Palazzo dei Normanni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Palazzo dei Normanni
Palermo palazzo normanni.jpg
Parte normanna (lato posteriore)
Ubicazione
Stato Italia Italia
Regione Sicilia Sicilia
Località Palermo
Indirizzo Piazza del Parlamento, 1
Coordinate 38°06′39″N 13°21′13″E / 38.110833°N 13.353611°E38.110833; 13.353611Coordinate: 38°06′39″N 13°21′13″E / 38.110833°N 13.353611°E38.110833; 13.353611
Informazioni
Condizioni In uso
Inaugurazione 1130
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale
(EN) Arab-norman Palermo and the cathedral churches of Cefalù and Monreale
Normandiarren gaztelua.jpg
Tipo architettonico
Criterio C (ii) (iv)
Pericolo no
Riconosciuto dal 2015
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

Il Palazzo Reale di Palermo, meglio noto come Il Palazzo dei Normanni, è la sede dell'Assemblea regionale siciliana. Il palazzo è la più antica residenza reale d'Europa, dimora dei sovrani del Regno di Sicilia e sede imperiale con Federico II e Corrado IV. Al primo piano sorge la Cappella Palatina.

È uno dei monumenti più visitati nell'isola[1]. I servizi aggiuntivi turistici sono curati dalla Fondazione Federico II; l'ingresso principale è su piazza del Parlamento, quello turistico e quello carraio sono su piazza Indipendenza.

Dal 3 luglio 2015 fa parte del Patrimonio dell'umanità (Unesco) nell'ambito del sito seriale "Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale".

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Epoca fenicio - punica[modifica | modifica wikitesto]

Fortificazioni puniche.

L'attuale palazzo ingloba nelle fondamenta stratificazioni dei primi insediamenti fortificati d'origine fenicio - punica databili fra l'VIII e il V secolo a.C., le cui tracce riemergono nelle campagne di studi nelle segrete e nei sotterranei. Queste fortificazioni costituivano il nucleo sociale e politico dei primitivi insediamenti che formavano la paleopolis, aggregato contrapposto alla zona sacra, destinata al culto pagano e alle sepolture, ubicata qualche centinaio di metri più a NE a ridosso del fiume Papireto. Quest'ultima area, futura neapolis, è oggi identificabile col piano della cattedrale, il campanile ravvisabile nell'alta torre di avvistamento incastonata nella cinta muraria della cittadella fortificata, grotte, catacombe, cripte, cuniculi e spelonche, ubicati nelle immediate adiacenze.

Epoca greco - romana[modifica | modifica wikitesto]

Paleopolis e neapolis erano comprese su una lunga penisola delimitata a settentrione dal fiume Papireto e dal Kemonia a mezzogiorno, striscia di terra che all'epoca si estendeva lungo direttrice configurabile con l'odierno Cassaro, limitata approssimativamente fino all'attuale chiesa di Sant'Antonio Abate. Una vasta e ramificata insenatura permetteva l'approdo e il riparo delle imbarcazioni in entrambi i corsi d'acqua, proprio a ridosso del polo monumentale, peculiarità che influì a determinare il nome della località, in epoca greca Panormos ovvero Città tutto Porto. Nel 254 a.C. la roccaforte del castrum fu conquistata dai romani.

Epoca bizantino - araba[modifica | modifica wikitesto]

Ariete superstite, bottino di guerra di Giorgio Maniace.
Impianto arabo - normanno.
Raffigurazione regale del Genio di Palermo.
Il Re ritratto secondo lo stile arabo.
Prospetto Sud - Ovest.

Flavio Belisario conquistò la città e si impossessò della fortificazione nel 535, il dominio bizantino perdurò per quasi tre secoli. Sotto il regno di Costantino IX Monomaco, imperatore costantinopolitano e re di Sicilia, la fortificazione del kastron assunse il rango di palazzo con Giorgio Maniace, prefetto, il quale lo abbellì facendo installare due arieti in bronzo, espressioni dell'arte greca, e altro bottino di guerra trafugato e temporaneamente custodito nella Fortezza Maniace di Siracusa, malloppo definitivamente trasferito a Palermo dopo la conquista.[2]

La prima costruzione con funzioni di residenza reale denominata 'al Qasr o Kasr è attribuita al periodo della dominazione islamica, lasso di tempo di circa due secoli ove si avvicendarono numerosi governatori o emiri appartenenti, nell'ordine, alle dinastie degli Aghlabidi, Fatimidi, Kalbiti. Nell'831 dopo la conquista araba della città il governatore, supremo comandante e principe di Sicilia[3] denominò la costruzione Castelnuovo che si contrapponeva all'edificio ubicato in marina denominato Castellammare[3] e al Castello di Maredolce nel Parco della Favara, quest'ultima dimora prediletta insieme a tutte le residenze e le strutture arabe insediate nella vicina Kalsa.

