Wim Kok

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wim Kok
Wim Kok 2011.jpg

Primo ministro dei Paesi Bassi
Durata mandato 22 agosto 1994 –
22 luglio 2002
Monarca Beatrice
Predecessore Ruud Lubbers
Successore Jan Peter Balkenende

Presidente del Consiglio europeo
Durata mandato 1º gennaio 1997 –
30 giugno 1997
Predecessore John Bruton
Successore Jean-Claude Juncker

Leader del Partito del Lavoro
Durata mandato 21 luglio 1986 –
15 dicembre 2001
Predecessore Joop den Uyl
Successore Ad Melkert

Vice-Primo ministro dei Paesi Bassi
Durata mandato 7 novembre 1989 –
22 agosto 1994
Primo ministro Ruud Lubbers
Predecessore Rudolf de Korte
Successore Hans Dijkstal
Hans van Mierlo

Ministro delle Finanze
Durata mandato 7 novembre 1989 –
22 agosto 1994
Primo ministro Ruud Lubbers
Predecessore Onno Ruding
Successore Gerrit Zalm

Dati generali
Partito politico Partito del Lavoro
Tendenza politica Terza via[1][2]
Firma Firma di Wim Kok

Willem "Wim" Kok (Bergambacht, 29 settembre 1939) è un politico olandese, primo ministro dei Paesi Bassi per due mandati dal 22 agosto 1994 al 22 luglio 2002.

Studi e Sindacato[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli studi in economia, ha intrapreso nel 1961 la carriera nel sindacato socialista, noto per le sue posizioni molto accese, di cui è stato presidente dal 1973 al 1986.

Nel 1986 è diventato segretario del Partito Socialdemocratico PvdA al posto di Joop den Uyl. Nel 1989 è stato eletto come vicesegretario all'Internazionale Socialista.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1986 al 1994 ha ricoperto la carica di vice primo ministro e Ministro delle finanze in un governo di coalizione con l'Appello Cristiano Democratico (CDA) guidato da Ruud Lubbers.

Nel 1994 è diventato Primo Ministro di un governo di coalizione con il partiti liberali VVD e Democratici 66 (D66). Si trattava della prima coalizione progressista dopo decenni di governi democristiani. La coalizione di governo è stata confermata alle successive elezioni del 1998.

Sotto la presidenza Kok, il Paese ha conosciuto un boom economico. Il consenso popolare per visione politica di Kok, tuttavia, declinò precocemente con l'emergere del leader populista di destra Pim Fortuyn nel 2002.

Il secondo esecutivo Kok cadde alcune settimane prima delle elezioni del maggio 2002, quando l'intero governo si dimise in seguito alle voci sulle possibili responsabilità olandesi nel massacro di Srebrenica.

Dopo le elezioni del 2002 ha lasciato la politica attiva, venendo sostituito alla guida del PvdA da Ad Melkert.

Tra aprile e novembre 2004, Kok ha condotto un'analisi e revisione dell'Agenda di Lisbona, presentando alcune proposte alla Commissione europea per il rilancio della strategia.

Attualmente[quando?] Win Kok ricopre i seguenti incarichi:

  • Membro del Consiglio di Sorveglianza di ING Group
  • Membro del Consiglio di Sorveglianza di Royal Dutch Shell
  • Membro del Consiglio di Sorveglianza di TNT
  • Membro del Consiglio di Sorveglianza di KLM

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) David Walker, Goodbye, third way, in The Guardian, 3 settembre 2001. URL consultato l'8 febbraio 2017.
  2. ^ (EN) Anne Mellbye, A brief history of the third way, in The Guardian, 10 febbraio 2013. URL consultato l'8 febbraio 2017.
    «A round-table discussion in Washington - entitled The Third Way: Progressive Governance for the 21st Century - included [...] the Dutch prime minister, Wim Kok...».

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Primo ministro dei Paesi Bassi Successore State coat of arms of the Netherlands.svg
Ruud Lubbers 22 agosto 1994 - 22 luglio 2002 Jan Peter Balkenende
Predecessore Presidente del Consiglio europeo Successore Flag of Europe.svg
John Bruton gennaio - giugno 1997 Jean-Claude Juncker
Predecessore Leader del Partito del Lavoro Successore PvdA Logo small.svg
Joop den Uyl 21 luglio 1986 - 15 dicembre 2001 Ad Melkert
Predecessore Vice-Primo ministro dei Paesi Bassi Successore State coat of arms of the Netherlands.svg
Rudolf de Korte 7 novembre 1989 - 22 agosto 1994 Hans Dijkstal
Hans van Mierlo
Predecessore Ministro delle Finanze Successore State coat of arms of the Netherlands.svg
Onno Ruding 7 novembre 1989 - 22 agosto 1994 Gerrit Zalm
Controllo di autorità VIAF: (EN54431638 · LCCN: (ENno98043329 · ISNI: (EN0000 0001 2314 5120 · GND: (DE119394553 · BNF: (FRcb150425236 (data)