Trattato di fusione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il trattato di fusione (nome convenzionale con il quale è noto il trattato che istituisce un consiglio unico ed una commissione unica delle Comunità europee) firmato a Bruxelles l'8 aprile 1965 e entrato in vigore il 1º luglio 1967 è il trattato europeo che ha compattato la struttura organizzativa delle tre comunità europee esistenti all'epoca - Comunità europea (CEE), Comunità europea del carbone e dell'acciaio (CECA), Comunità europea dell'energia atomica (CEEA) - istituendo una commissione ed un consiglio delle comunità europee unici. Le tre comunità da questo momento condividono lo stesso bilancio.

Il termine "comunità europee" entrò nell'uso proprio a partire dalla stipula di tale trattato. È stato abrogato dal trattato di Amsterdam del 1997 che ne comprende le disposizioni.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Unione europea - Trattati, Istituzioni, storia dell'integrazione europea
1951-52 1957-58 1965-67 1986-87 1992-93 1997-99 2001-03 2007-09
Comunità europea del carbone e dell'acciaio (CECA)
Comunità europea dell'energia atomica (CEEA o Euratom)
Comunità economica europea (CEE) Comunità europea (CE)
Comunità europee: CECA, CEEA, CEE Giustizia e
affari interni
(GAI)
 
Cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale (GAI)
Politica estera e di
sicurezza comune
(PESC)
U N I O N E   E U R O P E A   (U E)
Trattato di
Parigi
Trattati di
Roma
Trattato di
fusione
Atto unico
europeo
Trattato di
Maastricht
Trattato di
Amsterdam
Trattato di
Nizza
Trattato di
Lisbona