Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Banca Popolare Cinese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sede centrale della Banca Popolare Cinese

La Banca Popolare Cinese (abbreviato: PBC o PBOC, 中國人民銀行T, 中国人民银行S, Zhōngguó Rénmín YínhángP) è la banca centrale della Repubblica Popolare Cinese. Detiene il potere di gestione della politica monetaria e il potere di regolamentazione delle istituzioni finanziarie della Cina continentale. Il suo attuale direttore è Zhou Xiaochuan.

L'istituto non va confuso con la Bank of China, una banca commerciale, o con la Banca centrale della Repubblica di Cina, che è la banca centrale della Repubblica di Cina (Taiwan).

La struttura attuale della Banca Popolare Cinese ricalca intenzionalmente il sistema della Federal Reserve degli Stati Uniti d'America.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La sede della Banca della Grande Qing

Precedenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1905[1] venne fondata la Banca della Grande Qing (in cinese semplificato: 大清银行; in cinese tradizionale: 大清銀行), che è stata la banca centrale della dinastia Qing e la prima banca centrale nella storia della Cina. Essa svolgeva il ruolo di banca centrale, stampava le banconote[2] e gestiva la tesoreria dell'amministrazione imperiale[1][3], ma era anche una banca d'affari[3]. La Banca aveva sede al 27 della via Xijiaomin, nel Distretto di Xicheng, a Pechino.

La Banca Popolare Cinese[modifica | modifica wikitesto]

La storia della Banca Popolare Cinese è unica nel panorama delle banche centrali. Venne fondata nel 1948 poco prima della creazione della Repubblica Popolare Cinese e a seguito della vittoria delle forze comuniste inglobò le banche commerciali nazionalizzate. Tra il 1949 e il 1978 la Banca Popolare Cinese gestì sia i compiti tipici di una banca centrale sia le operazioni finanziarie solitamente gestite da un istituto bancario commerciale.

Nel 1980, grazie alle riforme economiche, dalla banca centrale furono create quattro banche commerciali di proprietà statale. La Banca Popolare Cinese conservò i poteri tradizionali di una banca centrale. Nel 1995 tali poteri vennero modellati sull'esempio della Federal Reserve degli USA grazie ad una specifica legislazione: la legge della Banca Popolare Cinese.

Un ulteriore processo di ristrutturazione della banca nel 1998 comportò l'eliminazione delle filiali locali e provinciali con lo scopo di evitare l'influenza esercitata dai dirigenti locali sulla politica generale della banca centrale. Oggi esistono nove filiali regionali i cui confini non corrispondono ai confini delle amministrazioni locali della Repubblica Popolare Cinese.

Il governatore della Banca Popolare Cinese è nominato dal Congresso Nazionale Popolare. L'attuale governatore è Zhou Xiaochuan.

Governatori[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (ZH) 中華民國順勢成立,中國銀行應運而生(1912年), su www.BoC.cn. URL consultato il 15 maggio 2016..
  2. ^ (ZH) 11863 光绪三十一年大清户部票行发安徽地方票证流通兑换银票,解缴地方财政田粮赋税款项贰拾两整, su PolyPM.com.cn, 2013. URL consultato il 19 maggio 2016..
  3. ^ a b (ZH) 中国最早的国家银行, su ChinaCulture.org. URL consultato il 19 maggio 2016..

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN143080720