Elezioni legislative in Francia del 2017

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elezioni legislative in Francia del 2017
Stato Francia Francia
Data 11 e 18 giugno 2017
Legislatura XV
Legge elettorale Scrutinio uninominale maggioritario a doppio turno
Affluenza 48,70 (primo turno)
42,64 (secondo turno) %
Leader Édouard Philippe François Baroin Nicolas Bay
Partito LREM · MoDem LR · UDI · DVD FN
Coalizione Maggioranza presidenziale Centro-destra Fronte Nazionale
I turno 7 323 496
32,33 %
4 885 997
21,57 %
2 990 454
13,20 %
II turno 8 927 222
49,11 %
4 897 989
26,95 %
1 590 869
8,75 %
Seggi
350 / 577
136 / 577
8 / 577
Differenza seggi Green Arrow Up.svg348[1] Red Arrow Down.svg93[1] Green Arrow Up.svg6[1]
2T Législatives 2017 EN.svg
Diagramme assemblée nationale 2017.svg
Primo ministro uscente
Édouard Philippe
Left arrow.svg 2012 2022 Right arrow.svg

Le elezioni legislative in Francia del 2017 per eleggere i 577 deputati dell'Assemblée nationale della XVa legislatura della Quinta Repubblica francese si sono tenute le domeniche 11 giugno (primo turno) e 18 giugno (secondo turno). Queste elezioni fanno seguito alle elezioni presidenziali del 23 aprile e del 7 maggio 2017.

Sistema elettorale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Sistema maggioritario § Sistema uninominale a doppio turno (alla francese o con ballottaggio).

Il sistema elettorale francese è uninominale maggioritario a doppio turno. La popolazione francese viene divisa in 577 collegi uninominali, su base territoriale. Il candidato che vince il primo turno viene eletto deputato se ottiene la maggioranza assoluta dei voti purché sia pari ad almeno il 25% degli elettori iscritti alle liste del collegio.

Altrimenti accedono al secondo turno i primi due classificati e comunque tutti quelli che hanno ottenuto il 12,5% degli elettori iscritti alle liste del collegio. Quindi è possibile un ballottaggio a tre o a quattro candidati. L'affluenza è importante. Quando è alta, c'è maggiore probabilità di ballottaggi a tre o a quattro. Se è bassa, la soglia del 12,5% si alza sempre più e le triangolari sono più difficili. Nel 2017 vi è stata una sola triangolare per via della bassa affluenza ,sotto il 50%.

Chi vince il secondo turno viene eletto deputato. In caso di parità, vince il candidato più anziano.

Manifesti elettorali nel collegio di Parigi 2

Il primo turno[modifica | modifica wikitesto]

Queste elezioni legislative vedono al primo turno dell'11 giugno confrontarsi tre coalizioni, quella della maggioranza presidenziale, l'alleanza postgollista Udi-Républicains e quella socialista, mentre da soli si presentano il Front National e France Insoumise di Jean-Luc Mélenchon. C'è un patto di desistenza per il secondo turno tra il FN di Marine Le Pen e Debout la France.

L'11 giugno trionfa la Republique en Marche con il 28,21%, secondi i Republicani con il 15,77%, terzo il FN di Marine Le Pen che ottiene il 13,20%. Quarto il partito di Melenchon (LFI) con l'11,03%, che conferma l'aumento dei consensi rispetto a quanto ottenuto cinque anni prima dalla sinistra, ma non riesce a replicare il risultato delle presidenziali, i socialisti crollano ad un misero 7,44%, quando appena 5 anni fa erano il partito più votato. Le proiezioni in seggi assegnano alla coalizione REM+MoDem da 400 a 440 seggi, alla Destra post-gollista da 95 a 132 seggi, alla coalizione di sinistra, PS+PRG+DVG+EELV da 15 a 25 seggi, la coalizione di LFI + PCF da 13 a 23 seggi, mentre al FN da 2 a 5 seggi. Tutti i ministri del governo accedono al ballottaggio, Marine Le Pen arriva in testa nella sua circoscrizione con il 46%, Valls supera Farida Amrani e ottiene il 25,45% a Evry , quasi tutti i ministri sotto Hollande vengono eliminati al primo turno e così il segretario del PS Cambadelìs.

I risultati del primo turno vedono La République en marche ! al primo posto con il 28,21% dei suffraggi espressi, seguono I Repubblicani (15,77%), il Fronte Nazionale (13,20%), La France Insoumise (11,30%), il Partito Socialista (7,44%), gli Ecologisti (4,30%), il Movimento Democratico (4,12%), l'Unione dei Democratici e degli Indipendenti (3,03%), ect.
A livello di coalizione, la Maggioranza presidenziale (LREM+MoDem) arriva al primo posto con il 32,33%, segue il centro-destra (LR+UDI+DVD) con il 21,57%, il Fronte Nazionale da solo con il 13,20%, La France Insoumise da sola con l'11,30% e la sinistra (PS+PRG+DVG) con il 9,51%.

Da notare infine che gli astensionisti (51,30%) sono stati superiori ai votanti (48,70%).

Il secondo turno[modifica | modifica wikitesto]

Nel secondo turno del 18 giugno, in quasi tutti i collegi si è andati a un ballottaggio tra i due candidati più votati, visto che a causa della affluenza non alta, in pochi tra i terzi classificati hanno superato il 12,5% del totale degli elettori del collegio.

La tornata elettorale è stata vinta dalla coalizione che sostiene il presidente Emanuel Macron, con 348 seggi che si aggiungono ai 2 conquistati al primo turno, sui 577 seggi complessivi, e potrà così contare su circa il 60,66% (350) dei seggi nell'Assemblea Nazionale e quindi su una solida maggioranza. Nonostante ciò,il risultato è stato molto al di sotto delle aspettative, che davano i macronisti a oltre 400 seggi, anche a causa dell'affluenza bassa. Ha tenuto, anche se ha perso ben 92 seggi, la Destra postgollista, che si è affermata, con distacco, come prima forza di opposizione con 137 seggi.

Stessa cosa non si può dire per la Sinistra parlamentare, che perdendo ben 286 seggi ha subito un vero e proprio tracollo. Tale coalizione ha visto una perdita di voti che sono andati principalmente verso i due neonati movimenti che stanno alla sua sinistra e alla sua destra: la "France Incoumise" di Melenchon e "En Marche" di Macron.

Hanno guadagnato consensi e seggi, rispetto allo stesso turno del 2012, sia il Partito Comunista Francese, sia la France Incoumise, sia il Fronte Nazionale, che però per il meccanismo elettorale maggioritario ha ottenuto complessivamente solo l'1,39%dei seggi (8 seggi).

Risultato storico per gli indipendenstisti corsi, che riescono ad entrare in parlamento per la prima volta, ottenendo infatti tre seggi. L'affluenza è stata la più bassa di sempre per le legislative della Quinta Repubblica Francese e si é attestata al 42,64%.

I risultati del secondo turno vedono La République en marche ! al primo posto con il 43,06% dei suffraggi espressi, seguono I Repubblicani (22,23%), il Fronte Nazionale (8,75%), il Movimento Democratico (6,06%), il Partito Socialista (5,68%), La France Insoumise (4,86%), l'Unione dei Democratici e degli Indipendenti (3,04%), ect.
A livello di coalizione, la Maggioranza presidenziale (LREM+MoDem) arriva al primo posto con il 49,11%, segue il centro-destra (LR+UDI+DVD) con il 26,95%, il Fronte Nazionale da solo con l'8,75%, la sinistra (PS+PRG+DVG) con il 7,49% e La France Insoumise da sola con il 4,86%.

Da notare infine che gli astensionisti (57,36%), anche al secondo turno, sono stati superiori ai votanti (42,64%).

