Ruud Lubbers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ruud Lubbers
Ruud Lubbers 1985.jpg
Ruud Lubbers nel 1985

Primo ministro dei Paesi Bassi
Durata mandato 4 novembre 1982 –
22 agosto 1994
Monarca Beatrice
Predecessore Dries van Agt
Successore Wim Kok

Presidente del Consiglio europeo
Durata mandato 1º luglio 1991 –
31 dicembre 1991
Predecessore Jacques Santer
Successore Aníbal Cavaco Silva

Leader dell'Appello Cristiano Democratico
Durata mandato 25 ottobre 1982 –
29 gennaio 1994
Predecessore Dries van Agt
Successore Elco Brinkman

Ministro degli Affari economici
Durata mandato 11 maggio 1973 –
19 dicembre 1977
Predecessore Harry Langman
Successore Gijs van Aardenne

Alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati
Durata mandato 2001 –
2005
Predecessore Sadako Ogata
Successore António Guterres

Presidente del WWF
Durata mandato 2000
Predecessore Syed Babar Ali
Successore Sara Morrison

Dati generali
Partito politico Appello Cristiano Democratico
Professione Diplomatico
Economista
Imprenditore
Attivista
Professore
Firma Firma di Ruud Lubbers

Ruud Lubbers, all'anagrafe Rudolphus Franciscus Marie Lubbers (Rotterdam, 7 maggio 1939), è un politico olandese, membro dell'Appello Cristiano Democratico e Primo Ministro dal 4 novembre 1982 al 22 agosto 1994.

Nel 1982 è stato nominato primo ministro dei Paesi Bassi con il supporto di una coalizione di centro-destra, poi è diventato il leader politico del CDA. Nel 1989, in seguito alla rottura dell'alleanza di governo, ha formato una grande coalizione con il partito laburista. Considerato di avere un temperamento politico conservatore, è descritto da alcuni come "erede" di Margaret Thatcher. Uno dei suoi più famosi slogan elettorali è "più mercato, meno Stato" ("Meer Markt Minder overheid").

Nel 1994, si è ritirato dalla politica dopo più di undici anni alla guida del paese, che costituì un record di longevità. Nel 1995 si presenta alla carica di Segretario generale della NATO, ma gli Stati Uniti metteranno il loro veto.

Cinque anni più tardi, è stato nominato Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati e si insedierà nel 2001. Compromesso in uno scandalo di molestie sessuali nel 2004, viene finalmente assolto, ma si dimette nel 2005, pochi mesi prima della fine del suo mandato. Nel 2006 e nel 2010, si è mostrato in due missioni d'inchiesta, su richiesta della regina Beatrice.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Lubbers è nato in una famiglia cattolica di imprenditori. Ha frequentato il liceo presso i Gesuiti al Canisius College di Nijmegen e ha studiato dal 1957 al 1962 economia presso la Scuola di Economia olandese di Rotterdam; Si è laureato con lode. Il padre ebbe Hollandia, un laboratorio di costruzione e di ingegneria a Krimpen aan den IJssel, di cui era proprietario. Quando Lubbers anziano morì improvvisamente nel 1963, la guida del business fu presa dai figli Rob e Ruud.

Ruud Lubbers è stato un membro della Catholic Student Association Sanctus Laurentius e divenne presidente dell'allora Unione delle associazioni studentesche cattoliche nei Paesi Bassi. Si è sposato nel 1962 con Ria Hoogeweegen. Ha avuto tre figli: Paolo, Bart e Helen.

Nel 2000 è stato presidente del WWF.

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Ministro degli Affari economici[modifica | modifica wikitesto]

Ruud Lubbers come Ministro degli Affari economici nel 1973.

Membro del Partito Cattolico Popolare (KVP) dal 1964, l'11 maggio 1973 è stato nominato ministro degli affari economici nel grande governo di coalizione guidato dal primo ministro del Lavoro Joop den Uyl.

Durante il suo mandato, egli ottiene il mantenimento della disponibilità di petrolio nel paese dai paesi arabi, e viene approvata una legge che dà il controllo del governo sui prezzi e i salari. Inoltre promuove gli investimenti, l'adozione di misure per ristrutturare il settore e offre una nuova politica energetica includendo il garantire la sicurezza di approvvigionamento del paese.

Salita e potere[modifica | modifica wikitesto]

È stato eletto alle elezioni nella Seconda Camera del 25 maggio 1977.

