ING Groep

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da ING Group)
ING Groep N.V.
Logo
INGHouse1.jpg
La sede principale
StatoPaesi Bassi Paesi Bassi
Forma societariaNaamloze Vennootschap
Borse valori Borsa Italiana: INGA
Euronext: INGA
NYSE: ING
ISINNL0000303600
Fondazione1991
Sede principaleAmsterdam
Persone chiaveAD: Ralph Hamers dal 1/10/2013 (precedentemente Jan Hommen)
SettoreFinanza
ProdottiServizi bancari, gestione dei beni
Fatturato17,705 miliardi di (2017)
Utile netto4,957 miliardi di (2017)
Dipendenti51.546 (2016)
Sito web

ING Groep N.V., conosciuto anche come ING Group, è un gruppo bancario olandese. ING è la sigla di Internationale Nederlanden Groep.

È quotato al New York Stock Exchange (NYSE) ed all'Euronext.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo ING trae origine da due compagnie assicurative olandesi, nonché dall'attività bancaria dello stato olandese.

La Nationale-Nederlanden[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1845 venne fondata la compagnia assicurativa Assurantie Maatschappij tegen Brandschade de Nederlanden van 1845 ("Società assicuratrice contro gli incendi dei Paesi Bassi dal 1845"), che crebbe e divenne la prima compagnia assicurativa olandese con filiali all'estero (erano 139 nel 1900). Successivamente cambiò nome in De Nederlanden van 1845.

Due decenni dopo, nel 1863, fu fondata a Rotterdam la Nationale Levensverzekerings Bank ("Banca nazionale di assicurazioni sulla vita").

Queste due compagnie ne acquisirono varie altre, prima di fondersi fra loro per costituire la Nationale-Nederlanden nel 1963. La nuova impresa continuò ad espandersi considerevolmente negli anni Settanta e Ottanta[1].

Il NMB Postbank Groep[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1881 il governo olandese costituì la Rijkspostspaarbank ("Banca di risparmio delle poste nazionali"), una cassa di risparmio postale nata per incoraggiare i lavoratori a risparmiare. Quarant'anni dopo aggiunse i servizi Postcheque e Girodienst per permettere alle famiglie operaie di effettuare pagamenti attraverso gli uffici postali.

Nel 1927 il governo olandese iniziò una riorganizzazione del sistema bancario, che terminò con la fondazione della Nederlandsche Middenstands Bank ("Banca olandese per le piccole e medie imprese"), che era una banca ordinaria operante nei Paesi Bassi e all'estero.

Nel 1986 l'attività bancaria degli uffici postali fu privatizzata con il nome di Postbank, che tre anni dopo si fuse con la Nederlandsche Middenstands Bank per dar vita al NMB Postbank Groep.

L’ING Groep[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1991 l'attività bancaria del gruppo NMB Postbank e quella assicurativa della Nationale-Nederlanden si unirono, dando vita all' ING Group, anche grazie a modifiche legislative che permettevano a banche ed assicurazioni di operare insieme.

La Società si espanse rapidamente a livello mondiale attraverso acquisizioni negli Stati Uniti, in Polonia, in Germania, in Corea, in Cile. Fra le acquisizioni più prestigiose ci furono le banche d'affari Barings, in stato d'insolvenza, Banque Bruxelles Lambert e BHF-Bank.

Nel 2005 ING era divenuto il quarto gruppo finaziario europeo: le assicurazioni rappresentavano il 60% della sua attività e la banca il 40%. Il gruppo era presente in 50 paesi, contava più di 120.000 dipendenti, 75 milioni di clienti e gestiva quasi 600 miliardi di euro di raccolta.

La crisi[modifica | modifica wikitesto]

Per fronteggiare la crisi del 2008 il gruppo ING, insieme a tutte le altre grandi banche dei Paesi Bassi, ha ricevuto un apporto di capitale dal governo olandese. ING ricevette un'iniezione di liquidità di 10 miliardi di euro da parte del governo olandese, il ché significava una parziale nazionalizzazione.Questo sostegno ha aumentato il coefficiente patrimoniale di ING al di sopra dell'8%, tuttavia come condizione per gli aiuti di stato olandesi secondo le disposizioni della Commissione europea, dovette disfarsi di un certo numero di attività[2].Negli anni successivi ING ha dismesso partecipazioni in Canada, Regno Unito[3], Hong Kong, Macao, Malesia[2], Cina, Corea del Sud[4].

Cessioni dopo la crisi finanziaria

  • ING Canada
  • ING Insurance Australia / Nuova Zelanda
  • ING Private Banking Svizzera
  • ING Private Banking Asia
  • ING Reinsurance USA
  • Fondo industriale del Vertice ING
  • ING Real Estate Manager "REIM"
  • ING Direct USA
  • ING Insurance America Latina
  • Vendita di tre broker statunitensi
  • 5% di partecipazione in Fuban Financial
  • ING Direct Canada
  • ING Direct UK Regno Unito

Scissione ramo assicurativo[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 2009 è stato annunciato che il ramo assicurativo sarebbe stato scisso dal gruppo ING.

Il 1 ° marzo 2014 le attività assicurative sono state raggruppate in NN Group .

Nell'aprile 2016, il gruppo ING ha venduto le ultime azioni del gruppo NN ed è attivo esclusivamente con attività bancarie.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Offre servizi bancari (ING Direct NV) e di gestione patrimoniale.

ING Group era il maggiore gruppo finanziario al mondo e si collocava in 7ª posizione nella classifica delle 500 maggiori società al mondo pubblicata da Fortune nel 2007(fonte Fortune, dati 2007).

