I Repubblicani (Francia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I Repubblicani
(FR) Les Républicains
LesRépublicains15logo.svg
PresidenteLaurent Wauquiez
StatoFrancia Francia
Sede238, rue de Vaugirard, 75015 Parigi Cedex 15
Fondazione30 maggio 2015
IdeologiaNeo-gollismo[1][2][3]
Conservatorismo[4][5]
Liberalismo
Europeismo
CollocazioneDestra
Partito europeoPartito Popolare Europeo
Gruppo parl. europeoGruppo del Partito Popolare Europeo
Affiliazione internazionaleInternazionale Democratica Centrista
Seggi Assemblea nazionale
100 / 577
Seggi Senato
147 / 348
Seggi Europarlamento
19 / 74
Seggi Presidenza di "Département"
44 / 101
Organizzazione giovanileLes Jeunes Républicains
Iscritti238.200 (2016)
Sito web

I Repubblicani (in francese: Les Républicains, LR) è un partito politico francese fondato nel 2015 da Nicolas Sarkozy, come successore dell'Unione per un Movimento Popolare (UMP).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il cambio del nome e dello statuto dell'Unione per un Movimento Popolare era stato proposto da Sarkozy durante la campagna per la presidenza del partito nel 2014.

Il 14 aprile 2015 la vicepresidente dell'UMP Nathalie Kosciusko-Morizet propone a Sarkozy ed all'ufficio politico del partito il progetto dei nuovi statuti, che prevede l'elezione dei presidenti delle federazioni dipartimentali a suffragio diretto, la fine delle correnti e la consultazione degli aderenti sulle investiture elettorali. Il nuovo nome è stato adottato dall'ufficio politico il 5 maggio ed approvato dagli aderenti con una consultazione online il 28 maggio, con l'83,28% di sì ed un tasso di partecipazione del 45,74%. Allo stesso modo sono stati approvati i nuovi statuti (con il 96,34% di voti favorevoli) ed il nuovo ufficio politico (con il 94,77%)[6].

Il cambiamento del nome dell'UMP in "I Repubblicani" è infine stato ufficializzato durante il congresso del 30 maggio 2015 svoltosi alla Porte de la Villette, a Parigi, a cui hanno partecipato circa 10.000 militanti. Al congresso è stato inviato anche un messaggio di auguri da parte della cancelliera tedesca Angela Merkel.

Il 23 agosto 2016 Nicolas Sarkozy si dimette da presidente del partito per potersi candidare alle elezioni primarie del centro-destra per le elezioni presidenziali del 2017. A sostituirlo sarà Laurent Wauquiez, già vicepresidente del partito stesso.

Candidato alla presidenza della repubblica, dopo le primarie, viene designato François Fillon, che al primo turno nell'aprile 2017 giunge terzo con il 20,01% : è la prima volta che un candidato di destra gollista non va al ballottaggio nella storia della Quinta Repubblica. Alle Legislative,il partito riesce a resistere ottenenedo 112 seggi all'Assemblea Nazionale, 3.573.427 voti al primo turno e 4.040.203 voti al secondo, nonostante la perdita di ben 87 seggi e il crollo del supporto popolare dal 38% al 15-22%.

Risultati elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Elezioni presidenziali[modifica | modifica wikitesto]

Anno Candidato

supportato

1º Turno 2º Turno
Voti % Voti %
2017 François Fillon 7.212.995 20,0 (3.°)

Elezioni legislative[modifica | modifica wikitesto]

Anno 1º Turno 2º Turno Seggi +/- Status
Voti % +/- Voti % +/-
2017 3 573 427 15,8 (2.°) 4 040 203 22,2 (2.°)
112 / 577
Opposizione

Critiche al nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nuovo nome scelto da Sarkozy ha suscitato molte critiche da parte dei suoi rivali di sinistra ma anche all'interno del suo stesso partito. Le maggiori critiche hanno riguardato il fatto che il partito abbia fatto suo il nome "Repubblicani" quando invece la République è un bene comune e tutti i francesi sono repubblicani, come dice l'art. 1 della Costituzione. Altre critiche hanno invece riguardato il carattere troppo filo-americano del nome, per un partito che si definisce gollista. Sarkozy ha dovuto anche affrontare una battaglia legale per la denuncia da parte di quattro associazioni di sinistra e 143 cittadini con lo scopo di impedire l'utilizzo del nome "I Repubblicani", riuscendo comunque a vincere la causa e a farsi riconoscere il diritto di utilizzare quel nome per il nuovo partito[7][8][9][10][11].

Presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNF: (FRcb17043685j (data)