Il sistema elettorale francese inoltre tende a "favorire" o "sfavorire" (in termini di seggi ottenuti) le liste a seconda della capacità di queste ultime di creare delle alleanze in vista del ballottaggio tra il primo e il secondo turno; un caso emblematico è il Fronte Nazionale (partito con il quale storicamente gli altri partiti rifiutano di fare alleanze) che con il 13,20% al primo turno e l'8,75% al secondo turno, alla fine riesce ad ottenere 8 seggi, pari all'1,39%.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Primo turno[modifica | modifica wikitesto]

Primo turno (11 giugno 2017)[2]
Numero % degli
iscritti
% votanti % suffraggi
espressi
Elettori iscritti 47 570 988 100,00%
Votanti 23 167 508 48,70% 100,00%
Astensioni 24 403 480 51,30%
Suffraggi espressi 22 654 164 47,62% 97,78% 100,00%
Maggioranza 11 327 082 23,81% 48,89% 50,00%
Schede bianche e nulle 513 344 1,08% 2,22%

Primo turno (11 giugno 2017)[2]
Lista / partito Numero voti % degli
iscritti
% votanti % suffraggi
espressi
N. seggi
La République en marche ! (LREM) 6 391 269 13,44% 27,59% 28,21% 2
I Repubblicani (LR) 3 573 427 7,51% 15,42% 15,77% 0
Fronte Nazionale (FN) 2 990 454 6,29% 12,91% 13,20% 0
La France Insoumise (FI) 2 497 622 5,25% 10,78% 11,03% 0
Partito Socialista (SOC) 1 685 677 3,54% 7,28% 7,44% 0
Ecologisti (ECO) 973 527 2,05% 4,20% 4,30% 0
Movimento Democratico (MoDem) 932 227 1,96% 4,02% 4,12% 0
Unione dei Democratici e degli Indipendenti (UDI) 687 225 1,44% 2,97% 3,03% 1
Divers droite (DVD) 625 345 1,31% 2,70% 2,76% 0
Partito Comunista Francese (COM) 615 487 1,29% 2,66% 2,72% 0
Divers (DIV) 500 309 1,05% 2,16% 2,21% 0
Divers gauche (DVG) 362 281 0,76% 1,56% 1,60% 1
Debout la France (DLF) 265 420 0,56% 1,15% 1,17% 0
Regionalisti (REG) 204 049 0,43% 0,88% 0,90% 0
Extrême gauche (EXG) 175 214 0,37% 0,76% 0,77% 0
Partito Radicale di Sinistra (RDG) 106 311 0,22% 0,46% 0,47% 0
Extrême droite (EXD) 68 320 0,14% 0,29% 0,30% 0
Suffraggi espressi 22 654 164 47,62% 97,78% 100,00% 4

Secondo turno[modifica | modifica wikitesto]

Secondo turno (18 giugno 2017)[2]
Numero % degli
iscritti
% votanti % suffraggi
espressi
Elettori iscritti 47 293 103 100,00%
Votanti 20 164 615 42,64% 100,00%
Astensioni 27 128 488 57,36%
Suffraggi espressi 18 176 066 38,43% 90,13% 100,00%
Maggioranza 11 327 082 19,22% 45,06% 50,00%
Schede bianche e nulle 1 990 648 4,21% 9,87%