In Italia opera attraverso ING Direct

Il gruppo ING è presente nei seguenti paesi:

  • Australia
  • Belgio
  • Brasile
  • Bulgaria
  • porcellana
  • Germania
  • Francia
  • Grecia
  • Gran Bretagna
  • Hong Kong
  • India
  • Indonesia
  • Italia
  • Giappone
  • Canada
  • Kazakistan
  • Lussemburgo
  • Messico
  • Mongolia
  • Paesi Bassi
  • Austria
  • Filippine
  • Polonia
  • Romania
  • Russia
  • Svizzera
  • Singapore
  • Slovacchia
  • Spagna
  • Corea del Sud
  • Taiwan
  • Thailandia
  • Turchia
  • Repubblica Ceca
  • Ungheria
  • Ucraina
  • Emirati Arabi Uniti
  • Stati Uniti
  • Bielorussia

Presenza con filiali bancarie

  • ING (Paesi Bassi)
  • ING Bank Śląski (Polonia)
  • ING Bank Evrazija (Russia)
  • ING Belgium SA / NV (Belgio)
  • ING Romania (Romania)
  • Record Bank (Belgio)
  • ING Bank Türkiye (Turchia)
  • ING Luxembourg SA (Lussemburgo)
  • Banca TMB (Tailandia)
  • ING Vysyabank (India)

Online Banking

  • ING-DiBa (Germania, Austria)
  • ING Direct Australia (Australia)
  • ING Direct France (Francia)
  • ING Direct Spain (Spagna)
  • ING Direct Italy (Italia)

ING Direct numero clienti[modifica | modifica wikitesto]

Anno Numero di clienti
2016 35 milioni
2010 23 milioni
2008 19 milioni
2005 6 milioni
2004 11,5 milioni
2003 8,5 milioni
2002 5 milioni
2001 2,6 milioni
2000 800mila
1999 300mila
Ing Direct nel mondo[modifica | modifica wikitesto]
Ing Direct nel mondo
Stato Anno apertura filiale
Canada 1997
Australia 1999
Spagna 1999
Stati Uniti 2000
Francia 2000
Italia 2001
Regno Unito 2003
Germania 2004
Austria 2005

Sponsorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 ottobre 2006 la scuderia F1 Renault rinnova ING come sponsor principale. Nella stagione Formula 1 2007 ING era anche nome ufficiale del circuito di Australia e del Belgio. Il 16 febbraio 2009 ha annunciato che per la crisi globale nel 2010, anno della fine del contratto con la Renault, non sponsorizzerà più la scuderia di formula 1. In data 25/09/2009 il gruppo ha annunciato l'abbandono dello sponsor con effetto immediato, al seguito dello scandalo che ha visto coinvolta la scuderia nel GP di Singapore, poiché in netto contrasto con i princìpi di Business Principle del Gruppo.

Azionisti[modifica | modifica wikitesto]

Fonte: euronext.com

[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2003 il gruppo ING è main sponsor della Maratona di New York. Il gruppo è inoltre sponsor del Rijksmuseum di Amsterdam e del Museum of Modern Art di New York. Il gruppo creditizio olandese ha siglato, nel 2005, un contratto di sponsorizzazione con la scuderia Renault F1 di Formula 1. Alla fine della stagione 2009 l'azienda ha concluso la collaborazione: i motivi di questa decisione sono legati agli oneri troppo elevati per rinnovare annualmente la propria presenza nel circus di Bernie Ecclestone e la crisi economica che obbliga tutte le banche a ridurre i costi di iniziative di marketing. In seguito alla condanna espressa dal Consiglio Mondiale della FIA, ING Direct decide di interrompere immediatamente il suo rapporto di sponsorizzazione senza attendere la fine del campionato.[5].

ING Direct in Italia[modifica | modifica wikitesto]

ING Direct è presente in Italia dal 2001, anno in cui ha lanciato il conto di deposito Conto Arancio. La sede italiana è situata a Milano, viale Fulvio Testi 250. In Italia nel 2012 i dipendenti erano 700 e il fatturato 23 miliardi di euro. Ad oggi l'offerta di prodotti si è arricchita e comprende: Conto corrente Arancio, mutui per acquisto e sostituzione, fondi d'investimento, assicurazione e prestiti. Tutti i prodotti di ING Direct sono gestiti direttamente online o telefonicamente. Altre modalità di accesso alla banca sono tramite smartphone, attraverso il sito mobile (m.ingdirect.it) e, da gennaio 2013, tramite l'applicazione per iPhone e Android. ING Direct Italia è presente anche sul territorio nazionale con 16 filiali, la prima inaugurata il 19 settembre 2011[6]. Inoltre, sono stati aperti complessivamente 24 Punti Arancio in vari centri commerciali d'Italia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The history of ING, ING Group, 29 marzo 2011. (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2012).
  2. ^ a b ING poursuit sa restructuration et son désengagement d'Asie, Échos. URL consultato il 19 ottobre 2012.
  3. ^ ING poursuit sa restructuration et son désengagement d'Asie, Échos. URL consultato il 19 ottobre 2012.
  4. ^ ING poursuit en Corée du Sud les cessions exigées par Bruxelles pour son sauvetage, La Tribune, 27 agosto 2013.
  5. ^ ING e Renault si separano, it.f1-live.com, 25 settembre 2009. URL consultato il 25 settembre 2009.
  6. ^ Dentro la zucca – Al via le filiali ING Direct

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN172150645 · ISNI (EN0000 0004 0421 8859 · GND (DE5343995-8
Aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende