Appello Cristiano Democratico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Appello Cristiano Democratico
Christen Democratisch Appèl (nl) Logo.svg
LeaderSybrand van Haersma Buma
PresidenteRuth Peetoom
StatoPaesi Bassi Paesi Bassi
SedeBuitenom 18 Postbus 30453 L'Aia
Fondazione11 ottobre 1980
IdeologiaCristianesimo democratico, Conservatorismo liberale
CollocazioneCentro/Centro-destra
Partito europeoPPE
Affiliazione internazionaleInternazionale Democratica Centrista
Seggi Camera
19 / 150
Seggi Senato
12 / 75
Seggi Europarlamento
5 / 26
Colori

     Verde

Sito web

Appello Cristiano Democratico (in olandese: Christen-Democratisch Appèl - CDA) è un partito politico di orientamento cristiano democratico fondato nei Paesi Bassi nel 1980. Esso si è affermato dalla confluenza di tre distinti soggetti politici:

  • il Partito Popolare Cattolico (Katholieke Volkspartij; KVP);
  • l'Unione Cristiano Storica (protestante, Christelijk-Historische Unie; CHU);
  • il Partito Anti-Rivoluzionario (protestante, Anti-Revolutionaire Partij; ARP).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Prima del 1980[modifica | modifica wikitesto]

Fin dal 1880 l'ARP ed il KVP collaborarono attivamente in parlamento, anche per difendere la libertà d'insegnamento e la possibilità di costituire scuole confessionali - il nome del primo di questi due, il Partito Anti-Rivoluzionario, rievoca proprio questa impostazione anti-secolarista. Il CHU nacque solo nel 1894 per iniziativa di alcuni protestanti fuoriusciti dall'ARP, che non condividevano i rapporti tra Paesi Bassi e Santa Sede. Ciò nonostante dal 1918 i tre partiti ebbero in parlamento la maggioranza dei deputati e due, su tre, presero quasi sempre parte ai vari governi.

Anche nell'immediato dopoguerra i partiti cristiani confermarono il proprio peso nel 1963, ottenendo il 51% dei suffragi. Consapevoli, però, che la società olandese cominciava a secolarizzarsi e grazie alle aperture cattoliche del Concilio Vaticano II, diedero vita alla Commissione dei 18 (sei per ogni partito), un "pensatoio", con il compito di delineare comuni linee di azione. Alle elezioni del 1972, i tre partiti raccolsero, però, solo il 32% dei voti. Questo calo fu dovuto anche dalla nascita, nel 1968, del Partito Politico dei Radicali (PPR), che raccolse sia la sinistra cattolica che quella protestante e che poi confluì nel partito Sinistra Verde.

Nel 1973, i tre partiti diedero vita ad un federazione e ad un unico gruppo parlamentare, presero anche parte al governo del socialdemocratico Den Uyl, che però rifiutò ministri del CHU. Questo rifiuto rese più tesi i rapporti in seno alla federazione. Nelle elezioni del 1977, i tre partiti mantennero invariati i propri consensi e guidarono, con Dries van Agtun del CVP, un nuovo governo insieme ai liberali conservatori. L'inatteso governo con i liberali determinò la frattura tra progressisti e conservatori in seno alla federazione, i primi rimasero nella federazione e furono detti "lealisti". Nel 1980 i partiti si fusero nell'Appello Cristiano Democratico.

Dal 1980[modifica | modifica wikitesto]

