Partito Socialdemocratico dei Lavoratori (Paesi Bassi)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Partito Socialdemocratico dei Lavoratori
Sociaal-Democratische Arbeiderspartij
Embleem SDAP (1931).png
StatoPaesi Bassi Paesi Bassi
Fondazione1894
Dissoluzione1946
IdeologiaSocialdemocrazia

Il Partito Socialdemocratico dei Lavoratori (in olandese: Sociaal-Democratische Arbeiderspartij - SDAP) fu un partito politico dei Paesi Bassi operativo dal 1894 al 1946[1].

Nacque dalla trasformazione della Lega Socialdemocratica (Sociaal-Democratische Bond)[2], costituitasi nel 1881 su iniziativa di un pastore luterano, Ferdinand Domela Nieuwenhuis, artefice della fusione tra i diversi gruppi socialisti attivi nelle maggiori città del Paese.

Manifesto del 1930

Si caratterizzava come una forza politica di orientamento socialdemocratico.

Nel 1946 dette vita al Partito del Lavoro, insieme alla Lega Libero-Democratica e all'Unione Cristiano-Democratica.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Elezione Voti % Seggi
Legislative 1897 12.312 2,98
2 / 100
Legislative 1901 36.981 9,63
6 / 100
Legislative 1905 65.561 11,24
6 / 100
Legislative 1909 82.855 13,90
7 / 100
Legislative 1913 142.185 18,50
17 / 100
Legislative 1917 N.D.
15 / 100
Legislative 1918 296.145 22,03
22 / 100
Legislative 1922 567.769 19,38
20 / 100
Legislative 1925 706.689 22,90
24 / 100
Legislative 1929 804.714 23,81
24 / 100
Legislative 1933 798.632 21,46
22 / 100
Legislative 1937 890.661 21,95
23 / 100

Note[modifica | modifica wikitesto]