Enrico di Lussemburgo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Enrico di Lussemburgo
Henri of Luxembourg (2009).jpg
Enrico di Lussemburgo nel 2009
Granduca di Lussemburgo
Stemma
In carica dal 7 ottobre 2000 (20 anni)
Predecessore Granduca Giovanni
Erede Guglielmo
Nome completo Henri Albert Gabriel Félix Marie Guillaume
Trattamento Sua Altezza Reale
Altri titoli Duca di Nassau
Conte palatino del Reno
Conte di Sayn, Königstein, Katzenelnbogen e Diez
Visconte di Hammerstein
Signore di Mahlberg, Wiesbaden, Idstein, Merenberg, Limburg e Eppstein
Nascita Betzdorf, 16 aprile 1955 (65 anni)
Casa reale Borbone di Parma-Nassau-Weilburg
Padre Granduca Giovanni
Madre Giuseppina Carlotta del Belgio
Consorte Maria Teresa Mestre y Batista
Figli Guglielmo
Felice
Luigi
Alessandra
Sebastiano
Religione Cattolica

Enrico di Lussemburgo, per esteso Henri Albert Gabriel Félix Marie Guillaume in francese (Betzdorf, 16 aprile 1955), è il granduca di Lussemburgo, dall'abdicazione del padre Giovanni nel 2000.

I suoi titoli sono i seguenti: granduca di Lussemburgo, duca. Ha diritto al trattamento di Altezza reale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Principe capetingio, del ramo dei duchi sovrani di Parma, il granduca Enrico I è nato a Betzdorf in Lussemburgo. È il secondogenito, primo maschio, del granduca Giovanni I e della granduchessa Giuseppina Carlotta, nata principessa del Belgio. Suo padrino di battesimo fu lo zio re Alberto II dei Belgi e madrina la zia, principessa Maria Gabriella di Lussemburgo.

Oltre al lussemburghese, il granduca parla il francese, l'inglese e il tedesco. Dopo aver conseguito il diploma in Francia nel 1974, ha frequentato l'Università di Ginevra, dove nel 1980 si è laureato in scienze politiche. Nell'esercito lussemburghese ha raggiunto il grado di colonnello e detiene il comando delle forze armate.

Durante i suoi studi a Ginevra ha incontrato la sua attuale moglie, Maria Teresa Mestre y Batista, nata a Marianao il 22 marzo 1956, sua compagna di università e laureatasi anche lei in scienze politiche nel 1980. Il loro matrimonio è stato celebrato il 14 febbraio 1981.

Dal 1980 al 1998, Enrico, allora granduca ereditario, è stato membro del Consiglio di Stato. È membro del Comitato Internazionale Olimpico dal 1998.

Enrico divenne granduca del Lussemburgo il 7 ottobre 2000, in seguito all'abdicazione del padre, il granduca Giovanni (abdicazione annunciata fin dal 24 dicembre 1999).

La coppia granducale fa parte della Fondation Mentor, creata sotto il patrocinio dell'Organizzazione mondiale della sanità per vietare il consumo di droghe tra i giovani. Ha creato la "Fondation Grand-Duc Henri - Grande-Duchesse Maria Teresa" con scopi assistenziali e umanitari. Inoltre il granduca Enrico è presidente della sezione lussemburghese del "Galapagos Darwin Trust" ed è membro del comitato di direzione della Fondazione Charles Darwin per le isole Galápagos.

Dal 2005 i granduchi sono presidenti onorari dell'Orchestra Filarmonica del Lussemburgo.

Il 12 marzo 2006 il granduca Enrico e la granduchessa Maria Teresa sono diventati nonni per la prima volta, con la nascita di Gabriel, figlio del principe Luigi; il neonato Gabriel, secondo le leggi dinastiche, non entrerà a far parte della linea granducale del Lussemburgo.

Il 16 maggio 2007 la corte granducale annunciò che la coppia aspettava il secondo figlio per l'autunno: il 21 settembre 2007 è nato Noè Guglielmo di Nassau, figlio secondogenito di Luigi e Tessy.

