Europa Federale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il concetto di Europa federale esprime una posizione politica che mira ad una federazione di stati che comprenda l'intera Europa. Fin dagli anni cinquanta, l'integrazione europea ha visto lo sviluppo di un sistema di governo sovranazionale, così le sue istituzioni si allontanarono dal semplice concetto intergovernativo. Comunque, con il Trattato di Maastricht del 1993 furono introdotti nuovi elementi intergovernativi accanto a quelli più federali, rendendo più difficile definire l'Unione europea. L'Unione europea, che opera attraverso un sistema ibrido tra l'intergovernativo e il sovranazionale, non è ufficialmente una federazione, sebbene vari osservatori accademici sostengano che essa abbia le caratteristiche di un sistema federale.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stati Uniti d'Europa e Unione europea.

Uno dei primi a concepire un'Unione europea delle nazioni fu Richard Nikolaus di Coudenhove-Kalergi, che scrisse il manifesto Pan-Europa nel 1923.[2] Le sue idee furono influenzate da Aristide Briand, che diede un discorso in favore dell'Unione europea alla società delle nazioni l'8 settembre 1929, e nel 1930 scrisse il suo "Memorandum sull'organizzazione di un regime di Unione federale europea" per il governo di Francia.[3]

Alla fine della seconda guerra mondiale, il clima politico favorì l'unità nell'Europa occidentale, vista da molti come un allontanamento dalle estreme forme di nazionalismo che avevano devastato il continente. In un discorso spedito il 9 settembre 1946 all'università di Zurigo, Winston Churchill ipotizzò un'Unione di Stati d'Europa.

Uno dei primi successi per la cooperazione Europea fu nel 1951 con la Comunità europea del carbone e dell'acciaio. Da quel momento in poi, la Comunità Europea si è gradualmente evoluta nell'Unione europea nella quale intere aree di politica vengono condivise, nella speranza di ottenere benefici lavorando assieme.

Il processo di raggruppamento intergovernativo dei poteri, che armonizza le politiche nazionali e crea e rafforza le istituzioni sovranazionali, è chiamato integrazione europea. Oltre il vago obiettivo di una sempre più stretta unione nel 1983 con la dichiarazione solenne sull'Unione Europea, l'Unione (i membri dei suoi governi) non ha attualmente una politica per creare né una federazione, né una confederazione.

Il dibattito su l'unità Europea è spesso vago come per i confini "d'Europa". La parola "Europa" è largamente usata come sinonimo dell'Unione Europea, sebbene alcune parti del continente europeo non facciano ancora parte della UE.

Europa a più velocità[modifica | modifica wikitesto]

Una tesi qualche volta chiamata "Europa a più velocità", prevede un altro tipo di integrazione europea, dove i paesi che vogliono una maggiore integrazione nella UE, possono accelerare la loro integrazione, mentre altri paesi possono andare ad un ritmo più lento o cessare l'ulteriore integrazione del tutto. Specifici esempi includono l'euro e l'accordo di Schengen, a cui non tutti i paesi membri hanno scelto di partecipare.

Situazione attuale[modifica | modifica wikitesto]

L'Unione europea (UE) non è giuridicamente una federazione, bensì un'organizzazione internazionale, ma oggettivamente è sempre più lontana dal modello confederale di mero accordo tra Stati per un obiettivo comune, e sempre più vicina ad un sistema permanente di rapporti diretti verso i cittadini. Possedendo un'autonoma produzione legislativa che permette un diretto (regolamenti dell'Europarlamento) o indiretto (direttive europee) intervento nella vita degli individui stessi e non più semplicemente di raccordo tra governi indipendenti, diversi accademici sostengono che presenti caratteristiche federali importanti. La presenza di un'unica politica monetaria, così come l'abbozzo di una politica estera (Pesc) e bancaria unificate, permette di definire l'Ue come un organismo istituzionale sempre più federale.

Innovazioni recenti e progetti per il futuro[modifica | modifica wikitesto]

A partire dalle elezioni del 2014 per il Parlamento europeo, i governi dei paesi membri hanno deciso di cedere informalmente il proprio potere di indicazione del Presidente della Commissione (organo esecutivo dell'Ue) ai cittadini europei.[4] Per la prima volta nella storia dell'Europarlamento infatti i vari partiti hanno presentato il proprio candidato alla presidenza della Commissione: il Partito Popolare Europeo, essendo risultato il primo partito per numero di voti, ha ottenuto che il suo candidato Jean-Claude Juncker fosse nominato a capo del governo europeo, ottenendo poi la fiducia dello stesso Europarlamento da parte di una grande coalizione tra Socialisti, Liberali e Popolari.

Nell'ottica di devoluzione di poteri dal Consiglio Europeo alla popolazione europea, dunque spostando le caratteristiche dell'Unione verso il modello federale, in seguito al trauma istituzionale della Brexit molti esponenti politici hanno presentato proposte per la creazione di liste elettorali pan-europee anziché nazionali a partire dal 2019[5], utilizzando come primo bacino di seggi proprio quelli lasciati vuoti dall'uscita dei rappresentanti britannici.

Nella stessa visione d'insieme, il presidente francese Emmanuel Macron e l'ex presidente italiano Matteo Renzi, insieme all'attuale presidente della commissione europea Juncker si sono detti favorevoli ad un cambio dei trattati per istituire il Presidente dell'Unione Europea unendo le cariche di presidente della Commissione e del Consiglio Europeo sul modello degli Stati Uniti d'America.[6]

Sempre Macron, in accordo con il presidente italiano Paolo Gentiloni e con la cancelliera tedesca Angela Merkel portano avanti il progetto della creazione di un ministero unico europeo dell'economia con poteri assimilabili a quelli di un ministro di un vero stato federale[7], nonché la creazione di un unico esercito dell'Ue sotto la gestione di un ministro europeo della difesa, tramite fusione e razionalizzazione degli eserciti nazionali.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kelemen, R. Daniel. (2007). Built to Last? The Durability of EU Federalism? Archiviato il 20 luglio 2011 in Internet Archive. In Making History: State of the European Union, Vol. 8, edited by Sophie Meunier and Kate McNamara, Oxford University Press, p. 52.
  2. ^ Ben Rosamond, Theories of European Integration, Palgrave Macmillan, 2000, pp. 21-22.
  3. ^ D. Weigall and P. Stirk, editors, The Origins and Development of the European Community, Leicester: Leicester University Press, 1992, pp. 11-15.
  4. ^ Europee 2014, per la prima volta il presidente della Commissione verrà scelto dal'Europarlamento e non più dal Consiglio, su repubblica.it.
  5. ^ (IT) Europarlamento, con la Brexit possibili liste transnazionali. E deputati in più per l’Italia, in Eunews, 11 settembre 2017. URL consultato l'08 ottobre 2017.
  6. ^ (IT) Juncker: Un solo presidente per Consiglio e Commissione per un’Europa più forte, in Eunews, 13 settembre 2017. URL consultato l'08 ottobre 2017.
  7. ^ Padoan: Italia d'accordo con la creazione di un superministro europeo dell'economia, su repubblica.it.
  8. ^ (IT) Redazione Online, Macron alla Sorbona: «Serve un esercito comune europeo», in Corriere della Sera. URL consultato l'08 ottobre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]