Partito Comunista dei Paesi Bassi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Partito Comunista dei Paesi Bassi
(NL) Communistische Partij Nederland
CPN emblem used between 1947-1949.png
LeaderDavid Wijnkoop (1909–1925)

Lou de Visser (1925–1945)
Paul de Groot (1945–1967)
Marcus Bakker (1967–1982)
Ina Brouwer (1982–1991)

StatoPaesi Bassi Paesi Bassi
SedeAmsterdam
Fondazione1909
Dissoluzione1991
IdeologiaComunismo
Marxismo-leninismo (fino al 1982)
Eurocomunismo
CollocazioneEstrema sinistra
Affiliazione internazionaleComintern,
Cominform
Seggi massimi Camera
10 / 150
Seggi massimi Senato
4 / 75
Seggi massimi Europarlamento
0 / 26
Organizzazione giovanileCommunistische Jeugd Holland (1909-1945)
Algemeen Nederlands Jeugd Verbond (ANJV) dal 1945

Il Partito Comunista dei Paesi Bassi (Communistische Partij Nederland, CPN) è stato un partito politico fondato nel 1909 come Partito Socialdemocratico. Nel 1918 assunse la denominazione di Partito Comunista d'Olanda[1]. Nel 1991, insieme ad altre formazioni, è confluito nella Sinistra Verde[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (NL) Koen Vossen, Vrij vissen in het Vondelpark, kleine politieke partijen in Nederland 1918–1940. Università di Amsterdam, 2003, p. 149.
  2. ^ (NL) Paul Lucardie, Wijbrandt van Schuur e Gerrit Voerman, Verloren Illusie, Geslaagde Fusie? GroenLinks in Historisch and Politicologische Perspectief, 1999.
Controllo di autoritàVIAF (EN143675894 · ISNI (EN0000 0000 9718 2701 · LCCN (ENn79056857 · WorldCat Identities (ENlccn-n79056857
Comunismo Portale Comunismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di comunismo