Banca di Francia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Banque de France
P1000553 Paris I Rue Croix des Petits-Champs Banque de France reductwk.JPG
Entrata dell'hôtel de Toulouse, sede centrale della Banque de France, all'interno della rue Croix-des-Petits-Champs.
Stato Francia Francia
Tipo Istituto di diritto pubblico
Sigla BdF
Istituito 18 gennaio 1800
da Napoleone Bonaparte
Predecessore Banque Royale
Successore Banca Centrale Europea
Governatore François Villeroy de Galhau
Direttore generale Vítor Constâncio
Sede Parigi
Indirizzo rue Croix-des-Petits-Champs
Sito web www.banque-france.fr
Una banconota del 1790.

La Banca di Francia (in francese, Banque de France) è la banca centrale della Francia; è collegata alla Banca centrale europea (BCE). Il suo compito principale, al pari delle banche centrali degli altri paesi aderenti all'Unione monetaria europea (UME), è di attuare la politica dei tassi d'interesse del Sistema europeo delle banche centrali (SEBC). L'attuale governatore è François Villeroy de Galhau nominato il 1º novembre 2015 succeduto a Christian Noyer. La sua sede è a Parigi.

Una moneta coniata in occasione del centenario della banca.

Collegamento con l'SEBC[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º giugno 1998, fu creata una nuova istituzione, la Banca centrale europea (BCE), incaricata di guidare la politica monetaria unica dell'euro. L'organismo, formato dalla BCE e dalle banche centrali nazionali (BCN) di tutti gli Stati membri dell'Unione europea, costituisce il Sistema europeo delle banche centrali (SEBC). L'SEBC è la cornice istituzionale di una politica monetaria unica per l'euro. Secondo il sito web della Banca di Francia, la "condivisione di responsabilità tra la BCE e le BCN si basa sul significativo decentramento della conduzione della politica monetaria unica dell'SEBC".

Storia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1800 Creazione della Banque de France ad opera di Napoleone Bonaparte
  • 1808-1936 I biglietti della Banca divengono moneta legale; espansione della rete delle filiali
  • 1936-1945 Nazionalizzazione
  • 1973 Riscrittura degli statuti della Banca
  • 1993 Una storica riforma garantisce indipendenza alla Banca, al fine di assicurare la stabilità dei prezzi, indipendemente dalla politica nazionale. Questa riforma spiana la strada all'Unione monetaria europea.
  • 1998 Entrata nel Sistema europeo delle banche centrali

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Questa cronologia si basa in gran parte dal sito web ufficiale della Banca di Francia (http://www.banque-france.fr/en/banque-de-france/history.html ).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Coordinate: 48°51′52.12″N 2°20′21.44″E / 48.864478°N 2.339289°E48.864478; 2.339289

Controllo di autorità VIAF: (EN156484028 · LCCN: (ENn80050394 · GND: (DE8538-8 · BNF: (FRcb11862338x (data)