Provincia autonoma di Bolzano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Alto Adige" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Alto Adige (disambigua).
Provincia autonoma di Bolzano
Alto Adige
provincia a statuto speciale
(IT) Provincia autonoma di Bolzano – Alto Adige
(DE) Autonome Provinz Bozen – Südtirol
(LLD) Provinzia Autonoma de Balsan/Bulsan – Südtirol
Provincia autonoma di BolzanoAlto Adige – Stemma Provincia autonoma di BolzanoAlto Adige – Bandiera
Sede del consiglio della Provincia autonoma di Bolzano.
Sede del consiglio della Provincia autonoma di Bolzano.
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Amministrazione
Capoluogo Bolzano
Presidente Arno Kompatscher (dal 9 gennaio 2014) (SVP)
Lingue ufficiali Italiano, tedesco, in alcune aree ladino
Data di istituzione 1927 come Provincia di Bolzano
Territorio
Coordinate
del capoluogo
46°30′00″N 11°21′00″E / 46.5°N 11.35°E46.5; 11.35 (Provincia autonoma di Bolzano
Alto Adige
)
Coordinate: 46°30′00″N 11°21′00″E / 46.5°N 11.35°E46.5; 11.35 (Provincia autonoma di Bolzano
Alto Adige
)
Superficie 7 398,38 km²
Abitanti 518 791[1] (28-2-2015)
Densità 70,12 ab./km²
Comuni 116 comuni
Province confinanti Provincia di Sondrio, Provincia autonoma di Trento, Provincia di Belluno, Salisburghese (AT), Tirolo (AT), Grigioni (CH)
Altre informazioni
Cod. postale 39100 (Bolzano),
39010-39059 (Provincia)
Prefisso 0471, 0472, 0473, 0474, 0463
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 021
Targa BZ
Cartografia

Provincia autonoma di BolzanoAlto Adige – Localizzazione

Mappa della provincia autonoma di Bolzano.
Mappa della provincia autonoma di Bolzano.
Sito istituzionale

La provincia autonoma di Bolzano – Alto Adige (Autonome Provinz Bozen — Südtirol in tedesco; provinzia Autonoma de Balsan/Bulsan — Südtirol in ladino) è la più settentrionale delle province della regione Trentino-Alto Adige e d'Italia.

Conta 518.791 abitanti e una superficie di quasi 7 400 km², che ne fanno la provincia più estesa d'Italia. Assieme alla provincia di Trento e al Tirolo, l'Alto Adige costituisce l'Euroregione Tirolo-Alto Adige-Trentino, corrispondente (con buona approssimazione) al territorio della regione storica del Tirolo, a cui è legato da motivi linguistici e culturali.

Come provincia del Trentino-Alto Adige, insieme al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia, appartiene inoltre alla macroarea geografica del Triveneto.

Toponomastica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Südtirol.

La denominazione riportata nello statuto di Autonomia del 1972 (legge costituzionale dello Stato) e nelle successive norme statali di attuazione è quella di provincia di Bolzano o di provincia Autonoma di Bolzano, accompagnata dall'omologa traduzione ufficiale in tedesco (Provinz Bozen o Autonome Provinz Bozen). L'articolo 116 della Costituzione della Repubblica Italiana a partire dalla riforma costituzionale del 2001 riporta la dicitura Alto Adige/Südtirol[2]: "La Regione Trentino-Alto Adige/Südtirol è costituita dalle Province autonome di Trento e di Bolzano". L'ente pertanto utilizza in tutti i suoi atti la doppia denominazione Provincia Autonoma di Bolzano – Alto Adige (ufficialmente tradotta in tedesco nella forma Autonome Provinz Bozen – Südtirol). Gli abitanti della provincia sono generalmente detti altoatesini. Si può tuttavia constatare anche in italiano l'utilizzo delle denominazioni Sud Tirolo, Sudtirolo o Tirolo del sud[3] per la provincia di Bolzano e sudtirolesi per i suoi abitanti di lingua tedesca o ladina.[4][5]

La forma ladina non è riportata nello statuto di autonomia o in altre leggi dello Stato, ma negli atti provinciali viene abitualmente resa come Provinzia Autonoma de Balsan – Südtirol (nella variante badioto-marebbana) oppure Provinzia Autonoma de Bulsan – Südtirol (nella variante gardenese).

Durante la dominazione asburgica il territorio dell'odierna provincia di Bolzano era anche conosciuto come Mitteltirol, cioè Tirolo centrale,[6] mentre con Südtirol (Tirolo meridionale) spesso si designava l'odierno Trentino o l'intera parte meridionale del Tirolo (essenzialmente il Trentino-Alto Adige), ove si differenziava fra il Tirolo meridionale italiano (italienisches Südtirol, Welschsüdtirol o Welschtirol, il Trentino) e tedesco (Deutschsüdtirol,[7] l'odierno Alto Adige).

Anche in altre lingue l'uso storico non corrisponde con quello attuale. In fonti di lingua inglese South Tyrol (anche South Tirol) si estende oltre la provincia di Bolzano odierna.[8] In fonti di lingua francese Sud-Tyrol indica (anche) il Trentino.[9]

Cartina geografica in inglese del 1874: qui con South Tirol viene indicato approssimativemente il territorio dell'odierna provincia di Bolzano, parte della provincia di Belluno e il distretto di Lienz.

Secondo lo statuto di Autonomia la toponomastica deve essere bilingue. I toponimi italiani dell'Alto Adige sono stati raccolti da Ettore Tolomei nel prontuario dei nomi locali dell'Alto Adige e vengono affiancati ufficialmente[10] dai corrispettivi toponimi tedeschi e ladini. Soprattutto nella cartellonistica di montagna vengono invece spesso omesse le indicazioni in italiano.[11] L'amministrazione di alcuni comuni a maggioranza di lingua tedesca ha inoltre disposto che il toponimo Alto Adige, già ufficiale al tempo del Regno d'Italia napoleonico (per indicare la suddivisione amministrativa detta Dipartimento dell'Alto Adige, gravitante però più sul Trentino), non venga più usato negli atti pubblici.[12][13]

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Confini[modifica | modifica wikitesto]

La provincia di Bolzano confina a nord e a est con l'Austria (Tirolo e Salisburghese), a ovest con la Svizzera (Canton Grigioni), a sud-est con il Veneto (provincia di Belluno), a sud con la provincia autonoma di Trento (Trentino) e a sud-ovest (presso il passo dello Stelvio) con la Lombardia (provincia di Sondrio). La provincia comprende innumerevoli valli, passi, fiumi e laghi che circondano l'intero territorio altoatesino. La Valle Aurina è la valle più a nord di tutta l'Italia e Predoi il comune più a settentrione, situato nella parte più interna della valle, sotto la Vetta d'Italia, al confine con l'Austria.

Monti[modifica | modifica wikitesto]

L'Alto Adige è completamente montuoso. Sul suo territorio si elevano le Alpi Centrali, a cui appartiene l'Ortles, il monte più alto della provincia autonoma di Bolzano (nonché dell'intera regione Trentino-Alto Adige) con i suoi 3.905 m, e le Alpi Orientali. Tra i principali rilievi si contano anche la Palla Bianca, il Similaun, la Cima Altissima, il Gran Pilastro.

Appartiene all'Alto Adige anche una parte delle Dolomiti, dichiarate patrimonio dell'umanità nel 2009. Tra i rilievi dolomitici si annoverano le Dolomiti di Sesto con la Punta Tre Scarperi, la Croda dei Baranci, e le Tre Cime di Lavaredo, le Dolomiti di Gardena (Sassolungo, Sassopiatto, Sella, Piz Boè) e gli altri rilievi dolomitici come Plan de Corones, Latemar, Plose, Catinaccio, Sciliar.

Passi[modifica | modifica wikitesto]

Il Passo del Brennero rappresenta il principale valico di frontiera fra l'Italia e l'Austria. Si pone sullo spartiacque fra i bacini del Mare Adriatico e del Mar Nero. Sul lato italiano vi discende la valle dell'Isarco, su quello austriaco il fiume Sill.

Tra gli altri numerosi valichi alpini si ricordano: Passo Gardena, Passo Nigra, Passo Sella, Passo Stalle, Passo del Rombo, Passo della Mendola, Passo delle Erbe, Passo delle Palade, Passo dello Stelvio, Passo di Campolongo, Passo di Costalunga, Passo di Monte Croce di Comelico, Passo di Monte Giovo, Passo di Pampeago, Passo di Pennes, Passo di Resia, Passo di Valparola, Passo San Lugano.

Valli[modifica | modifica wikitesto]

La val d'Adige identifica il tratto della valle percorsa dal fiume Adige che va da Merano a Rovereto, in Trentino. La val d'Adige è l'area più densamente popolata della provincia, sorgendovi l'area metropolitana di Bolzano. Segue un elenco delle principali valli e loro tributarie.

Idrografia[modifica | modifica wikitesto]

Fiumi[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio è attraversato da diversi corsi d'acqua: Adige - secondo fiume italiano dopo il Po -, Isarco, Rienza, Passirio, Talvera, le fonti della Drava, che si sviluppa nell'Europa centro-orientale e confluisce nel Danubio, e altri più piccoli.

Laghi[modifica | modifica wikitesto]

Nella provincia di Bolzano vi sono 176 bacini d'acqua naturali con lunghezza maggiore o uguale a 100 metri. Gran parte di tali bacini si trova a quote superiori ai 2000 m. I laghi naturali con una superficie maggiore di cinque ettari sono 13: di questi solo tre, il lago di Caldaro (il più esteso lago naturale dell'Alto Adige) e i due laghi di Monticolo, sono situati al di sotto dei 1000 m.[14]

Tra gli altri principali laghi naturali si contano il lago di Anterselva, lago di Braies, il lago di Carezza, il lago di Costalovara, il lago di Dobbiaco, il lago di Favogna, il lago di Fiè, il Lago di Santa Maria, il lago di San Valentino alla Muta, il lago di Landro e il lago di Varna.