Secondo turno (18 giugno 2017)[2]
Lista / partito Numero voti % degli
iscritti
% votanti % suffraggi
espressi
N. seggi
La République en marche ! (LREM) 7 826 432 16,55% 38,81% 43,06% 306
I Repubblicani (LR) 4 039 989 8,54% 20,03% 22,23% 112
Fronte Nazionale (FN) 1 590 858 3,36% 7,89% 8,75% 8
Movimento Democratico (MoDem) 1 100 790 2,33% 5,46% 6,06% 42
Partito Socialista (SOC) 1 033 023 2,18% 5,12% 5,68% 30
La France Insoumise (FI) 883 786 1,87% 4,38% 4,86% 17
Unione dei Democratici e degli Indipendenti (UDI) 551 760 1,17% 2,74% 3,04% 17
Divers droite (DVD) 306 240 0,65% 1,52% 1,68% 6
Divers gauche (DVG) 263 619 0,56% 1,31% 1,45% 11
Partito Comunista Francese (COM) 217 833 0,46% 1,08% 1,20% 10
Regionalisti (REG)[3] 137 453 0,29% 0,68% 0,76% 5
Divers (DIV) 100 574 0,21% 0,50% 0,55% 3
Partito Radicale di Sinistra (RDG) 164 860 0,14% 0,32% 0,36% 3
Ecologisti (ECO) 23 197 0,05% 0,12% 0,13% 1
Debout la France (DLF) 17 344 0,04% 0,09% 0,10% 1
Extrême droite (EXD) 19 030 0,04% 0,09% 0,10% 1
Extrême gauche (EXG) 0
Suffraggi espressi 22 654 164 47,62% 97,78% 100,00% 573

Eletti[modifica | modifica wikitesto]

Eletti (primo e secondo turno)[2]
# Lista / partito Seggi %
Extrême gauche (EXG) 0 0
Partito Comunista Francese (COM) 10 1,73
La France Insoumise (FI) 17 2,95
Partito Socialista (SOC) 30 5,20
Partito Radicale di Sinistra (RDG)[4] 3 0,52
Divers gauche (DVG) 12 2,08
Ecologisti (ECO) 1 0,17
Divers (DIV)[5] 3 0,52
Regionalisti (REG)[6] 5 0,57
La République en marche ! (LREM)[7] 308 53,38
Movimento Democratico (MoDem) 42 7,28
Unione dei Democratici e degli Indipendenti (UDI) 18 3,12
I Repubblicani (LR) 112 19,41
Divers droite (DVD) 6 1,04
Debout la France (DLF) 1 0,17
Fronte Nazionale (FN) 8 1,39
Extrême droite (EXD) 1 0,17
# Totale 577 100%
Gruppi all'Assemblée nationale (2 luglio 2017[8])
# Gruppo parlamentare Lista / partito maggioritario Membri Apparentati Totale Tipo
La République en marche ! La République en marche ! (LREM) 309 5 314 Maggioritario
Les Républicains I Repubblicani (LR) 95 5 100 Opposizione
Mouvement Démocrate et apparentés Movimento Democratico (MoDem) 43 4 47 Minoritario
Les Constructifs : républicains, UDI, indépendants Unione dei Democratici e degli Indipendenti (UDI) 34 1 35 Minoritario*
Nouvelle Gauche 27 Partito Socialista (SOC)
3 PPM, 1 MRC.
28 3 31 Opposizione*
La France insoumise La France Insoumise (FI) 17 0 17 Opposizione
Gauche démocrate et républicaine 10 COM 1 MIM, 1 PSG, 1 PPM, 1 PLR, 1 RDM, 1 TH. 16 0 16 Opposizione
Non inscrit 8 RN 3 PaC, 2 RDG, 1 DVD, 1 DVG, 1 DLF, 1 EXD. 17 0 17
# Totale 559 18 577 #
Nota: sono riportati i gruppi così come formatisi all'indomani delle elezioni, i membri dei gruppi possono variare nell'arco della legislatura; accanto al nome del gruppo è riportato il nome della lista dalla quale provengono maggioritariamente i membri del gruppo; i membri dei gruppi non riflettono quindi perfettamente gli eletti delle liste, ad esempio almeno una quindicina di eletti LR sono iscritti nel gruppo "Les Constructifs"; i membri "apparentati" sono generalmente gli eletti di liste minori o divers; il "tipo" indica l'appartenenza del gruppo alla "maggioranza" (gruppo maggioritario il gruppo più grande, gruppi minoritari tutti gli altri) o all'"opposizione" (se il gruppo lo dichiara espressamente), un asterisco indica se il posizionamento non è chiaro ma deducibile dalla dichiarazione di creazione del gruppo.

