Dries van Agt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dries van Agt
Dries van Agt (1980).jpg

Paesi Bassi Primo ministro dei Paesi Bassi
Durata mandato 19 dicembre 1977 –
4 novembre 1982
Monarca Giuliana
Beatrice
Predecessore Joop den Uyl
Successore Ruud Lubbers

Commissario della Regina del Brabante Settentrionale
Durata mandato 1º giugno 1983 –
22 aprile 1987
Monarca Beatrice
Predecessore Jan Dirk van der Harten
Successore Frank Houben

Ministro degli affari esteri
Durata mandato 28 maggio 1982 –
4 novembre 1982
Capo del governo Dries van Agt
Predecessore Max van der Stoel
Successore Hans van den Broek

Leader dell'Appello Cristiano Democratico
Durata mandato 22 ottobre 1976 –
25 ottobre 1982
Successore Ruud Lubbers

Paesi Bassi Vice Primo ministro dei Paesi Bassi
Durata mandato 11 maggio 1973 –
8 settembre 1977
Capo del governo Joop den Uyl
Predecessore Roelof Nelissen
Molly Geertsema
Successore Gaius de Gaay Fortman

Ministro della giustizia
Durata mandato 6 luglio 1971 –
8 settembre 1977
Capo del governo Barend Biesheuvel
Joop den Uyl
Predecessore Carel Polak
Successore Gaius de Gaay Fortman

Dati generali
Partito politico PvdA
Università Università di Amsterdam

Andreas Antonius Maria "Dries" van Agt (Geldrop, 2 febbraio 1931) è un politico olandese.

È stato Primo ministro dei Paesi Bassi dal 19 dicembre 1977 al 4 novembre 1982, membro dell'Appello Cristiano Democratico.

Van Agt è un giurista di occupazione, ha lavorato come avvocato per lo studio legale Van der Putt, Nijst, Van Sandick e Depla dal 1956 al 1958, quando è diventato un impiegato che lavorava per il Ministero dell'agricoltura e della pesca e il Ministero della giustizia fino al 1968. Van Agt è diventato professore di procedura penale all'Università Radboud di Nijmegen nel 1968. Nel 1971 è stato nominato giudice presso la corte di Arnhem. Dopo l'elezione generale olandese del 1971 a Van Agt gli è stato chiesto dal Partito Popolare Cattolico (KVP) di diventare ministro della giustizia nel Governo Biesheuvel I. Van Agt ha accettato l'incarico e si è dimesso come professore e giudice lo stesso giorno, assumendo la carica di nuovo ministro della giustizia il 6 luglio 1971. Van Agt è rimasto ministro della giustizia nel Governo Den Uyl dopo le elezioni generali olandesi del 1972 e divenne poi vice primo ministro l'11 maggio 1973. Il 22 ottobre 1976 Van Agt è stato selezionato come primo leader dell'Appello Democratico Cristiano e divenne Lijsttrekker (primo candidato) per le elezioni generali olandesi del 1977. Ha rassegnato le dimissioni come vice primo ministro e ministro della giustizia per diventare primo leader parlamentare dell'Appello Cristiano Democratico nella Camera dei rappresentanti e membro della Camera dei Rappresentanti che ha preso l'incarico l'8 giugno 1977. Dopo l'elezione, l'Appello Cristiano Democratico è diventato il secondo più grande partito della Camera dei Rappresentanti.

