Portale:Socialismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Portale Socialismo
modifica
Red flag II.svg

Benvenuto nel Portale:Socialismo, punto di partenza per trovare facilmente le voci riguardanti tutti gli aspetti del socialismo come il riformismo o la socialdemocrazia, i partiti, la storia del socialismo, le persone legate a questa ideologia.

Voce della settimana

François Maurice Adrien Marie Mitterrand (Jarnac, 26 ottobre 1916 – Parigi, 8 gennaio 1996) è stato un politico e funzionario francese.

È stato presidente della Repubblica francese dal 21 maggio 1981 al 17 maggio 1988 e poi, rieletto per un secondo mandato, fino al 17 maggio 1995.

Dal suo matrimonio nel 1944 con Danielle Émilienne Isabelle Gouze, presidentessa della Fondation France-Libertés, ha avuto tre figli: Pascal (luglio 1945 - settembre 1945), Jean-Christophe (1946) e Gilbert (1949), sindaco di Libourne, ed ex-deputato della Gironda. Dalla sua relazione extra-coniugale con Anne Pingeot, conservatrice nei musei statali, ha avuto nel 1974 la figlia Mazarine Pingeot, scrittrice.

François Mitterrand è lo zio di Frédéric Mitterrand. La sorella della moglie Danielle è la produttrice Christine Gouze-Rénal, che ha sposato l'attore Roger Hanin molto attivo in Italia negli anni cinquanta e sessanta.

Il padre, capostazione, una volta lasciate le ferrovie rilevò l'attività imprenditoriale messa in piedi dal suocero e divenne produttore di aceto (fu anche presidente di una federazione sindacale di produttori). Il giovane Mitterrand cresce in un ambiente provinciale e borghese, di solide tradizioni cattoliche e tradizionaliste. Fino alla prigionia, sarà un cattolico praticante.

François Mitterrand svolge dal 1925 al 1934 i suoi studi medi e superiori al collège Saint-Paul di Angoulême, quindi si trasferisce a Parigi presso l'Istituto dei padri Maristi a rue de Vaugirard, e si laurea in legge e in scienze politiche nel luglio 1937. È un lettore insaziabile, e alla sua passione per gli scrittori dal XVI al XIX secolo e per i saggi storici si aggiunge ben presto uno sviscerato amore per i libri d'antiquariato, cui fino alla fine dei suoi giorni sarà grande collezionista.

Tra il 1935 e il 1936 milita con i volontari nazionali del tenente colonnello De La Rocque. Non lo segue però nell'avventura del Parti social français, il primo partito di massa di destra in Francia, e si dice "costernato" quando ascolta i suoi discorsi. Svolge tra il 1937 e il 1939 il servizio militare nella fanteria coloniale. Nel settembre 1939, all'inizio della Seconda guerra mondiale, è nominato sergente e viene inviato sulla linea Maginot in prossimità di Montmédy.

Il 14 giugno 1940, dopo essere stato ferito, è fatto prigioniero. Durante la permanenza nei campi di prigionia, in particolare lo Stalag IXA situato a Ziegenhain (oggi Trutzhain, frazione del comune di Schwalmstadt vicino a Kassel, in Germania) le sue posizioni politiche evolvono in seguito ai suoi incontri con prigionieri di ogni classe sociale, e con una organizzazione interna al campo molto diversa da quanto poteva aver visto in gioventù. Dopo due tentativi falliti di evasione, in marzo e novembre 1941, riesce infine ad evadere il 10 dicembre 1941 e ritorna in Francia, stabilendosi nella zona non occupata.

Lavora, non come funzionario ma con un contratto a tempo determinato, per la nuova forma di Stato che ha sede a Vichy. Da gennaio ad aprile 1942 presso la Légion française des combattants et des volontaires de la révolution nationale, e dal giugno 1942 al Commissariato per il reinquadramento dei prigionieri di guerra, dal quale si dimetterà nel gennaio 1943.In un'intervista televisiva del 1994, Mitterrand affermò di aver creduto in un primo momento, come altri francesi, che esistesse un accordo segreto tra Pétain e De Gaulle. Nella stessa occasione, sostenne di essere stato a lungo convinto che le leggi antisemite varate dal governo di Vichy riguardassero i soli ebrei stranieri.

Continua...

Argomenti
Portali collegati
Voci in altri progetti
Collabora a CommonsCommonscontiene immagini o altri file su Portale:Socialismo Collabora a WikizionarioWikizionariocontiene il lemma di dizionario «Portale:Socialismo»
Voci in vetrina
Immagine della Settimana
Giuseppe Saragat, promotore della "Scissione di Palazzo Barberini" e leader della socialdemocrazia italiana. Le sue intuizioni e la sua lungimiranza hanno dato un contributo considerevole alla sconfitta delle sinistre filo-sovietiche nel 1948 e quindi alla collocazione dell'Italia nello schieramento liberal-democratico ed occidentale della politica internazionale. La strada da lui imboccata nel 1947, quella della sinistra riformista, verrà seguita poi dal resto dei socialisti negli anni '50 e dai comunisti negli anni '90.
Giuseppe Saragat.jpg
Categorie
Partiti d'area
Personalità