Vi sono anche laghi artificiali, alcuni dei quali di dimensione ragguardevole. Tra i principali ricordiamo il lago di Resia (in assoluto il lago più grande della provincia), il lago di Zoccolo, il lago di Fortezza, il lago di Rio di Pusteria e il lago di Valdaora.

Cascate[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Cascate in Alto Adige.

Terra di Alpi e Dolomiti, ricca di corsi d'acqua, l'Alto Adige può vantare numerose cascate. Tra le più belle si annoverano: le cascate di Stanghe, a Racines, nei pressi di Vipiteno, le cascate di Riva, a Campo Tures in valle Aurina, la cascata di Parcines, a Parcines in Val Venosta, la più alta dell'Alto Adige.

Natura[modifica | modifica wikitesto]

Parchi naturali[modifica | modifica wikitesto]

Rientra in territorio altoatesino una parte significativa del parco nazionale dello Stelvio, istituito nel 1935 allo scopo di tutelare la flora, la fauna e le bellezze del paesaggio del gruppo montuoso Ortles-Cevedale e di promuovere lo sviluppo di un turismo sostenibile nelle vallate alpine dell'Alto Adige.

Tra i parchi della provincia si contano anche il parco naturale Dolomiti di Sesto, parco naturale Fanes - Sennes e Braies, parco naturale Gruppo di Tessa, parco naturale Monte Corno, parco naturale Puez-Odle, parco naturale dello Sciliar, parco naturale Vedrette di Ries - Aurina.

Il parco delle Alpi Sarentine è ancora in fase di attivazione.

Monumenti naturali[modifica | modifica wikitesto]

Particolari monumenti naturali che si trovano in Alto Adige sono le piramidi di terra, tra cui le piramidi di Plata e le piramidi di Renon.

Il Bletterbach è un canyon ai piedi del Corno Bianco e la gola Rastenbachklamm si trova in Oltradige.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Storia dell'Alto Adige.

Epoca preromana[modifica | modifica wikitesto]

L'Italia augustea, con la Regio X "Venetia et Histria"

I rinvenimenti archeologici dimostrano la presenza dell'uomo nelle valli dell'odierno Alto Adige dopo la fine dell'ultima glaciazione, intorno al 12 000 a.C. Reperti provenienti dall'Alpe di Siusi sono databili al paleolitico inferiore.[15]

La celebre mummia del Similaun, nota anche come Ötzi, avrebbe un'età di circa 5 300 anni. Questo la pone nell'età del rame, momento di transizione tra il neolitico e l'età del bronzo.

Appartiene alla tarda età del bronzo e alla prima età del ferro la cultura di Luco-Meluno, che prende il nome da due importanti siti archeologici presso Bressanone.[16]

Intorno al 500 a.C. si sviluppò la cultura di Fritzens-Sanzeno, conosciuta anche come la cultura dei Reti, popolazione di probabile etnia etrusca.[17]

Epoca romana[modifica | modifica wikitesto]

Nel 16 a.C. e 15 a.C., i Romani sotto Druso e Tiberio occuparono il territorio alpino, spingendosi fino alle rive del Danubio. La parte settentrionale dell'odierno Alto Adige venne divisa fra le due province Rezia (Raetia prima e Raetia secunda) e Norico (Noricum), mentre quella meridionale che includeva la Val d'Adige fino all'altezza di Merano venne inclusa nella Regio X Venetia et Histria.

Il periodo romano si protrasse per cinque secoli e lasciò profonde tracce nella regione che fu fortemente latinizzata. Le popolazioni autoctone svilupparono una parlata neolatina nella quale si fuse il sostrato retico-celtico, il cosiddetto retoromanzo.[18]

Dopo l'anno 400 d.C., nella tarda romanità, si diffuse il cristianesimo, influenzando in misura crescente la vita pubblica e privata.

Epoca germanica[modifica | modifica wikitesto]

Castel Tirolo, presso il comune di Tirolo

Con la caduta dell'Impero romano d'Occidente nel 476 d.C., la regione fu inclusa nel Regno di Odoacre e successivamente nel Regno degli Ostrogoti (493-553). Dopo la caduta del regno ostrogoto fu la volta dei Longobardi, che annetterono al loro regno la regione. I Baiuvari e i Franchi a più riprese penetrarono in Val Venosta e Val Pusteria, questi ultimi favoriti dagli alleati Longobardi. Nel 774 d.C. Carlo Magno sconfisse i Longobardi a Pavia e conquistò il regno longobardo d'Italia. Il territorio della provincia passò dunque sotto l'Impero Carolingio, seguendone le vicende e divenne quindi parte del Sacro Romano Impero (dal 1512 Sacro Romano Impero della Nazione Germanica). Fu l'imperatore del Sacro Romano Impero Corrado II a concedere ai vescovi di Trento e Bressanone il potere temporale sulle rispettive diocesi nel 1027. I principati vescovili di Trento e Bressanone sopravvissero fino alla secolarizzazione napoleonica del 1803.

Nel corso del XII secolo iniziò l'ascesa delle casate nobiliari a scapito del potere dei due principi vescovi. Riuscirono a imporsi i conti di Tirolo, una casata che prese il nome dall'omonimo castello presso Merano. Fu Mainardo II a dare alla regione del Tirolo i confini che poi, con minimi ampliamenti, restarono immutati fino al 1918. Nel 1363 Margherita di Tirolo fu costretta in seguito a pressioni politiche a cedere la contea del Tirolo al duca d'Austria Rodolfo IV d'Asburgo. Iniziava l'epoca asburgica, interrotta dalle guerre napoleoniche.

Epoca napoleonica e Restaurazione[modifica | modifica wikitesto]

L'Italia durante l'egemonia napoleonica. Nella carta compare la denominazione Haut-Adige ovvero Alto Adige

Nel 1805, dopo la disfatta asburgica per opera di Napoleone, il Trattato di Presburgo assegnò la Contea del Tirolo alla Baviera, alleata della Francia. Il successivo Trattato di Parigi del 28 febbraio 1810 sancì il passaggio di parti dell'odierna provincia di Bolzano al Regno d'Italia napoleonico: la città di Bolzano, l'Oltradige-Bassa Atesina, una parte rilevante del Salto-Sciliar e una piccola parte del Burgraviato (in particolare l'Alta Val di Non tedesca) furono incorporati nel dipartimento dell'Alto Adige, che comprendeva anche gran parte dell'odierno Trentino; le valli dolomitiche intorno a Dobbiaco furono riunite nel Dipartimento della Piave. L'epoca napoleonica venne segnata anche dalle insurrezioni capeggiate da Andreas Hofer. In seguito alla Restaurazione il Regno d'Italia venne dissolto e il territorio dell'odierna provincia passò all'impero austriaco (1814) ovvero all'impero austro-ungarico (1867).

Regno d'Italia[modifica | modifica wikitesto]

Alpini presso il passo dello Stelvio

L'Impero asburgico, che in seguito alla Restaurazione divenne la potenza egemone nelle penisola italiana, fu un potente avversario del Risorgimento. Ciò non riuscì a impedire la nascita del Regno d'Italia, che fu proclamato nel 1861. Nel neonato stato italiano il processo di unificazione non fu considerato completo, poiché molti territori abitati da comunità italiane restavano sotto controllo austriaco e si consolidò di conseguenza l'irredentismo, che coinvolse pure l'odierno Alto Adige, anche se in base al censimento austriaco del 1910 solo una esigua minoranza della popolazione si dichiarava italofona e il 90% risultava germanofono. L'irredentismo italiano rispetto all'Alto Adige trovava il suo fondamento nel principio della frontiera naturale, rientrando il territorio altoatesino nelle frontiere geografiche della penisola italiana ed essendo il confine del Brennero militarmente rilevante.

Nel 1914, all'inizio della prima guerra mondiale, l'Austria-Ungheria e l'Italia aderivano entrambe alla Triplice alleanza, che era di natura difensiva e non contemplava l'intervento italiano al fianco degli austro-tedeschi (che erano le potenze aggredenti). L'Italia mantenne inizialmente la sua neutralità, ma in cambio di concessioni territoriali comprendenti anche l'Alto Adige in base ai termini del trattato segreto di Londra, stipulato nell'aprile 1915, dichiarò guerra all'Austria-Ungheria. In seguito alla vittoria italiana il Trattato di Saint-Germain confermò il passaggio dell'Alto Adige al Regno d'Italia.

Fascismo

Dopo l'avvento del fascismo, la popolazione di lingua tedesca fu sottoposta a un intenso tentativo di snazionalizzazione e italianizzazione. Le scuole di lingua tedesca vennero gradualmente soppresse. La stampa germanofona venne largamente censurata. L'uso dei toponimi tedeschi venne vietato. Anche nomi e cognomi delle persone vennero italianizzati d'ufficio.

Dal punto di vista amministrativo l'Alto Adige venne in un primo momento accorpato con il Trentino nella Provincia di Trento, al fine di diluire l'influenza dell'elemento linguistico tedesco, ma tale esigenza venne meno quando il regime abolì la democrazia locale e al contrario emerse la necessità di un controllo più particolareggiato del territorio. Venne allora istituita la Provincia di Bolzano (1927).

Nel contempo venne promossa la modernizzazione dell'economia altoatesina, con la realizzazione di infrastrutture e la costruzione di impianti idroelettrici per agevolare l'industria pesante installata nella provincia, la cui manovalanza venne reclutata dalle altre regioni d'Italia.

In seguito all'avvicinamento alla Germania nazista furono implementate le opzioni in Alto Adige. Alla popolazione di lingua tedesca fu imposto di scegliere se diventare cittadini tedeschi e conseguentemente trasferirsi nei territori del Terzo Reich o se rimanere cittadini italiani integrandosi nella cultura italiana e rinunciando ad essere riconosciuti come minoranza linguistica. La stragrande maggioranza optò per la Germania, ma solo una parte emigrò effettivamente e molti tornarono in Italia dopo la seconda guerra mondiale.

Zona d'operazioni delle Prealpi

Dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943 l'Alto Adige venne occupato dalla Germania nazista e, pur facendo formalmente parte della Repubblica Sociale Italiana, venne amministrato dalla Germania in seno alla Zona d'operazioni delle Prealpi. La parentesi nazista venne segnata dallo sterminio della popolazione ebraica, da eccidi nei confronti di militari italiani e da persecuzioni contro gli abitanti di lingua tedesca che non avevano optato per la Germania. La guerra si concluse con 8.000 altoatesini dispersi o morti.

Repubblica italiana[modifica | modifica wikitesto]

Primo statuto di autonomia
Uno dei 37 tralicci che furono fatti saltare nel giugno 1961

Dopo la guerra gli altoatesini di lingua tedesca sperarono nell'unificazione con l'Austria, ma l'accordo De Gasperi-Gruber stabilì che la provincia rimanesse all'Italia in condizioni di autonomia. Il primo statuto di autonomia del 1948 dava ampie competenze alla regione Trentino-Alto Adige, dove i trentini e gli altoatesini di lingua italiana erano in maggioranza. Lo statuto ripristinò l'insegnamento del tedesco e stabilì la toponomastica bilingue. Fino alla metà degli anni cinquanta la Democrazia Cristiana e la Südtiroler Volkspartei, il partito di riferimento della popolazione di lingua tedesca, guidato originariamente da membri della Resistenza al nazismo, collaborarono dunque nella gestione dell'ente regionale, che poté svilupparsi anche economicamente.

Verso la metà degli anni cinquanta del Novecento, in seguito al ritorno di molti optanti dalla Germania e alla ricostituzione della Repubblica Austriaca, decisa a sostenere istanze rivendicazioniste, la politica altoatesina si radicalizzò. La stampa e il clero di lingua tedesca si inserirono nella controversia etnica evocando una "marcia della morte" orchestrata dal Governo italiano ai danni della popolazione di lingua tedesca attraverso l'industrializzazione e l'immigrazione da altre regioni d'Italia. La linea della Südtiroler Volkspartei venne da allora dettata da nuovi elementi che realizzarono la separazione fra persone di lingua italiana e tedesca in tutti i luoghi, pubblici (a partire dalle scuole) e privati (nelle associazioni), anche al fine di prevenire matrimoni mistilingui.

La radicalizzazione portò alla nascita di movimenti terroristici: il Gruppo Stieler, autore di diversi danneggiamenti; il Comitato per la liberazione del Sudtirolo, che perseguì anche una strategia stragista. Il Governo italiano rispose al terrorismo con una massiccia presenza militare in Alto Adige.

Secondo statuto di autonomia

La questione dell'Alto Adige raggiunse le Nazioni Unite. Dopo anni di discussione nei consessi nazionali e internazionali nel 1972 l'Alto Adige ottenne un'ampia autonomia separata dal Trentino, racchiusa nel Pacchetto per l'Alto Adige e contenuta nel secondo statuto di autonomia del Trentino-Alto Adige, che consegnava la maggioranza politica al gruppo tedesco e istituzionalizzava la separazione etnica attraverso la cosiddetta proporzionale etnica.

Ciononostante, gli attentati terroristici ripresero con forza nella seconda metà degli anni settanta del Novecento, per finire solamente alla fine degli anni ottanta. Accanto a gruppi estremistici di lingua tedesca, in particolare Ein Tirol, favorevoli al distacco dall'Italia, comparvero anche organizzazioni italiane, come l'Associazione Protezione Italiani e il Movimento Italiano Alto Adige, contrarie ai provvedimenti contenuti nel secondo statuto di autonomia.

La pacificazione fu raggiunta sul finire degli anni ottanta del Novecento e ha coinciso con un lungo periodo di prosperità economica, fino allo scoppio della crisi dell'Eurozona. Dopo un passato tormentato l'Alto Adige è oggi visto come un esempio di pacifica convivenza fra gruppi etnici.

Si registrano tuttavia da un lato il disagio della popolazione di lingua italiana, che dagli anni settanta ha visto progressivamente calare la propria consistenza numerica, con la radicalizzazione del voto a favore del Movimento sociale italiano negli anni ottanta e successivamente in misura minore di Unitalia; dall'altro lato la crescente insofferenza della popolazione di lingua tedesca con il consolidato successo dei partiti, come i Freiheitlichen, che sostengono l'annessione all'Austria o la creazione di un Alto Adige stato indipendente.[19]

Monumenti storici[modifica | modifica wikitesto]

L'odierna provincia di Bolzano nel corso della storia è passata sotto diverse dominazioni, ciascuna delle quali ha lasciato le proprie tracce.[20] La più duratura risulta la dominazione asburgica, che durò più di cinque secoli, prendendo avvio nel 1363 e terminando nel 1918, e segnò profondamente sia le popolazioni sia le espressioni storico-artistiche della regione.[21]

Del periodo medievale sono testimonianza numerosi castelli,[22] tra i quali il più importante è castel Tirolo: dai suoi signori, i conti di Tirolo, ha preso il nome l'intera regione. A castel Roncolo si trovano affreschi di soggetto cavalleresco, castel Coira alloggia un'importante collezione di armature. Sotto l'impero austro-ungarico furono costruiti diversi forti, tra cui il forte di Fortezza.

Oltre a castelli e fortezze nella provincia di Bolzano si trovano innumerevoli chiese, abbazie e monasteri, di stile romanico, gotico e barocco: tra questi l'abbazia di Monte Maria, l'abbazia di Novacella, il monastero di Sabiona, la collegiata di San Candido, il duomo di Bressanone e il duomo di Bolzano.[23] Durante il Ventennio furono eretti numerosi monumenti in sintonia con l'iconografia e ideologia del regime fascista, tra essi il Monumento alla Vittoria di Bolzano e il monumento all'Alpino di Brunico.

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del 2011 si contavano 510.851 abitanti, di cui 41.597 stranieri (8,14 %, sopra la media nazionale ma sotto quella dell'Italia settentrionale).[24]

Le più grandi comunità di stranieri oltre le 1.500 persone sono:[25]

Lingue e gruppi linguistici[modifica | modifica wikitesto]

Censimento 2011
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Dialetto sudtirolese e Proporzionale etnica.

La provincia autonoma di Bolzano è un'area trilingue. L'italiano e il tedesco sono lingue ufficiali della provincia, a cui si aggiunge il ladino in due valli orientali.

Poco più di due terzi degli abitanti sono di madrelingua tedesca. Nella vita privata e pubblica all'interno della componente germanofona predomina un dialetto austrobavarese alpino (il dialetto sudtirolese), caratterizzato da una certa presenza di vocaboli di origine italiana. Il tedesco standard nella sua variante austriaca rimane l'idioma insegnato a scuola, usato nella comunicazione scritta e nelle occasioni ufficiali. Il gruppo tedescofono è maggioritario in 102 comuni su 116 (con una punta del 100% a Martello), di questi in ben 77 comuni il gruppo linguistico tedesco costituisce più del 90% dei residenti. Gli italofoni, circa un quarto della popolazione provinciale, sono maggioritari in cinque comuni: Bolzano (73,80%), Laives (71,50%), Bronzolo (62,01%), Salorno (61,85%) e Vadena (61,50%). Il comune di Merano, la seconda città più popolosa della provincia, è per circa metà di madrelingua italiana (49,06%), a Fortezza il 38,51% della cittadinanza appartiene al gruppo italiano ed a Bressanone, terzo comune della provincia, gli italofoni sono il 25,84%.[26] I madrelingua italiani vengono ricorrentemente definiti Walsche e la lingua italiana Walsch, entrambi termini che derivano dal germanico antico (Walh, straniero[27], cfr. Valacchi) e hanno acquisito connotazione negativa.[28][29][30][31]

Gli italofoni, provenienti da regioni diverse, nella vita quotidiana usano per lo più l'italiano standard, mentre nella Bassa Atesina è diffuso anche il dialetto trentino.[32]

Oltre il 4% degli altoatesini è di madrelingua ladina dolomitica. I ladinofoni sono concentrati soprattutto nella val Gardena e in val Badia e costituiscono la maggioranza in otto comuni: La Valle (punta del 97,66%), San Martino in Badia, Badia, Marebbe, Santa Cristina Valgardena, Selva di Val Gardena, Ortisei, Corvara in Badia.

In occasione del censimento decennale della popolazione, ogni cittadino maggiore di 14 anni è chiamato a dichiarare la propria appartenenza a uno dei tre gruppi linguistici. In base ai risultati si procede all'assegnazione dei posti negli impieghi pubblici, delle case popolari, dei contributi per enti e associazioni, secondo il sistema della proporzionale etnica.[33] L'autonomia altoatesina si basa infatti sul principio del separatismo linguistico. Asili, scuole, case di riposo sono distinti per gruppo linguistico. Anche alcune associazioni attirano soci prevalentemente di un solo gruppo linguistico, come il Club Alpino Italiano e l'Alpenverein Südtirol, e anche la Caritas intrattiene sezioni separate.

Per quanto riguarda in particolare la scuola, l'insegnamento viene impartito esclusivamente in lingua italiana o tedesca, secondo l'appartenenza linguistica, da insegnanti di madrelingua. Elemento di attenuazione risulta l'apprendimento dell'altra lingua a partire dalla prima o seconda elementare (a mo' di lingua straniera). A livello della giunta provinciale vi sono due distinti assessorati, uno per l'intendenza scolastica tedesca e uno per quella italiana.

Tra il 1971 e il 2011 il gruppo linguistico italiano, in costante crescita dal primo dopoguerra fino agli anni sessanta, è calato da 137.759 a 118.120 residenti.