Dopo una formazione fallita del Partito del Lavoro, Van Agt ha concluso un accordo con il leader del Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia Hans Wiegel che ha portato alla formazione del Governo Van Agt-Wiegel con Van Agt che è divenuto primo ministro dei Paesi Bassi il 19 dicembre 1977. Con la seguente elezione generale olandese del 1981, Van Agt è di nuovo Lijsttrekker e prende parte ad una formazione di coalizione con il Partito del Lavoro e i Democratici 66 (D66) che hanno portato al Governo Van Agt II. Il 29 maggio 1982 il Governo Van Agt II è crollato dopo che il Partito Laburista ritirò il suo sostegno. Il vecchio Governo Van Agt III è stato formato con Van Agt il quale è diventato ministro degli affari esteri. Il governo Van Agt III rimase in carica fino alle elezioni generali olandesi del 1982. Van Agt di nuovo come Lijsttrekker ha perso tre seggi e l'Appello Cristiano Democratico è diventato il secondo più grande partito. È stata costituita una formazione armonica con il Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia (VVD), ma Van Agt ha inaspettatamente annunciato il suo ritiro dalla politica nazionale e si è dimesso come Responsabile dell'Appello Cristiano Democratico il 25 ottobre 1982. Van Agt è rimasto primo ministro dei Paesi Bassi fino all'insediamento del Governo Lubbers I, avvenuto il 4 novembre 1982.

Dopo la sua premiership, Van Agt è rimasto nella politica attiva ed è diventato Commissario del regina del Brabante settentrionale il 1º giugno 1983. Il 22 aprile 1987 Van Agt si è dimesso come Commissario della regina a causa delle critiche sulla sua cooperazione con gli Stati provinciali. Van Agt è diventato diplomatico per le Comunità europee ed è stato ambasciatore dell'Unione europea in Giappone dal 1º aprile 1987 al 1º gennaio 1990, quando è diventato ambasciatore dell'Unione europea negli Stati Uniti fino al 1º aprile 1995 quando si è ritirato dalla politica all'età di sessantaquattro anni. Dopo la fine della sua carriera politica attiva, Van Agt ha occupato numerosi seggi nei consigli di sorveglianza delle organizzazioni internazionali non governative (InterAction Council, Green Cross International e la Fondazione Edmund Burke). Van Agt è stato professore di relazioni internazionali presso l'Università Ritsumeikan, l'Università delle Nazioni Unite e l'Università Kwansei Gakuin dal 1995 al 2004.

Van Agt è conosciuto per le sue capacità di negoziatore e pensatore. Durante la sua premiership, i suoi governi sono stati responsabili della riforma del settore pubblico, del servizio civile e della lotta contro la recessione negli anni '80. Ha la distinzione di essere il primo Primo Ministro dell'Appello Cristiano Democratico dei Paesi Bassi. Van Agt è anche stato attivo come attivista dell'anti-guerra e dei diritti umani e come avvocato nel promuovere la soluzione a due stati per il conflitto israelo-palestinese. Van Agt continua a commentare gli affari politici come statista. Con la morte di Piet de Jong nel luglio 2016, è diventato il primo ministro olandese vivente più vecchio.

Origine e studi[modifica | modifica wikitesto]

Van Agt è figlio di Franciscus Antonius Petrus Maria (Frans) van Agt (1899-1974, produttore tessile), da Eindhoven, e Anna Godefrida Wilhelmina Sophia (Annie) Frencken (1902-1978), da Princenhage. Van Agt è il maggiore di cinque figli ed è stato chiamato come il suo nonno paterno. Van Agt è un nipote di Godefridus Marcelis Frencken, per più di 60 anni sindaco di Asten tra il 1843 e il 1904.

Ha frequentato il ginnasio Augustinianum a Eindhoven, dove Hans Gruijters è stato un suo compagno di classe. Ha poi studiato legge all'Università cattolica di Nijmegen. Era un membro del Nijmeegsch Studenten Corps Carolus Magnus, dove ha incontrato il futuro presidente CSF e il ministro Fons van der Stee. Si è laureato con lode con un Master in diritto nel 1955.

Carriera legale e accademica[modifica | modifica wikitesto]

Fino al 1957 Van Agt ha lavorato come avvocato a Eindhoven. Poi fino al 1962 ha lavorato presso le questioni organizzative legali e commerciali del Ministero dell'Agricoltura e della Pesca, e nel 1968 sulla legge del reparto personale di Diritto pubblico del Ministero della Giustizia. Dal 1968 al 1971 è stato professore di diritto penale e procedura penale presso l'Università di Nijmegen.