Prende possesso del suo mandato il 22 dicembre, a seguito della formazione di un governo di centro-destra con il cristiano democratico Dries van Agt, che non partecipa. Il 7 novembre 1978 succede a Willem Aantjes come presidente del CDA, quest'ultimo costretto a dimettersi dopo le accuse sul suo comportamento durante la Seconda guerra mondiale.

Nelle elezioni dell'8 settembre 1982, il CDA ottiene il 29,3% dei voti e 45 deputati, un punto e due posti in meno sul lavoro. Anche se i cristiano-democratici sono in grado di formare una coalizione di maggioranza, van Agt si rifiuta di eseguire un nuovo mandato. Il partito sceglie Lubbers a succedergli. Questo imposta la maggioranza con il Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia (VVD), che a sua volta ottiene 36 deputati.

Primo ministro (1982-1994)[modifica | modifica wikitesto]

Coalizione di centro destra[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 novembre è stato nominato primo ministro dei Paesi Bassi. Nel giorno del suo insediamento, è il più giovane capo del governo olandese, essendo a soli 43 anni.

Il suo governo ha poi proceduto a tagli profondi del bilancio, in particolare nel campo della salute, dell'istruzione e della protezione sociale, consentendo una drastica riduzione del deficit pubblico. Ha anche guidato la privatizzazione delle telecomunicazioni, postali, ferrovie e altre aziende pubbliche, riducendo le tasse e la durata del tempo di lavoro.

Nel 1984, dopo la visita di un anno precedente negli Stati Uniti e il suo incontro con Ronald Reagan, è d'accordo che la NATO possa dispiegare missili da crociera nei Paesi Bassi, in quanto parte della crisi dei missili europei arriva con un conseguente grande manifestazione a L'Aia. Nello stesso anno, ha partecipato all'epilogo della crisi derivante dalla domanda presentata da Margaret Thatcher per ottenere uno sconto sul contributo del Regno Unito al bilancio dell'UE, sigillato l'accordo al Consiglio europeo di Fontainebleau.

Egli ha inoltre visitato l'URSS nel 1986, al fine di discutere sul disarmo, e ha esortato l'evoluzione istituzionale di Aruba e le Antille olandesi.

Le elezioni legislative del 21 maggio 1986 sono un trionfo per Ruud Lubbers: il CDA progredisce al 34,6% dei voti e 54 seggi, un record che accade tre anni più tardi. Due posti a sedere, si avvale del Partito del Lavoro (PvdA). I liberali ottengono solo 27 deputati, la distanza tra le due parti aumenta di maggioranza da 9 a 27 deputati. Insieme il 14 luglio formano un nuovo governo.

Il 3 maggio 1989, il governo si dimette e prevede nuove elezioni il 6 settembre. Il VVD ha infatti rifiutato di sostenere il finanziamento del piano ambientale nazionale, che prevedeva un aumento dei prezzi del carburante dalla rimozione di un vantaggio fiscale.

La grande coalizione[modifica | modifica wikitesto]

Il giorno delle elezioni, i Democratici-cristiani hanno vinto il 35,3% dei voti e hanno ottenuto 54 deputati. I liberali che hanno ottenuto il 14,6% dei voti, hanno più di 22 parlamentari. Il rinnovo della maggioranza uscente è troppo rischiosa, Lubbers si rivolge al PvdA, che contiene 49 posti. 7 novembre 1989, dopo soli due mesi di trattative, il governo Lubbers III entra in carica. Il leader laburista Wim Kok detiene la carica di Vice Primo Ministro e Ministro delle Finanze.

Il nuovo governo ha avuto particolare attenzione nel garantire la ripresa dell'economia, appesantita dal calo della crescita e l'aumento della disoccupazione, che lo ha portato ad adottare una politica di rigore di bilancio e di revisione del sistema di disabilità del lavoro per promuovere un ritorno al lavoro.

Il 1990 è ricco nel campo diplomatico in quanto i Paesi Bassi annullano la loro partecipazione alla guerra del Golfo, promuovendo il coordinamento delle politiche energetiche dei membri della Comunità economica europea e ripristinando le loro relazioni con il Sudafrica, dove ha avuto inizio lo smantellamento del regime di apartheid. Un anno dopo, i membri della CEE firmano il Trattato di Maastricht sull'Unione europea, che rafforza i legami politici.

