). Diventa prefetto regionale il prefetto del dipartimento del capoluogo. Esso rappresenta il governo francese sul territorio.

Prerogative[modifica | modifica wikitesto]

Le Regioni francesi non hanno autonomia legislativa, ma dispongono della potestà regolamentare. Possono applicare tasse (o meglio, il governo nazionale restituisce loro una porzione delle tasse che raccolgono) e dispongono di un budget, anche se non considerevole. La loro principale funzione prevista dalla legge concerne l'edilizia scolastica e la gestione del trasporto pubblico locale, specie per quanto riguarda i TER; nel marzo 2004, il governo francese annunciò un piano controverso per trasferire alle regioni il controllo del personale non docente. I critici di questo piano misero in dubbio che potessero essere trasferite alle regioni risorse fiscali sufficienti per questi oneri addizionali, e inoltre che tali misure avrebbero fatto crescere le diseguaglianze tra regioni.

Oltre a ciò, le regioni hanno un considerevole potere discrezionale sulle spese per le infrastrutture (educazione, trasporti pubblici, aiuti all'università e alla ricerca, supporto alle imprese). A causa di questo, essere presidente di una regione molto sviluppata come l'Île-de-France o la Provenza-Alpi-Costa Azzurra viene ritenuta una posizione di alto profilo.

Esistono, di tanto in tanto, discussioni circa l'attribuzione di una limitata autonomia legislativa alle regioni, ma tali proposte sono sempre controverse. Esistono inoltre proposte per la soppressione dei governi locali dei dipartimenti, che verrebbero accorpati nelle regioni, mentre i dipartimenti resterebbero solo come suddivisioni amministrative.

Riforma del 2014[modifica | modifica wikitesto]

Assetto operativo fino al 31 dicembre 2015
Assetto operativo dal 1º gennaio 2016.

La legge nº 2015-29 del 16 gennaio 2015, approvata il 16 dicembre 2014 ed entrata in vigore a partire dalle elezioni regionali del 2015, ha disposto, nell'ambito di una grande riforma degli enti locali, l'istituzione di 7 nuove regioni della Francia metropolitana mediante fusione di 16 regioni. In particolare, la legge prevedeva per le nuove regioni anche nomi provvisori, formati semplicemente giustapponendo i nomi delle regioni precedenti che vi erano confluite (con l'eccezione della Normandia). Il 1º giugno 2016 i nuovi consigli regionali proposero denominazioni alternative, ufficializzate il 30 settembre 2016 dal Consiglio di Stato; tuttavia due delle sei nuove entità (Alvernia-Rodano-Alpi e Borgogna-Franca Contea) scelsero di mantenere la denominazione provvisoria rendendola definitiva. Inoltre la già esistente regione Centro fu rinominata Centro-Valle della Loira.

In seguito alla riforma, il numero di regioni della Francia metropolitana è sceso da 22 a 13 (cui vanno aggiunte le 5 regioni della Francia d'oltremare).

Regione precedente Nuova regione
Nome provvisorio Nome definitivo
Nord-Passo di Calais Nord-Pas-de-Calais - Picardie Alta Francia
Piccardia
Alvernia Alvernia-Rodano-Alpi
Rodano-Alpi
Borgogna Borgogna-Franca Contea
Franca Contea
Bretagna
Centro-Valle della Loira
Corsica
Alsazia Alsace - Champagne-Ardenne - Lorraine Grande Est
Champagne-Ardenne
Lorena
Guadalupa
Guyana francese
Île-de-France
Martinica
Mayotte
Alta Normandia Normandia
Bassa Normandia
Aquitania Aquitaine - Limousin - Poitou-Charentes Nuova Aquitania
Limosino
Poitou-Charentes
Linguadoca-Rossiglione Languedoc-Roussillon - Midi-Pyrénées Occitania
Midi-Pirenei
Paesi della Loira
Provenza-Alpi-Costa Azzurra
Riunione

Lista[modifica | modifica wikitesto]

Regioni della Francia metropolitana[modifica | modifica wikitesto]

Localizzazione Codice
INSEE
Bandiera Regione Capoluogo Popolazione Superficie Presidente Data inizio mandato Ulteriori suddivisioni territoriali
44 Grande Est
(Grand Est)
Strasburgo 5 545 000 57 433 Jean Rottner
(LR)
ottobre 2017 10 dipartimenti, 200 cantoni
75 Nuova Aquitania
(Nouvelle-Aquitaine)
Bordeaux 5 773 000 84 061 Alain Rousset
(PS)
2015 12 dipartimenti, 200 cantoni
84 Alvernia-Rodano-Alpi
(Auvergne-Rhône-Alpes)
Lione 7 634 000 69 711 Laurent Wauquiez
(LR)
2016
27 Borgogna-Franca Contea
(Bourgogne-Franche-Comté)
Digione 2 816 000 47 784 Marie-Marguerite Dufay
(PS)
4 gennaio 2016
53 Bretagna
(Bretagne)
Rennes 3 218 000 27 208 Loïg Chesnais-Girard
(PS)
22 giugno 2017
24 Centro-Valle della Loira
(Centre-Val de Loire)
Orléans 2 556 835 39 151 François Bonneau
(PS)
13 dicembre 2015
94 Corsica
(Corse)
Ajaccio 322 000 8 680 Assemblea: Marie-Antoinette Maupertuis
(FaC)
1º luglio 2021
Consiglio esecutivo: Gilles Simeoni
(FaC)
18 dicembre 2015
11 Île-de-France Parigi 11 853 000 12 011 Valérie Pécresse
(LR)
2015
76 Occitania
(Occitanie)
Tolosa 5 573 000 72 724 Carole Delga
(PS)
2016
32 Alta Francia
(Hauts-de-France)
Lilla 5 960 000 31 813 Xavier Bertrand
(LR)
2015
28 Normandia
(Normandie)
Rouen 3 315 000 29 906 Hervé Morin
(UDI)
2016
52 Paesi della Loira
(Pays de la Loire)
Nantes 3 601 113 32 082 Bruno Retailleau
(LR)
93 Provenza-Alpi-Costa Azzurra
(Provence-Alpes-Côte d'Azur)
Marsiglia 4 916 000 31 400 Renaud Muselier
(LR)
2017

Dipartimenti e regioni d'oltremare[modifica | modifica wikitesto]

I territori appartenenti ai dipartimenti e alle regioni d'oltremare sono i seguenti.