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Ministro e Vice Primo Ministro[modifica | modifica wikitesto]

Dries van Agt come Ministro della giustizia nel 1971.

Van Agt entra in politica come membro del Partito Popolare Cattolico, che si è fuso con gli altri due principali partiti cristiani democratici nel 1980 per formare l'Appello Cristiano Democratico (CDA). Dal 1968 al 1971 Van Agt è professore di diritto penale all'Università Cattolica di Nijmegen. Dal 1971 al 1973 è stato Ministro della giustizia nel governo di Barend Biesheuvel. Ha provocato oltraggio quando ha cercato di perdonare gli ultimi tre criminali di guerra nazisti nelle carceri olandesi nel 1972. Dal 1973 al 1977 è stato vice primo ministro e ministro della giustizia nel governo di Joop den Uyl.

Leader dell'Appello Cristiano Democratico[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1976 Van Agt è stato eletto primo leader dell'Appello Cristiano Democratico, poi ancora in una federazione dei tre partiti religiosi, l'Unione Cristiana Storica, il Partito Popolare Cattolico e il Partito Anti-Rivoluzionario, che è stato innanzitutto nel 1977 con una lista unita (la fusione è seguita nel 1980). Con Van Agt come candidato principale, l'Appello Cristiano Democratico ha invertito nel 1977 gli anni di declino per tornare al potere.

Primo ministro[modifica | modifica wikitesto]

Governo Van Agt I (1977-1981)[modifica | modifica wikitesto]

I ministri del governo Van Agt I in esecuzione dopo il giuramento sulla scalinata del Palazzo Soestdijk. Qui vi è Van Agt (a destra) insieme alla regina Guliana.

Nelle elezioni parlamentari del maggio 1977 il Partito Laburista ha ottenuto il maggior numero di posti, quindi una seconda coalizione di Joop den Uyl sembrava probabile. Tuttavia, la tensione tra il Partito popolare cattolico e il partito laburista nell'ultimo regno, combinata con la possibilità di una coalizione tra l'appello democratico cristiano e il Partito popolare per la libertà e la democrazia, i colloqui sono falliti dopo un periodo di sette mesi. Finalmente Van Agt negoziò un accordo con Hans Wiegel, leader del Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia. Dal 19 dicembre 1977 all'11 settembre 1981 Van Agt è stato Primo Ministro dei Paesi Bassi e Ministro degli Affari generali nel Governo Van Agt I.

Governo Van Agt II (1981-1982)[modifica | modifica wikitesto]

Dries van Agt con il Primo ministro della Francia Raymond Barre e il Ministro degli affari esteri della Francia Jean François-Poncet nel 1980.
Dries van Agt al Andrews Field nel Maryland nel 1981.
Dries van Agt e il Primo ministro del Giappone Zenkō Suzuki nel 1981.

Nel 1981, l'Appello Cristiano Democratico, il Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia e il Partito del Lavoro hanno perso i seggi parlamentari, quindi non è stato possibile proseguire l'Appello Democratico Cristiano con il Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia. Van Agt, leader dell'Appello Democratico Cristiano, è stato costretto ad entrare in coalizione con il Partito Laburista. Anche i Democratici 66 (che, sotto Jan Terlouw hanno guadagnato un notevole numero di seggi) hanno partecipato ai colloqui di coalizione, dopo tre mesi di difficili negoziati che hanno portato al Governo Van Agt II (11 settembre 1981 - 29 maggio 1982). In questa composizione Van Agt ha lavorato nuovamente con Joop den Uyl mentre Den Uyl è stato nominato vice primo ministro e "super ministro" degli affari sociali e dell'occupazione. Le differenze caratterologiche e politiche hanno portato a diverse divisioni, e nel maggio 1982 il governo è caduto.

Il conflitto personale tra Van Agt e Den Uyl era così deteriorato che quando Den Uyl morì da un tumore al cervello nel 1987, Van Agt non fu invitato al memoriale della famiglia. La moglie di Den Uyl Liesbeth ha sostenuto che Van Agt aveva impedito alla seconda coalizione di Den Uyl di formarsi nel 1977.