Consistenza demografica in Alto Adige per gruppo linguistico (1880-2011) - Dati assoluti e percentuali[34]
Anni
Italofoni
Tedescofoni
Ladinofoni
Altri
Totale
6.884 (3,4%)
186.087 (90,6%)
8.822 (4,3%)
3.513 (1,7%)
205.306
9.369 (4,5%)
187.100 (89,0%)
8.954 (4,3%)
4.862 (2,3%)
210.285
8.916 (4,0%)
197.822 (88,8%)
8.907 (4,0%)
7.149 (3,2%)
222.794
7.339 (2,9%)
223.913 (89,0%)
9.429 (3,8%)
10.770 (4,3%)
251.451
27.048 (10,6%)
193.271 (75,9%)
9.910 (3,9%)
24.506 (9,6%)
254.735
65.503 (23,2%)[35]
195.177 (69,2%)[35]
n.d.
21.478 (7,6%)
282.158[36]
114.568 (33,1%)
214.257 (61,9%)
12.696 (3,7%)
4.251 (1,3%)
345.772[37]
128.271 (34,3%)
232.717 (62,2%)
12.594 (3,4%)
281 (0,1%)
373.863
137.759 (33,3%)
260.351 (62,9%)
15.456 (3,7%)
475 (0,1%)
414.041
123.695 (28,7%)
279.544 (64,9%)
17.736 (4,1%)
9.593 (2,2%)
430.568
116.914 (26,5%)
287.503 (65,3%)
18.434 (4,2%)
17.657 (4,0%)
440.508
113.494 (24,5%)
296.461 (64,0%)
18.736 (4,0%)
34.308 (7,4%)
462.999
118.120 (23,3%)
314.604 (62,2%)
20.548 (4,0%)
51.795 (10,5%)
505.067[38]

Ai fini della proporzionale etnica, in vigore dal 1981, calcolata invece sui soli cittadini italiani (senza gli altri), i rilevamenti sono stati i seguenti:

Gruppo linguistico 1981 1991 2001 2011
Tedesco 66,40 % 67,99 % 69,15 % 69,41 %
Italiano 29,38 % 27,65 % 26,47 % 26,06 %
Ladino 4,21 % 4,36 % 4,37 % 4,53 %

Uso della lingua tedesca[modifica | modifica wikitesto]

Carta d'identità bilingue italiano-tedesco

Lo statuto del Trentino-Alto Adige sancisce che la lingua tedesca è parificata a quella italiana, ma quest'ultima fa testo negli atti aventi carattere legislativo (art. 99).

I cittadini di lingua tedesca della provincia di Bolzano hanno facoltà di usare la loro lingua nei rapporti con gli uffici giudiziari e con gli organi e uffici della pubblica amministrazione, nonché con i concessionari di servizi di pubblico interesse. Le carte d'identità dei residenti in Alto Adige sono espresse in italiano e tedesco, oltre ad essere di colore verde.

Nelle adunanze degli organi collegiali della regione Trentino-Alto Adige, della provincia di Bolzano e degli enti locali può essere usata la lingua italiana o la lingua tedesca.

Nella corrispondenza e nelle comunicazioni orali deve essere usata la lingua del richiedente; quando viene avviata d'ufficio, la corrispondenza si svolge nella lingua presunta del cittadino cui è destinata.

« [...] Rimane salvo l'uso della sola lingua italiana all'interno degli ordinamenti di tipo militare. »
(art. 100)

Le amministrazioni pubbliche devono usare, nei riguardi dei cittadini di lingua tedesca, anche la toponomastica tedesca, se la legge provinciale ne abbia accertata l'esistenza ed approvata la dizione (art. 101). Una tale legge non è stata ancora approvata dal consiglio provinciale.

Uso della lingua ladina[modifica | modifica wikitesto]

Scuola ladina a Santa Cristina Valgardena

La lingua ladina è usata nelle scuole materne ed è insegnata nelle scuole delle località ladine. Tale lingua è altresì usata quale strumento di insegnamento nelle scuole di ogni ordine e grado delle località stesse. In tali scuole l'insegnamento è impartito su base paritetica di ore in italiano e tedesco.

Esiste un assessorato alla scuola in lingua ladina distinto da quelli in lingua italiana e tedesca.

Comuni[modifica | modifica wikitesto]

Appartengono alla provincia autonoma di Bolzano i seguenti 116 comuni:

Comuni più popolosi[modifica | modifica wikitesto]

I comuni più popolosi sono:

Pos. Stemma Comune di Popolazione
(ab)[39]
Superficie
(km²)
Densità
(ab/km²)
Altitudine
(m s.l.m.)
% italiano
% tedesco
% ladino
Bolzano-Stemma.png
Bolzano 106.023 52,34 1.996 262 73,80 25,52 0,68
Merano-Stemma.png
Merano 39.243 26,33 1.469 325 49,06 50,47 0,47
Bressanone-Stemma.png
Bressanone 21.422 84,86 244 560 25,84 72,82 1,34
Laives-Stemma.png
Laives 17.321 24,25 712 258 71,50 27,99 0,51
Brunico-Stemma.png
Brunico 16.023 45,06 346 838 15,24 82,47 2,29
Appiano sulla strada del vino-Stemma.png
Appiano sulla Strada del Vino 14.393 59,7 240 416 13,29 86,23 0,48
Lana-Stemma.png
Lana 11.639 36,08 312 310 7,90 91,84 0,26
Caldaro sulla Strada del Vino-Stemma.png
Caldaro sulla Strada del Vino 7.934 47,95 160 425 7,03 92,61 0,36
Renon-Stemma.png
Renon 7.730 111,48 69 1000 4,55 95,20 0,25
10º
Sarentino-Stemma.png
Sarentino 7.005 302,49 23 900 1,82 98,07 0,10

Comunità comprensoriali[modifica | modifica wikitesto]

Comunità comprensoriali dell'Alto Adige
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Comunità comprensoriale.

I 116 comuni sono raggruppati in otto comunità comprensoriali (ted. Bezirksgemeinschaften), unità amministrative poste tra la provincia autonoma e i comuni. Svolgono funzioni delegate dalla provincia stessa, in particolare coordinano le attività dei comuni. Sono rette da una giunta comprensoriale (Bezirksausschuss), presieduta da un presidente comprensoriale (Bezirkspräsident), entrambi eletti dal consiglio comprensoriale (Bezirksrat), i cui membri sono scelti dai comuni con un complesso sistema di voto, per la rappresentanza di tutti i gruppi linguistici e politici.

Comunità comprensoriale Capoluogo Superficie Popolazione
Bolzano
Bozen
Bolzano 52,34 km² 99.229
Burgraviato
Burggrafenamt
Merano 1.101 km² 88.300
Oltradige-Bassa Atesina
Überetsch-Unterland
Egna 424 km² 63.000
Salto-Sciliar
Salten-Schlern
Bolzano 1.037 km² 44.400
Valle Isarco
Eisacktal
Bressanone 624 km² 44.500
Val Pusteria
Pustertal
Brunico 2.071 km² 73.000
Val Venosta
Vinschgau
Silandro 1.441,68 km² 34.307
Alta Valle Isarco
Wipptal
Vipiteno 650 km² 18.220

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Sin dal dopoguerra la provincia autonoma di Bolzano è governata dalla Südtiroler Volkspartei (letteralmente "Partito popolare Sud Tirolese"), il partito di raccolta (Sammelpartei) dei cittadini di lingua tedesca e ladina, che ha mantenuto ininterrottamente la maggioranza assoluta dei seggi nel consiglio provinciale fino alle elezioni provinciali del 27 ottobre 2013.

A livello locale, nei centri a maggiore presenza italofona, la SVP si è presentata a lungo in alleanza con la Democrazia Cristiana; dagli anni novanta ha preferito associarsi con il centrosinistra, attualmente con il Partito Democratico (mantenendo però sempre autonomia decisionale). Attualmente la provincia stessa, il capoluogo provinciale e altri importanti centri sono governati da tale coalizione. In ben 107 comuni della provincia il sindaco è espresso dalla SVP.

Il secondo partito della provincia sono Die Freiheitlichen ("I Libertari"), movimento espressamente favorevole alla secessione dall'Italia, sia pure in una prospettiva di maggior collaboratività rispetto ai più radicali Süd-Tiroler Freiheit ("Libertà sudtirolese"), il partito di Eva Klotz (considerata la leader più rappresentativa dell'irredentismo sudtirolese), e Bürger Union für Südtirol ("Unione civica per l'Alto Adige"). Alle ultime elezioni provinciali del 2013 questi partiti hanno totalizzato il 27,2% dei voti.

Nel gruppo linguistico italiano hanno a lungo raccolto forti consensi la Democrazia Cristiana e il Movimento Sociale Italiano, fino al loro scioglimento. Alle elezioni provinciali del 2003 il partito più forte è stato Alleanza Nazionale, a quelle del 2008 Il Popolo della Libertà (che però ha raccolto meno voti di Alleanza Nazionale e Forza Italia insieme). Le elezioni provinciali del 2013 hanno segnato il crollo del centrodestra italiano (presentatosi diviso in più liste) e il Partito Democratico si è affermato come il primo partito del gruppo linguistico italiano, nonché quinta forza della provincia.

I partiti più rappresentativi del gruppo ladino sono la Südtiroler Volkspartei (SVP) e i Ladins (che nel 2013 si sono associati alla Bürger Union für Südtirol).

Partito trasversale, non legato all'appartenenza a gruppi linguistici, sono i Verdi del Sudtirolo, che sono la terza forza politica della provincia.

Consiglio provinciale[modifica | modifica wikitesto]

Il gonfalone della provincia autonoma di Bolzano
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano.

Il consiglio della provincia autonoma di Bolzano (ted. Südtiroler Landtag, lad. Cunsëi dla Provinzia autonoma de Bulsan) è l'organo legislativo dell'Alto Adige e consta di 35 membri. Esso esercita inoltre la funzione di controllo nei confronti della giunta provinciale (ted. Landesregierung, lad. Junta provinziala). Spetta al consiglio anche decidere il sistema di voto: si tratta attualmente di un proporzionale, senza elezione diretta del presidente della provincia.