Sondaggi[modifica | modifica wikitesto]

Grafici[modifica | modifica wikitesto]

Opinion polling for the French legislative election, 2017.png

Primo turno[modifica | modifica wikitesto]

Sondaggio Data Grandezza campione EXG (LO+NPA) PCF FI ECO-EELV PS-PRG-DVG REM-MoDem LR-UDI-DVD DLF FN Altri
Elezioni legislative 11 giugno 2017 22 654 998 0,77% 2,72% 11,03% 4,30% 9,51% 32,33% 21,56% 1,17% 13,20% 3,41%
Divieto di pubblicazione di sondaggi in Francia 9 giugno 2017.
Ipsos 7–8 giugno 2017 1,112 1% 2% 11.5% 3% 8% 31.5% 22% 1.5% 17% 2.5%
Harris 6–8 giugno 2017 931 1% 3% 12% 3% 8% 30% 21% 1% 17% 4%
OpinionWay 6–8 giugno

2017

3,080 1% 3% 12% 3% 8% 30% 23% 18% 2%
Ifop-Fiducial 6–8 giugno 2017 1,003 0.5% 3% 11% 3.5% 9% 30% 22% 1.5% 18% 1.5%
Elabe 5–8 giugno 2017 1,918 0.5% 2% 11% 3% 9% 29% 23% 2% 17% 3.5%
BVA 2–5 giugno 2017 4,772 1% 2% 12.5% 3% 9% 30% 21,5% 2% 18% 1%
Ipsos 2–4 giugno2017 1,126 1% 2% 12.5% 2.5% 8.5% 29.5% 23% 1.5% 17% 2.5%
Harris 30 maggio–1 giugno 2017 885 2% 2% 11% 3% 9% 31% 20% 2% 18% 2,5%
OpinionWay 30 maggio–1 giugno 2017 1,940 1% 3% 13% 12% 29% 22% 18% 2%
Ipsos 26–28 maggio2017 1,127 0.5% 2% 11.5% 3% 9% 29.5% 22% 2.5% 18% 2%
Kantar Sofres 24–28 maggio 2017 2,022 1% 2% 12% 3.5% 9% 31% 19,5% 2.5% 17% 2,5%
Harris 23–26 maggio 2017 905 2% 2% 14% 3% 7% 31% 18% 3% 19% 1%
OpinionWay 23–24 maggio 2017 2,103 1% 2% 15% 10% 28% 22% 19% 3%
Elabe 23–24 maggio 2017 1,011 0.5% 2% 12% 2.5% 6.5% 33% 20% 1.5% 19% 3%
Ifop-Fiducial 18–19 maggio 2017 950 0.5% 1.5% 15% 2.5% 7% 31% 19% 2.5% 18% 3%
Harris 16–18 maggio 2017 940 1% 2% 16% 3% 6% 32% 18% 3% 19%
OpinionWay 16–18 maggio 2017 1,997 1% 2% 14% 11% 27% 22% 20% 3%
Harris 15–17 maggio 2017 4,598 1% 2% 15% 3% 6% 32% 19% 3% 19%
Harris 9–11 maggio 2017 941 2% 2% 14% 3% 7% 29% 20% 3% 20%
Harris 7 maggio 2017 2,376 1% 2% 13% 3% 8% 26% 22% 3% 22%
Kantar Sofres 4–5 maggio 2017 1,507 2% 1% 15% 3.5% 9% 24% 22% 2.5% 21%
Ifop-Fiducial 4–5 maggio2017 1,405 1% 2% 16% 3% 9% 22% 22.5% 1.5% 20% 3%
OpinionWay 24 Apr–1 maggio 2017 5,032 1% 10% 13% 26% 27% 19% 4%
Elezioni legislative 10 giugno 2012 25,952,550 0.8% 6.9% (FG) 39,86% 1,8 (solo Modem) 34.67% 0.6% 13.60% 1.4%

Stima della ripartizione dei seggi[modifica | modifica wikitesto]

Stima della ripartizione dei seggi e comparazione con il risultato finale del secondo turno
Elezioni legislative Data Votanti (42,64%) FI PCF PS PRG DVG EELV REM MoDem LR UDI DVD FN DLF Altri
18 giugno 2017 20,167,442 17 (+17) 10 (+3) 30 (-250) 3 12 1 (-16) 308 (+308) 42 (+41) 112 (-82) 18 (-5) 6 (-5) 8 (+6) 1 13
Istituto sondaggistica Data Grandezza campione FI PCF PS PRG DVG EELV REM MoDem LR UDI DVD FN DLF Altri
Odoxa 14–15 giugno 2017 948 8–17 25–35 430–460 70–95 1–6 3–7
Harris 13–15 giugno 2017 914 14–25 22–35 440–470 60–80 1–6 3–7
OpinionWay 13–15 giugno 2017 2,901 5–15 20–30 440–470 70–90 1–5 3–10
Ipsos 7–8 giugno 2017 1,112 11–21 22–32 397–427 95–115 5–15 5–10
Harris 6–8 giugno 2017 931 15–25 20–30 360–390 125–140 8–18 7–9
OpinionWay 6–8 giugno 2017 3,080 12–22 15–25 370–400 120–150 8–18 5–10
Ipsos 2–4 giugno2017 1,126 12–22 25–35 385–415 105–125 5–15 3–7
Harris 30 maggio–1 giugno2017 885 15–25 30–44 330–360 135–150 8–22 7–9
OpinionWay 30 maggio–1 giugno 2017 1,940 24–31 20–35 335–355 145–165 7–17 5–10
Ipsos 27–30 maggio 2017 8,778 10–20 25–35 395–425 95–115 5–15 5–10
Kantar Sofres 24–28 maggio 2017 2,022 20–30 40–50 320–350 140–155 10–15 5–10
OpinionWay* 23–24 maggio 2017 2,103 25–30 25–30 310–330 140–160 10–15
OpinionWay* 16–18 maggio 2017 1,997 20–25 40–50 280–300 150–170 10–15
OpinionWay* 24 aprile–1 maggio 2017 5,032 6–8 28–43 249–286 200–210 15–25
Elezioni legislative 17 giugno 2012 25,952,550 10 (FG) 280 12 22 17 2 194 20 13 2 2 3
* per 535 dei 577 collegi (solo Francia metropolitana; esclusa la Corsica, i territori d'oltremare e francesi residenti all'estero); si veda notice of the French polling commission

Risultati per carte[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Alle legislative del 2012: il MoDem aveva 2 deputati; il centro-destra aveva 229 deputati; il Fronte Nazionale aveva 2 deputati.
  2. ^ a b c d e Résultats des élections législatives 2017
  3. ^ Hanno ottenuto seggi: Pè a Corsica (3 seggi), Movimento Indipendentista Martinicano (un seggio) e Tavini Huiraatira (un seggio).
  4. ^ Si tratta di Jeanine Dubié, Annick Girardin e Sylvia Pinel.
  5. ^ Si tratta di M'Jid El Guerrab, Sonia Krimi e Jimmy Pahun.
  6. ^ Di cui: 3 Pè a Corsica, 1 Movimento Indipendentista Martinicano e 1 Tavini Huiraatira.
  7. ^ Di cui: 2 (Sébastien Nadot e Cécile Rilhac) Mouvement des progressistes, 1 (Philippe Huppé) PRV e 5 ex RDG.
  8. ^ (FR) Effectif des groupes politiques, su www2.assemblee-nationale.fr, 2 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2017).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]