Governo Van Agt III (1982)[modifica | modifica wikitesto]

Il governo custode è passato come un governo di minoranza, con solo ministri delle parti dell'Appello Cristiano Democratico e Democratici 66, nel Governo Van Agt III. Per la sostituzione dei sei ministri del Partito Laburista, sono stati istituiti cinque nuovi ministri dell'Appello Cristiano Democratico e Democratici 66, mentre van Agt al governo, nonché primo ministro è stato anche ministro degli affari esteri.

Le nuove elezioni parlamentari furono organizzate per il settembre 1982. Anche se Van Agt, a questo punto, era esaurito, fu persuaso nuovamente di essere il capo dell'Appello Democratico Cristiano, ma poco dopo l'elezione si ritirò come candidato a primo ministro e fu seguito da Ruud Lubbers.

Dopo la politica[modifica | modifica wikitesto]

Diplomatico[modifica | modifica wikitesto]

Dries van Agt è stato ambasciatore della Comunità Europea in Giappone dal 1987 al 1990 e negli Stati Uniti dal 1990 al 1995. Dal 1995 al 1996 è stato professore di relazioni internazionali presso l'Università di Kyoto.

Professore[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente è Primo Consigliere per il Forum Internazionale per la Giustizia e la Pace, una fondazione sotto la legge olandese, registrata presso la Camera di Commercio di Amsterdam. Presieduta dal pensionato d'affari internazionale Ben Smoes, sono attualmente concentrati sulla giustizia e la pace in relazione al conflitto Israele / Palestina

Attivista[modifica | modifica wikitesto]

Van Agt ha tenuto lezioni a maggio 2006 a Il Cairo su invito della rivista elettronica egiziana Arab-West Report sui grandi cambiamenti nel clima culturale dell'Europa nordoccidentale negli ultimi decenni, diventando più ostili alla religione, incluso l'Islam. I musulmani, ha sostenuto, hanno bisogno di capire tali cambiamenti per poter meglio rispondere alle critiche europee sull'Islam e sul mondo musulmano.

Van Agt ha anche parlato contro il Consiglio di Stato in Egitto per il ritardo continuo nella concessione del Centro per l'apprendimento arabo-occidentale (CAWU) dello status di ONG. Ha incontrato figure prominenti in Egitto per convincerle a farlo. Il Consiglio di Stato dell'Egitto, dopo la visita di van Agt nel Cairo nel 2006, ha stabilito il 18 febbraio 2007 che il Centro dovrebbe essere riconosciuto come una ONG sotto la legge egiziana, terminando la sua lotta triennale per ottenere questo status. L'Egitto è noto per la sua riluttanza nel riconoscere lo status di ONG al fine di scoraggiare la partecipazione politica. Cornelis Hulsman, sociologo olandese, redattore capo del rapporto arabo-occidentale e capo del CAWU, ha affermato che lo sforzo di van Agt ha influenzato significativamente la realizzazione dei loro obiettivi, che di solito richiede una lunga durata e un controllo degli Scopi politici.

Per alcuni anni ha preso una posizione sociabile per il Medio Oriente, provocando una feroce critica delle politiche svolte dal governo di Israele nei confronti dei palestinesi. Quando in carica, van Agt era un sostenitore stabile di Israele, ma dopo aver abbandonato nel 1982, ha cambiato idea. Secondo le sue parole un importante punto di svolta era una visita alla fine degli anni Novanta presso l'Università di Betlemme sulla Cisgiordania occupata da Israele. Ha accusato Israele di "terrorismo statale" e trasformando i territori dell'Autorità palestinese in "bantustani". Nel 2012 Van Agt ha affermato che gli ebrei dovrebbero avere uno stato in Germania anziché in Israele. Nel settembre 2016, riferendosi alla visita del primo ministro di Israele Benjamin Netanyahu nei Paesi Bassi, van Agt ha sostenuto che l'attuale occupazione israeliana dei territori palestinesi e l'insediamento degli insediamenti costituivano un crimine di guerra ai sensi dello Statuto di Roma e suggerì che Netenyahu dovrebbe essere inviato alla Corte Penale Internazionale.