Partito Voti 2013 Seggi 2013
Südtiroler Volkspartei (SVP) 45,7 % 17
Die Freiheitlichen 17,9 % 6
Verdi - Grüne - Verc - Sel 8,7 % 3
Süd-Tiroler Freiheit 7,2 % 3
Partito Democratico - Demokratische Partei (PD) 6,7 % 2
Forza Alto Adige - Lega Nord - Team Autonomie 2,5 % 1
Movimento Cinque Stelle 2,5 % 1
Bündnis BürgerUnion - Ladins Dolomites - Wir Südtiroler 2,1 % 1
L'Alto Adige nel cuore 2,1 % 1

Giunta provinciale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Presidenti della Provincia autonoma di Bolzano.

Il governo provinciale è caratterizzato da una forte continuità personale. Dal 1948 si sono avvicendati al potere appena cinque presidenti, tutti espressi dalla Südtiroler Volkspartei (SVP). Silvius Magnago ha governato l'Alto Adige per quasi trent'anni (dal 1960 al 1989), il suo successore, Luis Durnwalder, è stato presidente dal 1989 al 2014. Dall'8 gennaio del 2014 il presidente della provincia (ted. Landeshauptmann, lad. presidënt dla Provinzia) è Arno Kompatscher.

Il governatore dell'Alto Adige, Arno Kompatscher
Presidenti della provincia dal 1948
In carica Presidente Numero giunte Partito del presidente
1948–1955 Karl Erckert 2 SVP
1956–1960 Alois Pupp 1 SVP
1960–1989 Silvius Magnago 6 SVP
1989–2014 Luis Durnwalder 5 SVP
2014– Arno Kompatscher 1 SVP

Autonomia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la riforma dello statuto regionale del Trentino-Alto Adige, risalente al 1972, la provincia è stata investita di un ampio potere di legiferare (nello statuto del 1948 questo potere era marginale).

Mentre tutte le altre province italiane hanno mere funzioni amministrative, la provincia autonoma di Bolzano, così come quella di Trento, ha potere legislativo in molte materie normalmente di competenza statale o regionale. Particolarmente importanti sono le competenze in materia di sanità, scuola, formazione, lavoro, trasporti e viabilità.

Per la gestione autonoma delle vaste competenze l'Alto Adige dispone di uno specifico regolamento finanziario: 9/10 del gettito fiscale prodotto in Alto Adige spettano alla provincia, che poi versa allo Stato il 0,6% degli interessi relativi al debito nazionale come contributo al risanamento del deficit pubblico (circa 476 millioni du euro nel 2014).[40] La provincia autonoma dispone di 9.000 euro di risorse all'anno per ognuno dei suoi oltre 500.000 abitanti (contro i 2.000 della Lombardia, superati però dai 12.000 della Valle d'Aosta).[Questo confronto non ha alcun senso, perché la provincia autonoma gestisce tantissime competenze, che nella Lombardia esercita lo stato centrale (le scuole, le strade statali, etc).] I calcoli dei residui fiscali collocano il Trentino-Alto Adige tra le regioni in attivo, che danno di più alle amministrazioni pubbliche (in termini di imposte, tasse e contributi) di quanto ricevono sotto forma di trasferimenti o servizi pubblici.[41] Complessivamente il bilancio dell'Alto Adige si aggira sui 5 miliardi di euro all'anno.

Autonomia legislativa[modifica | modifica wikitesto]

La provincia possiede la competenza esclusiva a legiferare nelle seguenti materie: ordinamento degli uffici provinciali e del personale ad essi addetto; toponomastica, fermo restando l'obbligo della bilinguità nel territorio della provincia di Bolzano; tutela e conservazione del patrimonio storico, artistico e popolare; usi e costumi locali ed istituzioni culturali (biblioteche, accademie, istituti, musei) aventi carattere provinciale; manifestazioni ed attività artistiche, culturali ed educative locali, e anche con i mezzi radiotelevisivi, esclusa la facoltà di impiantare stazioni radiotelevisive; urbanistica e piani regolatori; tutela del paesaggio; usi civici; ordinamento delle minime proprietà colturali, anche agli effetti dell'art. 847 del codice civile; ordinamento dei "masi chiusi" (Erbhof) e delle comunità familiari rette da antichi statuti o consuetudini; artigianato; edilizia comunque sovvenzionata, totalmente o parzialmente, da finanziamenti a carattere pubblico, comprese le agevolazioni per la costruzione di case popolari in località colpite da calamità e le attività che enti a carattere extra provinciale, esercitano nella provincia con finanziamenti pubblici; porti lacuali; fiere e mercati; opere di prevenzione e di pronto soccorso per calamità pubbliche; miniere, comprese le acque minerali e termali, cave e torbiere; caccia e pesca; alpicoltura e parchi per la protezione della flora e della fauna; viabilità, acquedotti e lavori pubblici di interesse provinciale; comunicazioni e trasporti di interesse provinciale, compresi la regolamentazione tecnica e l'esercizio degli impianti di funivia; assunzione diretta di servizi pubblici e loro gestione a mezzo di aziende speciali; turismo e industria alberghiera, compresi le guide, i portatori alpini, i maestri e le scuole di sci; agricoltura, foreste e corpo forestale, patrimonio zootecnico e ittico, istituti fitopatologici, consorzi agrari e stazioni agrarie sperimentali, servizi antigrandine, bonifica; espropriazione per pubblica utilità per tutte le materie di competenza provinciale; costituzione e funzionamento di commissioni comunali e provinciali per l'assistenza e l'orientamento dei lavoratori nel collocamento; opere idrauliche della terza, quarta e quinta categoria; assistenza e beneficenza pubblica; scuola materna; assistenza scolastica per i settori di istruzione in cui la provincia ha competenza legislativa; edilizia scolastica; addestramento e formazione professionale.

Nei seguenti ambiti l'Alto Adige dispone di una competenza legislativa concorrente con lo Stato centrale: polizia locale urbana e rurale; istruzione elementare e secondaria (media, classica, scientifica, magistrale, tecnica, professionale e artistica); commercio; apprendistato; libretti di lavoro; categorie e qualifiche dei lavoratori; costituzione e funzionamento di commissioni comunali e provinciali di controllo sul collocamento; spettacoli pubblici per quanto attiene alla pubblica sicurezza; esercizi pubblici, fermi restando i requisiti soggettivi richiesti dalle leggi dello Stato per ottenere le licenze, i poteri di vigilanza dello Stato, ai fini della pubblica sicurezza, la facoltà del Ministero dell'interno di annullare d'ufficio, ai sensi della legislazione statale, i provvedimenti adottati nella materia, anche se definitivi. La disciplina dei ricorsi ordinari avverso i provvedimenti stessi è attuata nell'ambito dell'autonomia provinciale; incremento della produzione industriale; utilizzazione delle acque pubbliche, escluse le grandi derivazioni a scopo idroelettrico; igiene e sanità, ivi compresa l'assistenza sanitaria e ospedaliera; attività sportive e ricreative con i relativi impianti e attrezzature.

Autonomia finanziaria[modifica | modifica wikitesto]

In base all'articolo 75 dello statuto del 1972, spettano alla Provincia di Bolzano:

  1. i nove decimi delle imposte di registro e di bollo, nonché delle tasse di concessione governativa;
  2. i nove decimi delle tasse di circolazione relative ai veicoli immatricolati;
  3. i nove decimi dell'imposta sul consumo dei tabacchi ;
  4. i sette decimi dell'imposta sul valore aggiunto, esclusa quella relativa all'importazione;
  5. i quattro decimi dell'imposta sul valore aggiunto relativa all'importazione riscossa nel territorio regionale, da ripartire nella proporzione del 53% alla Provincia di Bolzano (e del 47% alla Provincia di Trento);
  6. i nove decimi del gettito dell'imposta di fabbricazione sulla benzina;
  7. i nove decimi di tutte le altre entrate tributarie erariali, dirette o indirette, comunque denominate, inclusa l'imposta locale sui redditi (quindi IRPEF, IRES e via discorrendo), ad eccezione di quelle di spettanza regionale o di altri enti pubblici (comuni in primis).

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Un esempio di bottiglia di birra Forst

L'economia altoatesina è fortemente diversificata.

Molto sviluppata è la frutticultura: Il 10% delle mele dell'Unione Europea, ovvero il 2% della produzione mondiale, si coltiva in Alto Adige, su una superficie di 18.000 ettari. Grazie al clima mite, soprattutto lungo la Strada del Vino, la vite cresce particolarmente bene. Numerosi vini portano il contrassegno D.O.C. (Denominazione di Origine Controllata). Tra i più conosciuti ricordiamo il Gewürztraminer dell'Alto Adige, il Kalterersee Auslese (vino di Caldaro), il St. Magdalener, il Weissburgunder e il Blauburgunder dell'Alto Adige. Da non dimenticare lo Schiava (o Vernatsch) e il Lagrein, vino autoctono. L'area coltivata a vite non supera i 5.100 ettari, cioè appena l'1% dell'intera superficie vitivinicola italiana. Ciò non impedisce ai vini altoatesini di essere universalmente apprezzati e di ben figurare nei concorsi internazionali di qualità. È altoatesina anche la birra Forst.

Anche l'industria ha conosciuto un importante sviluppo. Tra i gruppi più importanti ricordiamo Fercam (autotrasporti), Leitner (funivie), Loacker e Senfter (alimentari), Rubner (industria del legno), Salewa (abbigliamento da montagna). Pure la Zuegg (alimentari) è un'impresa di origine altoatesina. Molti sforzi vengono fatti per coniugare la crescita con la sostenibilità ambientale. La provincia punta in particolare sulle fonti di energia alternativa: biomasse, energia idrica, energia solare. L'Alto Adige è pertanto considerato all'avanguardia in Italia per aver puntato molto sulla Green economy delle sue imprese e l'essere cerniera con il mondo germanico ed europeo.[42]

Ma il settore economico di gran lunga più importante è il turismo: rinomate stazioni sciistiche (Plan de Corones, Sellaronda, Plose), le terme a Merano, l'offerta culturale di Bolzano (tra cui il museo archeologico provinciale di Bolzano e il Museion), la bellezza del paesaggio e l'ottima cucina altoatesina attirano ogni anno milioni di turisti. La provincia di Bolzano è la prima in Italia quanto a pernottamenti, davanti a Rimini e Venezia.