Il 4 ottobre 1992 Lubbers affronta lo schianto del volo El Al 1862 nel comune di Bijlmermeer, un sobborgo di Amsterdam.

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Attività ecologiche[modifica | modifica wikitesto]

A seguito del Summit sulla Terra nel 1992, Lubbers si è impegnato con l'iniziativa Carta della Terra in collaborazione con Mikhail Gorbachev e Maurice Strong. Il documento della Carta della Terra è stato lanciato nel Palazzo della Pace a L'Aia nel giugno 2000. Lubbers è un membro attivo della Commissione internazionale della Carta della Terra che si estende, in particolare alla gioventù in Olanda, con il messaggio della Carta della Terra per una strategia sostenibile e un Mondo pacifico.

Accademico[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1995 al 2000 insegna Studi sulla Globalizzazione presso l'Università Tilburg nei Paesi Bassi e presso la John F. Kennedy School of Government presso la Harvard University negli Stati Uniti. È stato anche vicepresidente della Commissione Mondiale Indipendente sugli Oceani e presidente di Globus, l'Istituto per la Globalizzazione e lo Sviluppo con sede a Tilburg.

Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine dell'anno 2000, Lubbers è stato nominato dal segretario generale delle Nazioni Unite Kofi Annan succedendo a Sadako Ogata come alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR).

A partire dal 1º gennaio 2001, Lubbers ha guidato l'UNHCR, che ha costituito oltre 5.000 dipendenti che lavorano in tutto il mondo, e che riguarda circa 21 milioni di profughi e sfollati internamente in oltre 120 paesi in tutto il mondo. Durante il suo mandato, il numero dei rifugiati in tutto il mondo è diminuito di quasi il 22%, passando da 21,8 milioni nel 2001 a quasi 17,1 milioni all'inizio del 2004.

Lubbers ha anche favorito una politica generosa di rifugiati per i Paesi Bassi e critica la Legge sui cittadini stranieri (Vreemdelingenwet). Ha anche stabilizzato la situazione finanziaria dell'UNHCR e ha aumentato notevolmente i mezzi finanziari per il ricovero dei rifugiati

Ogni anno ha donato circa 300.000 dollari all'agenzia rifugiati da quando ha assunto la sua carica nel 2001, coprendo quindi il proprio stipendio e le spese di viaggio annuali di 167.000 dollari.

Informatore[modifica | modifica wikitesto]

Ruud Lubbers nel 2016.

Dopo la caduta del Governo Balkenende II, Lubbers è diventato l'informatore per la formazione del Governo Balkenende III.

Per la formazione del governo olandese del 2010, dopo incontri di coalizione tra il Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia, il Partito del Lavoro, i Democratici 66 e Sinistra Verde che non hanno costituito un nuovo governo viola, è stato nuovamente chiesto a Lubbers di diventare Informatore cercando la possibilità di una nuova coalizione.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi
— 11 aprile 1978
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi
— 8 ottobre 1994

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Samen onderweg, 1991
  • Geloof in de samenleving: christen-democratie in drie generaties: Ruijs, Klompé, Lubbers, 1998
  • Vluchtelingen in onze tijd, mijn hart voor vluchtelingen, 2005
  • De vrees voorbij: een hartenkreet/Ruud Lubbers in gesprek met Carolina Lo Galbo, 2007

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Alto Commissario dell'ONU per i Rifugiati Successore
Sadako Ogata 2001 - 2005 António Guterres
Predecessore Presidente del WWF Successore WWF logo.svg
Syed Babar Ali 2000 Sara Morrison
Predecessore Primo ministro dei Paesi Bassi Successore State coat of arms of the Netherlands.svg
Dries van Agt 4 novembre 1982 - 22 agosto 1994 Wim Kok
Predecessore Presidente del Consiglio europeo Successore Flag of Europe.svg
Jacques Santer luglio - dicembre 1991 Aníbal Cavaco Silva
Predecessore Leader dell'Appello Cristiano Democratico Successore Christen Democratisch Appèl (nl) Logo.svg
Dries van Agt 25 ottobre 1982 - 29 gennaio 1994 Elco Brinkman
Predecessore Ministro degli Affari economici Successore Ministerie van Economische Zaken Logo.png
Harry Langman 11 maggio 1973 - 19 dicembre 1977 Gijs van Aardenne
Controllo di autorità VIAF: (EN57419700 · ISNI: (EN0000 0001 0975 7489 · LCCN: (ENn80062478 · GND: (DE119207613