Portale:Ecologia e ambiente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Portale dell'Ecologia e dell'Ambiente
Sunflower d1.png

L'ecologia (dal greco oikos che vuol dire casa o ambiente) è la disciplina che studia la biosfera, ossia la porzione della Terra in cui è presente la vita e le cui caratteristiche sono determinate dall'interazione degli organismi tra loro e con i fattori abiotici. Il termine fu coniato dal biologo tedesco Ernst Haeckel nel 1866 (dal greco οικια = casa e λογος = studio) Una porzione di biosfera delimitata naturalmente costituisce un ecosistema. Ecosistemi di livello inferiore possono essere contenuti in ecosistemi più ampi: la biosfera è quindi il massimo ecosistema.

Terra.png

Per ambiente naturale si intende normalmente l'insieme dei fattori che influenzano gli esseri viventi, spontaneamente regolati dal corso della natura, in contrasto con altri ambienti o milieu "non naturali" in quanto creati dall'uomo (si veda ambiente costruito).

Il termine non è inteso solo come ambiente biologico come definito dalla scienza dell'ecologia, ma sottintende un insieme di fattori ambientalistici, politici, sociali e filosofici che implicano la salvaguardia ambientale mediante la protezione degli animali, la riduzione dell'inquinamento, la promozione delle energie rinnovabili e dello sviluppo sostenibile, la salvaguardia delle risorse naturali e degli ecosistemi, la promozione di aree naturali protette.


Tutte le voci di Ecologia e Ambiente | Special.png Notizie sull'ambiente
Coordinamento: Progetto Ecologia | Progetto Aree protette | Progetto Biologia
Portali collegati: Portale:Biologia | Portale:Botanica | Portale:Energia | Portale:Trasporti


Cartella verde.jpg
Sunflower d1.png
In evidenza
Distribuzione delle aree a clima mediterraneo

Gli ecosistemi mediterranei sono riconducibili ai biomi di alcune regioni della fascia temperata calda il cui clima è marcatamente condizionato dall'influenza dell'oceano. L'aspetto più rilevante di un clima di tipo mediterraneo s'identifica in un'alternanza stagionale definita congiuntamente da una distribuzione non omogenea delle precipitazioni e dall'effetto mitigante delle correnti oceaniche sul regime termico.

Un clima di tipo mediterraneo è caratterizzato dai seguenti elementi:

  • inverno mite, con temperature minime che raramente scendono sotto i 0 °C;
  • estate calda ma non torrida, con temperature massime inferiori ai 50 °C;
  • piovosità variabile da valori inferiori ai 250 ai 1300 mm annui;
  • piovosità scarsa o assente per almeno 3 mesi nel corso dell'anno, in corrispondenza della stagione estiva;
  • massimi di piovosità in corrispondenza dei mesi invernali.

In definitiva, un clima mediterraneo è caratterizzato da inverni miti e piovosi e da estati calde e siccitose.


Leggi tutta la voce...

Pix.gif

Cartella verde.jpg
Sunflower d1.png
Biografia
Johnny Appleseed, Harper's Magazine, 1871

John Chapman (26 settembre 177411 marzo 1847) fu un pioniere statunitense ed un devoto missionario della chiesa neo-cristiana fondata dallo scienziato e teologo svedese Emanuel Swedenborg, che indicava come scopo supremo per l'uomo l'unione mistica con Dio, da raggiungersi attraverso l'amore e la saggezza.

Egli divenne noto come Johnny Appleseed (italianizzato in Giovannino Semedimela) a causa della sua abitudine di piantare meli.

Nato a Leominster, nel Massachusetts, divenne famoso quando era ancora in vita ed è considerato uno dei precursori dell'attivismo ambientalista ed ecologista.

Dagli inizi dell'800 cominciò ad esplorare le regioni selvagge del west statunitense piantando, lungo il cammino, migliaia di semi di mele che si era procurato in Pennsylvania, presso i produttori di sidro. Da allora in poi spese l'intera vita prendendosi cura degli alberi da lui stesso piantati su un territorio vastissimo di centinaia di chilometri quadrati, oggi compreso nei confini degli stati dell'Ohio, dell'Indiana e dell'Illinois. Le mele di quegli alberi non erano come quelle che conosciamo oggi, prodotte per innesto, ma erano piccoli frutti a quei tempi utilizzati soprattutto per la produzione di sidro e di un suo derivato chiamato "applejack".

Leggi tutta la voce...

Pix.gif

Cartella verde.jpg
Sunflower d1.png
Immagini


Commons-logo.svg Vedi altre immagini di Ambiente ed Ecologia
Visita Commons, l'archivio multimediale libero
Pix.gif

Cartella verde.jpg
Sunflower d1.png
Indice tematico

Ecologia : Autoecologia | Sinecologia | Ecosistema | Biotopo | Biocenosi | Habitat | Bioma | Nicchia ecologica | Fattori ambientali | Biodiversità

Ambiente : Aree naturali protette | Inquinamento | Gestione dei rifiuti | Riscaldamento globale | Protocollo di Kyōto | Carta della Terra | Risparmio energetico | Energie rinnovabili | Sviluppo sostenibile | G8 Ambiente | Carta di Siracusa sulla Biodiversità

Scienze correlate : Biologia | Scienze ambientali | Scienze naturali | Scienze della Terra | Climatologia | Chimica ambientale | Chimica verde

Organismi Internazionali per la tutela dell'Ambiente : Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente (UNEP) | Convenzione sulla diversità biologica (CBD) | Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) | Convenzione contro la desertificazione (UNCCD)| Summit della Terra (WSSD) | Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) | WWF | Greenpeace

Pix.gif

Cartella verde.jpg
Sunflower d1.png
Sapevi che...
Sapevi che...
La Diga delle Tre Gole in Cina è la più grande centrale idroelettrica al mondo.
L'EROI dell'energia idroelettrica è ampiamente superiore a 50 e quindi fra i più convenienti energeticamente.

Il ritorno energetico sull'investimento energetico, più comunemente noto come EROEI (o EROI), acronimo inglese di Energy Returned On Energy Invested (o Energy Return On Investment) ovvero energia ricavata su energia consumata, è un coefficiente che riferito a una data fonte di energia ne indica la sua convenienza in termini di resa energetica.

Matematicamente è il rapporto tra l'energia ricavata e tutta l'energia spesa per arrivare al suo ottenimento. Ne risulta che una fonte energetica con un EROEI inferiore ad 1 sia energeticamente in perdita. Fonti energetiche che presentano un EROEI minore di 1 non possono essere considerate fonti primarie di energia poiché per il loro sfruttamento si spende più energia di quanta se ne ricavi. L'EROEI si rivela un parametro fondamentale per valutare, comparare e operare scelte strategiche di approvvigionamento fra le diverse fonti energetiche.

Pix.gif


«Troverai più nei boschi che nei libri. Gli alberi e le rocce ti insegneranno cose che nessun maestro ti dirà» - (Bernardo di Chiaravalle)