Wim Kok

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wim Kok
Wim Kok 2011.jpg

Primo ministro dei Paesi Bassi
Durata mandato 22 agosto 1994 –
22 luglio 2002
Monarca Beatrice
Predecessore Ruud Lubbers
Successore Jan Peter Balkenende

Presidente del Consiglio europeo
Durata mandato 1º gennaio 1997 –
30 giugno 1997
Predecessore John Bruton
Successore Jean-Claude Juncker

Leader del Partito del Lavoro
Durata mandato 21 luglio 1986 –
15 dicembre 2001
Predecessore Joop den Uyl
Successore Ad Melkert

Vice Primo ministro dei Paesi Bassi
Durata mandato 7 novembre 1989 –
22 agosto 1994
Primo ministro Ruud Lubbers
Predecessore Rudolf de Korte
Successore Hans Dijkstal
Hans van Mierlo

Ministro delle finanze
Durata mandato 7 novembre 1989 –
22 agosto 1994
Primo ministro Ruud Lubbers
Predecessore Onno Ruding
Successore Gerrit Zalm

Dati generali
Partito politico Partito del Lavoro
Tendenza politica Terza via[1][2]
Firma Firma di Wim Kok
Wim Kok nel 1994

Willem "Wim" Kok (Bergambacht, 29 settembre 1938) è un politico olandese, Primo ministro dei Paesi Bassi per due mandati dal 22 agosto 1994 al 22 luglio 2002.

Presidente della Confederazione dei Paesi Bassi dal 1 gennaio 1976 al 11 settembre 1985, l'anno successivo è diventato capo del PvdA e nel 1989 è diventato vice primo ministro e ministro delle finanze nella grande coalizione guidata dal democristiano Ruud Lubbers.

Nel 1994, nonostante le perdite significative, che richiedono le elezioni legislative ha formato la prima "coalizione viola" con i liberali (VVD) e i Democratici 66 (D66). Popolare e rinnovato nel 1998 con una maggioranza rafforzata e un più comodo vantaggio del PvdA, si è dimesso dalla carica il 15 aprile 2002, un mese prima delle elezioni, dopo le rivelazioni che i Paesi Bassi hanno fatto di non intervenire per evitare il massacro di Srebrenica mentre erano lì.

Durante i suoi otto anni al potere, il paese ha registrato una forte crescita economica ed è riconosciuto a livello internazionale come l'iniziatore del 'modello polder', una forma di terza via. Si è ritirato dalla politica dal 2002, ma nel 2007 è stato membro del gruppo Amato.

Primi anni di vita[modifica | modifica wikitesto]

Willem Kok è nato il 29 settembre 1938, a Bergambacht nella provincia olandese dell'Olanda Meridionale, figlio di Willem Kok (29 marzo 1910 - 10 gennaio 1981) falegname e Neeltje de Jager (nata il 7 ottobre 1913). Ha un fratello minore nato nel 1945.

Percorso professionale[modifica | modifica wikitesto]

Assunto dalla società commerciale Sembodja Malaja ad Amsterdam nel 1959, è stato nominato due anni più tardi come assistente el settore internazionale di costruzione del palazzo della Confederazione sindacale olandese (NVV), prima di diventare un membro del team economico nel 1965, e infine segretario sindacale nel 1967.

Alto funzionario sindacale[modifica | modifica wikitesto]

Wim Kok nel 1972

Dopo gli studi in economia, ha intrapreso nel 1961 la carriera nel sindacato socialista, noto per le sue posizioni molto accese, di cui è stato presidente dal 1973 al 1986.

Nel 1969, ha ottenuto una posizione di segretario confederale della NVV, è stato eletto vice presidente nel 1972 e presidente nel 1973. Ci vogliono tre anni più tardi, in qualità di Presidente della Confederazione dei Sindacati dei Paesi Bassi (FNV), nato dalla fusione del sindacato NVV e NKV cattolico. Durante il suo mandato, durato nove anni, egli è anche presidente della Confederazione europea dei sindacati (CES) 1979-1982.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1986 al 1994 ha ricoperto la carica di vice primo ministro e Ministro delle finanze in un governo di coalizione con l'Appello Cristiano Democratico (CDA) guidato da Ruud Lubbers.

Nel 1986 è diventato segretario del Partito Socialdemocratico PvdA al posto di Joop den Uyl. Nel 1989 è stato eletto come vicesegretario all'Internazionale Socialista.

Nel 1994 è diventato Primo Ministro di un governo di coalizione con il partiti liberali VVD e Democratici 66 (D66). Si trattava della prima coalizione progressista dopo decenni di governi democristiani. La coalizione di governo è stata confermata alle successive elezioni del 1998.

Sotto la presidenza Kok, il Paese ha conosciuto un boom economico. Il consenso popolare per visione politica di Kok, tuttavia, declinò precocemente con l'emergere del leader populista di destra Pim Fortuyn nel 2002.

Il secondo esecutivo Kok cadde alcune settimane prima delle elezioni del maggio 2002, quando l'intero governo si dimise in seguito alle voci sulle possibili responsabilità olandesi nel massacro di Srebrenica.

Dopo le elezioni del 2002 ha lasciato la politica attiva, venendo sostituito alla guida del PvdA da Ad Melkert.

Tra aprile e novembre 2004, Kok ha condotto un'analisi e revisione dell'Agenda di Lisbona, presentando alcune proposte alla Commissione europea per il rilancio della strategia.

Attualmente[quando?] Win Kok ricopre i seguenti incarichi:

  • Membro del Consiglio di Sorveglianza di ING Group
  • Membro del Consiglio di Sorveglianza di Royal Dutch Shell
  • Membro del Consiglio di Sorveglianza di TNT
  • Membro del Consiglio di Sorveglianza di KLM

Rapida ascesa[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 giugno 1986 Kok è stato eletto primo deputato alla Seconda cameradegli Stati generali, e il 21 luglio successivo prende parte alla presidenza del Partito laburista (PvdA) e il suo gruppo parlamentare. È diventato il leader dell'opposizione nella coalizione di centro-destra del governo guidato da Ruud Lubbers.

Ministro delle Finanze[modifica | modifica wikitesto]

Kok in dibattito con Joop den Uyl

Il 7 luglio 1989 è investito in cima alla lista parlamentare (lijsttrekker) per il PvdA il 6 settembre successivo. Il giorno delle elezioni, l'Appello Cristiano Democratico (CDA) di Lubbers conduce con 54 eletti su 150, contro 49 il PvdA, in calo di tre deputati. Tuttavia, le 22 sedi del Partito popolare liberale e democratico (VVD) non consentono un costante rinnovamento della coalizione di governo uscente, il leader Lubbers e Kok formano una grande coalizione con 103 posti a sedere, in cui il leader del PvdA occupa le posizioni di vice primo Ministro e Ministro delle Finanze dal 7 novembre.

Primo ministro (1994-2002)[modifica | modifica wikitesto]

Wim Kok nel manifesto della campagna 1998
Wim Kok e il presidente russo Vladimir Putin nel gennaio 2001

Ancora una volta Kok è leader del partito laburista per le elezioni del 3 maggio 1994, in cui ha vinto le elezioni con solo 37 eletti, contro 34 per il CDA, che necessitano di una più bassa rappresentanza parlamentare in 25 anni. Allo stesso modo, la coalizione uscente ha subito una sconfitta schiacciante, perdendo quasi un terzo dei suoi posti a sedere.

I Democratici 66 (D'66), grandi vincitori delle elezioni, respingono l'idea di una coalizione di centro-destra con il CDA e il Partito popolare liberale e democratico (VVD). Essi suggeriscono piuttosto una "coalizione viola" tra il PvdA, VVD e loro. Chiamata « Coalizione verde », il 6 maggio, il presidente della Prima camera Tjeenk Willink conferma nella sua relazione che questa opzione sembra essere l'unica concepibile, pur essendo sostenuta dall'Appello Cristiano Democratico. Dopo 108 giorni di colloqui, è stato raggiunto un accordo tra le tre squadre a formano una forte coalizione 92 su 150 seggi.

Il 22 agosto del 1994, Wim Kok è stato nominato primo ministro dei Paesi Bassi dalla regina Beatrice. Kok è il primo amministratore delegato dal PvdA a governare senza l'appoggio di un partito "confessionale" dal 1977 e dalla fine del mandato di Joop den Uyl.

Durante i suoi otto anni al potere, la sua coalizione è stata particolarmente impegnata nel risanamento del bilancio, il matrimonio gay e l'eutanasia autorizzata viene in parte legalizzata. Approfittando della forte crescita economica di questo periodo, il paese ha sperimentato un sacco di posti di lavoro, al punto che i settori dell'istruzione e della sanità pubblica hanno sperimentato carenze di manodopera, questo ha portato all'introduzione di liste di attesa impopolari nel settore sanitario. Egli ha anche esortato una riduzione della tassazione per gli individui e le imprese. Questa miscela armoniosa di liberalismo economico, liberalismo politico e protezione sociale che si è guadagnata la politica di Kok e la coalizione viola prende il soprannome di « modello polder ».

La Presidenza olandese dell'Unione europea nella seconda metà del 1997, può essere considerato come un leader di successo del PvdA in quanto è durante questo periodo che viene firmato il Trattato di Amsterdam, che rafforza i poteri dell'UE in materia di giustizia, polizia o la libera circolazione. Riconfermato dopo le elezioni del 1998, durante il quale il suo partito ha guadagnato 8 eletti, e la coalizione viola va da 92 a 97 deputati, ha annunciato nel 2001 l'intenzione di ritirarsi dalla politica alla fine delle elezioni del 15 maggio 2002. Passa così il 15 dicembre la direzione del PvdA a Melkert.

Il 15 aprile 2002, un mese prima del voto, lui e il suo governo danno le dimissioni in blocco a seguito della pubblicazione di un rapporto dell'Istituto NIOD per la guerra, l'Olocausto e gli Studi sul genocidio, in cui i Paesi Bassi erano indirettamente responsabili di migliaia di morti nel massacro di Srebrenica in quanto il paese per ragioni umanitarie e politiche, aveva deciso di « imbarcarsi in una missione di pace senza cervello e impraticabile ».

Legacy[modifica | modifica wikitesto]

Kok è stato molto elogiato per le sue filosofie del suo modello di terza via e del modello di filosofia dei polder e per il successo della sua Coalizione Viola. Durante la sua premiership, i suoi governi sono stati responsabili dell'attuazione di diverse riforme sociali, stimolando l'economia per una maggiore occupazione e privatizzazione e riducendo ulteriormente il deficit. Come risultato di questo, e grazie alle sue capacità di manager e negoziatore, Kok ha ottenuto lo status di statista dai suoi colleghi leader europei.

Dopo la politica[modifica | modifica wikitesto]

Wouter Bos, Wim Kok e Job Cohen nel 2011, al 65° anniversario del PvdA

Kok ha lasciato la politica olandese dopo le elezioni, come aveva già annunciato l'anno prima, ma ciò non significò che la sua vita politica fosse finita. Come molti che hanno finito la carriera politica ufficiale, ha continuato ad influenzare la politica.

Dopo la sua premiership, Kok si ritirò dalla politica attiva all'età di sessantatre anni e divenne un lobbista per l'Unione europea e presiedeva parecchi "gruppi di alto livello". Ha inoltre occupato numerosi sedi di consiglio di sorveglianza nel mondo delle imprese e dell'industria (ING Group, Koninklijke TNT Post, Royal Dutch Shell, KLM, Stork BV, Commissione Internazionale per le persone smarritite, Gruppo internazionale di crisi, Anne Frank Foundation e Club di Madrid dal 2009 al dicembre 2013) L'11 aprile 2003 gli è stato assegnato il titolo onorario di Ministro di Stato.

Strategia di Lisbona[modifica | modifica wikitesto]

Tra aprile e novembre 2004, Kok ha condotto una revisione della strategia di Lisbona e ha presentato una relazione contenente suggerimenti su come dare nuovo impulso al processo di Lisbona. La Commissione europea ha utilizzato questa relazione per dichiarare che le parti sociali e ambientali non sono più una priorità e dichiarano un ritorno all'Agenda di Lisbona solo in termini economici. Kok ora si occupa della strategia di Lisbona della Commissione europea ed è stato nominato anche al consiglio consultivo dell'Associazione europea degli educatori di storia.

Vita personale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1965, dopo quattro anni di datazione, Kok sposa Margrietha "Rita" Roukema (nata nel 1939). Ha adottato i suoi due figli da un matrimonio precedente, Carla (nata nel 1959) e André (nato nel 1961), disabile mentale e fisico e insieme hanno avuto un terzo figlio, Marcel (nato nel 1966).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) David Walker, Goodbye, third way, in The Guardian, 3 settembre 2001. URL consultato l'8 febbraio 2017.
  2. ^ (EN) Anne Mellbye, A brief history of the third way, in The Guardian, 10 febbraio 2013. URL consultato l'8 febbraio 2017.
    «A round-table discussion in Washington - entitled The Third Way: Progressive Governance for the 21st Century - included [...] the Dutch prime minister, Wim Kok...».

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Primo ministro dei Paesi Bassi Successore State coat of arms of the Netherlands.svg
Ruud Lubbers 22 agosto 1994 - 22 luglio 2002 Jan Peter Balkenende
Predecessore Presidente del Consiglio europeo Successore Flag of Europe.svg
John Bruton gennaio - giugno 1997 Jean-Claude Juncker
Predecessore Leader del Partito del Lavoro Successore PvdA Logo small.svg
Joop den Uyl 21 luglio 1986 - 15 dicembre 2001 Ad Melkert
Predecessore Vice Primo ministro dei Paesi Bassi Successore State coat of arms of the Netherlands.svg
Rudolf de Korte 7 novembre 1989 - 22 agosto 1994 Hans Dijkstal
Hans van Mierlo
Predecessore Ministro delle finanze dei Paesi Bassi Successore State coat of arms of the Netherlands.svg
Onno Ruding 7 novembre 1989 - 22 agosto 1994 Gerrit Zalm
Controllo di autorità VIAF: (EN54431638 · LCCN: (ENno98043329 · ISNI: (EN0000 0001 2314 5120 · GND: (DE119394553 · BNF: (FRcb150425236 (data)