Terlano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il vino DOC, vedi Terlano (vino).
Terlano
comune
(IT) Terlano
(DE) Terlan
Terlano – Stemma
Terlano – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
ProvinciaSuedtirol CoA.svg Bolzano
Amministrazione
SindacoKlaus Runer (SVP) dal 10-5-2015 (3º mandato)
Lingue ufficialiTedesco, Italiano
Territorio
Coordinate46°32′N 11°15′E / 46.533333°N 11.25°E46.533333; 11.25 (Terlano)Coordinate: 46°32′N 11°15′E / 46.533333°N 11.25°E46.533333; 11.25 (Terlano)
Altitudine250 m s.l.m.
Superficie18,57 km²
Abitanti4 365[1] (31-12-2015)
Densità235,06 ab./km²
FrazioniSettequerce (Siebeneich), Vilpiano (Vilpian)
Comuni confinantiAndriano, Appiano sulla Strada del Vino, Bolzano, Gargazzone, Meltina, Nalles, San Genesio Atesino
Altre informazioni
Cod. postale39018
Prefisso0471
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT021097
Cod. catastaleL108
TargaBZ
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona E, 2 771 GG[2]
Nome abitanti(IT) terlanesi
(DE) Terlaner
Giorno festivo5 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Terlano
Terlano
Terlano – Mappa
Posizione del comune di Terlano nella provincia autonoma di Bolzano
Sito istituzionale

Terlano (Terlan in tedesco) è un comune italiano di 4 365 abitanti della provincia autonoma di Bolzano in Trentino-Alto Adige.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Terlano vista da Castel d'Appiano (Hocheppan)
La frazione di Vilpiano

Terlano è situato nel fondovalle della valle dell'Adige, alle pendici dell'altipiano del Salto (vedasi: S.Genesio e Meltina), al quale è collegato sia con una strada provinciale che con una funivia (Vilpiano-Meltina).

Il vicino capoluogo di provincia (Bolzano) è raggiungibile sia tramite la strada statale o la superstrada ME-BO che in treno, in quanto Terlano è servita da una stazione ferroviaria dove attualmente fermano tutti i treni fra Bolzano e Merano con cadenza (nelle ore del giorno) bioraria. Precedentemente, nonostante i treni percorressero la linea ogni mezz'ora, si fermava solo un treno all'ora per i problemi legati al binario unico. Nel territorio del comune sono presenti altre due stazioni ferroviarie, quella di Vilpiano-Nalles (Vilpian-Nals) e quella di Settequerce (Siebeneich).

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo è attestato come Torilan nel 923, Toerlan nel 1264 e Terlan nel 1525 e deriva probabilmente dalla parola tedesca terl che significa portone, il quale è anche rappresentato sullo stemma di Terlano, o da un nome di persona latino Taurilus.[3][4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel Medioevo Terlano è stato un importante luogo di estrazione dell'argento.

Nel XV secolo a Terlano c'erano circa mille minatori occupati nell'estrazione della galena in più di trenta miniere della zona.

Il materiale veniva poi spedito, attraverso tutti i corsi d'acqua delle vicinanze, nel fondovalle, dove veniva lavorato nei forni di fusione che vi si trovavano.

Attraverso l'Adige, l'argento era infine trasportato verso sud.

Oggi alcuni nomi tedeschi di terreni agricoli, come Silberleiten o Silberleitenhof, ricordano ancora tale passato.

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma rappresenta una porta aperta a due ante, merlata alla guelfa d'argento su fondo rosso. Deriva dall'insegna della famiglia nobiliare von Niedertor (o Niederthor che in italiano significa "porta bassa"), originaria di Bolzano, anticamente proprietaria di importanti feudi e diritti; nel 1397 acquistò il castello locale ed amministrò il villaggio fino al 1559 contribuendo alla costruzione della parrocchiale. Lo stemma, che orna anche la chiesa, è stato adottato nel 1966.[5]

Frazioni storiche[modifica | modifica wikitesto]

Anche se ufficialmente sono indicate solo le due frazioni di Settequerce/Siebeneich e Vilpiano/Vilpian, sono da segnalare pure le frazioni storiche, tuttora esistenti, di Klaus, Kreut, Kuhn, Rubatsch e Enzenberg/Castel Enzenberg.[6]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Parrocchiale dell'Assunta