Nell'agosto 2019 il Primo Ministro Xavier Bettel ha incaricato il rappresentante speciale presso la Corte granducale, Jeannot Waringo, di verificare l'esistenza di eventuali sprechi tra le spese della famiglia del granduca Enrico.[1] Il 24 gennaio 2020 è stato pubblicato il rapporto Waringo nel quale, da un lato, viene evidenziata scarsa trasparenza in relazione alla rendicontazione dell'appannaggio sovrano e, dall'altro, come, nonostante la costituzione fissi in 1.241.590 Euro[2] annui la dotazione della Corte, questi corrispondano solo all'11,7% del totale degli importi effettivamente ricevuti ogni anno dalla Maison du Grand-Duc.[3] Il rapporto propone di riformare il sistema.[3] La famiglia granducale è stata dunque tacciata di opacità nella gestione dei fondi e la granduchessa Maria Teresa è finita al centro di polemiche poiché accusata dai media di spendere troppo e di comportarsi in modo tirannico con il personale.[1][4][5][6]

Discendenza patrilineare[modifica | modifica wikitesto]

Enrico di Lussemburgo è, insieme al cugino Filippo VI di Spagna, l'ultimo Borbone a sedere su un trono.
È discendente diretto di Luigi XIV di Francia:

Enrico di Lussemburgo (centro) con la moglie e il figlio
  1. Luigi XIV di Francia
  2. Luigi, il Gran Delfino
  3. Filippo V di Spagna
  4. Filippo I di Parma
  5. Ferdinando I di Parma
  6. Ludovico di Borbone
  7. Carlo II di Parma
  8. Carlo III di Parma
  9. Roberto I di Parma
  10. Felice di Borbone-Parma
  11. Giovanni di Lussemburgo
  12. Enrico di Lussemburgo

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

La coppia ha cinque figli e quattro nipoti:

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Roberto I di Parma Carlo III di Parma  
 
Luisa Maria di Borbone-Francia  
Felice di Borbone-Parma  
Maria Antonia di Braganza Michele del Portogallo  
 
Adelaide di Löwenstein-Wertheim-Rosenberg  
Giovanni di Lussemburgo  
Guglielmo IV di Lussemburgo Adolfo di Lussemburgo  
 
Adelaide Maria di Anhalt-Dessau  
Carlotta di Lussemburgo  
Maria Anna di Braganza Michele del Portogallo  
 
Adelaide di Löwenstein-Wertheim-Rosenberg  
Enrico di Lussemburgo  
Alberto I del Belgio Filippo del Belgio  
 
Maria di Hohenzollern-Sigmaringen  
Leopoldo III dei Belgi  
Elisabetta di Baviera Carlo Teodoro in Baviera  
 
Maria José di Braganza  
Giuseppina Carlotta del Belgio  
Carlo di Svezia Oscar II di Svezia  
 
Sofia di Nassau  
Astrid di Svezia  
Ingeborg di Danimarca Federico VIII di Danimarca  
 
Luisa di Svezia  
 

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Stendardo di Enrico di Lussemburgo

Onorificenze lussemburghesi[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro e Cavaliere dell'Ordine del Leone d'Oro di Nassau - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Cavaliere dell'Ordine del Leone d'Oro di Nassau
Gran Maestro e Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine militare e civile di Adolfo di Nassau - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine militare e civile di Adolfo di Nassau
Gran Maestro e Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona di Quercia - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona di Quercia
Gran Maestro dell'Ordine al Merito del Granducato di Lussemburgo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito del Granducato di Lussemburgo
Medaglia del giubileo d'argento di Giovanni di Lussemburgo - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del giubileo d'argento di Giovanni di Lussemburgo
— 12 novembre 1989

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Grande Stella dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria) - nastrino per uniforme ordinaria Grande Stella dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria)
— 15 aprile 2013[7]
Gran Cordone dell'Ordine di Leopoldo (Belgio) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Cordone dell'Ordine di Leopoldo (Belgio)
— [8]
Gran Collare dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud (Brasile) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud (Brasile)
— 3 dicembre 2007[9]
Ordine di Amilcare Cabral di I Classe (Capo Verde) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Amilcare Cabral di I Classe (Capo Verde)
— 12 marzo 2015
Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata (Casa Savoia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata (Casa Savoia)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro (Casa Savoia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro (Casa Savoia)
Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca)
— 20 ottobre 2003[10]
Collare dell'Ordine della Croce della Terra Mariana (Estonia) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine della Croce della Terra Mariana (Estonia)
— 5 maggio 2003[11]
Cavaliere di Gran croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
— 6 marzo 2015
Commendatore di Gran Croce con Collare dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce con Collare dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia)
— 24 novembre 2008[12][13]
Classe speciale della Gran Croce dell'Ordine al Merito di Germania (Germania) - nastrino per uniforme ordinaria Classe speciale della Gran Croce dell'Ordine al Merito di Germania (Germania)
— 23 aprile 2012
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Salvatore (Grecia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Salvatore (Grecia)
— 12 luglio 2001[14]
Collare del Supremo ordine del Crisantemo (Giappone) - nastrino per uniforme ordinaria Collare del Supremo ordine del Crisantemo (Giappone)
— 27 novembre 2017[15]
Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia)
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 14 marzo 2003[16][17][18]
Commendatore di Gran Croce con Collare dell'Ordine delle Tre Stelle (Lettonia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce con Collare dell'Ordine delle Tre Stelle (Lettonia)
— 5 dicembre 2006
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Nazionale del Mali (Mali) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Nazionale del Mali (Mali)
— 9 novembre 2005[19]
Cavaliere di Gran Croce con Collare dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav (Norvegia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce con Collare dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav (Norvegia)
— 18 aprile 1996[20]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona (Paesi Bassi)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi (Paesi Bassi)
— 24 aprile 2006[21][22]
Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca (Polonia)
— 30 aprile 2014
Gran Collare dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique (Portogallo)
— 6 maggio 2005
Gran Collare dell'Ordine di San Giacomo della Spada (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine di San Giacomo della Spada (Portogallo)
— 7 settembre 2010
Gran Collare dell'Ordine della Libertà (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine della Libertà (Portogallo)
— 23 maggio 2017[23]
Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine Reale Vittoriano (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine Reale Vittoriano (Regno Unito)
— 1976[24]
Collare dell'Ordine della Stella di Romania (Romania) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine della Stella di Romania (Romania)
— 2004[25]
Cavaliere di Collare dell'Ordine Piano (Santa Sede) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Collare dell'Ordine Piano (Santa Sede)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone (Senegal) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone (Senegal)
— 21 gennaio 2018
Membro di I Classe dell'Ordine della Doppia Croce Bianca (Slovacchia) - nastrino per uniforme ordinaria Membro di I Classe dell'Ordine della Doppia Croce Bianca (Slovacchia)
— 2002[26]
Balì Gran Croce di Onore e di Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM) - nastrino per uniforme ordinaria Balì Gran Croce di Onore e di Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM)
— 7 febbraio 2008[27]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Carlo III (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Carlo III (Spagna)
— 8 luglio 1980[28]
Collare dell'Ordine di Carlo III (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Carlo III (Spagna)
— 11 maggio 2001[29]
Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (Spagna)
— 13 aprile 2007[30][31]
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia)
— 12 settembre 1983[32]
Medaglia commemorativa per il cinquantesimo genetliaco di Carlo XVI Gustavo (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa per il cinquantesimo genetliaco di Carlo XVI Gustavo (Svezia)
— 30 aprile 1996[33]
Ordine di Stato della Repubblica di Turchia (Turchia) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Stato della Repubblica di Turchia (Turchia)
— 19 novembre 2013[34][35]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Michaela K. Bellisario, Scandalo in Lussemburgo: la granduchessa Maria Teresa accusata di spese folli, su iO Donna, 28 gennaio 2020. URL consultato il 1º marzo 2020.
  2. ^ Pari alla somma rivalutata di 300.000 Franchi Lussemburghesi fissata dall'art. 43 della Costituzione lussemburghese, come revisiontato nel 1948.
  3. ^ a b Waringo Jeannot, Représentant spécial du Premier Ministre auprès de la Cour grand-ducale, Rapport sur l’exécution de ma mission comme Représentant spécial du Premier Ministre auprès de la Cour grand-ducale (PDF), 24 gennaio 2020.
  4. ^ (EN) Waringo Report reveals a culture of fear dominates Luxembourg’s Grand Ducal Court, su Royal Central, 31 gennaio 2020. URL consultato il 1º marzo 2020.
  5. ^ (EN) Call for royal shake-up over staff exodus, lack of oversight, su luxtimes.lu. URL consultato il 1º marzo 2020.
  6. ^ (EN) Prosecutor probes royals after reports of violence against staff, su luxtimes.lu. URL consultato il 1º marzo 2020.
  7. ^ Royautes Archiviato il 17 ottobre 2013 in Internet Archive.
  8. ^ Photo with Order of Leopold illustrating an article of "Noblesse et Royautes" website Archiviato il 20 dicembre 2012 in Internet Archive.
  9. ^ DECRETO DE 3 DE DEZEMBRO DE 2007 - website JusBrasil
  10. ^ The royal forums, Grand-Dukes' state visit to Denmark, October 2003 : Photo
  11. ^ Estonian State decorations, 05/05/2003
  12. ^ "Noblesse et Royautés" wesite Archiviato il 10 luglio 2013 in Internet Archive., article with photos of gala dinner
  13. ^ www.gouvernement.lu Archiviato il 24 maggio 2013 in Internet Archive., State visit of President Tarja Halonen in Luxembourg in november 2008 (article in French with photos showing the decorations)
  14. ^ www.gouvernement.lu/ Archiviato il 10 gennaio 2013 in Internet Archive., State visit of President Stephanopoulos in Luxembourg, July 2001
  15. ^ Luxarazzi
  16. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  17. ^ (FR) Noblesse et Royautes Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive., Visita di Stato del Presidente Napolitano in Lussemburgo, febbraio 2009
  18. ^ Immagine
  19. ^ Agency photo taken during the state visit Archiviato il 10 gennaio 2013 in Internet Archive. (French) of Malian President Amadou Toumani Touré in Luxembourg in November 2005.
  20. ^ "Noblesse et Royautes" website Archiviato il 24 agosto 2011 in Internet Archive., State visit of Grand-Dukes in Norway, 30 May - 1 June 2011
  21. ^ "Noblesse et Royautes" website Archiviato il 24 aprile 2012 in Internet Archive., State visit of Queen Beatrix in Luxembourg, 21-23 march 2012
  22. ^ On April 24-26, upon the invitation by HM Queen Beatrix, TRH Grand Duke Henri & Grand Duchess Maria Teresa of Luxembourg will make a State Visit to Netherlands
  23. ^ State visit in Luxembourg
  24. ^ "Noblesse et Royautes" website, William and Catherine's wedding, photos of royal guests
  25. ^ Tabella degli insigniti (XLS), su canord.presidency.ro. URL consultato il 28 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2015).
  26. ^ Slovak republic website, State honours Archiviato il 13 aprile 2016 in Internet Archive. (click on "Holders of the Order of the 1st Class White Double Cross" to see the holders' table) : 1st Class received by Grand-Duke in 2002, i.e. during the state visit Archiviato il 10 gennaio 2013 in Internet Archive. (French) of President Rudolf Schuster in Luxembourg (november 2002).
  27. ^ News Summary
  28. ^ Bollettino Ufficiale di Stato
  29. ^ Bollettino Ufficiale di Stato
  30. ^ Spanish Royal Family website, State visit of Juan Carlos & Sofía in Luxembourg, April 2007 , Photo of the Sovereign couples
  31. ^ Bollettino Ufficiale di Stato
  32. ^ "Noblesse et Royautes" website Archiviato il 23 gennaio 2011 in Internet Archive., Victoria of Sweden's wedding, June 2010
  33. ^ Gettyimages
  34. ^ Grand Duke Henri of Luxembourg at the Çankaya Presidential Palace, Presidency of the Republic of Turkey, 19 novembre 2013. URL consultato il 22 novembre 2013.
  35. ^ Presidency of the Republic of Turkey (Photo)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85360255 · ISNI (EN0000 0000 7878 7799 · GND (DE133500780 · WorldCat Identities (ENviaf-85360255