Dopo le elezioni del 1981 il CDA non poté continuare nell'alleanza con il VVD, si alleò con i socialdemocratici del PvdA e Van Agt divenne nuovamente primo ministro, ma il governo durò appena un anno. Alle elezioni del 1982 il CDA fu guidato da Lubbers che portò il partito alla vittoria e ad un governo con il VVD. Il governo di centro-destra fu riconfermato nel 1986. In questi anni il governo si impegnò nella riforma delle pensioni e nella liberalizzazione dei servizi pubblici. Nel 1989, il CDA mantenne i consensi delle elezioni precedenti, ma visto il non brillante risultato del VVD fu costretto a dar vita al terzo governo Lubbers, questa volta di centro-sinistra, con il PvdA. Nelle elezioni del 1994, il CDA scese al 22% a causa delle sue divisioni interne. Fu quindi creata una coalizione che escludeva il CDA; per la prima volta dal 1918 si aveva una coalizione governativa senza un partito confessionale. Nel 1998 il partito raggiunse il suo minimo storico, scendendo al 18%. Nonostante ciò, le elezioni del 2002 punirono duramente la coalizione al governo ed il CDA, in quanto all'opposizione, ne beneficiò guadagnando dieci punti percentuali e tornando primo partito olandese. Il CDA diede vita, allora, ad un governo di centro-destra, guidato dal suo leader Jan Peter Balkenende, insieme sia al VVD che alla Lista Pim Fortuyn. Il governo durò solo pochi mesi; nelle elezioni del 2003, la LPF ridusse fortemente i suoi consensi; il CDA, ancora primo partito, cercò, allora, di dar vita ad un esecutivo con la PvdA, ma non riuscendovi creò un esecutivo "centrista" insieme al VVD e ai D66, liberali progressisti.

Alle politiche anticipate del 2006, il quadro politico olandese si complicò particolarmente. Nelle elezioni si rafforzò, infatti, il Partito Socialista, il partito più a sinistra, che guadagnò ben 17 seggi, ed ottenne un buon risultato il Partito per la Libertà, liberal-conservatore nato da una scissione dei liberali, che conquistò 9 seggi. Persero consensi tutti i partiti maggiori: il CDA (-3), il PvdA (-10), il VVD (-6) la Lista Pim Fortuyn, che non ha più deputati. Il CDA è sceso dal 28,6% al 26,5%, ottenendo solo 41 seggi. Il calo dei democristiani sembra aver avvantaggiato l'Unione Cristiana (CU), socio-conservatori, che con il 2,1% dei voti è passato da 3 a 6 seggi. Nonostante il calo dei consensi, il CDA restò comunque il primo partito olandese ed tornò a guidare il paese con Balkenende, sostenuto anche dai socialdemocratici del PvdA e dai socio-conservatori della CU.

Le politiche 2010 segnarono un ulteriore e forte calo per i democristiani del CDA (- 12,8%), che divennero il quarto partito in Parlamento. A crescere furono i liberali del VVD (+5,8%), i socio-liberali di D66 (+4,9%), gli ecologisti di GL (+2%), ma soprattutto i liberal-populisti del Partito per la Libertà (+9,4%). Sonora sconfitta la subì anche il Partito Socialista Olandese (- 7,7%). Ciò nonostante il CDA entra a far parte di una coalizione di minoranza con il VVD, sostenuta esternamente dal PVV.

Il 21 aprile 2012 il PVV ritira il suo appoggio all'esecutivo, provocando la crisi di governo.

Le successive elezioni, nel settembre 2012, risultano estremamente negative per il CDA, che conquista appena all'8,5% dei voti espressi (-5,2%) e 13 seggi alla Camera (-8), scivolando in quinta posizione. In tal modo i democristiani sono gradualmente passati dal 28,6% dei consensi del 2003 all'8,5% del 2012 e la perdita di ben 31 seggi.

Ideologia[modifica | modifica wikitesto]

Il CDA, pur essendo nato come un partito d'ispirazione cristiana, oggi raccoglie tra i suoi membri anche Ebrei, Musulmani, Indù. Si caratterizza come un partito di centro con tendenze conservatrici essenzialmente in campo etico. Il CDA è contrario alla legalizzazione delle droghe e della prostituzione e chiede una restrizione della legislazione su aborto ed eutanasia.

È membro del Partito Popolare Europeo e dell'Internazionale Democratica Centrista.