Tutto ciò ha creato un notevole benessere. Con un PIL pro capite di 32.284 € (2012) l'Alto Adige si colloca al primo posto tra le regioni ovvero province autonome d'Italia.[43] Nel terzo trimestre 2014, l'Alto Adige aveva un tasso di disoccupazione congiunturale del 4,2%.[44]

Le principali associazioni economiche che rappresentano le aziende altoatesine sono l'Associazione degli albergatori e pubblici esercenti (HGV),[45] l’Associazione degli artigiani (APA),[46] l’Associazione degli industriali[47] e l'Unione commercio turismo servizi Alto Adige (rappresentanze locali rispettivamente di Confindustria e Confcommercio). Sono inoltre presenti sedi provinciali di CNA e Confesercenti.

La provincia autonoma di Bolzano è un importante produttore di energia idroelettrica. La provincia controlla la SEL Spa. Nel complesso l'intervento pubblico nell'economia è piuttosto pronunciato in Alto Adige, il che si riflette anche nella creazione di numerosi posti di lavoro pubblici, che ammontano a quasi 40.000.[48]

Società e cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione e ricerca[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio della provincia di Bolzano tutte le scuole (asili, elementari, medie e superiori) sono suddivise a seconda della lingua di insegnamento. Fanno eccezione le valli ladine, dove vige l'insegnamento paritetico in italiano e in tedesco. Le scuole di lingua italiana della provincia e parte della pubblica amministrazione sono passate dal 2005 al software libero[49] eliminando i costi legati all'acquisto di licenze software di software proprietario (come ad esempio Microsoft Windows e Microsoft Office).

Nel campo dell'istruzione ai più alti livelli e della ricerca spiccano la Libera Università di Bolzano, fondata nel 1997, l'Accademia Europea (EURAC), il Techno Innovation Park South Tyrol (TIS) e la Fraunhofer Italia Research.

Religione[modifica | modifica wikitesto]

La maggioranza della popolazione, sia italofona che germanofona, è di religione cattolica romana. La messa viene di norma celebrata in lingua italiana o tedesca, ma talora si tende ad alternare le due lingue durante la funzione (la cosiddetta "messa bilingue"). Anche le parrocchie si dividono in italiane e tedesche, ma si trovano anche parrocchie bilingui (a Bolzano sono 10 su 18). Bolzano è dal 1964 sede vescovile della Diocesi di Bolzano-Bressanone. Dal 27 luglio 2011 il vescovo di Bolzano-Bressanone è Ivo Muser.

Pur rimanendo una regione con un saldo legame con la tradizione cattolica, anche l'Alto Adige si sta muovendo lentamente verso un processo di laicizzazione.[50]

A Bolzano è presente da più di un secolo la più numerosa comunità evangelico-luterana della provincia composta da circa 600 fedeli con una propria chiesa e un proprio pastore. A Merano la comunità evangelico-luterana conta circa 320 fedeli con una propria chiesa e un proprio pastore. Le comunità luterane fanno parte della Chiesa Evangelica Luterana in Italia e hanno a disposizione uno spazio sulla radio del Sender Bozen della RAI. La chiesa evangelico-luterana di Bolzano è il luogo di culto anche per la comunità veterocattolica, facente parte della Chiesa vetero-cattolica d'Austria; un'altra comunità vetero-cattolica, facente riferimento alla Chiesa vetero cattolica dell'Unione di Utrecht in Italia, è presente a Vandoies (nei pressi di Bressanone). Sono presenti anche molti testimoni di Geova, con 12 congregazioni di lingua italiana e 9 di lingua tedesca, e seguaci di altre confessioni libere come quelli della Chiesa cristiana avventista del settimo giorno, Chiesa Neo-Apostolica e della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (mormoni), tutte con una sede a Bolzano. Anche il buddismo è presente in provincia con circa 150 membri della Soka Gakkai; a Merano si trova anche un piccolo tempio tibetano.

La comunità ebraica più importante è quella di Merano (falcidiata negli ultimi anni della seconda guerra mondiale dai nazisti, con gravi complicità locali) dove è presente una sinagoga e alla quale fanno capo tutte le famiglie ebraiche dell'Alto Adige (circa 60 membri). A Bolzano si trova invece il più grande cimitero ebraico della provincia.

Con l'immigrazione sono giunte anche persone di fedi orientali e cristiano-ortodosse (una comunità russo-ortodossa storica è presente a Merano), ma la parte più rilevante è costituita dagli islamici che probabilmente superano le 10.000 unità (ossia circa il 2% della popolazione) rendendo la comunità islamica la più numerosa tra le fedi minoritarie. Non sono ancora ufficialmente presenti luoghi di culto stabili per musulmani.

Tradizioni[modifica | modifica wikitesto]

Una Musikkapelle in costumi storici tirolesi

L'Alto Adige ha antiche tradizioni, principalmente ereditate dalla sua appartenenza al Tirolo storico. Le associazioni degli Schützen sono particolari cultrici delle tradizioni tirolesi.

Gli Scheibenschlagen sono il tradizionale "lancio di dischi ardenti" in occasione della prima domenica di Quaresima, i Herz-Jesu-Feuer sono i "fuochi del Sacro Cuore di Gesù" che si accendono la terza domenica dopo Pentecoste. I Krampus sono dei diavoli travestiti che accompagnano San Nicolò.

Esistono poi diverse leggende e saghe legate alle località dolomitiche; tra le maggiormente note la leggenda del Re Laurino e quella del Regno dei Fanes, che appartiene al patrimonio mitologico ladino.

Altre antiche tradizioni sono i giochi di carte, come il Watten e il Mao Mao.

Cucina[modifica | modifica wikitesto]

Speck dell'Alto Adige IGP
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: cucina altoatesina e Prodotti agroalimentari tradizionali del Trentino-Alto Adige.

Tra i piatti tipici della provincia si annoverano i canederli, gli Schlutzkrapfen, i Tirtlen, il Kaiserschmarren, gli Strauben, lo Strudel. Il Törggelen è una tipica usanza culinaria autunnale.

Prodotto agroalimentare tipico è lo Speck dell'Alto Adige.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

L'Alto Adige, per la posizione al centro delle Alpi e in particolare grazie al passo del Brennero – il più basso dell'intero arco alpino – è un fondamentale snodo viario.

Il casello autostradale di Vipiteno della A22 del Brennero

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Nel senso nord-sud è attraversato da:

Trasversalmente a ovest:

A est:

Da annotare che tutte le statali dal 1998 sono passate sotto proprietà e gestione diretta della Provincia autonoma, ma hanno comunque mantenuto la loro denominazione di "strade statali".

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

La principale strada ferrata è la linea ferroviaria del Brennero che collega Verona a Monaco di Baviera dalla quale si diramano, a Fortezza la ferrovia della Val Pusteria e a Bolzano la ferrovia Bolzano-Merano, tutte elettrificate. Quest'ultima prosegue come ferrovia della Val Venosta – a trazione termica – lungo la val Venosta fino a Malles. Chiusa nel 1991, è stata riaperta nel maggio 2005 e appartiene alla Provincia Autonoma di Bolzano, tramite la propria società di trasporto pubblico SAD.

È in costruzione la galleria di base del Brennero-BBT di circa 50 km che collegherà Fortezza ad Innsbruck ed è in progetto una nuova linea verso sud che realizzerà un sistema a 4 binari.

Una interessante linea di tipo tramviario è la ferrovia del Renon sull'omonimo altopiano, fino al 1966 collegata a Bolzano mediante un tratto a cremagliera e oggi servita dalla funivia del Renon.

La ferrovia marmifera di Lasa, a scartamento ridotto, è adibita a uso industriale.

Tra le linee storiche e ormai dismesse si ricordano: la ferrovia Bolzano-Caldaro, la ferrovia Brunico-Campo Tures, la ferrovia Lana-Postal, la ferrovia della Val Gardena, la ferrovia della Val di Fiemme e la ferrovia delle Dolomiti Dobbiaco-Cortina d'Ampezzo-Calalzo.

Funivie e funicolari[modifica | modifica wikitesto]

L'Alto Adige, per la sua conformazione orografica, ospita un numero considerevole di impianti a fune.

Oltre alle innumerevoli realizzazioni di tipo turistico – in particolare di risalita per la pratica dello sci quali cabinovie, sciovie e simili – sono presenti vari impianti utilizzati per collegare gli abitati in quota con il rispettivo fondovalle.

Fra le funivie si citano quelle con stazione a valle presso la città di Bolzano:

  • Funivia del Colle: ristrutturata nel 2006, risale le pendici del monte Pozza fino alla località Colle di Villa (Bauernkohlern) a 1.134 m. Il percorso dura 7 minuti e supera un dislivello di 872 m. È la prima funivia per trasporto persone del mondo, inaugurata nel 1908.
  • Funivia del Renon: attiva dal 1966, raggiunge l'abitato di Soprabolzano ed è stata sostituita nel maggio del 2009 da una moderna cabinovia con portata oraria aumentata e frequenza di quattro minuti.
  • Funivia di San Genesio: realizzata negli anni trenta, collega il capoluogo con l'omonimo paese e l'altopiano del Salto (Salten).

Anche le funicolari sono ben rappresentate:

Appartengono al passato della città di Bolzano la funicolare del Virgolo – distrutta durante la seconda guerra mondiale e sostituita dal 1957 al 1976 da una funivia aerea – e quella del Guncina, dismessa negli anni sessanta.

Piste ciclabili[modifica | modifica wikitesto]

Un tratto di ciclabile in Alto Adige
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Piste ciclabili dell'Alto Adige.

L'intera provincia è percorsa da una fitta rete di piste ciclabili – cittadine ed extraurbane – in continuo ampliamento con prosecuzioni oltre i confini di Brennero, San Candido/Prato alla Drava e Salorno a sud. Negli ultimi anni in Alto Adige, è stato dato il via per una rete di piste ciclabili che colleghino tutte le principali vallate tra di loro e con le regioni confinanti.

Mezzi di informazione[modifica | modifica wikitesto]

Stampa[modifica | modifica wikitesto]

Fra i quotidiani, il più antico e diffuso è il giornale di lingua tedesca Dolomiten, seguito dall'italiano Alto Adige, del gruppo editoriale L'Espresso-Repubblica. Vi è poi l'inserto locale del Corriere della Sera, il Corriere dell'Alto Adige; in lingua tedesca troviamo anche la Neue Südtiroler Tageszeitung.

Tra i settimanali di lingua tedesca troviamo il ff – Südtiroler Wochenmagazin, il Katholisches Sonntagsblatt (a cura della diocesi di Bolzano-Bressanone), la Südtiroler Wirtschaftszeitung (settimanale di economia); in lingua italiana si trova Il Segno (anche questo a cura della diocesi di Bolzano-Bressanone).

La Union Generela di Ladins è editrice di un settimanale in lingua ladina, la Usc di Ladins (La Voce dei Ladini). Le pagine dedicate alle varie valli sono scritte ciascuna nei rispettivi ladini (non esiste infatti un ladino standard).

Radiotelevisione[modifica | modifica wikitesto]

La sede RAI di Bolzano

La sede Rai di Bolzano trasmette programmi radiotelevisivi in tutte e tre le lingue della provincia, mediante il canale televisivo RAI Sender Bozen, che affianca Rai 1, Rai 2 e Rai 3.

La televisione di stato austriaca ORF ha una sede distaccata a Bolzano.

La RAS (Radiotelevisione Azienda Speciale per la Provincia autonoma di Bolzano) garantisce la ricezione gratuita sul territorio provinciale delle reti radiotelevisive degli stati limitrofi: le austriache ORF1, ORF2 e ORF III, i canali germanici Bayerisches Fernsehen, Das Erste, KI.KA e ZDF, il canale franco-tedesco Arte, i canali svizzeri di lingua tedesca SF 1 e SF zwei e il canale svizzero in lingua italiana RSI LA1. Per quanto riguarda la radio in formato digitale (DAB) si ricevono: Rai Radio Uno, Rai Radio Due, Rai Radio Tre, Rai Sender Bozen; gli austriaci Ö1, Radio Tirol, Hitradio Ö3, FM4; i germanici Bayern 1, Bayern 2, Bayern 3, Bayern 4 Klassik, B5 aktuell, Radijojo; gli svizzeri Radio Rumantsch e Radio Swiss Jazz. A ciò si aggiungono le stazioni radio private (tra cui Südtirol 1).

Ci sono anche canali televisivi locali privati, di cui in lingua italiana RTTR, Video 33 e Alto Adige TV, in lingua tedesca SDF.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

L'Hockey Club Bolzano

Date le caratteristiche geografiche, in provincia di Bolzano prevalgono gli sport invernali. Tra gli sportivi di maggiore successo si ricordano il pluricampione di sci Gustav Thöni, l'alpinista Reinhold Messner, lo slittinista Armin Zöggeler e la pattinatrice Carolina Kostner.

In provincia hanno un buon seguito anche numerosi sport di squadra: esistono squadre di hockey su ghiaccio (per citare solo le squadre che si sono aggiudicate almeno una volta il campionato italiano: Hockey Club Bolzano, che dalla stagione 2013/14 gioca tuttavia nel campionato austriaco, che ha vinto già nella stagione di debutto, Hockey Club Gherdëina, Hockey Club Merano, Ritten Sport a livello maschile, Hockey Club Eagles Bolzano a livello femminile), di pallacanestro (Basket Club Bolzano), di football americano (Giants Bolzano), di calcio (Fussball Club Südtirol-Alto Adige, unica squadra nel calcio professionistico, e Football Club Bolzano 1996, già AC Bolzano, con un passato in serie B), di pallamano (hanno vinto degli scudetti: SSV Brixen Handball, SC Meran Handball, SSV Bozen Loacker).

A livello storico invece è ben radicato in tutta l'area del Tirolo il Ranggeln, un tipo di lotta, simile allo Judo.

Vigili del fuoco volontari[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Unione provinciale dei corpi dei vigili del fuoco volontari dell'Alto Adige.

In ogni comune della provincia autonoma di Bolzano sono presenti corpi di vigili del fuoco volontari. A seguito della legge regionale del 20 agosto 1954 n.24 ogni comune del Trentino-Alto Adige deve dotarsi di uno o più corpi di vigili del fuoco volontari. Secondo la legge provinciale del 18 dicembre 2002 n. 15 spettano loro in particolare la protezione antincendi e in generale tutte le misure di soccorso necessarie in occasione di calamità di ogni tipo.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia al merito di I classe della Protezione Civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia al merito di I classe della Protezione Civile
«Per la partecipazione all'evento sismico del 6 aprile 2009 in Abruzzo, in ragione dello straordinario contributo reso con l'impiego di risorse umane e strumentali per il superamento dell'emergenza.»
— D.P.C.M. 11 ottobre 2010

Persone legate all'Alto Adige[modifica | modifica wikitesto]

Questo è un elenco di alcune personalità che per nascita o per la loro storia personale hanno instaurato un solido legame con l'Alto Adige. L'elenco comprende personaggi attivi nei più diversi settori: arte, cultura e scienza, sport, politica, religione.

Artisti

Combattenti

  • Druso Maggiore, ovvero Nerone Claudio Druso Germanico, generale romano che conquistò la Rezia
  • Georg von Frundsberg, comandante in capo dei Lanzichenecchi attivo in Alto Adige nel 1524, 1525 e 1526
  • Andreas Hofer, condottiero nelle guerre ottocentesche contro le truppe francesi e bavaresi
  • Manlio Longon, capo partigiano antifascista, impiccato a Bolzano dalla Gestapo
  • Josef Mayr-Nusser, che pagò con la vita il rifiuto di giurare per le SS
  • Franz Thaler, eroe della resistenza al Nazismo

Politici

Santi, religiosi e persone legate alla Chiesa

Sportivi

Uomini di cultura

Altri

Portali internet[modifica | modifica wikitesto]

Il "portale cultura in Alto Adige" è il calendario online della vita culturale altoatesina. Una piattaforma aperta e gratuita sulla quale vengono pubblicati gli appuntamenti culturali promossi dai membri della community. Dal teatro al party, dalla letteratura al folclore, sulla pagina iniziale sono visibili gli appuntamenti del giorno nel raggio di tutta la provincia.[52]

