San Leonardo in Passiria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Leonardo in Passiria
comune
(IT) San Leonardo in Passiria
(DE) St. Leonhard in Passeier
San Leonardo in Passiria – Stemma
San Leonardo in Passiria – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
ProvinciaSuedtirol CoA.svg Bolzano
Amministrazione
SindacoKonrad Pfitscher (SVP) dal 17-11-2014
Lingue ufficialiTedesco, Italiano
Territorio
Coordinate46°48′46.15″N 11°14′44.77″E / 46.81282°N 11.24577°E46.81282; 11.24577 (San Leonardo in Passiria)Coordinate: 46°48′46.15″N 11°14′44.77″E / 46.81282°N 11.24577°E46.81282; 11.24577 (San Leonardo in Passiria)
Altitudine689 m s.l.m.
Superficie89,03 km²
Abitanti3 564[1] (31-7-2018)
Densità40,03 ab./km²
FrazioniSant'Orsola (Schweinsteg), Valtina (Walten)
Comuni confinantiMoso in Passiria, Racines, Rifiano, San Martino in Passiria, Sarentino, Scena
Altre informazioni
Cod. postale39015
Prefisso0473
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT021080
Cod. catastaleH952
TargaBZ
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona F, 3 453 GG[2]
Nome abitanti(IT) sanleonardesi
(DE) St. Leonharder
Patronosan Leonardo di Noblac
Giorno festivo6 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Leonardo in Passiria
San Leonardo in Passiria
San Leonardo in Passiria – Mappa
Posizione del comune di San Leonardo in Passiria nella provincia autonoma di Bolzano
Sito istituzionale

San Leonardo in Passiria (St. Leonhard in Passeier in tedesco) è un comune italiano di 3 564 abitanti della provincia autonoma di Bolzano in Trentino-Alto Adige, situato in Val Passiria, della quale è il centro abitato più popolato. È inoltre un comune mercato.

È il luogo di nascita del patriota tirolese Andreas Hofer.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il villaggio si è formato attorno alla chiesa parrocchiale, la cui esistenza è attestata dal 1116 (proprietà dell'Ordine Teutonico)[3], lungo l'antica via che collega Merano con Vipiteno attraverso il passo Giovo.

Da San Leonardo parte la ciclabile della Val Passiria che conduce i ciclisti a Merano; da lì è possibile proseguire fino a Bolzano o alternativamente fino al passo di Resia lungo la ciclabile della Val Venosta.[4]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma comunale rappresenta una pila d'oro su sfondo nero. Esso è l'emblema della famiglia Passeier, che tra il XIII e il XIV secolo risiedettero nella fortezza di Castel Giovo, sita su una collina al di sopra del centro abitato. Lo stemma è stato adottato nel 1969.[5]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La torre del Castel Giovo
  • Chiesa parrocchiale di San Leonardo, con torre campanaria romanica, fonte battesimale e pitture murali gotiche, altare maggiore neogotico;
  • Casa natale di Andreas Hofer (Sandwirt), con annesse due chiesette commemorative e museo (ristrutturato nel 2009);
  • Cappella della Santa Croce, sotto il Castel Giovo (Jaufenburg), con affreschi gotici;
  • Chiesetta di San Ippolito (nella frazione Glaiten), con affreschi gotici del 1380;
  • Chiesetta a Mora (Mörre);
  • Maso dello Scudo (Schildhof) nella frazione Gomion, e chiesetta Maria di Lourdes.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Ripartizione linguistica[modifica | modifica wikitesto]

La popolazione è pressoché totalmente di madrelingua tedesca:

% Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Astat Censimento della popolazione 2011 - Determinazione della consistenza dei tre gruppi linguistici della Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige - giugno 2012
98,83% madrelingua tedesca
1,05% madrelingua italiana
0,12% madrelingua ladina

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
nel 1980 Matthias Raffl Sindaco
1990 2010 Konrad Pfitscher SVP Sindaco
2010 2014 Oswald Lorenz Tschöll SVP Sindaco Deceduto in carica[7]
2014 Konrad Pfitscher SVP Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 luglio 2018.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Monika Mader, Die Pfarre des Deutschen Ordens in St. Leonhard in Passeier von 1219 bis zur Gegenwart, Innsbruck, Università, 1986.
  4. ^ Ciclabile Val Passiria: da Merano a San Leonardo in bici, su lifeintravel.it
  5. ^ (EN) Heraldry of the World: St. Leonhard i. Passeier
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ Disperso da ieri, trovato morto il sindaco Tscholl, Alto Adige - 11 ago 2014. Consultato il 12 ago 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Werner Graf, Häuser- und Höfegeschichte von St. Leonhard in Passeier 1775-1913, S. Leonardo, Comune di S. Leonardo, 1993. 344 pp.
  • (DE) Karl Gruber, Die Kirchen von St. Leonhard in Passeier, Lana, Tappeiner, 1993. ISBN 88-7073-162-6

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN152600536 · LCCN (ENn94105407 · GND (DE4393552-7
Alto Adige Portale Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Alto Adige