Vita personale[modifica | modifica wikitesto]

Van Agt è noto per il suo uso di un linguaggio arcaico e dal fraseggio complicato, nonché per il suo amore per il ciclismo. È sposato con Eugenie Krekelberg dal 1958 e ha con lei tre figli e sette nipoti. Nel 2012 è entrato a far parte del consiglio consultivo del Museo internazionale per la storia della famiglia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Op weg naar Alpe d'Huez : wielerverhalen, Dries van Agt en Frans van Agt, Amsterdam: Rap, 2012, ISBN 978-94-0040045-0
  • De smaak van macht : gesprekken met oud-premiers, Annemarie Gualthérie van Weezel, Schoorl: Conserve, 2011, ISBN 978-90-5429-321-7
  • Een schreeuw om recht : de tragedie van het Palestijnse volk, Dries van Agt, Amsterdam: De Bezige Bij, 2009, ISBN 978-90-234-5483-0
  • De eenzame fietser : insiders over de politieke loopbaan van Dries van Agt (1971-1982), Adrianus Koster, Culemborg: Van Duuren media, 2008, ISBN 978-90-5940-331-4
  • Kraanvogels : reisverhalen, Dries van Agt, Amsterdam: Thomas Rap, 1999, ISBN 90-6005-838-0
  • Adieu Dries : overpeinzingen bij het afscheid van een liefhebber in de politiek, Hans Wiegel e.a., Bussum: Van Holkema & Warendorf, 1982, ISBN 90-269-4777-1
  • Voor de duvel niet bang : mr. Dries van Agt van weerzin tot wellust, Jan Tromp en Paul Witteman, Haarlem: De Haan, 1980, ISBN 90-228-3551-0
  • Sapristi! Van Agt : opmerkelijke, komische en bizarre uitspraken van een regeringsleider, Dieudonnée ten Berge, Amsterdam: Elsevier, 1981, ISBN 90-10-04145-X
  • De kruistocht van Dries de Betonne : uit het schetsboek van een officieuze waarnemer, Peter van Straaten, Amsterdan: Van Gennep, 1981, ISBN 90-6012-442-1
  • Van Agt en de dingen die voorbij gaan, Peter van Straaten, Amsterdam: Van Gennep, 1977, ISBN 90-6012-370-0
  • Naar een extravert strafrecht inaugurele rede, A.A.M. van Agt, Nijmegen: Dekker & Van de Vegt, 1969

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Primo ministro dei Paesi Bassi Successore State coat of arms of the Netherlands.svg
Joop den Uyl 19 dicembre 1977 - 4 novembre 1982 Ruud Lubbers
Predecessore Commissario della Regina del Brabante Settentrionale Successore Noord-Brabant wapen.svg
Jan Dirk van der Harten 1º giugno 1983 - 22 aprile 1987 Frank Houben
Predecessore Ministro degli affari esteri Successore
Max van der Stoel 28 maggio 1982 - 4 novembre 1982 Hans van den Broek
Predecessore Leader dell'Appello Cristiano Democratico Successore Christen Democratisch Appèl (nl) Logo.svg
- 22 ottobre 1976 - 25 ottobre 1982 Ruud Lubbers
Predecessore Vice Primo ministro dei Paesi Bassi Successore State coat of arms of the Netherlands.svg
Roelof Nelissen en Molly Geertsema 11 maggio 1973 - 8 settembre 1977 Hans Wiegel
Predecessore Ministro della giustizia Successore Ministerie van Veiligheid en Justitie Logo.png
Carel Polak 6 luglio 1971 - 8 settembre 1977 Gaius de Gaay Fortman
Controllo di autoritàVIAF: (EN50106807 · LCCN: (ENn79004152 · GND: (DE122369351