La Business Location Südtirol - Alto Adige (BLS)[53] è l'agenzia in-house della Provincia di Bolzano per il marketing territoriale e l'insediamento di imprese. Si occupa di sviluppo del territorio dal punto di vista economico e fornisce consulenza alle imprese altoatesine e a quelle che si vogliono insediare sul territorio. In relazione alle aree produttive BLS offre anche supporto ai Comuni, soprattutto nell’ambito dello sviluppo strategico della location. BLS ha anche l’obiettivo di promuovere e sviluppare l’Alto Adige quale location cinematografica. Per farlo assiste e supporta le case di produzioni nel loro lavoro sul territorio e amministra il Fondo altoatesino alle produzioni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat al 28 febbraio 2015
  2. ^ Tit. V., art. 116, cfr. Il Nuovo Statuto di Autonomia, Bolzano, Provincia Autonoma di Bolzano, 2009, pag. 45.
  3. ^ Cfr. per es. Aldo Gorfer, Flavio Faganello, Gli eredi della solitudine - viaggio nei masi di montagna del Tirolo del sud (Nordest, NS 4), Caselle di Sommacampagna, Cierre Ed., 2003, ISBN 88-8314-205-5; Fabrizio Bartaletti, Geografia, toponomastica e identità culturale: il caso del Sudtirolo. In: "Miscellanea di storia delle esplorazioni XXVII", Genova, 2002, pp. 271-315; Edoardo Mori, Il maso chiuso del Sudtirolo: la sua storia e la normativa vigente, Bolzano, Provincia autonoma, 2009; Paolo Ribichini, Da Sudtirolo ad Alto Adige: arrivano gli italiani, Edizioni Associate, 2008, ISBN 978-88-267-0483-8
  4. ^ Cfr., ad esempio, Simone Ciccolone, Lo standard tedesco in Alto Adige: l'orientamento alla norma dei tedescofoni sudtirolesi, Milano, LED, 2010. ISBN 978-88-7916-463-4; John Cole, The Last Become First: The Rise of Ultimogeniture in Contemporary South Tyrol, in Hannes Grandits e Patrick Heady, Distinct Inheritances: Property, Family and Community in a Changing Europe, Münster, Lit Verlag, 2003, p. 263, ISBN 3-8258-6961-X: the South Tyrol is Südtirol in German and is officially known as Alto Adige in Italian, although Sudtirolo is becoming more common in vernacular Italian and even in print.
  5. ^ Lettera del ministro Sandro Bondi al presidente della provincia Luis Durnwalder (PDF)
  6. ^ Cfr. ad es. Theodor Trautwein, Wegweiser durch Süd-Baiern, Nord- und Mittel-Tirol und die angrenzenden Theile von Salzburg. Mit den Städten München, Augsburg, Salzburg, Innsbruck, Bozen und Meran, Monaco di Baviera, Lindauer, 1868.
  7. ^ Cfr. per es. Karl Höffinger, Gries-Bozen in Deutsch-Südtirol, als klimatischer, Terrain-Kurort und Touristenstation - Vademecum für Einheimische, Reisende und Touristen in Gries-Bozen und im Etsch- und Eisack-Gebiete, Innsbruck, Wagner, 1887.
  8. ^ The Geographical Journal - volume 13 - pagina 87, 1899: This volume discusses the regional geography of the part of South Tyrol in the neighbourhood of Trient, with an orographical map of the surrounding district, and numerous photographs of mountain scenery. = Questo volume discute la geografia regionale della parte del Tirolo meridionale nei dintorni di Trento, con una mappa orografica del distretto circostante, e numerose foto di scenari di montagna.
  9. ^ Etudes religieuses, historiques et littéraires - pagina 600, 1868 Dans le Sud-Tyrol, Hofer [...] s'emparait de Trente, puis de Roveredo = Nel Tirolo meridionale, Hofer prendeva possesso di Trento, poi di Rovereto.
  10. ^ Centro italiano di linguistica applicata, Rassegna italiana di linguistica applicata, vol. 19, 1987, pag. 166
  11. ^ Toponomastica bilingue, illegali tre cartelli su quattro, Alto Adige, 18 gennaio 2010
  12. ^ Bolzano, riparte la campagna anti-italiani Corriere della Sera, 7 maggio 2009: "E anche nelle valli, in paesi come Montagna e Termeno, i voti del Südtiroler Volkspartei, il parti­to di maggioranza, vengono usati per cancellare la denominazione Alto Adige da docu­menti, timbri e cartelli comuna­­li, accontentando la Klotz e le al­tre formazioni di estrema destra."
  13. ^ Anche Termeno mette al bando l'Alto Adige, Video Bolzano 33, 5 maggio 2009
  14. ^ Situazione dei laghi altoatesini in http://www.provincia.bz.it/agenzia-ambiente/acqua/situazione-laghi.asp
  15. ^ Reimo Lunz, Steinzeit-Funde von der Seiser Alm (Archäologisch-historische Forschungen in Tirol, 3), Calliano, Manfrini, 1982.
  16. ^ Cfr. a proposito Walter Leitner, Eppan - St. Pauls, eine Siedlung der späten Bronzezeit: ein Beitrag zur inneralpinen Laugen/Melaun-Kultur, 2 voll., Innsbruck, Università di Innsbruck, 1987.
  17. ^ Affermazioni degli studiosi romani Plinio nella Naturalis Historia, III, 133 e Tito Livio in Storie, V, 33, 11.
  18. ^ Günter Holtus, Michael Metzeltin, Christian Schmitt (a cura di), Lexikon der Romanistischen Linguistik, vol. III: Die einzelnen romanischen Sprachen und Sprachgebiete von der Renaissance bis zur Gegenwart. Rumänisch, Dalmatisch / Istroromanisch, Friaulisch, Ladinisch, Bündnerromanisch, Niemeyer, Tübingen, 1989.
  19. ^ Alto Adige libero articolo sul "L'Adige".
  20. ^ Fondamentale è il censimento storico-artistico di Josef Weingartner, Die Kunstdenkmäler Südtirols, 2 voll., Bolzano-Innsbruck, Athesia-Tyrolia, 1989-90.
  21. ^ Cfr. al riguardo l'esaustiva monografia di Leo Andergassen, Kunstraum Südtirol - bildende Kunst im Spiegel europäischer Epochen, Bolzano, Athesia, 2007. ISBN 978-88-8266-231-8
  22. ^ Cfr. l'opera monumentale di Oswald Trapp (a cura di), Tiroler Burgenbuch, 9 voll., Bolzano-Innsbruck-Vienna, Athesia-Tyrolia, 1978-2010.
  23. ^ Cfr. il manuale di Hannes Obermair, Klaus Brandstätter, Emanuele Curzel (eds.), Dom- und Kollegiatstifte in der Region Tirol - Südtirol - Trentino in Mittelalter und Neuzeit / Collegialità ecclesiastica nella regione trentino-tirolese dal medioevo all'età moderna (Schlern-Schriften, 329), Innsbruck, Wagner, 2006. ISBN 3-7030-0403-7
  24. ^ Ma quanti pregiudizi sugli stranieri - Cronaca - Alto Adige
  25. ^ ASTAT, Annuario statistico 2010, popolazione e aspetti sociali, pag. 11
  26. ^ Provincia autonoma di Bolzano - Alto Adige - Istituto provinciale di statistica (ASTAT)
  27. ^ [Il gruppo 'w-l (o anche g-l) è ricorrente tra germani e slavi in parole che indicano i latini o le popolazioni in generale a occidente (confronta i termini: Walloon (vallone), Weltsch (guelfo), Wales (Galles), Gaulois (gallo), Galata, Valacco, ochy ('Italia' in polacco)]
  28. ^ Il «Walsch-Heft», Alto Adige, 20 marzo 2011
  29. ^ Sopra Naturno si arriva all'insulto, Alto Adige, 21 aprile 2011
  30. ^ "walsch in dialetto altoatesino: qualcosa di simile, ma più calcato, al nostro terrone", Alberto Asor Rosa, Letteratura italiana: storia e geografia. L'età contemporanea, Einaudi 1989, pagg. 864 ss.
  31. ^ Alessandro Costazza, Südtirol, in Atlante della letteratura tedesca. A cura di Francesco Fiorentino e Giovanni Sampaolo, Macerata 2009, pag. 266.
  32. ^ Ad esempio: Notiziario del comune di Bronzolo, 1/2007, pag. 13 e 14
  33. ^ Antony E. Alcock, The History of the South Tyrol Question, London, 1970, p. 77ss.
  34. ^ Annuario ASTAT 2011. URL consultato il 16-01-2013.
  35. ^ a b c P. Ribichini, Da Sudtirolo ad Alto Adige: arrivano gli italiani, Ed. Associate, 2008, p. 116
  36. ^ Dal sito Comuni-italiani.it. URL consultato il 16-01-2013.
  37. ^ M. T. Finetto, S. Fratemali, C. Zucal, Identità, persone, ambiente. Percorsi didattici per il biennio, FrancoAngeli, 2008, p. 275
  38. ^ In Alto Adige superato il mezzo milione di abitanti - Der Erker.it. URL consultato il 16-01-2013.
  39. ^ Dati ISTAT al 31/07/2011 Statistiche demografiche ISTAT
  40. ^ Conclusa la trattativa finanziaria con il Governo: patto di garanzia
  41. ^ Dati Regionali 2012 shock: Residuo Fiscale (saldo attivo per 95 miliardi al Nord)
  42. ^ Rapporto Alto Adige 5 dic. 2012 del Sole24ore: Da margine protetto a cerniera con l'Europa
  43. ^ ISTAT: Pil pro capite in termini reali in calo in tutte le regioni nel 2012 http://noi-italia.istat.it/fileadmin/user_upload/allegati/S15I01T12s0_2013_01.xls
  44. ^ ASTAT, Occupazione - 3º trimestre 2014: http://www.provinz.bz.it/astat/it/554.asp?News_action=4&News_article_id=478169
  45. ^ Associazione degli albergatori e pubblici esercenti
  46. ^ Associazione degli artigiani
  47. ^ Associazione degli industriali
  48. ^ Personale provinciale: assessore Deeg specifica i dati, Ufficio stampa della Provincia di Bolzano. Comunicato n° 4111 del 29.08.2014 10:16: http://www.regioni.it/dalleregioni/2014/08/29/personale-provinciale-assessore-deeg-specifica-i-dati-362058/
  49. ^ PuntoInformatico.it - Bolzano: l'open-source irrompe a scuola
  50. ^ Euregio, Tirolo Alto Adige Trentino - Uno sguardo storico. Trento 2013, ISBN 978-88-907860-2-0
  51. ^ Lilli Gruber telegiornalista
  52. ^ Oggi | Cultura in Alto Adige | Cinema, concerti, mostre, danza e teatro | Bolzano e provincia
  53. ^ Business Location Südtirol - Alto Adige (BLS)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Antony E. Alcock, The History of the South Tyrol Question, London: Michael Joseph, 1970. 535 pp.
  • (DE) Gottfried Solderer (a cura di), Das 20. Jahrhundert in Südtirol, 6 volumi, Bolzano: Edition Raetia, 1999-2004
  • (DE) Hans Karl Peterlini, 100 Jahre Südtirol. Geschichte eines jungen Landes, Innsbruck: Haymon Verlag, 2012. ISBN 978-3-7099-7031-7
  • Carlo Romeo et al., Passaggi e prospettive. Lineamenti di storia locale, vol. 1: L'area tirolese dalla preistoria al tardo Medioevo, Bolzano: Athesia, 2010. ISBN 978-88-8266-741-2
  • Carlo Romeo et al., Passaggi e prospettive. Lineamenti di storia locale, vol. 2: Il Tirolo nell'età moderna, Bolzano: Athesia, 2011. ISBN 978-88-8266-742-9
  • (EN) Rolf Steininger, South Tyrol: A Minority Conflict of the Twentieth Century, New Brunswick, New Jersey: Transaction Publishers, 2003. ISBN 978-0-7658-0800-4
  • Rolf Steininger, La questione sudtirolese, in La regione Trentino-Alto Adige/Südtirol nel XX secolo, a cura della Regione Trentino-Alto Adige, Trento: Temi, 2007, pp. 159–201.
  • Benedetto Masi, Introduzione poco riverente nel mondo dei sudtirolesi, Lavis: ARCA, 2012. ISBN 978-88-88203-45-4
  • Mauro Marcantoni, Giorgio Postal, Südtirol. Storia di una guerra rimossa (1956-1967), Donzelli: Roma, 2014. ISBN 978-88-6843-042-9
  • Sebastiano Vassalli, Il confine. I cento anni del Sudtirolo in Italia, Milano: Rizzoli, 2015

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN236367981 · GND: (DE4078047-8