Localizzazione Codice
INSEE
Stemma Regione Capoluogo Popolazione Superficie Presidente Data inizio mandato Suddivisioni territoriali
01 Guadalupa
(Guadeloupe)
Basse-Terre 404 635 1 628 Ary Chalus
(DVG)
2015 1 dipartimento, 2 arrondissement, 40 cantoni, 32 comuni
03 Guyana francese
(Guyane)
Caienna 237 549 83 534 Rodolphe Alexandre
(UMP)
2015 1 dipartimento, 2 arrondissement, 22 comuni
02 Martinica
(Martinique)
Fort-de-France 392 291 1 128 Claude Lise 2015 1 dipartimento, 4 arrondissement, 34 comuni
06 Mayotte Mamoudzou 212 645 376 Daniel Zaïdani
(DVG)
3 aprile 2011 1 dipartimento, 13 cantoni, 17 comuni
04 Riunione
(La Réunion)
Saint-Denis 828 581 2 504 Didier Robert
(LR)
2010 1 dipartimento, 4 arrondissement, 24 comuni

Regioni soppresse nel 2015[modifica | modifica wikitesto]

Regioni della Francia fino al 2015
Localizzazione Stemma Regione Regione attuale Capoluogo Popolazione Superficie
42 Alsazia
(FR) Alsace
(alsaziano) ’s Elsass
(DE) Elsass
(LA) Alsatia
Grande Est Strasburgo 1 852 325 8 280
72 Aquitania
(FR) Aquitaine
(OC) Aquitània
(EU) Akitania
Nuova Aquitania Bordeaux 3 254 233 41 308
83 Alvernia
(FR) Auvergne
Alvernia-Rodano-Alpi Clermont-Ferrand 1 350 682 26 013
25 Bassa Normandia
(FR) Basse-Normandie
Normandia Caen 1 475 684 17 589
26 Borgogna
(AFI: /borˈɡoɲɲa/)
(FR) Bourgogne (/buʁ'gɔɲ/)
(OC) Borgonha
Borgogna-Franca Contea Digione 1 642 734 31 582
21 Champagne-Ardenne Grande Est Châlons-en-Champagne 1 336 053 25 606
43 Franca Contea
(FR) Franche-Comté
Borgogna-Franca Contea Besançon 1 173 440 16 202
23 Alta Normandia
(FR) Haute-Normandie
Normandia Rouen 1 839 393 12 317
91 Linguadoca-Rossiglione
(FR) Languedoc-Roussillon
(OC) Lengadòc-Rosselhon
(CA) Llenguadoc-Rossellò
Occitania Montpellier 2 670 460 27 376
74 Limosino
(FR) Limousin
(OC) Lemosin
Nuova Aquitania Limoges 741 720 16 942
41 Lorena
(FR) Lorraine
(DE) Lothringen
(lorenese) Louréne
Grande Est Metz 2 350 657 23 547
73 Midi-Pirenei
(FR) Midi-Pyrénées
(OC) Miègjorn-Pirenèus
Occitania Tolosa 2 903 420 45 348
31 Nord-Passo di Calais
(FR) Nord-Pas-de-Calais (/nɔʁpad(ə)ka'lɛ/)
(piccardo) Nord-Pas-d'Caleus
(NL) Noord-Nauw van Calais (/no:rtna:wvɑnka'lɛ/)
Alta Francia Lilla 4 042 015 12 414
22 Piccardia
(FR) (piccardo) Picardie
Alta Francia Amiens 1 918 155 19 399
54 Poitou-Charentes
(/pwa'tu ʃa'ʁɑ̃t/)
(pittavino-santongese) Poetou-Chérentes
(OC) Peitau-Charantas)
Nuova Aquitania Poitiers 1 777 773 25 810
82 Rodano-Alpi
(FR) Rhône-Alpes
(OC) Ròse-Aups
(FRP) Rôno-Arpes
Alvernia-Rodano-Alpi Lione 6 283 541 43 698

Risultati elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Elezioni Presidenze Carta Partito del
presidente
Gauche Droite Altro
1986 5 21 Sinistra: PS
Destra: RPR, UDF
1992 4 21 1 Sinistra: PS, Verts, PCF
Destra: RPR, UDF
Altro: FreeDom
1998 10 15 1 Sinistra: PS, PCF
Destra: RPR, UDF
Altro: Mouv. indép.
2004 23 2 1 Sinistra: PS, PCF
Destra: UMP
Altro: Mouv. indép.
2010 23 3 Sinistra: PS, PRG
Destra: UMP
2015 7 8 2 Sinistra: PS, DVG
Destra: LR, UDI
Altro: Regionalisti
2021 5 7 1 Sinistra: PS, PRG, PCF, LFI
Destra: LR, UDI, LC, LMR, LReM

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Francia