A partire dal congresso avvenuto il 21 gennaio 2012, il partito assume posizioni sempre più centriste. Alcune politiche proposte sono:

  • limitazione della cosiddetta deduzione di interessi sui mutui;
  • introduzione della flat tax;
  • politiche di ecosostenibilità (come l'ecotassa);
  • una politica europeista;
  • una più amichevole politica sull'immigrazione;
  • pari opportunità per tutti;
  • più investimenti sull'istruzione superiore;
  • una politica sociale moderna.

Valori principali[modifica | modifica wikitesto]

Le posizioni di partito del CDA sono in gran parte in linea con quelle di altri importanti partiti democratici cristiani europei. Quattro concetti chiave, che traducono i valori fondamentali della Bibbia, svolgono un ruolo importante:

  • Responsabilità estesa: il principio secondo cui la responsabilità per i dettagli della società si basa su persone e organizzazioni diverse e non su un'unica organizzazione. Questo principio assume una maggiore responsabilità personale, in base alla quale l'individuo si assume maggiori responsabilità per la società che lo circonda. Poiché l'individuo non può fare tutto da solo, il CDA crede in una forte società civile con organizzazioni che uniscono gruppi di individui nell'esercizio della responsabilità per un certo aspetto sociale (come i sindacati e le associazioni di datori di lavoro nel campo delle relazioni industriali). In ultima analisi, se la "società" non si adatta più a se stessa, il governo dovrebbe offrire una soluzione. Questo è legato al concetto di sovranità nella propria cerchia. Nei rapporti tra le diverse scale, il CDA applica il principio di sussidiarietà: la responsabilità deve essere quella in cui può essere meglio presa e preferibilmente al livello più basso possibile.
  • Giustizia: il principio di giustizia, secondo cui le buone azioni sono premiate e le malvagie punite. Il principio significa anche che tutti devono essere valutati e hanno il diritto di difendersi.
  • Solidarietà: il principio secondo cui bisogna prendersi cura delle persone vulnerabili nella società. Il concetto (biblico) di carità si basa su queste basi.
  • Cura della terra: il principio che l'uomo deve prendersi cura della terra su cui vive. In pratica, ciò equivale a una buona cura per l'ambiente, ma principalmente implica il dovere nella terra di trasmettere alla prole in condizioni vitali.

Come vengono applicati questi valori[modifica | modifica wikitesto]

In pratica, i valori fondamentali si traducono nelle seguenti posizioni:

Basato sul principio della responsabilità estesa, il CDA è stato a favore di un governo che si è ritirato negli ultimi vent'anni, dando alle persone più spazio per assumersi le proprie responsabilità. In questo, tuttavia, il CDA va meno del VVD, che vuole colmare il "gap" che il governo precedente lascia dietro di sé dal mercato anziché dalle organizzazioni della società civile. Sebbene il CDA non rigetti il ​​capitalismo e sostenga gli sforzi per introdurre più forze di mercato nel settore pubblico, il CDA non vede il mercato come la soluzione definitiva ai problemi in termini di efficienza e relazioni sociali. Al fine di creare una società in cui le persone sappiano dove si trovano e ricevano rispetto, il CDA attribuisce grande valore al ripristino di norme e valori dal principio di giustizia. Sebbene il CDA sia stato una delle forze trainanti dell'austerità della sicurezza sociale, il valore fondamentale della solidarietà viene alla luce nel desiderio di mantenere le tasse e le indennità dipendenti dal reddito. Da questo principio, il CDA è, ad esempio, contro l'ulteriore liberalizzazione del mercato degli affitti. Anche il rimborso del debito nazionale in una generazione viene difeso dal punto di vista della solidarietà (verso le generazioni future). Sulla base del principio di buona amministrazione, il CDA vuole ridurre le emissioni di CO2. Da questo punto di vista, il CDA non si oppone alla generazione di energia nucleare a medio termine. Sulla base del principio di buona amministrazione, il CDA è a favore di norme europee più rigide per quanto riguarda il benessere degli animali.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN152417981 · ISNI (EN0000 0004 5896 1234