Epoca normanna[modifica | modifica wikitesto]

I sovrani Normanni distinguevano il Castrum superius o Palatium novum posto sull'altura dal Castrum inferius o Palatium vetus ubicato a valle, insediandosi al loro arrivo presso quest'ultimo già dimora della corte araba. Il Parcus Vetus indicava l'insediamento del centro di potere arabo, l'aggettivo Vetus (vecchio, antico, primitivo, vetusto) si estendeva tanto all'area, quanto alla dimora del primitivo accampamento. Accampamento divenuto residenza degli emiri e oggetto di conquista da parte delle armate normanne, che nell'assedio di Palermo piantarono nelle immediate adiacenze il loro campo base prima di sferrare gli attacchi alla Kalsa e al Cassaro fortificato. Infatti, dalla pianura alluvionale sud - orientale della costa, porta d'accesso alla città provenendo da est, contraddistinta dal Dattereto prossimo al fiume Oreto e al Castello di Yahya, partì la riconquista della città. Negli anni ampliarono e trasformarono l'edificio a monte dalle caratteristiche mediorientali in un centro complesso e polifunzionale che esprimeva tutta la potenza della monarchia, così realizzarono una struttura di edifici. Roberto il Guiscardo lo ingrandì dotandolo della Cappella di Gerusalemme,[3] il gran Conte Ruggero edificò la Torre Greca, i quartieri per opifici e armigeri.[4] Solo dopo la sua morte, la regina reggente Adelasia del Vasto e l'erede al trono si trasferirono da Messina, città che era servita da base ai Normanni per estendere il proprio dominio, a Palermo. Nella capitale gli Altavilla s'insediarono inizialmente nella residenza di Palazzo della Favara prima di trasferirsi nelle strutture del Palatium novum.

Nel 1132 Ruggero II di Sicilia costruì la parte mediana del palazzo, l'ampissimo appartamento che oggi prende il suo nome, ovvero quella porzione d'edificio precedentemente destinato a opificio della seta, la Cappella Palatina[5] e la Torre Joharia. Il luogo di culto dedicato a San Pietro Apostolo soppiantò la primitiva moschea edificata sulle carceri e segrete del palazzo.[5] Da Guglielmo I e Guglielmo II di Sicilia furono aggiunte le ali destinate ai servizi degli eunuchi, secondo l'usanza araba, gli appartamenti delle dame di corte, matrone, fanciulle, servitori, l'harem e nella parte settentrionale fu aggregato il «serraglio degli schiavi»,[6] le torri Pisana o di Santa Ninfa e Chirimbi. Coeva è la realizzazione della «Via Coperta», un camminamento protetto che dalla Torre Pisana e la Sala Verde attraverso la contrada della Guilla conduceva al primitivo Palazzo Arcivescovile con meta finale la cattedrale metropolitana primaziale della Santa Vergine Maria Assunta.[6]

In questo lungo processo di trasformazione, l'antico Palazzo degli Emiri assunse la denominazione di Palazzo dei Normanni solo in tempi recenti, polo destinato ben presto a diventare il centro della cultura e dell'arte europea tra il XII e il XIII secolo. In questi sontuosi e raffinati ambienti, infatti, si sviluppò la più importante cultura europea dell'epoca: qui gli imperatori radunavano i più grandi scienziati e poeti, musicisti e pittori del tempo. All'interno del palazzo furono mantenuti gli opifici e i laboratori tessili per produrre manufatti di rara bellezza mantenendo la tradizione, le conoscenze, la cultura e il sapere introdotto dai dominatori orientali, la Zecca, i laboratori di oreficeria ed il Tiraz, l'opificio per la manifattura di stoffe preziose. Adiacente al regio palazzo sorgeva la Galca (l'anello), il quartiere regio che si sviluppava verso est racchiuso fra mura, ospitava edifici di vario tipo legati alla funzionalità della reggia.

Muhammad al-Idrisi nel 1150, Ibn Jubayr nel 1184, Ugo Falcando descrivono nelle loro opere le magnificenze e le vicende legate al palazzo. Il più rilevante degli episodi avvenuto negli anni 1160 - 1161 vede il Palazzo Reale teatro della rivolta dei baroni maturata in seguito alla congiura ordita da Matteo Bonello, durante la quale le sale della reggia furono saccheggiate e date alle fiamme con la distruzione di un insostituibile patrimonio librario e artistico.

Epoca svevo - angioino - aragonese[modifica | modifica wikitesto]

Al 1194 risale il saccheggio della reggia voluto da Enrico VI di Svevia, il quale utilizzò cento muli per trasportare tutto l'oro e gli oggetti preziosi in essa custodita.[7] Con gli Svevi fu sede delle Scienze e delle Lettere, elogiata da Dante Alighieri.[6] Con Federico II di Svevia e il figlio Manfredi furono mantenute nel palazzo le attività di governo, amministrative e di cancelleria, mentre quelle letterarie furono distaccate a Palazzo della Favara, luogo deputato ad ospitare la scuola poetica siciliana.

Nel 1269 per il palazzo cominciò una fase di decadenza. Spoglio delle macchine da guerra, mostrò tutta la sua vulnerabilità durante i moti dei Vespri Siciliani culminati nel 1282 con le sommosse inserite nel contesto della Guerre del Vespro: il popolo palermitano in rivolta espugnò, depredandolo ancora una volta. Scacciati gli angioini, Pietro III d'Aragona si trasferì nel palazzo dimorandovi appena tre anni.

Dopo l'espulsione degli Angioini nel 1282, la dinastia aragonese propense nel dimorare allo Steri o Hosterium Magnum confiscato alla famiglia Chiaramonte. Fra gli aragonesi fu sede di Francesco II Ventimiglia, nominato signore perpetuo della capitale siciliana nel 1353. Il 16 febbraio 1361 s'insediò Federico IV d'Aragona, con i titoli di capitano e giustiziere, castellano del palazzo e di Castellammare. Risalgono al 1340 le prime notizie di guasti dovuti ad un rovinoso crollo che determinarono il progressivo spopolamento della reggia. Il sito non suscitava più particolare interesse per motivi logistici e di sicurezza, ad essa si preferiva la residenza di Castellammare. Il lento abbandono avvenne a partire dagli inizi del XV secolo, periodo in cui Palazzo Regio e strutture limitrofe furono utilizzati come cava da cui trarre materiale edilizio utilizzato per la costruzione di luoghi di culto o cimiteri.

Epoca spagnola[modifica | modifica wikitesto]

Ingresso principale (parte rinascimentale) in piazza del Parlamento.
Prospetti meridionali.
Prospetto Ovest - Sud - Ovest.
Logge, Cortile Maqueda.
Portico e Logge, Cortile Maqueda.
Logge Cortile Maqueda.

Nonostante la pressocchè totale devastazione, la cimatura e demolizione di alcune torri, il Palazzo Reale, pur mantenendo solo il suo ruolo difensivo non rimase disabitato, ma fu sede del Tribunale della Santa Inquisizione tra il 1513 e il 1553. Nel 1549 Tommaso Fazello offre un descrizione della situazione disastrosa in cui versava al punto che era possibile scorgere la Cappella Palatina attraverso le rovine.

Il palazzo tornò a occupare un ruolo importante nella seconda metà del XVI secolo quando i viceré spagnoli lo elessero a propria residenza, abbandonando il Palazzo Chiaramonte-Steri[8] o Hosterium Magnum. Per contro il Tribunale dell'Inquisizione si trasferì nelle strutture di Castellammare. Furono poste in essere iniziative che modificarono radicalmente l'aspetto originario del complesso:

Epoca borbonica[modifica | modifica wikitesto]

Gli appartamenti reali subiscono una ulteriore rimodulazione nel 1735 con Carlo III di Borbone[13] che edificò la Scala Rossa, una scala monumentale posta presso il cortile colonnato del Duca di Maqueda. Venute meno le esigenze difensive è compiuta la riduzione o demolizione dei bastioni orientali per l'adeguamento della piazza al livello del Cassaro e altrove, la loro trasformazione in Giardini Pensili.

Anche i Borboni delle Due Sicilie con Ferdinando III fecero ristrutturare il Palazzo dei Normanni che visse la stagione di maggiore operosità, dopo la fase cinquecentesca, in virtù della permanenza della Corte Borbonica: infatti i sovrani, fuggiti con la conquista di Napoli da parte di Napoleone Bonaparte, si rifugiarono a Palermo. Il Salone del Parlamento fu adibito all'esposizione della preziosa Quadreria di Capodimonte e il monarca decise di fare affrescare nuovamente le pareti e la volta della sala, affinché il salone presentasse "... uno stile più elegante e più grandioso". Il ciclo di affreschi raffigurante l'Apoteosi di Ercole di Giuseppe Velasco[11] sostituì La Maestà Regia, protettrice delle Scienze e delle Belle Arti commissionato da Francesco d'Aquino, principe di Caramanico nel 1787.[11]

Altri interventi decorativi abbellirono le sale di rappresentanza, i corridoi degli appartamenti del re e della regina al piano nobile durante la loro permanenza stabile dal 1806 al 1815.[2] In occasione dei moti rivoluzionari del 1848 furono abbattuti dal popolo in tumulto i bastioni di Santa Maria e San Michele, la dimora fu saccheggiata e fu distrutta gran parte del mobilio, arredi velocemente ripristinati.

Epoca contemporanea[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'Unità d'Italia fece parte dei beni del comando dei Corpi dell'Esercito e in occasione dell'esposizione nazionale del 1891 - 1892 furono rinnovati gli arredi degli appartamenti reali. Nel 1919 si delineò la possibilità di utilizzare il Palazzo come sede di accademie e nel 1923 fu destinato ad accogliere gli uffici della Soprintendenza ai monumenti, alcuni Istituti universitari, la Real Accademia di Scienze Lettere e Arti, la Biblioteca Filosofica, il Museo etnografico siciliano Giuseppe Pitrè, il Museo Nazionale e l'alloggio del Prefetto. Furono mantenuti per uso della casa reale alcuni appartamenti. Nel 1921 è stata acquisita la proprietà da parte del governo.

Negli anni '30 del '900 furono portati avanti dei restauri da parte del sovrintendente ai monumenti Francesco Valenti, poi proseguiti da Mario Guiotto, che hanno riportato in luce alcune strutture normanne.[19] Nel 1943 fu requisito dalle truppe alleate. Poco dopo la fine della seconda guerra mondiale nel 1946, ebbero inizio i primi saggi archeologici volti a comprendere l'eventuali preesistenze al palazzo, ovvero le stratificazioni di manufatti e insediamenti anteriori agli interventi arabi.

Nel 1947 gli enti che lo occupavano furono trasferiti in altri immobili e fu denominato Palazzo dei Normanni. Nel 1947, divenne sede dell'Assemblea Regionale Siciliana. Dal 1976 al 1981 furono eseguiti lavori di trasformazione in alcuni piani del palazzo, curati da Rosario La Duca.[20] Dopo il terremoto del 2002 che ha danneggiato alcuni interni, sono stati effettuati dei restauri sugli affreschi di Sala d'Ercole.

Attualmente è la sede del Parlamento di Sicilia e dell'Osservatorio astronomico di Palermo, mentre l'ala di collegamento a porta Nuova è sede del Comiliter, Comando militare territoriale della Sicilia.

Esterno[modifica | modifica wikitesto]

La Torre Pisana.
Mosaico.

L'aggregato degli edifici assume la forma di una forcella capovolta, i due bracci meridionali della biforcazione intersecano i manufatti della Cappella Palatina che originano due grandi cortili interni. Molteplici stili si fondono sui svariati ordini e sulle numerose sfaccettature delle varie prospettive. Gli stili romanico, bizantino, arabo, normanno, neogotico, chiaramontano, rinascimentale, barocco, miscelano elementi come strombature, nervature, oculi, rilievi, archi, ogive, bugnato, monofore e finte bifore, tufo combinato con tarsie di lava, intrecci, pietra viva, modanature, merlature, marcapiani, archi, timpani dal forte impatto sensoriale ed emotivo.

Delle quattro torri normanne originarie: la Greca, la Chirimbi, la Pisana, la Joaria, oggi rimangono solo le ultime due, di forma quadrangolare[21] coeve alla Cappella Palatina. Sono presenti più cortili interni, due di essi provvisti di logge e portici: il Cortile Maqueda interamente porticato con due ordini di logge di stile rinascimentale, e il Cortile della Fontana posto ad un livello superiore rispetto al primo. I vari livelli sono collegati tra loro da scaloni monumentali. Il Cortile Maqueda è il crocevia dei principali ambienti, ali e manufatti:

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Torre Pisana[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo dei Normanni esterno. Panoramica dal Polo Universitario.

Il mastio, altrimenti noto come Torre Santa Ninfa era un costruzione destinata alla custodia dei tesori, manufatto edificato da Guglielmo II di Sicilia col contributo di maestranze pisane.[4] Secondo la tradizione, in epoca sveva con Federico II, la torre era probabilmente uno dei luoghi di riunione della Scuola Poetica Siciliana ed ambiente frequentato dallo stesso sovrano. Il viceré Francesco d'Aquino di Caramanico fece realizzare nel 1790 l'osservatorio astronomico.[4]

Esternamente appare priva di decorazioni, ma è lecito supporre dalle tracce visibili che, nelle zone in cui furono aggiunti dei soppalchi dagli spagnoli, fosse interamente mosaicata probabilmente con scene di battaglie, seguendo canoni che imponevano una forte simmetria tra le scene raffigurate. Comprendeva la Stanza dei Tesori, con doppia porta d'accesso, circondata da camminamenti di ronda coperti da volte maestose e le quattro giare murate nel pavimento che potevano contenere innumerevoli pezzi di monete d'oro.

La facciata orientale è il risultato di un importante intervento di restauro di ripristino neogotico dell'architetto Nicolò Puglia nel 1835.[22] Lo stesso Puglia fu l'autore del progetto di decorazione neogotica dei prospetti occidentali intorno al 1842. Gli interni comprendono la Sala Cinese e la Sala Pompeiana, della prima metà dell'Ottocento, decorate con pitture di Giuseppe Patania e Giovanni Patricolo, ambienti che costituivano gli appartamenti privati della regina Marina Carolina di Borbone.

Le altre torri:

  • Torre Joharia. Torre Joharia o Torre Gioaria - dall'arabo aljawhariyya, ingioiellata - altrimenti conosciuta come Torre delTesoro, eretta da Ruggero II di Sicilia.[4] Presenta la maggior quantità di ornamenti, risplendente per la magnificenza delle più svariate decorazioni, il re era solito frequentare per gli abbandoni all'ozio e alla quiete. Il livello inferiore è occupato dalla Sala degli Armigeri. Al piano superiore è ubicata la Sala dei Venti, ad est si accede alla Sala di Ruggero.
  • Torre Chirimbi. Torre Chirimbi o Torre Carimbri, edificata da re Guglielmo I di Sicilia.[4] Demolita.
  • Torre Greca. Torre Greca o Torre Rossa, detta anche Torre Kemonia per la posizione, costruzione fatta edificare in mattoni di laterizi da maestranze greche, da cui il nome, sul prospetto meridionale per volere del Gran Conte Ruggero.[4] Nel 1550 il viceré di Sicilia Juan de Vega la demolì per effettuare un restauro.[10]

Piano Parlamentare[modifica | modifica wikitesto]

Al secondo livello del Loggiato di Cortile Maqueda è permesso l'accesso al Piano Parlamentare che, attraverso il Corridoio Mattarella, consente il percorso fra gli ambienti degli appartamenti reali - secondo le note documentali, gli appartamenti della regina e del principe ereditario - ubicati nel plesso rinascimentale, mentre Sala dei Venti e Sala Ruggero sono dislocati nella Torre Joaria.

Corridoio Mattarella[modifica | modifica wikitesto]

Ambiente di collegamento degli ambienti della primitiva Galleria. All'ingresso è collocato il quadro, olio su tela, opera del pittore siciliano Giuseppe Sciuti del 1901 raffigurante l' Allegoria dell'agricoltura, dell'industria e dell'economia, lungo il percorso è presente una grande statua in bronzo raffigurante Archimede, opera dell'artista palermitano Benedetto Civiletti, eseguita nel 1893 su commissione di re Umberto I. Un altro acquisto del sovrano all'Esposizione Nazionale di Palermo del 1891 è un olio su tela raffigurante la Battaglia di Dogali, opera firmata dal pittore romano Cesare Biseo del 1887.

Sala d'Ercole[modifica | modifica wikitesto]

Sala di Ercole.
Ruggero di Sicilia e Roberto il Guiscardo ricevono le chiavi di Palermo Sala Gialla, affresco di Giuseppe Patania.

L'anno di costituzione del Parlamento Siciliano, considerato fra le istituzioni più antiche d'Europa, sorto sotto il regno di Ruggero II d'Altavilla, è fissato al 1130. La prima seduta d'aula risale al 1947 dopo la concessione dello Statuto Autonomo Siciliano avvenuta nel 1946. Nell'ambiente si riuniscono i novanta deputati dell'Assemblea Regionale Siciliana, i quali costituiscono l'organo legislativo della regione.

Nel 1799 Giuseppe Velasco, pittore figurista, su committenza di Ferdinando III di Borbone decorò a tempera le pareti della sala con alcune tra le dodici Fatiche di Ercole.[23] Sulla volta si ammirano: la Nascita di Ercole, la scena Ercole si dà la morte facendosi bruciare su una pira ardente e la monumentale Apoteosi dell'eroe mitologico greco. Le decorazioni a grottesca e le candelabra in stile neoclassico pompeiano furono dipinte dal pittore ornatista Benedetto Codardi.

  • Sala di Archimede. La sala prende il nome dall'omonima statua, è ricavata negli antichi ambienti medievali che collegavano lo scalone d'onore alla cinquecentesca Sala dei Parlamenti. La sua attuale funzione è di anticamera al Salone d'Ercole.

Sala dei Viceré[modifica | modifica wikitesto]

Il nome dell'ambiente deriva dalla presenza di 21 ritratti collocati alle pareti raffiguranti rispettivamente: vicerè di Sicilia, luogotenenti e presidenti del regno Borbone di Sicilia e delle Due Sicilie, primo sovrano Carlo III di Borbone. Altrimenti noto come Transatlantico.

Alla stessa stregua delle raccolte di Palazzo Paço da Ribeira di Lisbona, del Monastero de las Descalzas Reales di Madrid, del Palacio del Real di Valencia, del Real Alcázar di Madrid, del monastero dell'Escorial di Madrid, di Palazzo Reale di El Pardo di Madrid, di Villa Gallia di Paolo Giovio a Borgovico, di Palazzo di Margherita d'Austria di Malines, della residenza di Binche, anche i viceré e i governatori della casa d'Asburgo iniziarono ad arredare, a partire dalla fine del XVI secolo le gallerie di palazzo reale di Milano, palazzo reale di Napoli e Palermo.[24]

La disposizione dei ritratti all'interno della galleria operata dal Manuel de Benavides y Aragón, conte di Santisteban, risale ai tempi del Bernardino de Cardenas y Portugal, duca di Maqueda, e annoverava trentasette ritratti di viceré, da Fernando de Acuña y de Herrera, conte di Buendía, fino allo stesso Manuel de Benavides y Aragón.[24]

Probabilmente fu sostituta l'originale decorazione degli inizi del XVII secolo, come ci suggerisce la descrizione della cerimonia per le nozze di donna Giovanna d'Austria, figlia di Giovanni d'Austria e nipote di Carlo V d'Asburgo, con Francesco Branciforte, principe di Pietraperzia.[24] Più tardi nel 1640 l'ambiente presentava un ciclo di affreschi raffigurante le Storie della vita di San Francesco d'Assisi e Sant'Antonio di Padova, opere realizzate da Pietro Novelli, i cui frammenti superstiti, trasferiti su tela, sono custoditi nella Galleria regionale di Palazzo Abatellis. Fra le poche raffigurazioni d'epoca della Galleria, la tavola inserita nel codice illustrato "Teatro Geografico antiguo y moderno del Reyno de Sicilia", completato il 1 maggio del 1686 che mostra la sala della galleria ai tempi del viceré conte di Santisteban.[24][25]

La cerimonia d'incoronazione di Carlo III di Borbone a Palermo del 1735 documentata da Antonio Mongitore, contempla nella Galleria i ritratti dei sovrani da Ruggero II a Carlo II, mentre relega i ritratti dei viceré asburgici nelle restanti sale del palazzo. Il nobile palermitano Francesco Maria Emanuele Gaetani, marchese di Villabianca, riporta che i ritratti delle anticamere sono gli originali raccolti da Manuel de Benavides y Aragón.[24] Il presente ciclo della Galleria fu rinnovato nel 1738 da Carlo di Borbone che ne affidò il compito della realizzazione al pittore fiammingo Guglielmo Borremans. Fra i ritratti dei Governatori di Sicilia, facenti le veci del re che risiedeva a Napoli, si ammirano:

Il fregio che segna il perimetro della sala in direzione della volta, fu realizzato nel 1901 da Salvatore Gregorietti ed evidenzia il simbolo della Sicilia, Trinacria e l'aquila del Senato Palermitano.

Ex appartamenti reali[modifica | modifica wikitesto]

Sala Cinese.
Ruderi del Tempio di Giove a Siracusa, dipinto.
Mura fenicie di Erice, dipinto.
  • Sala ex Presidenti. L'ambiente prospetta su piazza Indipendenza, attiguo a Sala d'Ercole, prende il nome per via dei ritratti collocati alle pareti, raffiguranti i primi sei presidenti dell'Assemblea regionale siciliana. I saggi effettuati, posteriori al terremoto di Palermo del 2002, hanno condotto alla scoperta di complesse realtà archeologiche relative a stratificazioni di differenti epoche: sono evidenti la costruzione originaria e gli interventi d'epoca borbonica, quando questa parte è stata adibita a saloni di residenza regia, seguendo i canoni del tempo.
  • Sala Pompeiana. Altrimenti conosciuta come Sala della Regina, fu voluta da Maria Carolina d'Asburgo-Lorena, principessa delle due Sicilie, moglie di Ferdinando IV di Borbone. Il raffinatissimo ambiente, dipinto da Giuseppe Patania (1807 - 1815), è un altro mirabile esempio di decorazioni neoclassiche influenzate dagli scavi di Ercolano e Pompei.
  • Sala Gregorietti. Ambiente adibito a sala lettura per i parlamentari, sul soffitto l'affresco raffigurante l'Allegoria della Primavera decorato dal palermitano Salvatore Gregorietti.
  • Sala Cinese. Ambiente ispirata alle a mete orientali nel periodo coloniale quali la Cina, tipica della moda esotica in voga presso molte corti d'Europa, decorazione caratterizzata dalla presenza di ideogrammi riprodotti sugli architravi delle porte e finestre. Realizzata da Giuseppe Patricolo, questo genere di ambienti si prestavano a svariate funzioni, quali sale di rappresentanza o da semplici ambienti riservati al convivio.
  • Salottino Savoia.
  • Salottino del Monetario. L'ambiente consente la visione d'insieme di tutto il piano. La denominazione è dovuta alla presenza del pregevole, grande stipo monetiere in legno ebanizzato a due corpi, decorato con formelle in vetro dipinto con scene bibliche, tarsie in tartaruga di fiume, colonne tortili laccate in rosso finta tartaruga e decori in bronzo di fattura siciliana della fine del XVII secolo. L'olio su tela custodito raffigura il Piano Palazzo nel 1760, il disegno di Pietro Martorana su cartoncino ad acquarello e tempera evidenzia la Campagna palermitana ove fu costruita la casina dei Lombardo, ovvero la costruzione rilevata da Ferdinando di Borbone al suo arrivo da Napoli nel dicembre del 1798, edificio divenuto la Palazzina Cinese con la tenuta di caccia e il Reale Parco della Favorita.
  • Salottino del Presidente.
  • Sala della Preghiera. Ambiente attiguo alla Sala Ruggero, altrimenti detto Cappella della Regina o Carolina, delizioso esempio del neogotico siciliano con stucchi bianchi e oro. La pala d'altare è un olio su tela raffigurante la Madonna con Gesù e San Giovanni di gradevole fattura siciliana della prima metà XIX secolo, opera di Pasquale Sarullo. Un Cristo in avorio risalta su una croce in tartaruga e la base impiallacciata in palissandro, d'artista siciliano di fine 1700. Completano le decorazioni due dipinti, olio su tela della scuola emiliana del XVIII secolo, raffiguranti rispettivamente Tobiolo e il padre cieco e Agar e l'angelo.
  • Sala dei Paesaggi Siciliani. L'ambiente in epoca normanna faceva parte dell'appartamento privato del sovrano. Nella prima metà dell'Ottocento fu anticamera dell'appartamento utilizzato dai sovrani Borboni. Al tempo dei Savoia fu utilizzata come salotto e vi furono collocati le due grandi tele raffiguranti paesaggi siciliani: i Ruderi del Tempio di Giove a Siracusa di Ettore De Maria Bergler e le Mura fenicie di Erice di Michele Gordigiani. I dipinti furono acquistati da re Umberto I in occasione dell'esposizione Nazionale di Palermo nel 1891.
  • Sala Bianca. Ambiente altrimenti noto come Sala Stampa caratterizzata dal riquadro affrescato raffigurante l'Allegoria della prosperità e delle arti di Giuseppe Velasco che lavorò a palazzo durante la permanenza dei Borboni in Sicilia.

Sala dei Venti[modifica | modifica wikitesto]

Antica cappella di Santa Maria Superiore fatta edificare da Roberto il Guiscardo e Ruggero I di Sicilia nel 1071, convertita ad uso profano nel 1520. Restauri della Sala delle Quattro Colonna, così denominata nel XVI secolo quando fu decorata con vetrate colorate da Simone de Wobreck, autore nel 1560 del dipinto Pittura dell'isola di Sicilia, opera documentata nella reggia.

Dopo l'insediamento nel 1713, Vittorio Amedeo II di Savoia ne fa scoperchiare il tetto sistemando al centro della volta lignea a lucernario la Rosa dei venti.[26] In epoca borbonica vi sono documentati l'Appartamento delli marmi e quello di S.A.R. il principe ereditario.[26]

Ambiente interno tra i più suggestivi ed affascinanti del Palazzo. Inglobato nella Torre Joharia è coevo, adiacente e comunicante con la Stanza di Ruggero, sintesi del passaggio di più culture. Proprio la collocazione ne determinò i lievi interventi successivi. Alle pareti è collocato un olio su tela raffigurante la Negazione di Pietro, opera firmata e datata di Filippo Paladini nel 1613.

Sala Ruggero[modifica | modifica wikitesto]

Voluta da Ruggero II d'Altavilla fu ricavata nella Torre Pisana, l'ala più antica del palazzo con accesso dalla Sala dei Venti. Le stupende decorazioni parietali furono commissionate dal figlio Guglielmo I d'Altavilla detto il Malo o il Cattivo, verosimilmente coeve agli ornamenti delle navate laterali della Cappella Palatina e improntate allo stesso stile riscontrabile nei cicli musivi della chiesa di Santa Maria dell'Ammiraglio detta «la Martorana» e della cattedrale di Santa Maria Nuova di Monreale.

Colonnine angolari delimitano alti rivestimenti in marmo sovrastati da ampie superfici a mosaico di grande pregio raffiguranti elementi vegetali (palme e banani) e scene di carattere aulico e venatorio, simboli del potere normanno. Sono raccontate con grande dedizione nell'esecuzione battute di caccia con arcieri e cervi, rappresentati pavoni, cigni, oltre i mitologici centauri, grifi e altri animali esotici tra cui leopardi e tigri fra lussureggiante vegetazione, sottile allusione al Parco del Genoardo, tutto nel tentativo di mostrare un'allegoria della corte normanna. Caratteristica le figure a coppie simmetriche e speculari, arabeschi e girali dall'effetto caleidoscopico immersi in motivi fitomorfi e zoomorfi. Le raffinate rappresentazioni dai canoni sontuosi ma con accenti di rigidità, delineano la chiarissima matrice greco-bizantina dell'opera combinata con l'influenza pittorica dell'Oriente persiano.[27]

La decorazione centrale della volta della sala risale invece al periodo successivo di Federico II, come testimoniato dalla rappresentazione dell'aquila sveva.

Un tempo sala del trono o delle udienze, oggi è la sede degli uffici del Presidente dell'Assemblea Regionale Siciliana.

Sala Rossa[modifica | modifica wikitesto]

Era parte dell'originaria Galleria del Palazzo. Sulla volta, l'opera attribuita a Benedetto Codardi raffigurante: l'Apoteosi del lavoro, dell'agricoltura, delle arti e delle scienze. La sala era usata per le udienze dei Viceré e al tempo dei re borboni diventò la Sala del Trono. Oggi è ambiente istituzionale spesso utilizzato per le riunioni dei capigruppo.

Sala Gialla[modifica | modifica wikitesto]

Sala Gialla, decorazioni e affreschi di Giuseppe Patania.

Altra sezione dell'antica Galleria adibita a Sala da ballo dai Borboni e dai Savoia altrimenti nota come Sala degli Specchi, deve il nome alle pareti rivestite di damasco giallo. In epoca spagnola era utilizzata come sala delle feste, dei ricevimenti e dei balli.

Le opere della volta furono realizzate nella prima metà dell'ottocento da Giuseppe Patania con La consegna della Città da parte dei Musulmani, da Giuseppe Patricolo con La presa di Palermo da parte dei Normanni, da Vincenzo Riolo con Il ritorno di Nicodemo al soglio vescovile di Palermo, per rispetto e riconoscimento dei valori della cultura araba non sono rappresentati eventi sanguinosi, ma incontri pacifici. Dieci bassorilievi in gesso, eseguiti probabilmente dal siciliano Nunzio Morello, raffiguranti la conquista e l'ingresso vittorioso in città del conte Ruggero, completano le decorazioni. La sala è oggi sede di importanti incontri culturali.

Cappella Palatina[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Cappella Palatina (Palermo).
La Palatina in una illustrazione inglese del 1918.
Mosaico, dettaglio abside Cappella Palatina.

Con accesso dalla loggia del primo livello del Cortile Maqueda, si presenta la Cappella Palatina. Basilica a tre navate dedicata ai Santi Pietro e Paolo, luogo di culto edificato per volere di Ruggero II, consacrato il 28 aprile 1140, con funzioni di cappella privata della famiglia reale.

La cupola, le pareti del transetto e le absidi sono interamente decorate nella parte superiore da mosaici bizantini, tra i più importanti della Sicilia, raffiguranti il Cristo Pantocratore, gli evangelisti e scene bibliche varie. I mosaici di datazione più antica sono quelli della cupola, risalenti alla costruzione originaria del 1143. Accanto al Cristo Pantocratore sono raffigurati le gerarchie di angeli ed arcangeli, profeti, santi e gli evangelisti. Sulle arcate del presbiterio, le raffigurazioni dell'Annunciazione, della Presentazione al Tempio, nel catino dell'abside il Cristo benedicente. Di epoca posteriore (1154-66 circa) sono i mosaici recanti le iscrizioni latine che ornano la navata centrale, rappresentazioni di episodi tratti dal Vecchio Testamento, più tardi quelli delle navatelle, con le Storie di San Pietro e San Paolo.

All'inizio della navata è collocato l'imponente trono reale rivestito di mosaici, vicino al santuario sulla destra il ricco ambone mosaicato e sostenuto da colonne striate, un superbo candelabro pasquale (alto m. 4.50), intagliato a folglie d'acanto con figure e animali, tutte opere del XII secolo combinazioni di elementi romanici, arabi e bizantini.[28] Il soffitto in legno della navata centrale e le travature delle navi minori sono decorate con intagli e dipinti di stile arabo. In ogni spicchio sono presenti stelle lignee con rappresentazioni di animali, danzatori e scene di vita della corte islamica. Il soffitto a cassettoni e muqarnas del 1143c., presenta iscrizioni cufiche.

Danneggiata dal terremoto del settembre 2002 fu sottoposta a restauri, conclusi nel luglio 2008.

Sala Duca di Montalto[modifica | modifica wikitesto]

La sala formata da molteplici ambienti si trova nel seminterrato, sotto il Cortile Maqueda. Nel 1553 i viceré spagnoli decisero di trasferire la propria residenza dal Castello a Mare al Palazzo Reale dove si realizzarono grandi opere di ristrutturazione. Il piano seminterrato fu destinato a deposito per le munizioni. Nel 1637 il presidente del regno don Luigi Moncada, duca di Montalto, fece affrescare ai più valenti artisti del tempo Vincenzo La Barbera, Giuseppe Costantino, Gerardo Astorino e Pietro Novelli, l'antico deposito delle munizioni, trasformandolo in sala delle udienze estive del Parlamento. Il grande ambiente subì un ulteriore modifica dopo il 1798, quando sotto Ferdinando di Borbone divenne sede delle scuderie. Fra le opere superstiti, meraviglioso, eseguito dal Novelli assieme a figure allegoriche, l'affresco effigiante Pietro Moncada, avo del duca di Montalto, i cui frammenti superstiti staccati, trasferiti su tela e restaurati si possono ammirare nella Galleria regionale di Palazzo Abatellis.

Nel 1788 le Sale furono trasformate in scuderie, per volere del Re Ferdinando di Borbone. Oggi ospitano mostre d'arte.

Altri ambienti[modifica | modifica wikitesto]

Innumerevoli sono gli ambienti ricavati nei vari livelli dei numerosi corpi di fabbrica. Un breve elenco fra i più interessanti:

  • Ala Moncada.
  • Cortile della Fontana, realizzato da Camillo Camilliani (1581 - 1584) sull'area dell'ex Torre Chirimbi, sopraelevato rispetto al Cortile Maqueda e di qualche decennio anteriore.
  • Cortile Maqueda: struttura con portico intero e due elevazioni di logge:
    • livello interrato, depositi trasformati in Sale Duca di Montalto;
    • livello terra con accesso alla chiesa di Santa Maria delle Grazie, Scalone d'onore;
    • 1° livello loggia con accesso alla Cappella Palatina, passaggio al Cortile della Fontana;
    • 2° livello loggia con accesso ai Parlamenti generali del Regno.
  • Mura Puniche. Le mura puniche databili intorno al V secolo a.C. sono state rinvenute nel 1984, esse rappresentano la più antica sezione stratigrafica di tutta l'area occupata dal Palazzo dei Normanni. Interessante è la postierla perfettamente conservata ed utilizzata nell'antichità per gestire gli accessi all'interno della paleapolis.
  • Porta di San Michele.
  • Sala degli Armigeri.
  • Sala Verde. Durante il 1283 si ha la prima attestazione di Ramon Muntaner della Sala Verde ubicata dal lato della «Porta di San Michele», ambiente destinato agli spettacoli pubblici ubicato ove verosimilmente in epoca romana sorgeva l'anfiteatro.[4]
  • Segrete. Le segrete o Prigioni Politiche ubicate allo stesso livello della chiesa inferiore sottostante la Cappella Palatina e come essa in origine di fase arabo-normanna, si articolano sotto il Cortile della Fontana. La sala rettangolare, la più vasta di tali ambienti, è quella dalla quale deriva il nome di segrete, visto il ritrovamento negli anni ottanta di taluni graffiti, raffiguranti navi stilisticamente di gusto medievale.
  • Stanza dei Tesori.
  • Scala Bianca.
  • Scala Rossa.
  • Scalone d'onore.
  • Via Coperta. Antica Ruga Magna Coperta d'epoca normanna, il cui percorso protetto, seguiva lo sviluppo delle primitive fortificazioni puniche.

La fabbriceria[modifica | modifica wikitesto]

Oltre a dipinti e quadri che nel corso dei secoli hanno adornato la stanze del palazzo, dal 1947 a oggi l'Ars ha periodicamente acquistato delle opere d'arte con cui ha arredato i propri uffici. Nel 2010, per la catalogazione, conservazione e restauro di questo patrimonio, è stata istituita una "fabbriceria"[29]. Tra le opere ottocentesche vi sono quadri di Francesco Lojacono, Antonino Leto e Ettore De Maria Bergler, tra quelle del '900 vi sono litografie di Joan Miró e Henri Matisse e dipinti di Renato Guttuso, Croce Taravella e Bruno Caruso.[30]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati 2010 Legambiente
  2. ^ a b Gaspare Palermo Volume terzo, pp. 33
  3. ^ a b c Gaspare Palermo Volume terzo, pp. 17
  4. ^ a b c d e f g Gaspare Palermo Volume terzo, pp. 18
  5. ^ a b Gaspare Palermo Volume terzo, pp. 19
  6. ^ a b c Gaspare Palermo Volume terzo, pp. 20
  7. ^ Erano favolosi i tesori custoditi nel Palazzo Reale. Basti pensare alla dote di Adelasia del Vasto per il matrimonio con Baldovino I di Gerusalemme. La squadra navale che la accompagnava era imponente, composta da 11 navi da guerra e mercantili carichi di soldati, tra i quali 500 arcieri saraceni, il cui valore era famoso in tutto l'occidente, viveri e mercanzie, oltre all'inestimabile tesoro personale della contessa.
  8. ^ Gaspare Palermo Volume terzo, pp. 35
  9. ^ Gaspare Palermo Volume secondo, pag. 26 e 29
  10. ^ a b Gaspare Palermo Volume terzo, pp. 22
  11. ^ a b c Gaspare Palermo Volume terzo, pp. 31
  12. ^ Gaspare Palermo Volume secondo, pag. 29
  13. ^ a b Gaspare Palermo Volume terzo, pp. 30
  14. ^ Gaspare Palermo Volume terzo, pp. 23
  15. ^ a b c Gaspare Palermo Volume terzo, pp. 25
  16. ^ Gaspare Palermo Volume terzo, pp. 65
  17. ^ [1]
  18. ^ Gaspare Palermo Volume terzo, pp. 24
  19. ^ Rosario La Duca, Il palazzo dei Normanni, Flaccovio, 1998, p. 7.
  20. ^ quando curò il restauro di palazzo dei normanni - la Repubblica.it
  21. ^ Artemedia
  22. ^ P. Palazzotto, Teoria e prassi dell'architettura neogotica a Palermo nella prima metà del XIX secolo, in Gioacchino Di Marzo e la Critica d'Arte nell'Ottocento in Italia, atti del convegno (15-17 aprile 2003), a cura di S. La Barbera, Palermo 2004, pp. 225-237
  23. ^ Scoprire gli arredi del Palazzo Reale di Palermo
  24. ^ a b c d e Spunti e località tratti da "Le Gallerie cartacee dei ritratti dei viceré e governatori spagnoli in Italia (XVI-XVII secolo)" [2].
  25. ^ "Teatro Geografico antiguo y moderno del Reyno de Sicilia", Biblioteca del Ministerio de Asuntos Exteriores y Cooperación, Madrid, 1686.
  26. ^ a b Gaspare Palermo Volume terzo, pp. 32 e 33
  27. ^ Sicilia, Touring editore, 2011, pag. 60
  28. ^ Sicilia, Touring editore, 2011, pag. 59
  29. ^ Sicilia: presidente Ars istituisce 'Fabbriceria Palazzo Reale di Palermo' | Palermo la Repubblica.it
  30. ^ "S", mensile, n. 75, novembre 2014, pagina 16

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN129733850 · GND: (DE4357528-6