Gollismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Charles de Gaulle, nella sua uniforme da generale.

Il gollismo (meno comunemente gaullismo[1]; in francese gaullisme), è la dottrina politica che trae ispirazione dall'azione politica di Charles de Gaulle, nonostante il termine fosse contestato dal suo ispiratore. Originato dalla crisi della vita parlamentare durante la IV Repubblica francese, il gollismo si è caratterizzato in politica estera come opposizione al sistema mondiale fondato sull’equilibrio delle due superpotenze USA e URSS, in nome di un rinnovato nazionalismo francese, non privo di aspirazioni europeistiche. In politica interna, il gollismo ha messo l’accento sul rafforzamento dell’esecutivo e sulla sfiducia verso i partiti tradizionali; ha cercato inoltre di elaborare una concezione dei rapporti sociali ed economici incentrato sulla ‘partecipazione’ delle forze produttive alla gestione economica e politica del paese.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I movimenti politici gollisti hanno avuto vari nomi nel corso degli anni:

Componenti[modifica | modifica wikitesto]

All'interno del gollismo si distinguono delle correnti:

Si può tuttavia ragionevolmente affermare che la quarta corrente è allo stato attuale inesistente. È la prima corrente ad esercitare inequivocabilmente un ruolo di maggioranza, appoggiata dalla terza e, naturalmente, dalla discreta presenza della seconda.

Sarkozismo[modifica | modifica wikitesto]

L'ascesa alla guida del movimento neogollista di Nicolas Sarkozy ha spazzato le tradizionali componenti interne, associando ideologia e agenda politica alla tradizione gollista, unendovi però riformismo e apertura alla società. Così i valori fondanti sono il partito-nazione, l'etica del lavoro, l'apertura al volontariato, e secondo alcuni politologi, il ritorno a una certa dose di culto della personalità[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gollismo, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato l'11 novembre 2015.
  2. ^ http://www.lepoint.fr/actualites-politique/2007-05-10/qu-est-ce-que-le-sarkozysme/917/0/182519

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Choisel, Francis , Bonapartisme et gaullisme, Paris, Albatros, 1987.
  • Touchard, Jean, Le gaullisme (1940-1969), Paris, Seuil, coll. Points Histoire.1978.