Nel centro del paese si trova la chiesa parrocchiale tardo-gotica del XIV secolo. Conserva al suo interno splendidi affreschi gotici che rappresentano il più grande ciclo pittorico dell'Alto Adige[7]. Risalgono al XIV secolo e appartengono alla cosiddetta "Scuola di Bolzano" (Bozner Schule).[8] Il campanile, alto 75 metri, risale al primo XVI secolo, ma venne smontato e ricostruito alla fine dell'Ottocento a causa di un'importante pendenza sviluppatata nel corso dei secoli.

Rocca di Maultasch

Poco distante dal centro un sentiero porta alla rocca, anche nota come castel Neuhaus, dalla quale si gode di una bellissima vista della vallata. Risale al 1206, ma, più volte distrutta, è stata ricostruita nel 1320.

Sopra Settequerce troviamo un altro castello, quello di Greifenstein.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Ripartizione linguistica[modifica | modifica wikitesto]

La sua popolazione è in maggioranza di madrelingua tedesca:

% Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Astat Censimento della popolazione 2011 - Determinazione della consistenza dei tre gruppi linguistici della Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige - giugno 2012
83,61% madrelingua tedesca
16,07% madrelingua italiana
0,32% madrelingua ladina

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[9]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Terlano è nota per la produzione di asparagi, ai quali è dedicata una sagra in primavera, e per le produzioni di vini bianchi, su tutti il Terlaner.

L'attività agricola prevalente riguarda la produzione di mele, per la trasformazione delle quali vi sono due cooperative (una a Terlano e una a Settequerce).

A Terlano ci sono molte infrastrutture di tipo commerciale. Per esempio in centro c'è una filiale del supermercato Conad ed un discount Eurospin. Inoltre, ci sono due banche: la cassa Raiffeisen con un bancomat "Drive-In" e la Cassa di Risparmio di Bolzano.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
nel 1954 Diego Eyrl - Sindaco
2005 in carica Klaus Runer SVP Sindaco

Sport e tempo libero[modifica | modifica wikitesto]

Come impianti sportivi ha un campo di calcio, due campi da tennis, un poligono di tiro sportivo, una palestra attrezzata con sauna annessa, un percorso ad alta fune e una piscina all'aperto.

Motociclismo[modifica | modifica wikitesto]

Da Terlano parte una strada che viene spesso percorsa in moto. È la strada per Meltina (Mölten), che collega il fondovalle con la montagna seguendo interessanti percorsi.

Terlano è raggiungibile anche dalla ciclabile che parte da Bolzano e continua per i paesi contigui.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2015.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA.VV., Nomi d'Italia. Novara, Istituto Geografico De Agostini, 2004.
  4. ^ Egon Kühebacher, Die Ortsnamen Südtirols und ihre Geschichte, vol. 1, Bozano: Athesia 1995, ISBN 88-7014-634-0, p. 467.
  5. ^ (EN) Heraldry of the World: Terlan
  6. ^ V. Elenco statistico delle località abitate della provincia di Bolzano, Bolzano, ASTAT, 1989, p. 50.
  7. ^ Sito ufficiale del Turismo di Terlano
  8. ^ Hans Schmölzer, Die Wandmalereien in St. Johann im Dorfe, St. Martin in Campill und Terlan. Eine kunstgeschichtliche Studie, Innsbruck, Wagner, 1888.
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Karl Atz, Chronik von Terlan. Eine Studie, Bolzano: Auer, 1901 (rist. 1984).
  • (DE) Leo Andergassen, Kirchliche Kunst in Terlan, Siebeneich, Klaus, Terlan, Kreut, Vilpian, Bolzano: Raiffeisen, 1996.
  • (DEITEN) Udo Bernhart, Terlan: Wein – vini – wine, Bolzano, Athesia, 2007. ISBN 978-88-8266-448-0
  • (DE) Klara Mitterer, Von Atz bis Weiser: Straßen, Plätze, Wege, Terlano: Bildungsausschuss Terlan, 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN134946272 · GND (DE4059490-7 · BNF (FRcb135082645 (data)
Alto Adige Portale Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Alto Adige