Tesimo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tesimo
comune
Tesimo/Tisens
Tesimo – Stemma
Tesimo – Veduta
Il Versoaln
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Stemma Südtirol.svg Bolzano
Amministrazione
Sindaco Christoph Matscher (SVP) dal 4-5-2014
Territorio
Coordinate 46°34′N 11°10′E / 46.566667°N 11.166667°E46.566667; 11.166667 (Tesimo)Coordinate: 46°34′N 11°10′E / 46.566667°N 11.166667°E46.566667; 11.166667 (Tesimo)
Altitudine 635 m s.l.m.
Superficie 38,13 km²
Abitanti 1 902[2] (31-12-2015)
Densità 49,88 ab./km²
Frazioni Caprile/Gfrill, Grissiano/Grissian, Narano/Naraun, Plazzoles/Platzers, Prissiano/Prissian, Schernag, Freienberg
Comuni confinanti Gargazzone, Lana, Nalles, San Pancrazio, Senale-San Felice
Altre informazioni
Cod. postale 39010
Prefisso 0473
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 021099
Cod. catastale L149
Targa BZ
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona F, 3 375 GG[3]
Nome abitanti tesimesi/Tisenser[1]
Patrono Maria Assunta
Giorno festivo 15 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Tesimo
Tesimo
Tesimo – Mappa
Il territorio comunale
Sito istituzionale

Tesimo (Tisens in tedesco) è un comune italiano di 1 902 abitanti della provincia autonoma di Bolzano in Trentino-Alto Adige.

Nella frazione di Prissiano, si trova la Versoaln, ovvero la vite più vecchia della Terra e la più grande d'Europa.[4]

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo è attestato come Tesana già nel VI secolo, come Tisinum nel 1153, come Tisenum nel 1194, come Tisens nel 1297 e come Tysens nel 1337 e probabilmente ha un'origine preromana.[5][6][7]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sacrificio di Isacco, chiesa di San Giacomo (inizio XIII secolo)

Tesimo è terra di castelli, infatti sono presenti diversi manieri medievali, tutti ottimamente conservati: tra di essi spiccano il Castel Zwingenberg sopra l'abitato, il Castel Sant'Erasmo (ted.: Wehrburg), il Castel del Gatto (ted.: Katzenzungen), il Castel Fahlburg, a Prissiano, ed infine le rovine di Castel Pfeffersberg (o Unterkasatsch), a valle dell'abitato.

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma è inquartato d'argento e di rosso; nel primo e quarto quadrante è raffigurata una rosa rossa a cinque foglie, nel secondo e terzo è rappresentato un orso bruno ritto. Lo stemma riprende le insegne della famiglia Frank che amministrò il villaggio dal 1551 al 1743. Lo stemma è stato adottato nel 1966.[8]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Notevole è la chiesa romanica di San Giacomo a Grissiano (St. Jakob in Grissian), adornata di affreschi ancora del XII secolo raffiguranti scene dell'Antico Testamento.[9] Dal 2008 la chiesetta, eretta su una roccia boschiva in posizione marcante, è meta di pellegrinaggi di gruppi giovanili cattolici.[10]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Ripartizione linguistica[modifica | modifica wikitesto]

La sua popolazione è in maggioranza di madrelingua tedesca:

 % Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Astat Censimento della popolazione 2011 - Determinazione della consistenza dei tre gruppi linguistici della Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige - giugno 2012
97,71% madrelingua tedesca
1,96% madrelingua italiana
0,34% madrelingua ladina

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[11]

Persone legate a Tesimo[modifica | modifica wikitesto]

  • Michael Gamper (Prissiano di Tesimo, 7 febbraio 1885 – Bolzano, 15 aprile 1956)

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2005 2010 Thomas Anton Knoll SVP Sindaco
2010 2014 Urban Mair SVP Sindaco
2014 in carica Christoph Matscher SVP Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AA. VV., Nomi d'Italia. Origine e significato dei nomi geografici e di tutti i comuni, Novara, Istituto geografico De Agostini, 2006, p. 656.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2015.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Si chiama Versoaln, cresce in Alto Adige, ha 360 anni: è la vite più vecchia del mondo
  5. ^ AA.VV., Nomi d'Italia. Novara, Istituto Geografico De Agostini, 2004
  6. ^ Diether Schürr, Zur Namengeschichte von Tisens, in "Corona Alpium", Firenze 2005, pp. 483-507.
  7. ^ Egon Kühebacher, Die Ortsnamen Südtirols und ihre Geschichte, vol. 1, Bolzano, Athesia, 1995, pp. 471s. ISBN 88-7014-634-0
  8. ^ (EN) Heraldry of the World: Tisens
  9. ^ Mathias Frei, St. Jakob in Grissian - Gem. Tisens (SB-Farbkunstführer Südtirol, 8), Bolzano, SB-Verlag, 1973.
  10. ^ Alexander Raich (a cura di), Auf dem Weg sein - Jugendgebet in St. Jakob in Grissian Tisens, Bolzano, Athesia, 2008. ISBN 978-88-8266-511-1
  11. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Raimund Blasinger, Höfegeschichte des Hauptortes Tisens und der Fraktion Freienberg, Innsbruck, Università di Innsbruck, 1979, 493 pp. (storia dettagliata dei masi)
  • (DE) Leo Hillebrand, "Es waren schmale Jahre" - alltagsgeschichtliche Erinnerungen aus der Gemeinde Tisens, Tesimo, Comune, 2002.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN242321221 · GND: (DE4997786-6
Alto Adige Portale Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Alto Adige