AkzoNobel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
AkzoNobel N.V.
Stato Paesi Bassi Paesi Bassi
Tipo Naamloze Vennootschap
Borse valori Euronext: AKZA
ISIN NL0000009132
Fondazione 1994
Sede principale Amsterdam
Persone chiave Ton Büchner - CEO
Settore Chimico
Prodotti Vernici e prodotti chimici
Dipendenti 49.560[1]
Sito web

La AkzoNobel è una multinazionale olandese, specializzata nella produzione di vernici e altri prodotti chimici. È attiva in più di 80 paesi e conta circa 50.000 impiegati. Nel 2013 le vendite hanno registrato circa 14.6 miliardi di euro. Il CEO di Akzonobel è Ton Büchner.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1969 si ha la formazione della AKZO. Con l'acquisizione di Astral da parte di Akzo, nel 1970, l'azienda olandese inizia una penetrazione del campo della produzione di vernici per incorporazioni progressive. La prima azienda storica a passare di mano, trovandosi già nel portafogli Astral, è la Vercolac di Milano. [2] [3] Negli anni settanta ed ottanta la AkzoNobel incorporerà altre imprese italiane della chimica, fra le quali la Tecnomax.

Nel 1994, fondendosi con Nobel, darà luogo ad Akzonobel.

A partire dal 2008 controlla la Imperial Chemical Industries, assumendo la nuova denominazione AkzoNobel.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AkzoNobel Report 2013 (PDF), AkzoNobel. URL consultato il 26 febbraio 2014.
  2. ^ https://bib.kuleuven.be/files/ebib/jaarverslagen/Akzo_1973.pdf
  3. ^ https://bib.kuleuven.be/files/ebib/jaarverslagen/Akzo_1971.pdf

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN149734724 · ISNI: (EN0000 0001 2337 3756 · BNF: (FRcb12543700s (data)
Aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende