Xavier Bettel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Xavier Bettel
Tallinn Digital Summit. Handshake Xavier Bettel and Jüri Ratas (36718144533) CROP BETTEL.jpg

Primo ministro del Lussemburgo
In carica
Inizio mandato 4 dicembre 2013
Capo di Stato Granduca Enrico
Predecessore Jean-Claude Juncker

Presidente del Consiglio dell'Unione europea
Durata mandato 1º luglio 2015 –
31 dicembre 2015
Predecessore Laimdota Straujuma
Successore Mark Rutte

Sindaco di Lussemburgo
Durata mandato 24 novembre 2011 –
4 dicembre 2013
Predecessore Paul Helminger
Successore Lydie Polfer

Dati generali
Partito politico Partito Democratico
Università Università Nancy 2, Università Aristotele di Salonicco

Xavier Bettel (Lussemburgo, 3 marzo 1973) è un politico lussemburghese e attuale primo ministro dal 4 dicembre 2013.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Frequenta la scuola pubblica di Bonnevoie e, dopo aver ottenuto il diplome de fin d'études, si diploma in diritto pubblico e scienze politiche alla facoltà di Diritto di Nancy. In seguito, frequenta l'Università Aristotele di Salonicco e ottiene un master in diritto pubblico europeo, oltre ad un diploma in diritto ecclesiastico.

Membro del Partito Democratico (DP) dal 1998, Xavier Bettel è uno dei più giovani politici del partito. Nel 1991, viene eletto presidente della Circoscrizione Centro e Vicepresidente nazionale della JDL. Dal 1994 al 2002, assume la funzione nazionale della JDL.

Il 13 giugno 1994, Xavier Bettel si iscrive nella lista del DP nella circoscrizione Centro per le elezioni nazionali del 13 giugno 1999 dove viene eletto alla Camera dei deputati. Alle elezioni del 1999, viene eletto consigliere comunale di Lussemburgo Città.

Nel 2004, si iscrive nella lista del partito democratico (DP) per le elezioni nazionali ed europee, dove viene rieletto alla Camera dei Deputati. Dopo le elezioni comunali nel mese di ottobre 2005, entra a far parte degli assessori, come responsabile dell'azione sociale e della gioventù, e rieletto nelle elezioni parlamentari del 7 giugno 2009. Uscendo primo della lista della circoscrizione centro del DP venne nominato Presidente del Gruppo parlamentare DP.

Numerose statistiche lo danno come una tra le figure politiche più apprezzate dai lussemburghesi, giusto dietro il Primo ministro Jean-Claude Juncker e dal Ministro degli Affari Esteri Jean Asselborn. Tuttavia, a inizio febbraio 2013, Xavier Bettel annuncia davanti alla stampa che non si candiderà per le elezioni legislative del 2014, spiegando che preferisce rimanere sindaco e che la carica di ministro non entra nei suoi piani.

A febbraio 2013, viene eletto presidente del partito democratico, con 96,5% dei voti dei membri del partito.

Sindaco[modifica | modifica wikitesto]

Con il 33,65% dei voti, il DP mantiene la maggioranza a Lussemburgo. Il sindaco uscente, Paul Helminger, viene superato di 514 voti da Xavier Bettel creando la sorpresa nella capitale. A 38 anni, diventa il più giovane sindaco di una capitale europea. I lussemburghesi hanno optato per la gioventù, dopo un predecessore rimasto in carica per 12 anni.

Primo ministro[modifica | modifica wikitesto]

Dopo le elezioni politiche di ottobre 2013, viene scelto come formatore del prossimo governo lussemburghese. Il 4 dicembre 2013 diventa ufficialmente primo ministro del Lussemburgo, succedendo a Jean-Claude Juncker.

Apertamente gay, ha promosso il disegno di legge in favore del matrimonio tra persone dello stesso sesso, poi approvato il 18 giugno 2014 dal Parlamento del Lussemburgo, con 56 voti a favore e 4 voti contrari.[1] La riforma, promulgata dal capo dello Stato e pubblicata in gazzetta ufficiale nel luglio dello stesso anno, è entrata in vigore il 1º gennaio 2015.[2][3]

Egli stesso si è sposato il 15 maggio 2015 al municipio della capitale con il suo compagno Gauthier Destenay, diventando così il primo premier dell'Unione europea ad essersi sposato con un partner dello stesso sesso. L'avvenimento ha suscitato ampia eco nei media americani ed europei.[4]

Nel 2018 la sua coalizione vince nuovamente le elezioni e lui viene confermato per un secondo mandato nell'incarico di primo ministro del Lussemburgo.[5]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze lussemburghesi[modifica | modifica wikitesto]

Cancelliere e Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona di Quercia - nastrino per uniforme ordinaria Cancelliere e Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona di Quercia
— 14 giugno 2014
Cancelliere dell'Ordine al merito del Granducato di Lussemburgo - nastrino per uniforme ordinaria Cancelliere dell'Ordine al merito del Granducato di Lussemburgo

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona (Belgio) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona (Belgio)
— 23 novembre 2017
Cavaliere di I Classe dell'Ordine della Croce della Terra Mariana (Estonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine della Croce della Terra Mariana (Estonia)
— 5 febbraio 2018[6]
Commendatore dell'Ordine della Legion d'onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Legion d'onore (Francia)
— 6 marzo 2015
Grand'Ufficiale dell'Ordine di Orange-Nassau (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine di Orange-Nassau (Paesi Bassi)
— 2012
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Orange-Nassau (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Orange-Nassau (Paesi Bassi)
— 23 maggio 2018
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique (Portogallo)
— 23 maggio 2017[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN17146030659135862730 · GND (DE1106451392 · WorldCat Identities (EN17146030659135862730